ISM & Co: quella strana divergenza sugli indicatori di fiducia USA

Scritto il alle 09:15 da Danilo DT

us-economy-gdp-pil-usa

Quanto è avvenuto ieri in ambito di ISM non manifatturiero è ormai noto.
Come ricordato dalla redazione del sito che ci ospita, sia l’indice PMI che l’ISM hanno mancato le attese, attestandosi rispettivamente a 50,9 punti (da 51,4) e a 51,4 punti (da 55,5). Mentre il primo è stato il più basso da febbraio 2016, ben peggiore è stata la performance dell’indice ISM che è crollato ai minimi da 6 anni e mezzo.

Sebbene entrambi i dati siano rimasti sopra la soglia dell’espansione, il violento peggioramento potrebbe aprire a una prosecuzione del calo anche nei prossimi mesi. I sotto indici non hanno fatto meglio, con i nuovi ordini che sono crollati di quasi 9 punti.
Così, dopo il report deludente dell’ISM manifatturiero pubblicato la scorsa settimana, anche il comparto dei servizi non lascia presagire nulla di incoraggiante per il futuro. Queste figure, infatti, vengono indicate come gli indicatori anticipatori più affidabili dell’economia e aprono a una maggiore incertezza sulla crescita durante l’autunno.

Le brutte indicazioni hanno contribuito a ridurre ulteriormente anche le probabilità di un rialzo tassi Fed a settembre, scese ora a un modesto 15%. La risonanza dei dati macro è stata tanto importante a tal punto di ridurre considerevolmente le probabilità per un rialzo anche a dicembre, ridottesi al 50% dal 65% prima del dato. (Finanza.com)
Eccovi dunque spiegato dove ha trovato al forza l’Euro per rimbalzare in questo modo contro Dollaro.

Però c’è qualcosa che non quadra. I due indici, ISM manifatturiero e non, hanno dato un’indicazione che definirei univoca. E sono due indicatori di sentiment, vero, ma risultano sempre importanti per tastare il polso all’economia USA dal lato della produzione, anche se si tratta sempre di sondaggi (e già in passato, o meglio la settimana scorsa, abbiamo ipotizzato la possibilità di possibili manipolazione di dati per meglio giustificare certe prese di posizione della FED stessa).
La logica dovrebbe essere che, con indici ISM così depressi, gli stessi indicatori di sentiment legati però all’altra parte del mercato, ovvero i consumatori, dovrebbero corrispondere… Ed invece ecco la stranezza.

U.S. consumer confidence significantly increased in August, reaching its highest level in nearly a year, according to new data. The Conference Board, a private research group, announced that its August consumer confidence index had risen to 101.1. Economists surveyed by several media outlets had been predicting a much lower index of around 97 for the month. In July, the revised confidence index was 96.7, a marginal decline from the previous month. (ASI) 

Quantomeno curioso, ma allo steso tempo non casuale. Infatti non si tratta di una rilevazione che va in divergenza. Qui si parla di indicatori che già da tempo hanno preso strade diverse. E come è possibile che l’industria sta per frenare (ricordate? Siamo a fine ciclo economico…) mentre i consumatori sono al settimo cielo?
Qualcosa non quadra. Il grafico è impietoso perché mette a nudo questa strana ed equivoca divergenza.

consumer-us-confidence-ism-manifatturiero-non
Dati distorti? Se si, quali? Oppure come decifrare questa divergenza? Quando non capisco una cosa, preferisco sedermi sul ciglio del fiume ed attendere gli eventi. E se tanto mi dà tanto, il rischio che sia proprio il Consumer Confidence a non raccontarcela giusta è elevato.

Riproduzione riservata

STAY TUNED!

Danilo DT

(Clicca qui per ulteriori dettagli)

Questo post non è da considerare come un’offerta o una sollecitazione all’acquisto. Informati presso il tuo consulente di fiducia. Se non ce l’hai o se non ti fidi più di lui,contattami via email ([email protected]).
NB: Attenzione! Leggi il disclaimer (a scanso di equivoci!)
(Se trovi interessante i contenuti di questo articolo, condividilo ai tuoi amici, clicca sulle icone sottostanti, sosterrai lo sviluppo di I&M!). 

VN:F [1.9.20_1166]
Rating: 10.0/10 (3 votes cast)
ISM & Co: quella strana divergenza sugli indicatori di fiducia USA, 10.0 out of 10 based on 3 ratings
2 commenti Commenta
paolo41
Scritto il 7 settembre 2016 at 11:22

anche la produzione industriale tedesca (dato odierno) è in diminuzione….. ma la borsa DAX dopo un limitato calo sta tornando sui massimi !!!!! I dati economici contano un piffero quando chi agisce è mosso dalla enorme liquidità disponibile e dai bassi tassi….

VN:F [1.9.20_1166]
Rating: 0 (from 0 votes)

Scritto il 7 settembre 2016 at 13:46

Bad news is a good news (bubble bubble….)

VN:F [1.9.20_1166]
Rating: 0 (from 0 votes)

Sostieni IntermarketAndMore!

ATTENZIONE Sostieni la finanza indipendente di qualità con una donazione. Abbiamo bisogno del tuo aiuto per poter continuare il progetto e ripagare le spese di gestione!

TRANSLATE THIS BLOG !

I sondaggi di I&M

BCE: che ne sarà dei bond acquistati con il QE?

View Results

Loading ... Loading ...
View dei mercati

Google+