REPORT: STRATEGIE OPERATIVE (Bonds)

Scritto il alle 10:00 da Danilo DT

monete.jpg

Riprendiamo il discorso di ieri (a livello strategico) facendo un piccolo approfondimento sul mercato obbligazionario. Difatti no dimentichiamo MAI che, comunque sia, i bonds rappresentano , nei portafogli dei risparmiatori, la fetta più consistente (in particolar modo sul mercato italiano).
Clicca qui per vedere la prima parte del REPORT.

Risk Adversion, Fly-to-quality e borse

Come già detto in passato, siamo in un momento di mercato dove è facilmente comprensibile un fenomeno di “risk Adversion”, ovvero una certa fuga dal rischio finanziario, non solo sull’equity ma anche sul mercato obbligazionario. Difatti, abbiamo avuto modo di vedere chiaramente quanto il cosiddetto “Fly-to-quality” abbia contribuito a far lievitare i corsi dei bonds ad alto rating (Benchmark governativi come i Bunds e molte AAA) sia per una fuga di denaro dal mercato azionario e sia per uno switch (passaggio) dai titoli con rating più basso (sarebbe più coretto dire “i titoli obbligazionari più volatili”, vista la scarsa affidabilità dei ratings) ai titoli considerati “porto sicuro”.

bund itraxx borse s&p 500Questo discorso (come spesso faccio…) è anche visibile con chiarezza tramite i grafici. Guardate questa interessante sovrapposizione. La correlazione tra il Bund e l’ITRAXX è evidente. Più aumenta la paura di eventuali default (visibile da un aumento dell’indice ITRAXX), e più il bund acquista valore. Ne deriva una correlazione diretta molto chiara. Ed è interessante vedere, però, come invece prima di giugno 2007 tale correlazione non esisteva, in quanto… non c’era più la percezione del rischio (cerchio verde). I mercati erano come “drogati” e quindi anche le obbligazioni più pericolose si consideravano sicure.
Vi ricordate quando vi parlavo di una “curva di rendimenti piatta”? Chi legge il blog da più tempo, forse si ricorda…
Altrettanto interessante è la perfetta correlazione inversa tra questi 2 elementi e il trend delle borse, correlazione ancora più evidente proprio in questi giorni di rimbalzo dei mercati azionari.

Come investire sul mercato obbligazionario?

Ritengo la curva dei tassi USA poco interessante. Essendo il $ una valuta ancora a rischio svalutazione, preferisco al momento restare in area Euro. Sulla curva in euro, la correzione recente del tratto a breve e il perdurare di tensioni sul mercato interbancario hanno reso ancora più interessante il tratto breve della curva.
curva tassi area euro benchmarkDal grafico potete notare che quindi la curva si impenna dai 4 ai 15 anni, mentre prima è invertita, a causa della crisi dei mercati finanziari. (per essere coerente, la curva dovrebbe essere, nella parte iniziale,come disegnato dall’ipotetico tratteggio viola). Quindi è giusto approfittarne. Ecco perché preferisco investimenti a breve, magari legati all’Euribor che proprio in questi giorni è tornato, a 3 mesi, in area 4.80% (e quindi perché non scegliersi un bond con tasso variabile indicizzato Euribor + uno spread?).

E questo è quanto. Spero di essere stato chiaro. Sono ovviamente aperte contestazioni, critiche costruttive e discussioni varie.
STAY TUNED !!!

– Annuncio per gli amici lettori –
Sostieni il blog di Intermarketandmore! Fai una donazione (vedi a lato come procedere oppure visita la pagina “Chi sono”) o leggi questo post.
Grazie e buona lettura!DT

VN:F [1.9.20_1166]
Rating: 0.0/10 (0 votes cast)
Nessun commento Commenta

I commenti sono chiusi.

Sostieni IntermarketAndMore!

ATTENZIONE Sostieni la finanza indipendente di qualità con una donazione. Abbiamo bisogno del tuo aiuto per poter continuare il progetto e ripagare le spese di gestione!

TRANSLATE THIS BLOG !

I sondaggi di I&M

VEDO PREVEDO STRAVEDO tra 10 anni!

View Results

Loading ... Loading ...
View dei mercati

Google+