I Signori dei nostri BTP (oggi Signori, domani chissà)

Scritto il alle 09:51 da Danilo DT

Btp-Italia-istruzioni-per-l-uso_h_partb.jpg

Mentre i bond governativi continuano a macinare record, facciamo il punto e ricordiamo chi sono i maggiori possessori dei nostri titoli di stato. E che succede quando finisce il QE Europeo della BCE? [Weekly Rewind]

Sembra quasi che il tempo si sia fermato. Per carità, non nel mondo reale. Ci troviamo quotidianamente con delle novità soprattutto in ambito geopolitico che non fanno certo piacere. Non sto parlando del mondo “reale” ma del platinato e anomalo mondo della “finanza”.
Pare che il tempo si sia fermato in quanto ormai tutti aspettano con trepidazione l’operato delle banche centrali nel mese di dicembre. FED e BCE protagoniste assolute e tutti aspettano con ansia gli eventi, tanto che quasi non interessa cosa succede nel frattempo attorno a noi. Basta vedere la reazione alla strage di venerdi scorso a Parigi. La borsa ha aperto titubante lunedi scorso, per poi salire sulle parole rassicuranti dei banchieri centrali.
A volte viene quasi da chiedersi che senso ha tutto questo. Beh, senso non ne ha di certo, ma questo è il mercato.

Come senso ne ha poco, sicuramente, il valore dei titoli obbligazionari dell’Eurozona e nella fattispecie il BUND che, come ho segnalato ieri, ha raggiunto prezzi veramente “indecenti” permettetemi il termine.
Queste valutazioni “monstre” non potranno che portare benefici nel BREVE periodo a fondi obbligazionari e a tutti i possessori bonds. Quindi anche alle banche e alle compagnie assicuratrici.
Ma facciamo attenzione, il restringimento degli spreads (rileggetevi i post scritti in settimana) ha anche delle controindicazioni.
In questa sede voglio fare un ragionamento MOLTO in prospettiva, che oggi NON è assolutamente valido ma lo diventerà in futuro.
La logica è la seguente: nel momento in cui i nostri BTP non godranno più della protezione della BCE, secondo voi, chi sarà a subirne le conseguenze?
In questa slide trovate dunque i principali possessori di BTP.

italia-chi-detiene-debito-pubblicoCosa notate? Al top troviamo banche ed assicurazioni. ISP ha quasi in pancia il 5% di tutto il debito pubblico, Unicredit il 3.30%. Generali di certo non scherza e poi via via tutti gli altri.
Questa slide vuole solo essere una provocazione e, ancora una volta, dare a tutti la consapevolezza di quanto potrebbe succedere.
La morale è semplice: queste società(banche ed assicurazioni) potrebbero subire gravi scossoni da questo evento. Ma ora è presto per parlarne. Era solo per rendervi edotti su questa logica.

E’ stata una settimana molto ricca e complicata. Il sottoscritto si è fatto in quattro per potervi dare una visione indipendente e spero sempre concreta e credibile.
Se questo lavoro è di vostro gradimento e se lo ritenete valido, vi chiedo una condivisione di questo articolo e anche dei post sotto elencati sui contatti dei vostri social network (Twitter, Facebook, Linkedin, Google+ ecc).
Se poi volete anche contribuire e sostenere attivamente il progetto (visto che ormai il Natale è vicino) una donazione è senza ombra di dubbio gradita.

Ora il meglio della settimana. Buon week end.

BullS-BearS-2010

Bulls & Bears (il meglio della settimana)

    YESTERDAY

ECONOMIA REALE: la sentenza del Baltic Dry Index

Il Baltic Index (per la precisione il Baltic Dry index) è un indice che è stato più volte discusso su questo blog. Anche se per alcuni è un indice ormai poco importante, per il sottoscritto invece rappresenta ancora un ottimo …
HIGH YIELD: Europa batte USA (e non solo per i Junk Bond)

Nei giorni precedenti vi ho illustrato il quadro sul segmento dei bond High Yield. Come già sapete, il mondo delle obbligazioni High Yield, conosciute anche come “junk bond”, sono correlate con il mercato azionario. Infatti risulta abbastanza logico che, quando …
BCE: the right way? (rischio collasso per i BUND)

IL QE EUropeo dovrà per forza subire delle modiiche perchè mancano volumi su certi titoli. Curva dei tassi del Bund e analisi rendimenti

NOV 19

High Yield: continua il peggioramento del quadro ma NO panic!

Il mercato americano high yield sta peggiorando progressivamente anche a causa del settore shale oil. Ma il quadro non è ancora preoccupante nel breve termine.
 
BCE: le attese portano ad un tasso REPO a -0.10%

Le previsioni sul QE Europeo ormai danno un MArio Draghi molto proattivo. Ma anche il tasso BCE è previsto in discesa. E se il mercato scontasse già tutto?
Intermarket e Wall Street: rally in a minute!

Il mercato non ci sorprende più. Ormai abbiamo imparato a conoscerlo. Sembra quindi incomprensibile il motivo del rialzo di ieri. In effetti la pubblicazione del cosiddetto “Minute FED”, ovvero i verbali del meeting del 27 e 28 ottobre scorsi hanno …

NOV 18

 
WALL STREET: la direzione la detteranno le Banche Centrali

Dopo volatilità e repentine inversioni, siamo di nuovo tornati ad un bivio. Ma questa volta sembra chiaro. La direzione la detteranno le Banche Centrali, BCE e FED in primis. Analisi intermarket e del solito COT Report del CFTC. [Guest Post] Cari …
ABI: sofferenze bancarie a 200 miliardi. E con il 10% di NPL che cosa fareste?

Luci ed ombre per le banche italiane nell’ultimo report mensile dell’ABI.  Partiamo dalle luci che ho notato nel suddetto report. Innanzitutto parliamo delle “nuove erogazioni” del credito. Il report ABI parla di un incremento degli impeghi per una percentuale pari …

NOV 17

I mercati non temono l’ISIS. In compenso massima attenzione a FED e BCE

La reazione dei mercati finanziari ai fatti di venerdi sera ha probabilmente sorpreso la maggior parte degli operatori. Io ho provato su questo blog a tracciare, ieri, quali erano le reazioni “logiche” che ci saremmo potuti aspettare dopo la strage …

NOV 16

PIAZZA AFFARI: test fallito, ma non tutto è perduto!

Guest post: Trading Room #188. E’ stata una settimana dove è arrivata improvvisa la correzione, inibendo quindi la prosecuzione del rally. Ma alcune occasioni si stanno già presentando. Ovvio, i fatti di Parigi potrebbero influenzare i mercati. Analisi tecnica con focus …
GIAPPONE: il grande “successo” dell’Abenomics!

Il Giappone torna in recessione. E l’inflazione va nuovamente a ZERO. La Trappola della liquidità non è conosciuta dalla BoJ?

ISIS e la guerra all’Occidente. Implicazioni per i mercati finanziari

L’attacco dell’ISIS alla Francia rompe gli equilibri sui mercati finanziari. Eì lecito aspettarsi una corsa al “safe haven” (bene rifugio) con aumento volatilità generalizzato.
Riproduzione riservata

STAY TUNED!

Danilo DT

(Clicca qui per ulteriori dettagli)

(Se trovi interessante i contenuti di questo articolo, condividilo ai tuoi amici, clicca sulle icone sottostanti, sosterrai lo sviluppo di I&M!). E se lo sostieni con una donazione, di certo non mi offendo…
Questo post non è da considerare come un’offerta o una sollecitazione all’acquisto. Informati presso il tuo consulente di fiducia. Se non ce l’hai o se non ti fidi più di lui,contattami via email ([email protected]). NB: Attenzione! Leggi il disclaimer (a scanso di equivoci!)

VN:F [1.9.20_1166]
Rating: 8.5/10 (6 votes cast)
I Signori dei nostri BTP (oggi Signori, domani chissà), 8.5 out of 10 based on 6 ratings
2 commenti Commenta
gainhunter
Scritto il 21 novembre 2015 at 20:53

Domani riunione della Fed:

Advanced Notice of a Meeting under Expedited Procedures
Meeting Date: Monday, November 23, 2015
Matter(s) Considered
1. Review and determination by the Board of Governors of the advance and discount rates to be charged by the Federal Reserve Banks.
http://www.federalreserve.gov/aboutthefed/boardmeetings/20151123advexp.htm

E’ normale? O dobbiamo aspettarci un rialzo dei tassi a sorpresa?

VN:F [1.9.20_1166]
Rating: 0 (from 0 votes)

kry
Scritto il 22 novembre 2015 at 01:26

” …. nel momento in cui i nostri BTP non godranno più della protezione della BCE, secondo voi, chi sarà a subirne le conseguenze? ”

Quando giungerà quel momento ( 2017 ) quale sarà l’ammontare del debito a scadenza ?

VN:F [1.9.20_1166]
Rating: 0 (from 0 votes)

Sostieni IntermarketAndMore!

ATTENZIONE Sostieni la finanza indipendente di qualità con una donazione. Abbiamo bisogno del tuo aiuto per poter continuare il progetto e ripagare le spese di gestione!

TRANSLATE THIS BLOG !

I sondaggi di I&M

EURO: quale futuro ci attende?

View Results

Loading ... Loading ...
View dei mercati

Google+