ALERT: tensioni in arrivo su più fronti (Weekly Rewind)

Scritto il alle 09:56 da Danilo DT

Weekly Rewind best of

Eterno braccio di ferro tra Weidmann e Draghi. Ma i dati economici non sorridono alla Germania. Intanto in Ucraina torna alta la tensione. Ma non solo: Israele, Iraq e poi…

Nel giorno dopo il meeting Bce, le borse non hanno certo brillato, in particolare quelle europee. Il motivo fondamentale è legato alla frenata della locomotiva tedesca.
L’effetto Draghi (che in verità ieri è durato solo pochi minuti) sembra già essere scemato e le garanzie di Super Mario sulle coesioni interne e sulla volontà di gonfiare il bilancio della BCE per poter far crescere l’economia (oggi si sono già lette critiche accese su questa intenzione, indovinate la matrice)

“L’espansione del bilancio della Bce è una «ipotesi» e non un «obiettivo»” (J. Weidmann)

La cosa non mi sorprende per nulla e fa quasi parte delle regole del gioco, un tira e molla che ovviamente ha un sapore politico soprattutto agli occhi dell’elettorato tedesco. Anche perché alla fine della fiera i dati di ieri ci fanno vedere una Germania MENO forte delle attese. Il dato sulla produzione industriale relativa a settembre della Germania è peggiore delle attese: Berlino cresce dell’1,4%, ma si aspettava un rimbalzo del 2% congiunturale dopo il -4% di agosto.
L’elemento più credibile e concreto per un cambiamento del “mood” tedesco è proprio questo: un raffreddamento economico che quindi rende difendibile anche una politica monetaria potenzialmente più espansiva, ma (speriamo) una politica di bilancio più permissiva. Occorre investire, occorre dare più spazio col deficit spending. Occorre superare certe barriere austere che stanno distruggendo il tessuto economico sano che sta lottando contro la crisi. E occorre farlo prima che sia troppo tardi.

Intanto però in Ucraina torna alta la tensione.

L’esercito ucraino ha accusato oggi la Russia di aver inviato un colonna di 32 carri armati e camion di soldati e munizioni nell’est del Paese per sostenere i separatisti filo russi che combattono contro le forze ucraine.
L’incursione, se confermata, rappresenta una significativa escalation di un conflitto che ucciso oltre 4.000 persone da aprile e solleva nuovamente il tema dell’impegno della Russia a rispettare la tregua in vigore da due mesi e che è apparsa particolarmente fragile questa settimana, con entrambe le parti che si sono accusate a vicenda di violazioni, dopo le elezioni dei separatisti giudicate illegali dall’Occidente. (RTRS) 

E poi l’Irak: aumenta la pressione contro ISIS. Nuova guerra in arrivo in Medio Oriente anche via terra?

NEW YORK. Aumenta sensibilmente il coinvolgimento militare degli Stati Uniti in Iraq: nell’ambito dell’offensiva contro i jihadisti dell’Isis, il presidente Barack Obama ha autorizzato l’invio di un nuovo contingente di soldati americani, fino ad ulteriori 1.500, di fatto quasi un raddoppio rispetto ai 1.600 già inviati nelle settimane passate, a partire dalla scorsa estate. Tuttavia, ha ribadito ancora la Casa Bianca, niente “boots on the ground”, i soldati americani in Iraq non avranno incarichi o missioni di combattimento. (Source)

E in questo calderone non ho parlato di Italia (ultimamente ne sono abbastanza schifato). MORALE: Non facciamola troppo facile. Sia in ambito di politica monetaria che di tensioni geopolitiche potremmo ritrovarci con un novembre molto combattuto.

******************************************
SPECIAL GUEST

Eccovi finalmente una descrizione sommaria del progetto di “InvestimentoMigliore”. Buttateci un occhio, ne vale la pena!

INVESTIMENTOMIGLIORE: COMING SOON!

Chiudiamo con la carrellata dei post PIU’ LETTI della settimana, e che quindi hanno riscontrato il maggior numero di visite. Se lo ritenete valido, condivideteli con i vostri contatti. Contribuirete alla crescita del blog.

Grazie a tutti!

 

YESTERDAY

LAVORO: Il miracolo della disoccupazione USA

L’economia USA corre e la disoccupazione scende sempre di più. Sono stati creati ad ottobre 214.000 posti di lavoro, e il tasso disoccupazione è sceso al 5,8%, ai minimi dal 2008. I numeri sono quasi da MIRACOLO. Ogni mese si …

 

Leva Finanziaria: per le banche europee è sempre un successo!

Gli stress test e gli AQR appena conclusi hanno decretato l’elenco delle banche europee promosse e bocciate. Ma come è stata considerata l’esposizione alla leva finanziaria? Ed i derivati? Mappa delle principali banche divise per leva finanziaria, capitalizzazione, performance. Sono …

 

Dollaro USA senza freni. Dominano gli short sull’Euro

Dopo il Meeting BCE di ieri, dove Draghi è stato nelle parole abbastanza accomodante, abbiamo registrato una seduto borsistica abbastanza opaca con chiusura del FTSEMIB in negativo, ma nell stesso tempo ci siamo ritrovati con un Dollaro USA più forte …

 

 

NOV 06

Meeting BCE: la Droga di Draghi

Avanti con gli acquisti di covered bond e ABS. Confermato il target di aumento del bilancio BCE di almeno 1.100 miliardi di Euro. E su questo punto abbiamo l’unanimità del Consiglio. Ma no al quantitative easing. Un Mario Draghi che …

 

FOCUS: BCE day e banche centrali sempre nel mirino

Oggi riunione del Consiglio Direttivo della BCE. Draghi continuerà a comprare sopratutto TEMPO. Ma non solo, in particolar modo se i dati congiunturali dovessero ancora peggiorare. C’è un passaggio di testimoni in corso? L’emotività sta diventando sempre più protagonista dei …

 

Quotazione petrolio al ribasso aumenta rischio di deflazione

Oltre alla Russia, ci sono altri paesi finanziariamente deboli che sono a rischio default a causa del crollo del petrolio. In primis Venezuela ed Ecuador. E l’inflazione (non CORE) continua a scendere mettendo in difficoltà i policy maker di tutto …

 

 

NOV 05

PETROLIO: ormai è GUERRA TOTALE dei prezzi, rischi per paesi produttori

Le strategie sui prezzi dell’Arabia Saudita (Aramco) fanno crollare le quotazioni del WTI e anche del Brent con conseguenze sulle finanze anche di quei paesi (come la Russia) che basano le loro finanze e la loro stabilità finanziaria proprio sull’oro …

 

Rendimenti reali negativi: la bolla sul mercato obbligazionario è evidente

Il tasso reale illustra la follia ormai raggiunta su certi mercati. Come si può non definirla una bolla speculativa causata dalla liquidità delle Banche Centrali? E la BCE vorrebbe fare il QE.. Ma per favore… Grafico inflazione Eurozona. In questo …

 

 

NOV 04

Conti correnti a tasso zero. Anzi no, negativo.

ZIRP per tutti! In questi giorni molte banche si stanno adoperando per portare praticamente a ZERO i tassi attivi sui conti correnti dei clienti. La motivazione è abbastanza ovvia. La BCE ha portato i tassi a livelli tali che il …

 

NOV 03

La liquidità non manca. Ma il denaro non circola.

Il grafico della velocità di circolazione della moneta non lascia spazio all’immaginazione. E la responsabilità non è solo della BCE. Possiamo inventarci qualsiasi alchimia di politica monetaria, ma la moneta e la liquidità non circolano. Negli USA il quantitative easing …

 

Nuovo record a Wall Street. Come volevasi dimostrare.

Non importa se la FED ha chiuso i rubinetti. Il mercato continua serenamente la sua corsa al rialzo (ben inteso, lasciando da parte tematiche particolari come il nostro FTSEMIB fortemente condizionato dagli stress test e da un’economia troppo asfittica). Se … 

STAY TUNED!

Danilo DT

(Clicca qui per ulteriori dettagli)

(Se trovi interessante i contenuti di questo articolo, condividilo ai tuoi amici, clicca sulle icone sottostanti, sosterrai lo sviluppo di I&M!). E se lo sostieni con una donazione, di certo non mi offendo…

InvestimentoMigliore LOGO

La tua guida per gli investimenti. Take a look!

 

Questo post non è da considerare come un’offerta o una sollecitazione all’acquisto.
Informati presso il tuo consulente di fiducia. Se non ce l’hai o se non ti fidi più di lui,contattami via email (intermarketandmore@gmail.com).
NB: Attenzione! Leggi il disclaimer (a scanso di equivoci!)

VN:R_U [1.9.20_1166]
Rating: 10.0/10 (1 vote cast)
ALERT: tensioni in arrivo su più fronti (Weekly Rewind), 10.0 out of 10 based on 1 rating
1 commento Commenta
paolo41
Scritto il 8 novembre 2014 at 21:32

diamoci una regolata: l’occidente giudica illegali le elezioni fatte nelle aree filo-russe dell’Ucraina!!!!
Ma da quando l’occidente si erge a giudice di quanto avviene in un altro paese se non solo a scopo di propaganda dei propri interessi o meglio ancora degli interessi americani ????? Ma perché le elezioni fatte una settimana prima in Ucraina escludendo le aree filo russe vi suonano “legali”???Aver esautorato un presidente regolarmente eletto dal totale del popolo ucraino solo perché era filosovietico utilizzando bande di filonazisti pagate dai servizi USA vi sembra legale??? Ed è stato l’inizio della crisi!!!!
L’aver messo innumerevoli ostacoli e limitazioni finanziarie ed economiche ai rapporti con la Russia vi sembra giusto o forse è più logico leggere che agli USA piaceva sempre meno lo stretto interscambio e il flirt che si stava profilando fra Germania e Russia e la migrazione di aziende russe sui territori europei ????? La Merkel ( ex-DDR non più vestita con divise verdoline ma con pantaloni e mise europee) ce l’ha fatta a capire che non può avere pretese di condizionare la geopolitica extra EU cosi come sta cercando di fare con la politica europea all’interno dell’euro???? Dato che nessuno può mettere in dubbio la sua intelligenza e la sua scaltrezza, pensiamo che non sarà capace di seguire le indicazioni che le vengono “dall’alto”?? Cosi come sul lato finanziario e monetario……..

VN:F [1.9.20_1166]
Rating: 0 (from 0 votes)

Sostieni IntermarketAndMore!

ATTENZIONE Sostieni la finanza indipendente di qualità con una donazione. Abbiamo bisogno del tuo aiuto per poter continuare il progetto e ripagare le spese di gestione!

TRANSLATE THIS BLOG !

I sondaggi di I&M

EURO: quale futuro ci attende?

View Results

Loading ... Loading ...
View dei mercati

Google+