Rimbalzo e livelli chiave

Scritto il alle 12:29 da Danilo DT

Al momento possiamo affermare che il pericolo, nell’immediato, è scampato. Il grafico che ieri ho proposto nel post “Terremoto annunciato”, continua ad essere valido. La situazione quindi si è leggermente normalizzata. Non possiamo certo negare che, ad amplificare enormemente il ribasso di venerdì, sono state molte posizioni speculative chiuse a seguito della violazione tecnica di importanti supporti, che hanno fatto scattare gli stop loss. Questo movimento, partito dalla borsa USA, ha ovviamente (…la globalizzazione…) avuto ripercussioni su tutti i listini globali.

Un ribasso solo tecnico?

La correzione dei mercati finanziari è stata sicuramente dovuta ad una reazione tecnica. Ma… c’è dell’altro? Ovviamente si… E chi mi legge, sa che io sono abbastanza preoccupato dello scenario che via via va delineandosi. Nell’area V.I.P ( ovviamente non è nulla di gossip, V.I.P. sta per Very Important Post, dove ho racchiuso i post che, secondo me, sono importanti…) troverete alcuni dei post in cui disegnavo scenari per il futuro. La crisi dei subprime e dei derivati, il rialzo delle materie prime con i rischi inflattivi che ne conseguono, il rallentamento globale, la crisi e le tensioni geopolitiche, ci portano quanto meno alla prudenza. Il rallentamento, inoltre, è visibile anche dalle trimestrali in uscita in questi giorni. Negli USA, la crescita media degli earnings è al momento negativa e pari allo 0,53% y/y. Gli analisti stimano per il Q3 ’07 una decrescita media degli utili pari allo 0,60% e per il Q4 ’07 un aumento degli earnings su base annua del 9,9%. Le migliori notizie sono finora provenute dal settore dell’ information tech, le peggiori dal comparto dei finanziari. Il problema è che forse il mercato non sconta ancora tutta la potenziale negatività. Ma, come ho già detto in passato, tutto questi nodi verranno al pettine, sempre se i miei timori si concretizzeranno. E se non sarà così, ben felice di ricredermi. Vorrà dire che il “guidatore ubriaco” ha avuto ragione… Cliccate qui per vedere a cosa mi riferisco…

Sagra dei canali: Nasdaq, S&P 500, SP MIB, Mibtel

Nasdaq 2007 chart graficoDevo ammettere che tecnicamente è una situazione interessante per l’equity. Il motivo è il seguente: quanto ci sono più grafici con un’impostazione tecnica simile, significa che si confermano a vicenda, e quindi la loro validità operativa aumenta. Ed è proprio quello che succede in questo caso. Guardate il grafico del Nasdaq. Il mercato è salito fino alla trendline rialzista rossa per poi fare un pull back sul livello dei massimi precedente, in modo ultra preciso. E qui un rimbalzo era auspicabile. Difatti è tornato sulla MM21. La negatività sull’indice tech ci sarà in caso di rottura di quota 2725. SPMIB grafico 2007E lo SP 500 ? Beh, anche qui la situazione è molto simile.

Come è molto simile per il nostrano SPMIB (qui a fianco), anche se il canale è di breve e non di medio lungo. Ieri si è formata una spinning top con gap che molto probabilmente verrà chiuso nelle prossime sedute.

 

 

 

Morale: ecco i livelli chiave

Quindi la morale è molto semplice. Occorre monitorare la tenuta di questi livelli:

– Nasdaq: 2725
– S&P 500: 1490
– SPMIB: 39200

Vedrete che se reggeremo questi livelli, il mercato avrà spazio, altrimenti uno scenario più cupo potrebbe scendere sui mercati.

VN:R_U [1.9.20_1166]
Rating: 0.0/10 (0 votes cast)
Nessun commento Commenta

I commenti sono chiusi.

Sostieni IntermarketAndMore!

ATTENZIONE Sostieni la finanza indipendente di qualità con una donazione. Abbiamo bisogno del tuo aiuto per poter continuare il progetto e ripagare le spese di gestione!

TRANSLATE THIS BLOG !

I sondaggi di I&M

BCE: che ne sarà dei bond acquistati con il QE?

View Results

Loading ... Loading ...
View dei mercati

Google+