Valute: Euro in discesa nei forzieri. Si torna al Dollaro USA.

Scritto il alle 15:42 da Danilo DT

Con gli Eurobond la situazione potrebbe cambiare. Ma ora mancano emittenti affidabili nell’Eurozona

Euro che nasce con un obiettivo: diventare la vera alternativa al Dollaro USA. Euro che progressivamente cresce ma che poi, quando arriva la crisi, mostra tutti i suoi limiti e le sue contraddizioni.

E così, progressivamente , l’Euro perde credibilità, forza e peso nei forzieri.
Un report di Barclays ci dimostra che l’Euro è in declino, se non proprio nel cross con il Dollaro USA, ma come valuta di riserva. Anche perché la qualità della “carta” (Bond) è sempre più bassa. E in Eurozona, l’unica obbligazione (che possieda anche volumi di scambio difendibili) ricercata e ben comprata è solo più quella tedesca, il Bund. Altri mercati, in primis quello italiano, uno dei più liquidi del mondo, viene tralasciato perché rappresenta più rischi che opportunità. Troppo forti i rischi di future ristrutturazioni del debito o nuovi rischi di solvibilità e quindi alta volatilità nei corsi.

Grafico valute di riserva

Ripartizione % delle riserve mondiali di valuta delle banche centrali (Fonte: Barclays Capital/Sober Look)

Chi ovviamente ha recuperato terreno è sempre lui, l’antagonista di sempre , il Dollaro USA ma anche altre monete come il CAD e l’AUD, nuove realtà più solide di quelle con l’Euro.
Forse l’unica alternativa che potrebbe creare di nuovo un po’ di fiducia sarebbe la nascita degli Eurobond. Ma questa storia ormai è arcinota. Qualcuno proprio non ne vuole sapere…

Sostieni I&M. il tuo contributo è fondamentale per la continuazione di questo progetto!

STAY TUNED!

DT

Tutti i diritti riservati © | Grafici e dati elaborati da Intermarket&more su database Bloomberg | NB: Attenzione! Leggi il disclaimer (a scanso di equivoci!)

 

VN:F [1.9.20_1166]
Rating: 10.0/10 (2 votes cast)
Valute: Euro in discesa nei forzieri. Si torna al Dollaro USA., 10.0 out of 10 based on 2 ratings
2 commenti Commenta
calciatore
Scritto il 13 aprile 2012 at 18:40

Tranquilli, gli eurobond non nasceranno mai, quindi per potere stare a galla sono dell’idea di shortare pesantemente il cross eur/usd che questa settimana ha dato veramente un gran bel segnale bear. Un ulteriore stimolo sarebbe una bella daily close sotto a 1,30 , ove potrebbe partire un bel ribasso impulsivo con primo target area 1,25. Dal punto di vista grafico il destino dell’euro sembrerebbe segnato, bisogna fare pero’ i conti con la fed. Se le banche americane hanno avuto il tempo di smontare un pochino di assets governativi piigs e di essersi posizionate short sull’azionario un bel crack su risk-off potrebbe arrivare.

VN:F [1.9.20_1166]
Rating: 0 (from 0 votes)

lampo
Scritto il 13 aprile 2012 at 19:53

calciatore@finanza,

A giudicare dall’acquisto sui CDS dei periferici… dell’ultima settimana sembra proprio così.
http://www.isdacdsmarketplace.com/exposures_and_activity/weekly_activity
Siamo tornati al primo posto… e a seguire la Francia. :roll:

VN:F [1.9.20_1166]
Rating: 0 (from 0 votes)

Sostieni IntermarketAndMore!

ATTENZIONE Sostieni la finanza indipendente di qualità con una donazione. Abbiamo bisogno del tuo aiuto per poter continuare il progetto e ripagare le spese di gestione!

TRANSLATE THIS BLOG !

I sondaggi di I&M

Euro o non Euro....questo è il problema?

View Results

Loading ... Loading ...
View dei mercati

Per informazioni, contatti, proteste, idee e quant'altro.... contattatemi !

Image Hosted by ImageShack.us

intermarketandmore@gmail.com

Google+