PRESTITI SOCIALI: la COOP sei tu, ma i risparmi non ci sono più!

Scritto il alle 11:25 da Danilo DT

coop-investimenti

E’ un periodo in cui le banche italiane sono nel mirino a causa di una serie di problemi, primi fra tutti l’esposizione nei confronti dei crediti deteriorati, o NPL. Ancora oggi abbiamo più “pratiche” aperte senza soluzioni definitive. Veneto Banca, Popolare di Vicenza e ovviamente MPS sono ancora storie senza una chiara soluzione e ne seguiranno ancora altre, probabilmente, se la situazione macroeconomica non migliora e se non si trovano soluzioni possibilmente condivise con l’Unione Europea, alla faccia della cosiddetta “Unione Bancaria”:
Questa volta però vorrei riportarvi un articolo che ha dell’incredibile, perché tratta di una vicenda che al momento non è nota alla maggior parte dei risparmiatori ma che potrebbe trasformarsi in un bubbone che non ha nulla da invidiare alle banche sopra citate. L’articolo, nella sua completezza, potrete leggerlo cliccando QUI. 
Parliamo dei cosiddetti «prestiti sociali». Le cooperative li hanno utilizzati per trasformarsi in banche senza averne i requisiti. Bankitalia ha taciuto ma ora i nodi vengono al pettine: rovinati in migliaia. E il peggio deve arrivare.

Il prestito sociale, dice Legacoop, finanzia l’attività e quindi è per definizione un investimento a rischio, più delle stesse obbligazioni subordinate. Ma nessuno dice niente, nessuno ne parla…

Nei 1.189 supermercati affiliati a Legacoop funziona una vera e propria banca, che raccoglie i risparmi di 1,2 milioni di soci. Siccome però questa banca non si chiama banca, può fare cose che le banche non possono fare, proprio perchè in questo caso Bankitalia non la vigila. Quindi avrete già capito che siamo nella terra di nessuno. E quando così accade, qualcuno ci mangia ed inesorabilmente qualcuno di rimette.

A Varese, per esempio, sono in 800 i risparmiatori che sono a rischio. Si,  rischiano di perdere tutti i loro risparmi: 7 milioni di euro. A Fidenza sono in 650 e rischiano di perdere 12,5 milioni di euro. A Milano Bollate sono in 700 e rischiano di perdere 16 milioni di euro. A Reggio Emilia sono in 2.250 e hanno già perso tutti i loro risparmi: 33 milioni di euro. E ora altri 1.730 rischiano di perderne ancora 22,5. Il motivo? Semplice: hanno affidato i loro risparmi a una cooperativa, come se fosse una banca. È possibile farlo? Sì, è possibile. Anzi, è stato per anni fin troppo facile. E così le cooperative hanno raccolto dai loro soci, in tutta Italia, oltre 11 miliardi di euro. Avete capito bene: 11 miliardi. Da 1 milione e 200 mila persone circa. Tutta gente semplice: pensionati, lavoratori, famiglie umili. Che, all’improvviso, potrebbero vedere saltare per aria il loro deposito. Puff, via, volatilizzato. Proprio come è successo a Varese, a Fidenza, a Bollate, a Reggio Emilia…

prestito-sociale ottobre 2015_bigLa coop sei tu, ma i soldi non ti ritornano più. Qualcuno ora ci scherza su, ma la notizia è sconvolgente. Così sconvolgente che tutti fanno a gara per tenerla nascosta. Sottotraccia. L’altra settimana i comitati delle diverse cooperative, che stanno cercando di coordinarsi a livello nazionale, hanno fatto una manifestazione a Roma, davanti a Montecitorio. Quasi nessuno se n’è accorto, nessuno ne ha parlato. Eppure il bubbone dei «prestiti sociali» (questo il nome ufficiale) delle cooperative rischia di essere assai più devastante di quello di Banca Etruria, Banca Marche, etc. Anche in questo caso, del resto, abbiamo semplici risparmiatori che si sono fidati e che sono stati traditi. Ma, soprattutto, che nessuno ha protetto e che nessuno sa più come proteggere.

L’unico caso che ha avuto gli onori delle cronache nazionali, per il momento, è quello del Friuli. Molti lo ricorderanno: la CoopCa, che gestiva una quarantina di supermercati in Carnia, e le Coop Operaie di Trieste avevano trascinato nel fallimento i risparmi di circa 20.000 soci, per un totale di quasi 130 milioni di euro . Nell’occasione il sistema delle cooperative era intervenuto per restituire una parte dei soldi e cercare di fermare l’ondata di panico presso gli altri prestatori sociali, cioè gli altri soci che hanno affidato i risparmi alle coop. Per lo stesso motivo Lega coop ha rimborsato anche ìl 40 percento delle somme depositate nelle prime due cooperative saltate a Reggio Emilia: la Coop Muratori di Reggiolo (su 49 milioni di prestiti ne sono stati rimborsati 19, gli altri 30 sono andati in fumo) e la Orion (su 5 milioni di prestiti ne sono stati rimborsati 2, gli altri 3 sono andati in fumo). Ma durante l’ultima riunione, pochi giorni fa, alla presenza della Federconsumatori che sta seguendo tutta la pratica nazionale, Legacoop è stata esplicita: i soldi sono finiti. Rien ne va plus.

Così ora si apre la pagina più amara. Alla cooperativa di costruzioni Di Vittorio di Fidenza si sono visti proporre un rimborso del 25 per cento. Troppo poco. Alla Coopsette e alla Unieco di Reggio Emilia stanno ancora aspettando,ma con sempre meno speranze. Le hanno già perdute tutte, invece, a Varese, dove gli 800 soci della Cooperativa Nuova (che ha realizzato oltre 3.500 immobili in tutta la provincia) da settembre è in mano a un liquidatore. «I 7 milioni di euro che abbiamo depositato lì non sono più disponibili per noi», dice Franca Centofanti, del comitato soci. E non lo saranno mai. I soci prestatori, infatti, sono creditori chirografari, gli ultimi a essere rimborsati’ dopo le banche, dopo i fornitori, dopo tutti gli altri. «È ovvio che per noi non resterà nulla», chiude sconsolato Franco Montali, della coop Di Vittorio di Fidenza, che sta cercando di organizzare il comitato nazionale dei risparmiatori beffati.

Crediti-sociali-coop-prestiti
Ma come è stato possibile arrivare a questo punto?

«Il sistema è degenerato. Forse le coop si sentivano troppo forti, c’è stato delirio di onnipotenza», spiega Giovanni Trisolini, della Federconsumatori di Reggio Emilia. In effetti, è stato così: le coop si sono trasformate in banche, senza poterlo essere. Ma non essendo formalmente banche hanno potuto ignorare tutti quei parametri di bilancio che invece le banche devono avere. Per esempio: vi pare possibile avere 11 miliardi di raccolta credito su un fatturato complessivo di 12 miliardi di euro? Voi direte: qualcuno dovrebbe pur vigilare. Infatti, dovrebbe.

Ma Bankitalia nel frattempo che faceva? Ovviamente, dormiva. L’unico sussulto dell’istituto di via Nazionale si registra il 9 novembre 2016, quando vengono pubblicate le «disposizioni in materia di raccolta del risparmio da parte dei soggetti diversi dalle banche» , in cui si chiedono alle coop garanzie patrimoniali e si introducono obblighi di trasparenza. Un po’troppo poco, un po’troppo tardi. Guardate voi stessi, cliccate QUI.

(…) Le maggiori novità riguardano il “prestito sociale”, ossia la raccolta del risparmio che le società cooperative possono effettuare presso i propri soci. In particolare, sono state rafforzate le garanzie patrimoniali richieste alle società cooperative che ricevono prestiti sociali per un ammontare complessivo superiore a tre volte il proprio patrimonio (e comunque entro il limite massimo di cinque volte); sono stati precisati i criteri per determinare l’ammontare del patrimonio a tale fine; sono stati introdotti obblighi di trasparenza per accrescere la consapevolezza dei risparmiatori sulle caratteristiche e sui rischi del prestito sociale. Le nuove disposizioni ribadiscono il divieto per i soggetti diversi dalle banche di effettuare “raccolta a vista”, attività che rimane riservata solo alle banche; per evitare che il divieto possa essere aggirato, precisano che è considerata “a vista” non solo la raccolta rimborsabile su richiesta del depositante immediatamente o con preavviso inferiore a 24 ore, ma anche quella per la quale è previsto un termine di preavviso più lungo se il soggetto che ha raccolto i fondi si riserva la facoltà di rimborsare il depositante contestualmente alla richiesta o prima della scadenza del termine di preavviso. (…) (Bankitalia)

E il classico socchiudere la stalla quando i buoi stanno già facendo disastri ovunque. E adesso che cosa succede? L’impressione è che siamo soltanto all’inizio della catastrofe. L’impressione (ovviamente sussurrata sottovoce) è che, di quegli 11 miliardi depositati alle coop, pochi siano al sicuro. Le prime a crollare sono state le cooperative di costruzioni e quelle abitative. perché la crisi ha colpito duro innanzitutto lì. Ma ora sono a rischio anche le coop di consumo. Anzi, sono ancora più a rischio perché, come notava Il Sole 24 Ore qualche mese fa, esse «hanno scelto la strada della finanza spesse volte arrischiata o meglio indotta da intrecci politico-corporativi come proprio modus vìvendi». Più che supermercati, insomma, holding finanziarie: come documenta R&S Mediobanca il margine operativo dalle vendite alla cassa è pari allo zero e quel 2 per cento di utili netti sul fatturato che il sistema produce arrivano proprio dalla finanza.

Ma sono al sicuro i soldi dei soci prestatori nelle mani dei gestori di supermercati che sono diventati all’improvviso banchieri per necessità, furbizia, senso di onnipotenza o «intrecci politico-corporativi»?
Fra l’altro la crisi, dopo le coop abitative e di costruzioni, rischia di colpire duramente anche le coop di vendita: il fatturato è in discesa. E alcuni colossi come Unicoop Tirreno (109 negozi) sono andati in crisi con un buco di 100 milioni. E la Banca d’Italia (s’è svegliata! S’è svegliata!) ha fatto notare come quei 930 milioni (930 milioni) depositati dai soci prestatori di Unicoop Tirreno non potevano considerarsi per nulla al sicuro. In questo caso è intervenuto il soccorso ross , la Legacoop ha cercato di dare una boccata d’ossigeno. Ma ora se i soldi di Legacoop sono finiti che succederà al prossimo caso? E quante altre situazioni del genere ci sono in giro per l’Italia? Quante rischiano di esplodere come è successo a Varese, a Fidenza, a Bollate e a Reggio Emilia? E il governo che farà? I comitati dei soci, ovviamente, chiedono di essere tutelati. «Come i risparmiatori delle banche», dicono. Ma i risparmiatori delle banche non sono stati affatto tutelati. E poi: quanti soldi pubblici si potranno versare alle coop senza suscitare l’ira degli italiani? La bomba sta per esplodere. E i danni saranno devastanti.
Ma come sempre lo si capirà…dopo. E molti ignari risparmiatori, un giorno, lo scopriranno. Ma sarà troppo tardi.

STAY TUNED!

Danilo DT

(Clicca qui per ulteriori dettagli)

Questo post non è da considerare come un’offerta o una sollecitazione all’acquisto. Informati presso il tuo consulente di fiducia.
NB: Attenzione! Leggi il disclaimer (a scanso di equivoci!)
(Se trovi interessante i contenuti di questo articolo, condividilo ai tuoi amici, clicca sulle icone sottostanti, sosterrai lo sviluppo di I&M!). E se lo sostieni con una donazione, di certo non mi offendo…

VN:F [1.9.20_1166]
Rating: 9.4/10 (8 votes cast)
PRESTITI SOCIALI: la COOP sei tu, ma i risparmi non ci sono più!, 9.4 out of 10 based on 8 ratings
3 commenti Commenta
remorez
Scritto il 29 maggio 2017 at 14:31

A parte quella friulana le altre sono nel ramo edilizio’ ed i depositanti erano soprattutto soci lavoratori. La vera raccolta diciamo “spuria ” è quella delle coop di consumo (super ed iper) dove il socio partecipa ben poco alla vita sociale, se non quello di fare la spesa. Chiamare poi “libretto” un “prestito” è giocare sull’equivoco bancario, anche se un deposito in banca altro non è che un prestito ; sul fatto che Bankitalia dal 2008 vigilasse sulle banche è opinabile come si è visto.L’intervento come controllore dal gennaio 2017 di Bankitala sui prelievi coop, che bisogna preavvisare anche solo di 1 euro, ha più l’aria di essere un controllo per il riciclaggio, che non un intervento regolatorio. Io comincerei ad abolire il termine “libretto” ; sembra poco ma può essere un inizio.

VN:F [1.9.20_1166]
Rating: +1 (from 1 vote)

luigiza
Scritto il 29 maggio 2017 at 17:34

remorez@finanza,

>> A parte quella friulana le altre sono nel ramo edilizio’ ed i depositanti erano soprattutto soci lavoratori.

Vero. Non per sminuire l’ottimo post del Danilo ma questo problema l’aveva sollevato Oscar Giannino credo più di un anno fa in una delle sue trasmissioni pomeridiane su Radio24.
Silenzio assoluto pura allora.

Quando tutti questi bubboni esploderanno ci sarà carenza di lampioni in Italia.

VN:F [1.9.20_1166]
Rating: +1 (from 1 vote)

perplessa
Scritto il 30 maggio 2017 at 00:04

in compenso però vigila l’Agenzia delle Entrate: adesso devono segnalare i versamenti dei soci, sopra non ricordo esattamente la cifra ma attorno ai 3000 euro. l’ho appreso l’altro giorno quando sono andata a fare un versamento, siccome Coop Luce e Gas la pago tramite il prestito sociale. se qualcuno pensava quindi di nascondere quattrini usando quel canale si deve disilludere.

VN:F [1.9.20_1166]
Rating: +1 (from 1 vote)

Sostieni IntermarketAndMore!

ATTENZIONE Sostieni la finanza indipendente di qualità con una donazione. Abbiamo bisogno del tuo aiuto per poter continuare il progetto e ripagare le spese di gestione!

TRANSLATE THIS BLOG !

I sondaggi di I&M

Come vorresti I&M?

View Results

Loading ... Loading ...
View dei mercati

Per informazioni, contatti, proteste, idee e quant'altro.... contattatemi !

Image Hosted by ImageShack.us

intermarketandmore@gmail.com

Google+