THE BIG CRISIS #6: US Consumer Confidence

Scritto il alle 14:25 da Danilo DT

Consumatore USA: in questo contesto occorre focalizzarsi con attenzione sul suo ruolo e sulle aspettative dello stesso. Perché se lui perde la fiducia, la recessione sarà più profonda

Guardate bene questo grafico. Nei prossimi mesi diventerà uno dei grafici più importanti in assoluto. E ben poco serviranno (lo dico a priori) tutti i grafici macro che fotografano la storia.
Proprio lei, la storia, la stiamo disegnando ora. Ed è una storia nuova, che nessuno conosce e che potrebbe avere sviluppi anche inattesi. Quindi lo sguardo deve essere rivolto innanzitutto al futuro. E il futuro passa ahimè dai consumi. Parliamo ovviamente di un futuro abbastanza prossimo, perché certi macro trend di lungo restano per me ben definiti. Magari saranno rallentati, ma proseguiranno in modo inesorabile.
Ma nel breve termine le borse guarderanno agli utili societari e al sentiment del consumatore. E il consumatore USA è il vero benchmark. Se perde la fiducia, è un casino (tanto per usare un eufemismo).
Ma non solo, il casino numero due sta nel fatto che da qualche anno il consumatore Usa si trova al culmine dell’entusiasmo e…allo stesso tempo si sta esaurendo. La lateralità del grafico lo testimonia.
Ecco quindi il grande problema. In un contesto del genere, già ci sarebbe da discutere della sostenibilità della fiducia. Poi però arriva il Coronavirus che in Cina ha fatto disastri, poi è arrivato in Italia oltre che in Corea del Sud per poi diventare…un rischio globale.
Credo siate tutti d’accordo con me che il Coronavirus non sia un problema che si limiterà geograficamente, giusto?
Se poi andiamo a completare l’opera, mettiamoci la crisi petrolifera che deprime i mercati e fa riscoprire il prezzo delle attività rischiose.
Mazzate per il consumatore USA che ora dovrà fare due conti con le sue aspettative. E Trump questo lo sa benissimo. Il suo intervento è quindi straordinariamente necessario se vuole provare ad arrivare a novembre in una condizione sufficientemente difendibile per tentare la rielezione.

US Consumer Confidence

Perché la storia insegna, in Presidente in fase di rielezione, viene segato se si va in recessione.
E allo stesso tempo, il grafico ci dice chiaramente che quando inverte la tendenza del consumatore USA, poi sono dolori.
Quindi…. #sapevatelo.

Clicca QUI per vedere l’elenco dei post della saga #TheBigCrisis

STAY TUNED!

Danilo DT

(Clicca qui per ulteriori dettagli)

Questo post non è da considerare come un’offerta o una sollecitazione all’acquisto. Informati presso il tuo consulente di fiducia. Se sei interessato agli argomenti qui espressi e vorresti approfondirli, contattami!
NB: Attenzione! Leggi il disclaimer (a scanso di equivoci!)
(Se trovi interessante i contenuti di questo articolo, condividilo ai tuoi amici, clicca sulle i

VN:F [1.9.20_1166]
Rating: 9.9/10 (7 votes cast)
THE BIG CRISIS #6: US Consumer Confidence, 9.9 out of 10 based on 7 ratings
8 commenti Commenta
luigiza
Scritto il 11 marzo 2020 at 17:19

Se lo scenario USA è quello paventato nel post allora la domanda fondamentale da porsi, ma che nessuno si pone vivendo tutti nel meraviglioso mondo di Heidi dove son tutti buoni fratelli, è:
che farà il duo Putin e Xi qualora gli USA entrassero in seria paralisi?
Aiuteranno o ne approffitteranno per saldare alcuni conticini in sospeso?
Personalmente, essendo un cinico patentato, propenderei per la seconda opzione.
Però magari nel mondo di Heidi è diverso. Certo, peccato non esista nella Realtà.

VN:F [1.9.20_1166]
Rating: +2 (from 2 votes)

john_ludd
Scritto il 11 marzo 2020 at 19:57

luigiza@finanza,

non credo, specialmente la Cina la cui politica è quella di accreditarsi come potenza pacifica e collaborativa. Che lo sia davvero è irrilevante, ciò che conta è la percezione. Un segnale è l’offerta di materiale gratis al nostro paese oggi indispensabile e che i nostri vicini non ci danno per due ragioni 1) sono terrorizzati da quanto sta per accadere da loro 2) non ne possiedono abbastanza.

Supponiamo che un giorno tutto questo termini senza che siamo tornati alle caverne, di cosa e di chi si ricorderanno i paesi colpiti dal virus ed aiutati dalla mega potenza orientale ? Prima però vorrei essere sicuro che i cinesi siano effettivamente sulla via di risolvere il problema a casa loro, altrimenti è chiaro come finisce.

VN:F [1.9.20_1166]
Rating: +2 (from 2 votes)

pdf79
Scritto il 11 marzo 2020 at 22:18

Il materiale ce lo vendono, in più mandano un team di medici specialisti.
Comunque buona educazione richiede ringraziamento e quindi: GRAZIE MILLE CINA.

I paesi europei come sempre dimostrano che Unione Europea è un entità vuota, inutile e molto probabilmente dannosa.
Saluti a tutti.

VN:F [1.9.20_1166]
Rating: +1 (from 1 vote)

pdf79
Scritto il 11 marzo 2020 at 23:02

Prima di cercare di dormire vorrei lasciarvi con una riflessione in seguito alle ultime novità, cioè chiusura in Italia di tutte le attività non essenziali.
Quindi da oggi con i vincoli di mobilità e altre limitazioni, il presidente del consiglio Conte che nessuno ha eletto, che non si sa che competenze abbia, di fatto controlla l’italia.
Forse il modello cinese è meglio, se non dormo mi informo sul loro presidente poi vi dico.
Buona notte.

VN:F [1.9.20_1166]
Rating: +1 (from 1 vote)

pdf79
Scritto il 12 marzo 2020 at 16:46

Unione Europea morta oggi.

VN:F [1.9.20_1166]
Rating: 0 (from 0 votes)

pdf79
Scritto il 12 marzo 2020 at 16:54

Cristina allo sbaraglio.

VN:F [1.9.20_1166]
Rating: 0 (from 0 votes)

pdf79
Scritto il 12 marzo 2020 at 18:17

FEd da i numeri se non ho capito male mette 1500 miliardi a disposizione per REPO.
https://www.newyorkfed.org/markets/opolicy/operating_policy_200312a

VN:F [1.9.20_1166]
Rating: 0 (from 0 votes)

Sostieni IntermarketAndMore!

ATTENZIONE Sostieni la finanza indipendente di qualità con una donazione. Abbiamo bisogno del tuo aiuto per poter continuare il progetto e ripagare le spese di gestione!

TRANSLATE THIS BLOG !

I sondaggi di I&M

BCE: che ne sarà dei bond acquistati con il QE?

View Results

Loading ... Loading ...
View dei mercati

Google+