Una nuova BCE all’orizzonte? SMP, sterilizzazioni e quantitative easing

  • email
  • Facebook
  • Google Bookmarks
  • LinkedIn
  • PDF
  • Print
  • Twitter
  • Technorati
  • del.icio.us
  • Wikio IT

La Banca Centrale Europea è stata sempre criticata per il suo limitato interventismo a livello di politica monetaria.
In altri termini, molti avrebbero voluto una BCE in competizione con FED e BOJ a livello di politica monetaria iper espansiva, con quantitative easing e iniezioni di liquidità. Ad essere sinceri la BCE ha comunque fatto la sua parte. I vari LTRO sono stati dimensionalmente molto grandi anche se, rispetto al QE tradizionale, mirati al salvataggio del debito dei PIIGS con un occhio di riguardo ai bilanci bancari.
Oggi l’Euro resta una valuta molto cara e da più parti si invoca un intervento della BCE, anche perché, come è noto, in Europa inizia a sentirti il rischio della deflazione.
Quali sono le mosse che la BCE potrebbe effettuare nei prossimi mesi. Questa slide di BancaIMI le sintetizza benissimo.

Il primo step è la forward guidance. Costa poco ed è fattibile facilmente.
Poi abbiamo il taglio del tasso refi, segue il tasso sui depositi delle riserve in BCE, con la possibilità di mandarlo in negativo. Sono tutti escamotages che, progressivamente, possono avere un impatto sui mercati anche se sempre in linea marginale.
E poi passiamo all’artiglieria pesante.

Un nuovo LTRO (magari con vincoli su come utilizzare il denaro). Ma siamo sinceri, tutte queste operazioni rappresentano pochi benefici e tanti rischi operativi. Cosa resta?

In perfetto FED Style, resta il quantitative easing, con la BCE che andrebbe a comprare a titolo DEFINITIVO delle obbligazioni di varia natura.
Ovviamente la Bundesbank inorridisce al solo pensiero. O meglio, inorridiva perché, come ho segnalato su twitter, qualcosa si sta muovendo anche in quell’ambito.


Bundesbank che vede con favore l’eventuale NON sterilizzazione dell’SMP? Oh my God! Ma qui stiamo veramente cambiando i dogmi del mercato!
E la giornata di domani potrebbe essere la chiave di tutto. Ma cosa significa questo “Ending SMP Sterilisation”?

Tra il 2010 e il 2012 la BCE ha acquistato oltre € 200 miliardi di titoli di Stato UE per contenere i tassi di interesse e sostenere i corsi (compresi alcuni titoli greci, per la cronaca). Questo programma si chiamava appunto Securities Markets Programme (SMP). Alcuni di questi bond sono poi andati a scadenza e il denaro ottenuto è poi stato mantenuto in bilancio BCE. Rispetto a quanto fatto da FED, BOJ e BOE, che hanno fatto acquisti a titoli DEFINITIVO, la BCE ha “sterilizzato” gli acquisti con dei depositi a termine. Saldo finale pari a zero, nessuna iniezione di liquidità e quindi nessun stimolo per l’inflazione.
Cosa potrebbe fare la BCE? Potrebbe appunto trasformare gli SMP in QE, acquisti a titolo definitivo, liberando i depositi e lasciando circolare il denaro nel sistema (che tra le altre cose oggi ha una liquidità in eccesso che è al di sotto dei limiti di allarme, anche se con tassi a breve sotto controllo).

Tassi Eonia ed Euribor e liquidità in eccesso in Eurozona

In questo modo si avrebbe uno stimolo all’economia, si combatterebbe la deflazione, insomma si farebbe il quantitative easing all’Europea. E domani potrebbe essere il “D-Day” di tutto questo.
Il rischio deflazione è tutt’altro che escluso. Oggi il tasso di inflazione UE è pari allo 0.7% e le previsioni sono di ulteriori ribassi. Quindi si allontana sempre di più l’obiettivo 2%.

(…) Finora la Bce ha interpretato la disinflazione come parte del processo di aggiustamento dei prezzi necessario a restituire competitività ai paesi della periferia. Ma il problema è che il dato (del’inflazione) tedesco (1,3%) è più basso del previsto, mentre quello italiano (0,6% contro una media euro dello 0,7%) è più alto del necessario.
Entrambi i dati dimostrano che l’aggiustamento nell’eurozona sta avvenendo troppo lentamente e al costo di una lunga depressione. Attraverso la sola strategia attuale di “forward guidance” (con la quale la Bce segnala di voler agevolare il credito anche in futuro) il rischio è che il 2%, l’obiettivo d’inflazione della Bce, perda capacità di orientamento delle aspettative di famiglie e imprese. (…) Resterebbe l’arma fondamentale dell’allentamento quantitativo, cioè l’acquisto di titoli pubblici o privati da parte della Bce. Il problema politico è che la Bce finirebbe per acquistare quelli dei paesi dove il credito è più difficile, cioè dei soli paesi indebitati della periferia. (…)

Una soluzione che negli USA ha certamente risolto molti problemi. Ma visto che in economia nulla si crea e nulla si distrugge ma tutto si trasforma, come ben sappiamo, c’è anche un rovescio della medaglia. Si risolve il problema dell’instabilità finanziaria in Eurozona. Ma poi succede come negli USA che si resta “prigionieri” di un circolo vizioso da cui uscire non sarà facile.

(…) La Bundesbank arriva a temere che le aspettative di inflazione possano essere determinate in futuro dalla politica fiscale anche senza monetizzazione del debito (secondo la controversa teoria fiscale del livello dei prezzi). Infine c’è il tema dell’azzardo morale nel risanamento fiscale a cui si sono impegnati tutti i paesi. Sapendo che interverrà la Bce, nessuno si sentirà troppo vincolato al taglio dei debiti nè alle riforme strutturali. In pochi pensano che la Bce abbia la forza di costringere al default un paese troppo indebitato dopo averne acquistato i titoli. Ma sul lungo termine si porrebbe comunque un’alternativa tragica tra inflazione e default. Temendo l’allentamento quantitativo, la Bundesbank ha inviato nei giorni scorsi un messaggio sibillino sulla disponibilità a sostenere un ulteriore modo di allentamento del credito: la non-sterilizzazione degli acquisti di titoli pubblici già operati dalla Bce a favore dei paesi in crisi. (…) [Source: IlSole24h]

Eccolo qui, ne abbiamo parlato prima, la mancata sterilizzazione dell’SMP. Possiamo definirlo un vero QE? Sicuramente no perché la BCE non interviene direttamente sugli acquisti. Ma è sempre e comunque un primo passo in quella direzione, con la benedizione della Bundesbank. Non è certo una mossa che risolverà un gran che ma mette in chiaro la possibilità di un cambiamento all’interno dell’operatività della BCE.
Ovviamente la partita è aperta, e domani sapremo il risultato del primo tempo.

Segnatevelo, domani, meeting BCE. E qualcosa di importante potrebbe accadere.

(Se trovi interessante i contenuti di questo articolo, condividilo ai tuoi amici, clicca sulle icone sottostanti, sosterrai lo sviluppo di I&M!)

STAY TUNED!

Danilo DT

Questo post non è da considerare come un’offerta o una sollecitazione all’acquisto.
Informati presso il tuo consulente di fiducia. Se non ce l’hai o se non ti fidi più di lui, contattami via email.
NB: Attenzione! Leggi il disclaimer (a scanso di equivoci!)

I need you! Sostienici!

dubbi sull’asset allocation del tuo portafoglio? cerchi idee di investimento?
iscriviti gratis alla mailing list di InvesPRO

§ Tutti i diritti riservati © | Grafici e dati elaborati da Intermarket&more su databases professionali e news dal web §


VN:F [1.9.20_1166]
Rating: 10.0/10 (5 votes cast)
VN:F [1.9.20_1166]
Rating: 0 (from 0 votes)
Una nuova BCE all’orizzonte? SMP, sterilizzazioni e quantitative easing, 10.0 out of 10 based on 5 ratings

Commenti (n° 7)Commenta

  1. john_ludd scrive:

    domani non succede nulla di importante Danilo. La sterilizzazione della BCE è già terminata, non è stata un decisione di Draghi ma di Mr. Market e a torto o a ragione è lui che decide. La Bundesbank può rilasciare le solite dichiarazione (non lo farà) ma l’acqua non va all’insù. Non c’è liquidità da sterilizzare, punto. Dei 5 punti di cui sopra nessuno è utile, i primo due servono a zero virgola zero, il terzo rischia di creare una fuga di capitale epocale (chiunque ha capitali oltre un minimo) ha conti in Svizzera, Hong Kong etc, UK, USA… perchè alla BCE dovrebbero spararsi da soli sugli zebedei ? Il quarto serve a guadagnare 6-12 mesi di tempo, un rimbalzello sulle quotazioni della banche in modo che possano cadere di più dopo, mentre il quinto potrebbe rimandare il redde rationem anche di qualche anno e dare modo a chi non è pazzo a provare (senza riuscire) a trovarsi alternative lontano 6000 km almeno.

    VN:F [1.9.20_1166]
    Rating: 0 (from 0 votes)
  2. vichingo scrive:

    Il punto di svolta epocale per salvare l’area euro sarebbe quello di creare un “ombrello protettivo” per i pigs, al fine di sconfiggere, una volta per tutte, la speculazione che gioca all’indebolimento e fallimento degli stati europei più deboli. Unione europea dovrebbe voler dire, oltre unione politica, economico- monetaria, anche accollarsi il rischi di scelte forse sbagliate, ma se si continua in questo modo, il consenso anti euro arriverebbe alla maggioranza assoluta. L’esempio da seguire è sicuramente quello statunitense. Poi, tra parentesi,speriamo vada avanti, con successo l’ingente richiesta danni alle tre agenzie di rating.
    Qualcuno, forse a ragione potrebbe obiettare che un paese ha quello che si merita: corruzione, malaffare , incompetenza dei politici, ecc. ecc., ma in questo momento storico, dove molte persone sono allo stremo, servirebbe un forte e deciso cambiamento di rotta della BCE.

    VN:F [1.9.20_1166]
    Rating: 0 (from 0 votes)
  3. Allegria ragazzi! :mrgreen:

    E’ ovvio che qualsiasi sia la scelta della BCE è buona per il breve. C’è un caso a livello globale che sarà già di per sè catastrofico.
    Abenomics.
    Stiamo solo allungando l’agonia. MA a questo punto, tantovale cercare di vivere meglio gli ultimi giorni di vita, no? :mrgreen:

    VN:F [1.9.20_1166]
    Rating: 0 (from 0 votes)
  4. Ombrello protettivo.
    Di chi? Con che risorse? E con quale fine ultimo? Con quale utilità? Siamo al paradosso finale. Dopo aver riscontrato l’inefficacia dei QE di ultima generazione (il terzo è emblematico) vorremmo copiare anche gli errori? E sarebbe oltretutto un errore catastrofico perchè sarebbe l’errore ‘di ultima istanza’ (ovvero dove si deposita il cerino acceso).
    Certo c’è una gran voglia di prendere la strada che sembra più semplice: le dichiarazioni ‘politiche’ di Napolitano ed Hollande ad es. o quello che stà prendendo forma per gli stress test e l’AQR. Ma è il modello che non funziona…almeno fino a quando la governance mondiale e le sue leve non apparterranno ad una unica mano. E Dio ci scampi.

    VN:F [1.9.20_1166]
    Rating: 0 (from 0 votes)
  5. john_ludd scrive:

    Danilo DT,

    sì Danilo è così, questa volta sono ‘accordo con te. Per cambiare il mondo è 1) troppo tardi 2) nessuno in realtà lo vuole fare, chi ha vissuto in un certo modo non accetta che domani possa essere diverso e chi sinora è rimasto a terra vuole salire sul treno. Per questo, ho cambiato idea su Bernanke dopo avete letto e riletto molte delle sue dichiarazione anche andando indietro anni e anni. E’ esattamente questo il Bernanke pensiero, l’uomo è un pessimista almeno quanto me, sa che che non c’è domani e ha comprato un pò di tempo e ha avuto fortuna che in USA hanno trovato un pò di petrolio a supporto della stamperia. Una volta che anche quello avrà raggiunto il suo picco è tutto in discesa. Grazie Ben, e grazie agli mad drillers americani, potrò fare qualche altro viaggio prima di chiudere baracca e fermarmi da qualche parte a contemplare la luna.

    VN:F [1.9.20_1166]
    Rating: 0 (from 0 votes)
  6. ob1KnoB@finanzaonline,

    “….almeno fino a quando la governance mondiale e le sue leve non apparterranno ad una unica mano. E Dio ci scampi.” —- E’ GIA’ COSI dal 31/10/2013 —– http://www.rischiocalcolato.it/2014/02/fate-attenzione-al-cartello-delle-banche-centrali.html

    VN:F [1.9.20_1166]
    Rating: 0 (from 0 votes)
  7. se ben ricordo Draghi non ha mai annunciato programmi sostanziali (tipo LTRO) nelle sedute scadenziate, ma ha sempre convocato riunioni specifiche. Per il resto ha solo fatto dichiarazioni più o meno retoriche, salvo le occasioni dove ha dichiarato la riduzione dei tassi, evento che potrebbe verificarsi anche domani con una riduzione a 0,10…….
    L’efficacia della BCE sulla risoluzione dei problemi EU e delle sue diseguaglianze è praticamente nulla; se ci fosse la volontà politica a trovare qualche soluzione la Germania e i paesi più o meno forti l’avrebbero già proposta. Ma per il momento politicamente non si muove nulla, nonostante stia aumentando la pressione di movimenti e partiti a riconsiderare l’attuale configurazione dell’EU ed eventualmente dell’euro.
    Circa le prospettive a lungo termine è difficile non essere d’accordo con Danilo e John…

    VN:F [1.9.20_1166]
    Rating: 0 (from 0 votes)