La farsa del Dollaro debole voluto forte

Scritto il alle 16:16 da Danilo DT

dollaro-usa-brake

Nelle ultime settimane si è parlato molto sia dell’oro e sia del dollaro USA anche sulle pagine di questo blog. Nella mia casella di posta (che come sempre è a disposizione di tutti, e che ricordo in questa sede : intermarketandmore@gmail.com) ho ricevuto una valanga di email con una domanda banale ma di difficilissima soluzione: che fine farà il dollaro USA?
Beh, rispondo sul blog rapidamente, anche perché, credo, sia argomento che interessa un po’ tutti.

Premessa: sarei un visionario truffaldino che mi mettessi a profetizzare verità che non sono assolutamente certificabili. Nessuno sa con certezza che fine farà il dollaro USA. Io però, oltre a quanto detto fino ad ora (riprendetevi i post sull’argomento ORO e Dollaro USA, secondo me ne vale la pena) vorrei fare una piccola ulteriore aggiunta, rispondendo contemporaneamente ad un’altra domanda, che mi ha posto Luigi dalla Città Eterna: in ogni dove si legge che Obama vuole il dollaro forte. Però il dollaro continua a scendere. Che sia venuto il momento di comprare veramente?

 

Carry trade, speculazione e disavanzo pubblico

 

Prima premessa: non dimentichiamo mai che il dollaro USA è da sempre oggetto di speculazioni valutarie, e cliccando su carry trade avrete modo di leggere sulle varie speculazioni tutt’ora attuate del biglietto verde.
Secondo permessa: gli USA hanno visto il Governo molto attivo nel quantitative easing e nella produzione di carta moneta. Ricorrere al quantitative easing e alla tipografia significa immettere liquidità, e portare nel tempo svalutazione (e anche inflazione, ma questa è un’altra storia).
Terza premessa: in Asia, soprattutto Cina e Giappone, hanno detto che hanno intenzione di diversificare le riserve valutarie, oggi composte per la maggior parte proprio di dollari USA. Quindi è normale ritrovarsi con un dollaro debole e anche con un oro forte.
Ma poi, tralasciando altre fattispecie che non vado ad elencare per motivi di tempo, non dimentichiamo un ultimo importante elemento.

 

Dollaro debole? Si grazie!

 

Non facciamoci imbambolare dalle parole di Obama e Geithner. Questi due personaggi politici parlano da tempo di politica monetaria orientata ad un dollaro forte.

Sono balle.

Balle grosse come uan casa. Gli USA hanno bisogno di un dollaro debole. Infatti il sostegno al dollaro, in questi giorni, per assurdo, non è arrivato dagli USA, bensì dalla Cina stessa la quale ha sostenuto (rumors fornitomi da un operatore) il cross con lo yuan (ed è noto che gli asiatici, di dollari, ne hanno nelle casseforti a bizzeffe).
Il motivo per cui gil stessi americani vogliono il dollaro debole? Semplice. Se il dollaro non resta debole, gli USA non riescono ad esportare. E quindi dollaro debole uguale maggiore produzione, maggiore crescita e più veloce uscita dalla crisi.
Problema: e l’area Euro? E questo è un bel casino. Perché , ovviamente, noi europei ci andiamo a pagare un cross a nostro svantaggio che inchioda le nostre esportazioni.
Quindi, per concludere, alla fine, chi ci rimette è l’Europa e tanto per cambiare, il primo paese che rischia di uscire dalla crisi saranno proprio gli USA, i quali USA molto probabilmente assisteranno all’indebolimento del Dollaro, cercando sempre di rassicurare il mercato sulla loro volontà  a voelr un dollaro forte.

A parole molto bravi, ma poi lasceranno che la valuta …si svaluti (benign neglet) senza sostenerla. Perché, in fondo, a loro, va bene così.
E a noi? E’ la mazzata che ci decapita definitivamente dal punto di vista della competitività economica. per fortuna che ormai la ripresa è arrivata, dico bene?

Allegato Grafico Dollar Index

dollar-index-grafico

Grafico del Dollar Index con operatività

STAY TUNED!

ATTENZIONE: nota importante. Sostieni questo BLOG con una donazione, cliccando sul bottone nella colonna di destra. Così facendo, sosterrai questa iniziativa e permetterai al blog di sopravvivere.

VN:F [1.9.20_1166]
Rating: 0.0/10 (0 votes cast)
Nessun commento Commenta

I commenti sono chiusi.

Sostieni IntermarketAndMore!

ATTENZIONE Sostieni la finanza indipendente di qualità con una donazione. Abbiamo bisogno del tuo aiuto per poter continuare il progetto e ripagare le spese di gestione!

TRANSLATE THIS BLOG !

I sondaggi di I&M

Come vorresti I&M?

View Results

Loading ... Loading ...
View dei mercati

Google+