Obbligazioni subordinate: dopo SNS quali rischi per i bond di MPS?

  • email
  • Facebook
  • Google Bookmarks
  • LinkedIn
  • PDF
  • Print
  • Twitter
  • Technorati
  • del.icio.us
  • Wikio IT

La clausola di subordinazione è stata sempre sottovalutata dai risparmiatori e dai venditori. Dopo la nazionalizzazione di SNS Bank e l’esproprio dei diritti di azionisti e possessori di , occorre fare molta attenzione. Un caso che potrebbe NON essere isolato.

In questa fase di è normale trovarsi con una forte correlazione tra tutte le attività con all’interno un rischio intrinseco superiore alla media storica. E’ scattata infatti da un po’ di tempo la Corsa all’asset redditizia. Ed in un amen, in modo quasi didattico, tutto quanto prima NON era porto sicuro (Safe Haven) prende il volo…
Ed è stato il rally dell’equity, dei corporate, degli high yield, ei governativi periferici ecc.
Però in questo scenario quasi “dorato” qualcosa inizia a non funzionare più.

Nel nostro piccolo abbiamo vissuto il downgrade di una società che era data per super solida, quasi un difensivo, ovvero Saipem. Un -40% che ha sorpreso e ci ha fatto meditare su quante altre Saipem ci sono nel mercato, potenzialmente nascoste…
Poi abbiamo visto il default selettivo di Seat Pagine Gialle. E poi ovviamente MPS che dopo riprenderemo.
Ma non solo Italia.

Avrete letto (ne abbiamo parlato anche QUI) della nazionalizzazione di SNS Bank.
Venerdi il governo di Amsterdam ha nazionalizzato questa banca al fine di garantire la stabilità del sistema finanziario nazionale. Era il quarto istituto di credito, non proprio una banca di secondo livello.
E la cosa non è avvenuta “senza colpo ferire”. Azionisti letteramente espropriati dei loro titoli. Idem i possessori di obbligazioni strutturate.
E fate molta attenzione, questi ultimi prodotti, più volte spiegati proprio dal sottoscritto su questo blog, hanno lasciato in braghe di tela molti risparmiatori che forse non avevano ricevuto SUFFICIENTI spiegazioni su cosa stavano acquistando. Infatti è sempre più importante per gli investitori CONOSCERE la distinzione fra i vari livelli di debito. Prima della crisi, i debiti senior e subordinati di una banca venivano messi sullo stesso piano, in qualunque circostanza, tranne nei casi di default in cui i senior bond avrebbero avuto migliori valori di recupero. Però comprare un bond Banca Alpha era sempre visto garantito dalla banca e le clausole di subordinazione passavano in secondo piano. Oggi quei risparmiatori di SNS Bank hanno capito la lezione. Peccato però che l’hanno capita troppo tardi.

Caso isolato oppure caso “scuola”?

Il grande rischio a cui però oggi il mercato è sottoposto è un altro. Quante altre SNS bank sono nascoste nel sistema a nostra insaputa? E la gestione in stile SNS Bank è un caso isolato oppure potrà diventare un caso che farà scuola? La cosa è assolutamente da valutare in quanto proprio qui in Italia abbiamo un problemino che si chiama MPS, ovvero Monte dei Paschi di Siena.
Ora arrivano (quasi certamente, tranne colpi di scena dell’ultimo minuto) i Monti bonds, una valanga di denaro (3.9 miliardi) che metteranno una pezza alle voragini di MPS e permetteranno alla banca di andare avanti. Ovviamente la pezza più grande è quella da mettere ai conti…

Oltre sei ore di riunione del consiglio d’amministrazione per disinnescare la mina derivati. Tanto è servito al board del Montepaschi di Siena per tirare le somme del danno ereditato dalla precedente gestione targata Mussari-Vigni. E alla fine il risultato è una perdita potenziale da strumenti strutturati per 730 milioni nel 2012, ma che in bilancio lievitera’ fino a sfiorare quota 2 miliardi per effetto delle svalutazioni realizzate nei trimestri precedenti.

Al termine del consiglio, i vertici della banca, a partire da Alessandro Profumo, hanno lasciato la sede di Rocca Salimbeni senza rilasciare dichiarazioni. A eccezione dell’amministratore delegato Fabrizio Viola che ha ribadito: «La banca non ha problemi di liquidità», oggi «abbiamo lavorato bene e fatto chiarezza».
E la chiarezza, oggi, è stata fatta sui derivati costruiti nel corso degli ultimi dieci anni dalla vecchia guardia. In particolare, la banca ha precisato che l’impatto dell’operazione Santorini sui conti Mps, al 31 dicembre 2012, è pari a 305 milioni di mentre quello di Alexandria è pari a 273 milioni e `Nota Italia´ di 151,76 milioni. La radiografia del portafoglio finanza su tutte le altre operazioni, fra cui `Patagonia´ non ha rilevato «profili analoghi» a quelli che hanno portato alle perdite sui derivati.
Lo stesso Viola interpellato all’uscita dalla banca si è espresso anche sui 40 milioni di euro congelati oggi dalla Guardia di Finanza nell’ambito dell’inchiesta sull’acquisto di Antonveneta. «Ci andremo a riprendere quelli e altri, se dovessero essercene», ha detto senza mezzi termini, sottolineando ancora una volta che «la banca è stata danneggiata». (LaStampa

Ancora oggi mi chiedo COME farà MPS a rimborsare i Monti Bonds. In caso contrario, lo Stato diventerebbe il nuovo azionista di riferimento della banca: insomma nazionalizzazione. E gli obbligazionisti? E quelli possessori di bond subordinati?
Io prefersco mettervi in preallarme, ancora oggi che le quotazioni di tali bond sono accettabili. Sappiate solo però che questi rischi, quando diventano troppo noti al mercato, non permetteranno più operatività e relative vendite “dell’ultimo minuto”.
E ovviamente, mi fermo qui…

STAY TUNED!

DT

Non sai come comportarti coi tuoi investimenti? BUTTA UN OCCHIO QUI| e seguici su TWITTER per non perdere nemmeno un flash real time! Tutti i diritti riservati © | Grafici e dati elaborati da Intermarket&more su databases professionali e news tratte dalla rete | NB: Attenzione! Leggi il disclaimer (a scanso di equivoci!)


VN:R_U [1.9.20_1166]
Rating: 9.5/10 (2 votes cast)
: dopo SNS quali rischi per i bond di MPS?, 9.5 out of 10 based on 2 ratings
  1. Spagna: il salvataggio delle banche e il nuovo ruolo delle obbligazioni subordinate
  2. Banca MPS: i rischi per azionisti, obbligazionisti e correntisti
  3. Salvata MPS: Tremonti Bond per la banca senese
  4. Greek PSI Bond: le nuove obbligazioni subito male sui mercati finanziari
  5. Covered Bond: obbligazioni ancora per pochi

Info su Danilo DT

La corsa è lunga e...alla fine è solo con te stesso (by Big Kahuna) Per sapere CHI SONO, clicca QUI !

Commenti (n° 13)Commenta

  1. bergasim scrive:

    Il problema non è solo la malafede della banca o la non informazione, perché al contrario dove l’INFORMAZIONE è stata correttamente veicolata il cliente italico continuava e continua a fare orecchie da mercante, prestando SOLO ATTENZIONE, al grido delle sirene ( cedole più alte sono buone ).
    L’investitore italiano medio è e vuole essere UN SOMARO, a lui piace essere abbindolato,coccolato poco importa se un domani ne pagherà lo scotto, nell’immediato è sempre bello sognare, chi nella realtà cerca di aprire gli occhi all’ignaro cliente non ne cava un ragno dal buco, ma la contrario viene equiparato più ad un porta sfiga che un utile alleato.

  2. bergasim scrive:

    Pregasi tanti commenti

  3. bimbogigi scrive:

    I tuoi commenti sono “coloriti” ma centrano perfettamente il punto. Non posso che essere pienamente d’accordo con te, per l’ennesima volta!
    Saluti

  4. EHHH CHE VUOI CHE TI COMMENTO…
    Purtroppo è vero e la gente continua a non capire cosa significa la parola rischio. E sopratutto che il portafoglio dovrebbe sempre privilegiare come CONDIZIONE principale la gentione del rischio e non il potenziale rendimento.
    Detto in modo molto brutale… E’ bello guadagnare tanto, ma proporzionalmente è molto peggio rimetterci!
    Ma queste cose la gente le dimentica, poi si prende le bastonate, e poi dice “non accadrà più”. E poi inesorabilmente ci ricasca. L’avidità è una brutta bestia, ed il sistema che ci gira intorno vive di questa mentalità, regalando sogni e rendimenti ipotetici….

  5. bergasim scrive:

    bimbogigi@finanza,

    grazie mille

  6. lorenzo_1 scrive:

    Dal grafico vedo che i c/c e conti deposito sono più tutelati.
    Cosa pensate del c.d. Rendimax di Banca Ifis dal punto di vista della garanzia del capitale?
    Grazie ciao

  7. cq spesso questi bond spesso hanno tagli di 50.000 o 100.000 minimo, quindi chi ci entra è spesso uno speculatore più che un piccolo risparmiatore.

  8. bergasim scrive:

    meglio parlare di altro, un po di supporti ( o supposte ) di qua o un po di resistenza di la, i tituli da cumpra, VU CUMPRA L’AZIONARIO ITALY?
    Non a caso i primi giornali più letti nell’italica penisola sono quelli sportivi, ho l’impressione che molti frequentatori di blog li frequentino un po perchè fa trendy.
    I commenti dei lettori aumentano solo quando si toccano nevi scoperti, ma al di fuori vi è poi il nulla.
    L’analisi tecnica non è CULTURA FINANZIARIA, Ma forse chi pratica i suoi riti crede di essere figo nel fare trading o crede di guadagnare come quelli che giocano al lotto.
    Ma è inutile farsi il sangue amaro, chi nasce tondo non muore quadrato

    • Questione di punti di vista. L’analisi tecnica non è una scienza esatta ma è un metodo di analisi. Tu puoi pensare anche che è paritetico ai riti Voo-doo di Wanna MArchi. Resta però il fatto che molti trading system sono tarati proprio sui princìpi dell’analisi tecnica. QUindi a qualcosa serve.
      Poi certo, nel lungo periodo i fondamentali dominano, però nel breve è evidente che i fondamentali sono in secondo piano. O hai dei dubbi anche su questo?
      E tu sai benissimo che sono mesi che lo dico.
      ciau

  9. bergasim scrive:

    Dream Theater,

    Come ti ho giù risposto in un precedente post i trading system di cui tu parli non sono accessibili ai comuni mortali, ma sono ad uso e consumo di grosse banche di affari, hedge funds o gente con della gran fresca, o vorresti farmi credere che gli strumenti a disposizione dei profani che vogliano avvicinarsi al riti woo-doo dell’analisi tecnica, sono gli stessi di quelli usati da jpm?

  10. anche per la velocità di esecuzione di questi sistemi

  11. Chi continua a lasciare soldi nei conti, nei bond e in strutturati griffati MPS sta facendo beneficienza

    fare beneficienza a una banca di ladroni e tecnicamente fallita è un lusso non per tutti

    beato chi se lo può pemettere…

    e per non dimenticare: Banca 121, MyWay, 4You, Casaforte e sentenza di Cassazione recente sui contratti retail fuori sede annullati

  12. bergasim,

    mannoz@finanza,
    Beh certo, se parliamo di HFT siamo perfettametne d’accordo. ma non tutto il mondo si muove solo ed esclusivamente su HFT.