Esposizione PIGS: area Euro ed effetto domino sulle banche

Scritto il alle 09:21 da Danilo DT

Anche se i mercati stanno ignorando in modo un po’ disarmante i reali rischi di default sui governativi europei (in particolar modo dei cosiddetti PIGS anche se al momento la Spagna non presenta reali rischi di ristrutturazione), non possiamo certo negare che guardando i CDS (Credit Default Swap) e gli spread con il benchmark Euro, il Bund, un po’ di dubbi ci vengono per forza.

Sui vari siti e giornali, si discute su quanto potrebbe influire un default tecnico (inteso appunto come ristrutturazione del debito [haircut] con un taglio del nominale, un allungamento della scadenza ed un abbassamento della cedola, in perfetto stile ARGENTINA) sia nei confronti degli altri stati del cosiddetto Club Med (inseriamo anche la Spagna e l’Italia, i cosiddetti PIIGS) senza però dimenticare anche il Belgio e i paesi dell’Est. Questi sono i rischi dell’effetto domino.
Ma soprattutto, ed è proprio questa la chiave del problema, bisogna considerare gli effetti sul sistema bancario.
Il grafico che vi propongo oggi vi aggiorna su una tematica fondamentale, ovvero l’esposizione dei paesi Europei ai cosiddetti PIG: Portogallo + Irlanda + Grecia.

Esposizione Paesi Europa ai PIG

Et voilà. Lo avevamo già visto mesi fa (in un precedente post), ne abbiamo ancora parlato recentemente e lo rivediamo qui. L’esposizione più gravosa è proprio sulla Germania, seguita da Gran Bretagna e Francia. Ma occorre fare delle distinzioni, partendo proprio dalla Germania, il paese che comanda economicamente e politicamente l’Area Euro e che risulta la più “interessata” ad una gestione quanto mai oculata e concreta del rischio default.
Voi magari penserete che le due Big Bank teutoniche (Deutsche Bank e Commerzbank) siano cariche all’inverosimile di governativi PIG. Risposta sbagliata. Le due banche sopra citate detengono “solo” 6 miliardi di Euro di questi bond (su 27 miliardi). E gli altri bond 21 miliardi dove sono? Nelle banche medio piccole, compreso qualche istituto particolare come l’arcinoto Hypo Real Estate.
E parliamo solo di debito sovrano. Se poi prendiamo l’esposizione totale su questi paesi, beh, il grafico è emblematico. Per la sola Germania ci aggiriamo sui 230 miliardi di Euro. Dei quali buona parte proprio negli istituti di credito di dimensioni più ridotte, sui quali necessiterà una forte ricapitalizzazione al fine di essere in linea coi requisiti di Basilea 3. Ed è per questo che mi aspetto, ahimè, qualche ritocchino e qualche agreement al sistema finanziario, con l’autorizzazione a valutazioni a bilancio più accomodanti (beh, tanto ormai i falsi di bilancio sono assolutamente normali, no?)
230 miliardi sono tanti? Sono pochi? Beh, credo che gli effetto sul settore bancario tedesco sarebbero devastanti. Senza dimenticare che questo è solo uno dei problemi del momento. E poi c’è tutto il resto che la crisi ci ha regalato (subprime, delinquency rate, insolvenze, titoli tossici ecc ecc), ci continua a regalare (visto che di derivati ce ne sono più che nel periodo anche Lehman Brothers) e ci continuerà a regalare (visto che la finanza continua ad essere il Far West della non normativa).

PIL dei 10 maggiori stati al mondo

Source: Wikipedia

Ovviamente, quanto detto per la Germania è altrettanto gravoso per stati come Gran Bretagna e Francia, mentre per l’Italia la situazione risulterebbe più tranquillizzante.
Nelle prossime puntate, approfondiremo la tematica del “too big to fail”, con alcune considerazioni che si focalizzeranno sul terreno minato dove, giornalmente, la finanza passeggia serenamente…

STAY TUNED!

DT

Sostieni I&M!

Ti è piaciuto questo post? Clicca su Mi Piace” qui in basso a sinistra!


Vota su Wikio!
Tutti i diritti riservati © | Grafici e dati elaborati da Intermarket&more su database Bloomberg | NB: Attenzione! Leggi il disclaimer (a scanso di equivoci!) | Vuoi provare il Vero Trading professionale? PROVALO GRATIS! |
Seguici anche su Twitter! CLICCA QUI! |

VN:F [1.9.20_1166]
Rating: 0.0/10 (0 votes cast)
5 commenti Commenta
Scritto il 18 aprile 2011 at 12:11

Da alcune fonti mi risulterebbe che l’esposizione delle banche italiche dovrebbe aggirarsi su questi importi:

Unicredit -> circa 900.000.000
Banco Popolare -> circa 80.000.000
Intesa San Paolo -> circa 580.000.000
BPER -> circa 7.000.000
Mediobanca -> circa 175.000.000

La situazione si sta complicando non poco…

April 18 (Bloomberg) — European Central Bank council
member Michael Bonello said policy makers mustn’t raise interest
rates at the expense of economic growth in debt-strapped euro-
area nations if inflation expectations remain contained.
“In uncertain circumstances like these, we need to balance
doctrine with pragmatism,” Bonello, who heads the Central Bank
of Malta, said in an April 15 interview in Valletta. “We must
be careful not to make it more difficult for countries to grow
out of their debt problem.”

VN:F [1.9.20_1166]
Rating: 0 (from 0 votes)

Scritto il 18 aprile 2011 at 12:14

Queste invece le esposizione sulle nostre compagnie assicurative:

(courtesy from anonimocds)

Generali Eu0.5bn net exposure (Eu3.0bn gross exposure)

Unipol Eu30mn net exposure (Eu93n gross exposure)

FonSAI Eu84mn net exposure (Eu125mn gross exposure)

Milano Ass Eu27mn net exposure (Eu41mn gross exposure)

Vittoria Ass no net exposure (meaningless gross exposure)

VN:F [1.9.20_1166]
Rating: 0 (from 0 votes)

Lukas
Scritto il 18 aprile 2011 at 13:15

Dream, mi sà che le mie considerazioni di sabato sui dati del COT setimanale……..già oggi trovano conferme…….se FED……e BCE…… non continueranno con la politica monetaria ultra espansiva………..Goldam & Company…….buttano giu’ tutto !!!!

VN:F [1.9.20_1166]
Rating: 0 (from 0 votes)

paolo41
Scritto il 18 aprile 2011 at 14:25

Dream Theater,

…ottimo il rapporto fra esposizione e …contribuzione. Siamo i “polli” del cortile!!!!!

VN:F [1.9.20_1166]
Rating: 0 (from 0 votes)

Scritto il 18 aprile 2011 at 14:33

paolo41,

Esatto! :mrgreen:

VN:F [1.9.20_1166]
Rating: 0 (from 0 votes)

Sostieni IntermarketAndMore!

ATTENZIONE Sostieni la finanza indipendente di qualità con una donazione. Abbiamo bisogno del tuo aiuto per poter continuare il progetto e ripagare le spese di gestione!

TRANSLATE THIS BLOG !

I sondaggi di I&M

Euro o non Euro....questo è il problema?

View Results

Loading ... Loading ...
View dei mercati

Google+