CIPRO: la Troika salva Nicosia dal default

  • email
  • Facebook
  • Google Bookmarks
  • LinkedIn
  • PDF
  • Print
  • Twitter
  • Technorati
  • del.icio.us
  • Wikio IT

Una settimana, quella passata, dove ho parlato di diversi rischi sistemici. In primis dell’Argentina e dell’ipotesi di un nuovo default. Ma anche di rischi che oggi sono apparentemente molto distanti, come quello del Sudafrica.

Ma a questi ce n’è un altro che non dobbiamo sottovalutare. Ed è relativo al vicino di casa della Grecia, ovvero l’isola di Cipro.

Sembra infatti che la troika abbia quasi chiuso l’accordo con Nicosia…

(…) L’accordo riguarda l’importo di 17,5 miliardi di euro anche se i numeri definitivi saranno determinati non prima dell’inizio di dicembre, a seguito della relazione della società Pimco sulle esigenze specifiche delle banche. Che la troika nel suo report iniziale ha stimato in dieci miliardi di euro. (…) (Source) 

In attesa che arrivino nuove news su questo nuovo salvataggio, vi lascio il meglio del blog, da condividere con tutti i vostri contatti.

Anche i BRICS perdono i colpi. Sudafrica in difficoltà?

ARGENTINA: ad un passo da un nuovo default tecnico

GRECIA: crisi irrisolvibile, e alla fine pagherà la comunità internazionale

Immobiliare: migliora negli USA, e cosa accade ai tassi di interesse?

ELEZIONI: votate chi saprà rispondere a questa domanda! 

La saga dei DAILY MONITOR

ETF delisting (occhio)

ATLANTIA: collocamento nuova obbligazione. Conviene oppure no?

Sp500: correzione sul filo del rasoio

APPLE: la mela torna ad essere interessante? 

Shadow Banking: la finanza ombra mette a rischio il sistema finanziario globale

FRANCIA: perde la “tripla A” di rating. Moody’s colpisce ancora.

STAY TUNED!

DT

Non sai come comportarti coi tuoi investimenti? BUTTA UN OCCHIO QUI| e seguici su TWITTER per non perdere nemmeno un flash real time! Tutti i diritti riservati © | Grafici e dati elaborati da Intermarket&more su databases professionali e news tratte dalla rete | NB: Attenzione! Leggi il disclaimer (a scanso di equivoci!)


VN:R_U [1.9.20_1166]
Rating: 10.0/10 (2 votes cast)
CIPRO: la Troika salva Nicosia dal default, 10.0 out of 10 based on 2 ratings
  1. CIPRO: e la crisi dell’Unione Europea continua
  2. BCE: taglio tassi possibile. Ma che cambia? Il caso Portogallo e Cipro
  3. CRISI: California ad un passo dal default
  4. CDS: New Record e ora il default è scontato dal mercato
  5. The day after: la Grecia salva l’Euro ma non salva se stessa

Info su Danilo DT

La corsa è lunga e...alla fine è solo con te stesso (by Big Kahuna) Per sapere CHI SONO, clicca QUI !

Commenti (n° 8)Commenta

  1. Cipro è una situazione semi-sconosciuta.
    Tra le altre cose vorrei far notare che Nicosia ha ingaggiato gli analisti di PIMCO (insieme a Deloitte) per effettuare lo stress-test sulle proprie banche.
    Scelta equivoca e infelice.
    Quindi, prima vanno a scartabellare le carte prima degli altri … poi dobbiamo aspettarci indicazioni di prezzo?

  2. Ho riso per 10 minuti buoni…

  3. Standard&poor’s intanto taglia il rating dell’Ungheria……

  4. Vincent Vega scrive:

    idleproc@finanza:
    Ho riso per 10 minuti buoni…

    :lol:

  5. tommy271@finanza,

    Concordo sulla scelta equivoca e infelice, facevano meglio a chiamare quelli dell’altra isola…….l’ ISLANDA.

  6. 17.5 miliardi di prestito diviso 900.000 abitanti, poco meno di 20.000 euro a testa, mediamente 100.000 euro a famiglia, reddito medio 16000 euro. :P

  7. danaeb@finanza:
    17.5 miliardi di prestito diviso 900.000 abitanti, poco meno di 20.000 euro a testa, mediamente 100.000 euro a famiglia, reddito medio 16000 euro. :P
    :P
    :D

    Non male direi!

  8. danaeb@finanza,

    A occhio gli euri prenderanno subito un’altra strada e gli resterà un debito di centomila euri a famiglia e con gli interessi. Viste le condizioni economiche di base rischiamo una sovrapproduzione nel settore del porno virtuale e peripatetico, ormai unico trainante dell’economia globale. Anche il mercato degli schiavi dovrebbe esserne inficiato se continuano così. Uscirò dalle mie posizioni long nello specifico e che consideravo promettenti e di salvaguardia del capitale. Non se ne può più.