Stress Test Ok ma Banco Popolare è border line

Scritto il alle 10:30 da Danilo DT

CDS (Credit Default Swap) delle banche italiane. Rischio liquidità per Banco Popolare?

Lo dicevamo venerdì sera. Il Banco Popolare stava avendo un comportamento anomalo coi CDS, i Credit Default Swap che assicurano la solvibilità di un emittente.
La conferma è poi arrivata in serata, quando abbiamo scoperto che le banche italiane avevano tutte passate il fatidico e discutibilissimo stress test..

Le banche italiane superano gli stress test. Tutti gli istituti bancari sottoposti al vaglio, nel nostro Paese, hanno dato prova di solidità e sicurezza. Le cinque banche sono Unicredit, Intesa Sanpaolo, Mps, Ubi e Banco Popolare e, di fronte alla simulazione di condizioni estremamente difficili, sono state promosse. «Le banche italiane superano con ampio margine il valore di riferimento del 5% di Core Tier 1 stabilito dallo stress test», ha dichiarato il direttore generale della Banca d’Italia, Fabrizio Saccomanni. Il che significherebbe che il nostro sistema di capitalizzazione è adeguato.

…però è anche vero che lo stesso Banco Popolare risulta abbastanza “border line”, ovvero vicino alla cosiddetta “area di pericolo”.

Per effetto dello shock ipotizzato, nello scenario avverso il Core Tier 1 ratio stimato su base consolidata del Banco Popolare passerebbe dal 5,8% di fine 2010 al 5,7% alla fine del 2012.Questo risultato incorpora gli effetti delle misure annunciate al mercato in modo vincolante entro il 30 aprile 2011 ed esclude gli effetti di future azioni di rafforzamento patrimoniale pianificate dal Banco Popolare. Lo stress test europeo richiede che i risultati e le debolezze identificati a seguito dell’esercizio, che saranno resi pubblici al mercato, siano utilizzati per rafforzare la solidità del sistema finanziario.Completato l’esercizio di stress, i dettagli sui risultati osservati per il Banco Popolare evidenziano che: Il Banco Popolare rispetta il coefficiente patrimoniale di riferimento previsto dall’esercizio. (Source)

Non siamo quindi lontanissimi dal quel 5% che rappresenta lo spauracchio del sistema bancario. E se poi teniamo in considerazione il fatto che questi stress test, secondo me, per l’ennesima volta sono stai di manica molto larga, allora qualche dubbio in più ci viene. E come dicevo in apertura, il CDS sulle banche italiane già ci aveva anticipato qualcosa…

Situazione secondo me inversa per Intesa SanPaolo che rappresenta molto probabilmente per il lungo periodo una buy opportunity.

CDS banche Italiane

STAY TUNED!

DT

Ti è piaciuto questo post? Clicca su Mi Piace” qui in basso a sinistra!


Vota su Wikio!
Tutti i diritti riservati © | Grafici e dati elaborati da Intermarket&more su database Bloomberg | NB: Attenzione! Leggi il disclaimer (a scanso di equivoci!) | Vuoi provare il Vero Trading professionale? PROVALO GRATIS! |
Seguici anche su Twitter! CLICCA QUI! |

VN:F [1.9.20_1166]
Rating: 0.0/10 (0 votes cast)
Nessun commento Commenta

I commenti sono chiusi.

Sostieni IntermarketAndMore!

ATTENZIONE Sostieni la finanza indipendente di qualità con una donazione. Abbiamo bisogno del tuo aiuto per poter continuare il progetto e ripagare le spese di gestione!

TRANSLATE THIS BLOG !

I sondaggi di I&M

EURO: quale futuro ci attende?

View Results

Loading ... Loading ...
View dei mercati

Google+