Bitcoin e le altre criptovalute: qualche riflessione

Scritto il alle 14:25 da Marco Dal Prà

Mentre scrivo questo articolo, il mercato delle criptovalute sta passando un momento di profondo rosso, tanto che la capitalizzazione di mercato sta scendendo sotto i 210 Miliardi di dollari, contro gli 800 toccati a gennaio.

Sono dati riportati da coinmarketcap.com, ma altri siti come Onchainfx.com riportano un dato ancora peggiore, cioè sotto i 200 Miliardi. Del resto solo bitcoin questa settimana ha fatto un bel -15%, un numero che non trovo certamente incoraggiante.

Più volte mi sono sentito chiedere se c’è una spiegazione tutto a questo calo, ma purtroppo la spiegazione non c’è, o meglio ce ne sono molte ma tutte sempre molto personali e molto opinabili.

Tra l’altro da “tecnico” non trovo spiegazione logica a tutto questo pessimismo, visto che i team di sviluppo delle varie criptovalute stanno lavorando sodo per migliorare i software sia dal lato blockchain che da lato utente.

Si sentono continuamente comunicati relativi a nuove funzioni, accordi stipulati con istituzioni finanziarie più o meno note, rilasci di nuovi software per gli smartphone e tante altre news.

Basta guardare siti come cryptonomist.ch o Cointelegraph , per vedere quante novità ci sono quotidianamente, senza contare i siti internazionali come Coindesk o CCN.com, tanto per sottolineare il fermento che c’è nel mondo crypto.

L’errore che fanno in molti, infatti, è di credere che un momento orso del mercato comporto l’abbandono dei progetti. Sarebbe come sostenere che il reparto corse della Ferrari si debba ritirare dal campionato mondiale di Formula 1 perché le azioni in borsa sono in un periodo ribassista.Ovviamente è un ragionamento assurdo e nella realtà le cose non stanno così, perché chi lavora ha obiettivi a lungo termine.

Tra l’altro, se dovessi immedesimarmi in un programmatore che lavora su bitcoin, o altre blockchain, direi che i periodi ribassisti sono un pungolo per rilasciare nuovi software o nuove funzionalità per le app esistenti.

Un incentivo a fare meglio, bene e presto.

Vorrei infine ricordare che le criptovalute sono nate come monete alternative alle monete emesse dalle Banche Centrali. Questo è il loro scopo. Sono monete private che tra l’altro metteranno in evidenza i pregi ma soprattutto i difetti delle monete di Stato. I regimi di monopolio sono sempre sbagliati e Bitcoin è qui per spezzare questo regime.

Ma soprattutto è qui per restare.

Ci vorrà del tempo per il suo consolidamento, ma la tecnologia che c’è sotto è troppo rivoluzionaria e positiva per essere abbandonata.

Buona Blockchain a tutti.

 

VN:F [1.9.20_1166]
Rating: 9.0/10 (6 votes cast)
Bitcoin e le altre criptovalute: qualche riflessione, 9.0 out of 10 based on 6 ratings
Tags:   |
Nessun commento Commenta

Sostieni IntermarketAndMore!

ATTENZIONE Sostieni la finanza indipendente di qualità con una donazione. Abbiamo bisogno del tuo aiuto per poter continuare il progetto e ripagare le spese di gestione!

TRANSLATE THIS BLOG !

I sondaggi di I&M

Come vorresti I&M?

View Results

Loading ... Loading ...
View dei mercati

Google+