Eurozona: il mondo ha paura della nostra crisi

Scritto il alle 11:15 da Danilo DT

Crisi banche: la FED vuole maggior trasparenza. TED Spread ed interventismo UE.

In queste ultime settimane, mi sono focalizzato nei vari post, spesso e volentieri, cercando di mettere in luce soprattutto un aspetto di questa crisi: non dobbiamo limitare il problema all’Eurozona e comunque al continente europeo e alle economie dei singoli stati che ne fanno parte. Il problema è molto molto più ampio.
Avrete letto nei giorni passati le “proteste” inglesi (i quali non dimentichiamo, hanno anche le loro benne gatte da pelare) ma anche degli americani (last but not least la “grana” Morgan Stanley).
E le protagoniste sono sempre loro. Le banche. Troppa esposizione verso i PIIGS, troppa leva finanziaria, e in caso di forzato bailout gli stati, ahimè, non avrebebro risorse sufficienti per salvare il sistema. E allora? Meglio risolvere il problema alla radice e costringere l’Unione Europea ad una politica economica e monetaria il più possibile protettiva nei confronti del sistema internazionale.
Ma, giustamente, in questa guerra finanziaria totale, nessuno si fida più di nessuno.
Il sistema ha osato troppo, l’etica da anni ormai è scomparsa dai mercati ed oggi se ne pagano le conseguenze: il sistema finanziario è MARCIO, ammettiamolo, e si cercano pagliativi o mosse “disperate” per tamponare quelle falle che sono solo alcune di quei problemi che affliggono e che affligeranno i mercati e la società nei prossimi anni.
E proprio a proprosito di gente che non si fida, la FED di New York inizia a temere che le banche europee possano avere grossi problemi di liquidità nei prossimi mesi, e allora…

Oct. 3 (Bloomberg) — The Federal Reserve Bank of New York may ask foreign lenders for more detailed daily reports on liquidity as the U.S. steps up monitoring of risks from Europe’s sovereign debt crisis, according to two people with knowledge of the matter.
Regulators held informal talks with some of the largest European lenders about producing a “fourth-generation daily liquidity” or 4G report, according to the people, who asked for anonymity because communications with central bankers are confidential. The reports may cover potential liabilities such as foreign-exchange swaps and credit-default swaps, said one person. The U.S. has already increased the number of examiners embedded in these banks, the person said. (…) “The Fed is trying to understand what the pressure points are in terms of liquidity and potential risks that are imposed by foreign banks to domestic institutions in our financial system,” said Kevin Petrasic, an attorney at the Washington- based law firm of Paul, Hastings, Janofsky & Walker LLC. “There is a little bit more sense of urgency as a result of what’s going on in Europe.”

…meglio controllare e chiedere direttamente alle banche europee documentazione in merito.

 E questo proprio perchè un default di alcuni colossi europei, o comunque un avanzato stato di difficoltà finanziaria, potrebbe generare quel famoso “effetto domino” che poi crea conseguenze anche alle banche USA con esposizioni importanti su stati o istituzioni finanziarie in crisi.
In effetti il grafico che io ho definito il TED Spread Europeo, ovvero il ratio tra tasso interbancario e tasso di mercato, non è certo ben augurante per il sistema finanziario.

Grafico TED Spread Europeo

Se poi andiamo a vedere l’indice ITRAXX sui CDS Europei…

Morale: non è più questione di PIIGS. Ormai il problema è definibile come EUROZONA. Il mondo pretende che l’Unione Europea dia risposte chiare di solidità e di interventismo.

E’ un po’ come se dicessero: Avete fatto l’Unione Europea, vi siete “sposati” in un matrimonio indissolubile? A noi non interessa che poi, alla fine, il vostro matrimonio era di facciata. A noi interessa difendere i nostri interessi. E quindi vogliamo essere tranquilli.
E dagli torto!

Negli ultimi giorni, la tranquilla Danimarca ha dovuto iniettare nel sistema bancario danese la bellezza di 54 miliardi di Euro, la Francia in comunione con il Belgio stanno organizzando un piano per salvare Dexia con conseguente piano di ristrutturazione. E la Spagna ha nazionalizzato 3 Casse di Risparmio. Vi sembra poco?

E allora il mondo non teme nemmeno più il default Grecia, ma il rischio di un eventuale mancato supporto dell’Unione Europea. La quale, sotto la pressione di tutte le organizzazioni internazionali, FMI in primis, dovrà sempre più convergere ad una difficile, complessa e sempre più disperata VERA Unione Europea.

Stay Tuned!

DT

Sostieni I&M! Il tuo contributo è fondamentale per la continuazione di questo progetto!

Ti è piaciuto questo post? Clicca su Mi Piace” qui in basso a sinistra!

Tutti i diritti riservati © | Grafici e dati elaborati da Intermarket&more su database Bloomberg | NB: Attenzione! Leggi il disclaimer (a scanso di equivoci!) | Vuoi provare il Vero Trading professionale? PROVALO GRATIS! |
Seguici anche su Twitter! CLICCA QUI! |

VN:F [1.9.20_1166]
Rating: 0.0/10 (0 votes cast)
5 commenti Commenta
caposci
Scritto il 4 ottobre 2011 at 11:28

DT anche ieri te lo chiesto potresti dirmi perchè noi non scendiamo come gli altri ?

VN:F [1.9.20_1166]
Rating: 0 (from 0 votes)

idleproc
Scritto il 4 ottobre 2011 at 12:00

caposci@finanza,

Perché siamo i mejo. Abbiamo un mare di economia sommersa. Abbiamo lo Stellone. Il bunga-bunga export. Abbiamo S.Gennà. Ce la siamo sempre cavata. Ci fanno un baffo. Oppure perché stanno preparando le munizioni.

VN:F [1.9.20_1166]
Rating: 0 (from 0 votes)

7voice
Scritto il 4 ottobre 2011 at 12:07

questi americani ci stanno rompendo troppo il caxxo!LORO FALLITI MARCI CHE RICHIAMANO ALTRUI ? ANDASSERO A CREPARE LORO è QUEL PRESIDENTE INUTILEW CHE HA SOLO MILLANTATO ! IN 3 ANNI NON HA FATTO UN CAXXO ! ADESSO PARLA DELL’EUROPA ? MA SE A AD AGOSTO ERI FALLITO ! BASTA CON QUEST’AMERICANI MARCI VIA DAI POSTI DI COMANDO QUESTI LUCERTOLONI !

VN:F [1.9.20_1166]
Rating: 0 (from 0 votes)

7voice
Scritto il 4 ottobre 2011 at 12:12

la goldman che taglia a destra e manca ? QUESTI PEZZENTI , SARANNO I PRIMI A SALTARE X ARIA ! I CDS CON COSA LI COPRONO QUESTI MORTI DI FAME ? SONO SOLO MONNEZZA , MAIL BIG ONE VI SPAZZERA’ VIA UNA VOLTA X SEMPRE ! LA FINE DI ATLANTIDE DOVE FARE !

VN:F [1.9.20_1166]
Rating: 0 (from 0 votes)

hironibiki
Scritto il 4 ottobre 2011 at 12:34

7voice@finanza,
Concordo sul fatto che non mi sembra carino che siano proprio loro a dire all’Europa che deve garantire la stabilità, quando il loro debito è ormai fuori controllo e praticamente il dollaro ha lo stesso valore della carta da macero.
E’ come se un drogato dicesse all’altro “Non ti drogare”, mentre lui la dose già se l’è fatta.
Bah che ridicoli.
Certo poi l’Europa ci mette del suo per stare al passo facendo tutto l’esatto opposto e creando ancora più instabilità. Ma tanto pian pianino ci avviciniamo al default. Io credo sia solo questione di tempo. E di tempo ne è rimasto poco.

VN:F [1.9.20_1166]
Rating: 0 (from 0 votes)

Sostieni IntermarketAndMore!

ATTENZIONE Sostieni la finanza indipendente di qualità con una donazione. Abbiamo bisogno del tuo aiuto per poter continuare il progetto e ripagare le spese di gestione!

TRANSLATE THIS BLOG !

I sondaggi di I&M

BCE: che ne sarà dei bond acquistati con il QE?

View Results

Loading ... Loading ...
View dei mercati

Google+