La BCE affossa i mercati (e chi lo avrebbe mai detto?)

Scritto il alle 15:24 da Danilo DT

Weekly Rewind best of

[Weekly Rewind]. I nuovi requisiti di patrimonializzazione mandano KO le banche sui mercati azionari europei. E la cosa suona proprio strana visto che si è in procinto di ufficializzare il QE Europeo. Significa che le banche europee sono peggio messe di quanto si potrebbe immaginare?

Quanto è successo ieri rappresenta il classico caso dove accade tutto il contrario di quello che si potrebbe pensare.
Proprio quando ormai si è ad un passo dall’annuncio del famoso e forse inutile quantitative easing “Made in Europe”, con l’ulteriore possibile spinta dei buoni dati sull’occupazione USA, ecco che la borsa inizia a fare le bizze.

Ma come! Con tutte queste news positive, i mercati invertono di brutto e addirittura si permettono di chiudere a -3.27%? Ebbene si, può capitare, e capiterà anche dell’altro in questo 2015.
Ricordate cosa vado dicendo da settimane? Il 2015 sarà un anno molto diverso dai precedenti e quella perfezione, quella matematicità nei trend e della (permettetemi) semplicità nel generare le performance sarà sempre più difficile.

Ma cosa è successo ieri che ha scatenato questo gran trambusto sui mercati? La colpa è da dare alla comunicazione BCE che impone maggiori requisiti di capitale alle banche, proprio nel momento in cui la BCE dovrebbe lanciare il suo QE Europeo.

Il passaggio dalle banche centrali nazionali alla Bce della vigilanza sui maggiori istituti europei (tra cui 13 italiani) ha segnato subito un cambio di passo in direzione del rigore. […] Il risultato è che l’asticella si è alzata per molti e non solo per chi – come il Monte dei Paschi – non ha superato l’esame di ottobre ed è costretto a ricapitalizzare per 2,5 miliardi di euro. Nel caso degli istituti italiani – ha scritto il Sole24Ore svelando la mossa della Bce – si passa dal 7% di capitale minimo stabilito per tutte le banche europee a una media del 10,6%, con punte del 14,3% (Montepaschi appunto). (IFQ) 

Quanto richiesto dalla BCE è un segnale molto chiaro: il sistema bancario europeo è ancora debole e fragile e deve essere rafforzato perché potenzialmente attaccabile dalla crisi. Ma non eravamo ormai fuori dalla crisi? Evidentemente no, e questo provvedimento è una chiara ammissione che MOLTO si deve ancora fare in ambito bancario. Ma non solo in Italia.

Sembra infatti che anche i colossi debbano rafforzarsi che Deutsche Bank dovrà rafforzare il patrimonio di 5 miliardi di euro, mentre per le francesi Bnp Paribas, Société Générale e Credit Agricole il gap sale addirittura a 10 miliardi e per la svizzera Credit Suisse si colloca intorno agli 8 miliardi di euro.

E ovviamente tutto questo ha fatto capitolare le banche in borsa. Con un ulteriore rovescio della medaglia. Tutto questo andrà a riperquotersi sul credito concesso alle imprese. Ma la Bce non voleva proprio agire aumentando la liquidità per il canale del prestito? Controsenso assoluto. Oppure, sistema finanziario messo molto peggio di quanto si possa immaginare.

Vi lascio come ogni week end l’elenco dei post più HOT della settimana. Con la preghiera di condividerli ai Vs contatti se li ritenete meritevoli.

Buona lettura!

YESTERDAY

Draghi prepara il QE: ma attenzione alle sorprese su titoli e prezzi

Quantitative easing ai nastri di partenza per la BCE. Ormai così vuole il mercato. Ma attenzione, molto è già scontato. I volumi, le ripartizioni e le divisioni ipotizzate tra i vari paesi dell’Eurozona
Speculatori più cauti: il grande rally del Dollaro USA potrebbe avere uno stop

Il Dollaro USA continua nel suo rally, ma i large speculators rallentano la loro corsa. Che sia un primo segnale verso un rallentamento della tendenza?

JAN 08

Combattere la Guerra con le armi sbagliate. Il vero rischio di un QE Europeo

E ora voglio proprio vedere come faranno ancora a dire che l’Eurozona non è in deflazione. I dati di ieri, fanno fugare ogni dubbio. Quanto pubblicato dall’Eurostat illustra sempre meglio quanto sia ormai lontano il famoso target inflazione della BCE …
CRISI GRECIA: Syriza è un rischio o un’opportunità per una Nuova Unione Europea?

Esposizione dei vari paesi al debito pubblico greco e percentuale di possesso di tutto il debito di Atene. Tsipras (qui viene illustrato a grandi linee il suo prgetto), leader di Syriza, vuole arrivare a rinegoziare (ristrutturazione debito) e a spendere …

JAN 07

PIANO B (intermarket): Bilancio FED e borsa USA

L’analisi intermarket, nel corso degli ultimi anni, ha subito delle mutazioni. Non si tratta di vere e proprie rivoluzioni, ma diciamo che ci siamo dovuti adattare alle occorrenze. La mano dell’uomo (ed in primis della politica monetaria) ha sicuramente influenzato …
DRAMMA DISOCCUPAZIONE: Italia ai nuovi massimi, Germania ai nuovi minimi

I dati sulla disoccupazione italiana usciti oggi diventano veramente difficili da commentare, non tanto per un discorso di tipo statistico, ma perché mettono a nudo l’estrema difficoltà dell’economia REALE. Insomma, cari signori, è vero che le riforme non hanno effetto …
Lo spettro di DEFLAZIONE e STAGNAZIONE allontana un rialzo dei tassi di interesse

“ALERT! Siamo vicini ad un aumento dei tassi negli USA e forse ancor prima in Gran Bretagna. Quindi occhio ai bond a lunga scadenza”! Ormai queste affermazioni sono diventate un “mantra”. Provate a prendervi i report di una qualsiasi casa …

JAN 06

I temi chiave che potranno cambiare le dinamiche del 2015

Macroeconomia: dopo il tonfo di ieri delle borse tutti si chiedono come sarà questo 2015. Sembrava fosse nuovamente un anno positivo e tranquillo. Noi lo abbiamo anticipato da tempo che sarà ben più volatile. Ma quali saranno i temi fondamentali …

JAN 05

PETROLIO al capolinea: il mercato si prepara all’inversione

Analizzando la curva forward del Brent, notiamo una configurazione che passa da backwardation a contango. Possibile un rimbalzo? Dipende da tanti fattori, però sembra chiaro che il mercato inizi a credere quantomeno ad una stabilizzazione dei prezzi. Prepariamoci per un …
Curva TASSI: Germania e Grecia a confronto

Mettiamo a confronto molto semplicemente la curva dei tassi della Grecia e quelli della Germania, vero benchmark dell’Eurozona. Come potete vedere, l’esplosione del rendimento e dello spread si ha nell’area tra i 6 mesi ed i 3 anni. Segno che …

GREXIT: uscita della Grecia dall’Eurozona non è più impossibile, ora.

Ipotesi uscita della Grecia dall’Euro e dall’Eurozona diventa molto più realistica dopo le dichiarazioni tedesche. Il motivo è perché la Germania sta perdendo il controllo della situazione, dove si ragionava solo con austerity e fiscal compact. Quindi ormai è certo: …

STAY TUNED!

Danilo DT

(Clicca qui per ulteriori dettagli)

(Se trovi interessante i contenuti di questo articolo, condividilo ai tuoi amici, clicca sulle icone sottostanti, sosterrai lo sviluppo di I&M!). E se lo sostieni con una donazione, di certo non mi offendo…

InvestimentoMigliore LOGO

La tua guida per gli investimenti. Take a look!

 

Questo post non è da considerare come un’offerta o una sollecitazione all’acquisto.
Informati presso il tuo consulente di fiducia. Se non ce l’hai o se non ti fidi più di lui,contattami via email ([email protected]).
NB: Attenzione! Leggi il disclaimer (a scanso di equivoci!)

VN:R_U [1.9.20_1166]
Rating: 5.5/10 (2 votes cast)
La BCE affossa i mercati (e chi lo avrebbe mai detto?), 5.5 out of 10 based on 2 ratings
Nessun commento Commenta

I commenti sono chiusi.

Sostieni IntermarketAndMore!

ATTENZIONE Sostieni la finanza indipendente di qualità con una donazione. Abbiamo bisogno del tuo aiuto per poter continuare il progetto e ripagare le spese di gestione!

TRANSLATE THIS BLOG !

I sondaggi di I&M

Come vorresti I&M?

View Results

Loading ... Loading ...
View dei mercati

Google+