FED: la questione “tassi di interesse” va gestita con cautela

Scritto il alle 13:43 da Danilo DT

Dot Plot FED: cosa pensano i membri del FOMC e cosa pensa il mercato oggi

Oggi la FED, domani la BCE.
Sulle decisioni di Francoforte rimandiamo le discussioni a più tardi, e concentriamoci un attimo su quanto potrebbe accadere a New York stasera.
Ma è certo che i due appuntamenti saranno fortemente collegati. Infatti è impensabile che Jerome Powell e Draghi si muovano con logiche differenti. No, non sto dicendo che se Powell aumenta il tasso di interesse, stessa cosa la dovrà fare Draghi.
Quello che conterà è l’ATTEGGIAMENTO e la forward guidance.
E visto il delicato momento di mercato, non posso immaginarmi grandi sconquassi. La situazione italiane, i dazi trumpiani, la gestione della Brexit più tutto il resto. E quindi è chiaro.
BCE e FED non possono fare mosse sbagliate. E allora in questo contesto, perché diventare oltremodo “falchi”?

Tasso FED: aumento più che scontato da settimane

Anche se vi suonerà strano, oggi Powell ha persino un compito più agevole di Draghi. Anche se dovrà ALZARE il tasso di riferimento dello 0,25%, dato ormai scontato da settimane, dovremo focalizzarci bene sul “dopo”. Infatti non mi sorprenderei che la FED preveda ancora non due ma TRE rialzi da qui alla fine dell’anno. La paura degli operatori è legata al fatto che si potrebbero mettere le basi, con questi rialzi, a quello che “storicamente” è stato l’antipasto che porta alla recessione. Ipotesi che nei numeri, oggi, non è visibile ma che, viste le condizioni del ciclo economico USA, resta un’ipotesi sempre probabile.

Tasso FED: ipotesi aumenti per le prossime sessioni

Vero, prima o poi arriverà. Ma non è affatto scontato QUANDO.
Inoltre non dimentichiamo gli effetti che potrebbero derivare da una “forward guidance” troppo aggressiva sui paesi emergenti, in quanto un Dollaro USA più redditizio a livello di tassi di interesse, è viceversa una croce per quei paesi fortemente esposti sulla valuta USA a livello debitorio.
Buttate un occhio alle valute locali di questi paesi e capirete. Più è alta l’esposizione verso l’USD e maggiore è l’impatto negativo di un rialzo dei tassi di interesse USA.

E allora, meglio andarci cauti, come sempre massima diplomazia e fare un passo alla volta.

STAY TUNED!

Danilo DT

(Clicca qui per ulteriori dettagli)

Questo post non è da considerare come un’offerta o una sollecitazione all’acquisto. Informati presso il tuo consulente di fiducia.
NB: Attenzione! Leggi il disclaimer (a scanso di equivoci!)

VN:F [1.9.20_1166]
Rating: 10.0/10 (3 votes cast)
FED: la questione “tassi di interesse” va gestita con cautela, 10.0 out of 10 based on 3 ratings
1 commento Commenta
Scritto il 14 giugno 2018 at 09:26

Non credo ci sia molto da aggiungere a quanto scritto, visto quanto ha deciso la FED ieri sera, no?

VN:F [1.9.20_1166]
Rating: +1 (from 1 vote)

Sostieni IntermarketAndMore!

ATTENZIONE Sostieni la finanza indipendente di qualità con una donazione. Abbiamo bisogno del tuo aiuto per poter continuare il progetto e ripagare le spese di gestione!

TRANSLATE THIS BLOG !

I sondaggi di I&M

VEDO PREVEDO STRAVEDO tra 10 anni!

View Results

Loading ... Loading ...
View dei mercati

Per informazioni, contatti, proteste, idee e quant'altro.... contattatemi !

Image Hosted by ImageShack.us

intermarketandmore@gmail.com

Google+