Tra Federal Reserve e correlazioni evidenti

Scritto il alle 10:46 da Danilo DT

stocks_top

Ieri sera abbiamo assistito all’ennesima “zona Cesarini”. Questa volta però inversa.
Il mercato azionario e nella fattispecie il nostro benchmark, lo SP 500,  in close è scivolato brutalmente per piombare in area 1097-1100 (cerchio giallo) e formare un trading range. (1)
Ma il mercato è in preda al caos. Ed è questa la novità. Se fino all’altro giorno era tutto “organizzato” ora inizia a scricchiolare il meccanismo intercorrelazioni tra le varie asset class. Il rischio è che si inizi a smontare il giochino del carry trade e delle speculazioni.
Infatti con borsa laterale e apparentemente in indebolimento, abbiano un dollar index (quadro 3) che si rafforza.
E nel frattempo, il T Note (2) frena la sua discesa e disegna un triangolo. E per concludere le commodity /4) che no ci forniscono una figura positiva. Nell’intraday.
Ribadisco quanto detto ieri: l’intermarket si sta evolvendo, qualcosa sta cambiando e nel week end con Compass approfondiremo la questione.

grid-intermarket-correlation

Correlazione Dollar Index e SP 500 con spread

 

Comunque sia, questo grafico testimonia in modo ideale un fatto: la correlazione inversa tra dollar index e SP 500 (e borse in generale) è fortissima: indice a -0.876, molto vicino all’unità.
E questo la dice lunga sui rapporti tra carry trade, speculazione e indici borsistici.

spx-dxy-dollar-us-index

Attacco frontale alla FED

 

Tra gli elementi che più hanno mosso il mercato ieri è stato l’attacco subito da Ben Bernanke al Senato, in particola modo dal Senatore Bunning.
Guardate qui il video ed i commenti da una famoso blog americano.

Il Governo accusa la FED, la Federal Reserve accusa invece il Governo di volergli togliere l’indipendenza.

“La FED è la definizione dell’azzardo morale”.”Faremo il possibile per bloccare la sua rinomina”. Ovviamente poi c’è anche chi appoggia la sua rinomina.

Personalmente ritengo Ben Bernanke una persona capace e tutt’altro che stupida. Come già detto in passato, avrei voluto vedere un altro al suo posto. Si è trovato con una crisi generata dai suoi predecessori (Alan Greenspan) e ha fatto i possibile per arginarla. Non dimentichiamo mai che Bernanke era uno dei più grandi Studiosi delle cause che hanno generato la Grande Depressione degli anni ’30 e quindi, ha fatto il possibile per evitare quello scenario.
E ci è riuscito, il problema ovviamente sono gli effetti collaterali della cura e tutto quello che ancora deve essere sistemato.

L’alternativa? Certo che c’era! Però significava fare fallire banche e sistema economico.
Ma signori, siamo onesti, avreste preferito tornare all’età della pietra oppure accettereste, anche se con amarezza, magari anni di crescita anemica, ma senza particolari traumi?

DAILY BRIEFING

STAY TUNED!

Segui il blog con gli RSS feed gratuitamente!

Image Hosted by ImageShack.us

Cercami su facebook come Drim Tiater!

La “filosofia” di IntermarketandMore è quella di fornire ai lettori un servizio etico, indipendente e di qualità. Credo che in questo momento di grossa volatilità sia importante avere dei riferimenti con queste caratteristiche.Vi chiedo di valutare soggettivamente se questo blog merita di essere sostenuto con una donazione, un contributo che ha una grande importanza per il proseguo di questa attività. Vi invito a cliccare sul banner DONAZIONE qui a fianco, nella colonna di destra.
Grazie a tutti!
DT

Nessun commento Commenta

I commenti sono chiusi.

I sondaggi di I&M

VEDO PREVEDO STRAVEDO tra 10 anni!

View Results

Loading ... Loading ...