Il G-20 ufficializza il grande rischio per i mercati: è la CINA

Scritto il alle 15:03 da Danilo DT

ankara-g-20

Il G-20 è sempre un incontro che alla fine porta a nulla di interessante. Si fanno sempre tante parole per nulla. Ma questa volta erano attesi dei commenti su cosa sta accadendo a livello macroeconomico globale. Il riferimento è indirizzato in particolar modo alla Cina e alla sua politica di gestione della crisi quantomai “particolare”.
Lasciando da parte le prese di posizione più normali, quindi il taglio delle riserve obbligatorie delle banche, il taglio dei tassi, le iniezioni di liquidità, considerando persino normale il cosiddetto QE alla cinese, dove si è andato a finanziare direttamente aziende che hanno utilizzato il denaro per comprare equity. Oltre a tutto questo c’è stata la svalutazione competitiva dello yuan e le prese di posizione da “regime” su mercati azionari.

Insomma, Cina assoluta protagonista, ma Cina anche grande problema del 2015.
Tornando alla cosiddetta “guerra valutaria”, bisogna subito parlare di cosa hanno fatto le nazioni facenti parte del G20.

Le 20 maggiori economie del pianeta si sono impegnate congiuntamente a evitare le svalutazioni competitive, giudicandole una minaccia alla stabilità. Lo ha riferito un esponente del Tesoro americano, citato da Dow Jones a margine del G20 delle Finanze in corso ad Ankara. Una riunione che in buona misura è stata dominata dalle recenti turbolenze dei mercati e dai segnali di rallentamento in vari Paesi, tra cui la Cina che nelle passate settimane ha operato proprio una marcata svalutazione della sua divisa, lo yuan.
Una mossa contraddittoria rispetto agli impegni che solitamente vengono sottoscritti in queste riunioni. E infatti puntuale sta arrivando il comunicato in cui si esortano gli stati a non svalutare le loro monete. (Source)

Ecco, già solo per questo il G-20 è stato “diverso” dal solito. Ma allo stesso momento denuncia lo stato di emergenza della problematica Cina, una “mina vagante” che fa paura agli altri paesi membri.

Sempre secondo la fonte Usa, la Cina si è impegnata a portare avanti una agenda di riforme economiche, mentre queste ultime potrebbero spianare la strada ad un ingresso dello yuan nel paniere di valute utilizzate come riserva dal Fondo monetario internazionale. Secondo Washington le recenti turbolenze dei mercati hanno rappresentato una lezione per le autorità cinesi.

Lo speriamo bene, anche perché il comportamento delle unità governative cinesi hanno provocato, come abbiamo visto in settimana, copiose uscite di capitali. Ennesima conferma, questa, che il VERO problema non è la FED che potrebbe alzare oppure no, non è la frenata degli emergenti che per larga misura dipende anche dalla crisi cinese, non è l’instabilità politico sociale. Ma è la Cina.
Vi ripropongo i tanti post scritti in settimana, chiedendovi di condividerli (se li ritenete interessanti) e di sostenere questa iniziativa personale cliccando sul tasto qui a destra. Un vostro sostegno è fondamentale per continuare questo progetto di finanza indipendente e (spero) di qualità.

Bulls & Bears

      YESTERDAY

 
CRISI: ecco perchè continua a regnare in EUROZONA

In questa #infografica viene sintetizzata la situazione dell’Unione Europea e si focalizza sulle varie criticità. Purtroppo siamo ancora ben lontani dal poter dire che siamo FUORI dalla crisi economica.
 
 
Ma che STRESS! Sui mercati torna evidente la TENSIONE

Gli indici di stress più comuni (St. Louis Fed Financial Stress Index e Cleveland Financial Stress Index) danno chiari segnali si inversione. E se negli USA aumenta lo stress finanziario, in Eurozona la situazione non è differente (Euro Area Systemic …
 
 
Paesi Emergenti: è presto per il BUY

La chiamata alla “fuga dagli Emergenti” ha origini abbastanza remote qui sul blog I&M. E’ stata una chiamata senza dubbio corretta e spero che possa avervi aiutato in questa complessa fase di mercato. Alcuni lettori mi stanno chiedendo via email …
 

SEP 03

 
DRAGHITIME: BCE si muove a sostegno del mercato

E’ il colpo di coda che ci aspettavamo, quello di cui vi parlavo stamattina in questo post. La finanza chiama, le banche centrali rispondono. Ci si attendeva da parte di Mario Draghi una risposta sul rischio disinflazione e rallentamento economico …
 
 
CRISI MERCATI: la parola torna alle banche centrali

La FED ieri sera e la BCE oggi. Il mondo della finanza chiede urgentemente il supporto della politica monetaria che già ha fatto molto. Tanto che la BCE… Il mercato chiama. Le banche centrali rispondono. Ormai è un dato di …
 

SEP 02

 
FEAR INDEX: la paura in borsa è solo per il breve periodo?

Analisi della volatilità e soprattutto della percezione della paura in borsa tramite il “fear index”, per comprendere sia l’impulsività di breve che il quadro delle coperture di medio termine le cui quotazioni stanno aumentando. Visto che non dispongo della verità …
 
 
ESTREMI DEL MERCATO tra massimi e minimi nella storia

analisi dei minimi e dei massimi storici dell’inice di borsa SP500 con le motivazioni e le conseguenze che hanno accompagnato.
 
#CHARTOFTHEDAY: aspettando la fine della correzione

La seduta di Wall Street di ieri sera è stata la naturale prosecuzione di quanto era accaduto nelle settimane scorse. Una fase correttiva molto violenta, e non possiamo nemmeno dire che non ce la aspettavamo. Infatti se ben ricordate, ho …
 

SEP 01

 
Borsa SHANGHAI: mai così negativo il sentiment. Rischio ulteriore correzione violenta.

Gli analisti aspettano un’ulteriore correzione dello Shanghai Index pari almeno ad un terzo dalle quotazioni attuali, con tanto di riduzione di margin debt e deleveraging. Intanto la posizione dello skew illustra un sentiment profondamente negativo Che il governo sostenga il …
 
 
ITALIA: bene il PIL, benino la disoccupazione ma sullo stato di salute delle finanze?

I dati sul PIL Italia sono stati migliori delle attese, e meno male. La stima di agosto era del +0,2%. Il progresso acquisito per il 2015 è ora pari al +0,6%, contro il +0,4% stimato in precedenza. Quindi un miglioramento …
 
 
OUTFLOW: o più semplicemente è FUGA DAL RISCHIO FINANZIARIO

La volatilità dei mercati di queste ultime settimane è stata guidata proprio da quei settori e quelle aree geografiche che qui, su I&M, abbiamo più volte descritto come “da monitorare per attenzione”. Cina e paesi emergenti sono stati in effetti …
 
 
CLAMOROSO: scoperto il motivo del crollo della borsa CINESE

Inutile cercare di capire cosa sta accadendo sui mercati finanziari. Superfluo addentrarsi all’interno della macroeconomia e cercare di scovare i punti bui e le grosse voragini che si stanno creando all’interno del sistema economico cinese. Tuti pensavano che la Cina …
 

AUG 31

 
WALL STREET: questa volta, qualcosa è veramente cambiato

La settimana appena trascorsa ha continuato a vedere grande volatilità sia al rialzo che al ribasso. Il quadro di fondo sembra definitivamente variato, per la prima volta dopo tanti anni. Analisi intermarket e del solito COT Report del CFTC. [Guest …
 
 
Grosso guaio al China Market (e non solo)

In ambito intermarket si sta sottovalutando i legami tra le materie prime (nella fattispecie il rame), i paesi emergenti e la crescita economica globale. Possibile che non ci sia effetto contagio ed il mondo NON emergente non venga influenzato dalla crisi della Cina? Qui ci sono le prove di come stanno le cose.
 
 
TASSO INFLAZIONE e FED: quando la speranza è l’ultima a morire

Chi vive sperando, muore…non troppo bene… Recita più o meno così il famoso detto. E se la speranza è l’ultima a morire, allora la FED continua a sperare che il tasso inflazione negli USA salirà. Jackson Hole, ridente valle che …
Riproduzione riservata

STAY TUNED!

Danilo DT

(Clicca qui per ulteriori dettagli)

(Se trovi interessante i contenuti di questo articolo, condividilo ai tuoi amici, clicca sulle icone sottostanti, sosterrai lo sviluppo di I&M!). E se lo sostieni con una donazione, di certo non mi offendo…

InvestimentoMigliore LOGO

La nuova guida per i tuoi investimenti. Take a look!

Questo post non è da considerare come un’offerta o una sollecitazione all’acquisto. Informati presso il tuo consulente di fiducia. Se non ce l’hai o se non ti fidi più di lui,contattami via email ([email protected]).
NB: Attenzione! Leggi il disclaimer (a scanso di equivoci!)

VN:F [1.9.20_1166]
Rating: 10.0/10 (2 votes cast)
Il G-20 ufficializza il grande rischio per i mercati: è la CINA, 10.0 out of 10 based on 2 ratings
1 commento Commenta
paolo41
Scritto il 6 settembre 2015 at 16:59

ma perché, cosa hanno fatto Fed e Bce con i vari QE ?????

VN:F [1.9.20_1166]
Rating: 0 (from 0 votes)

Sostieni IntermarketAndMore!

ATTENZIONE Sostieni la finanza indipendente di qualità con una donazione. Abbiamo bisogno del tuo aiuto per poter continuare il progetto e ripagare le spese di gestione!

TRANSLATE THIS BLOG !

I sondaggi di I&M

BCE: che ne sarà dei bond acquistati con il QE?

View Results

Loading ... Loading ...
View dei mercati

Google+