ITALIA, troppa grazia! Dove è finito il premio al rischio?

Scritto il alle 09:04 da Danilo DT

Se dovessimo guardare il mercato obbligazionario, mi verrebbe quasi da chiedermi se veramente vale ancora il detto “il mercato sconta tutto” oppure “il mercato non sbaglia mai”. Perché la fotografia dell’Italia che vediamo grazie ad alcuni grafici, è quella di un paese che non si trova in particolari difficoltà. Non dimentichiamo infatti che il nostro debito PIL decollerà oltre area 160%, che la nostra produzione è ancora a marcia super ridotta, che abbiamo problemi di sostenibilità in tutti i settori, oltre che problemi di natura demografica. Insomma, di dubbi ce ne sono tantissimi. Intanto però questo è quanto vediamo oggi.

Grafico 1: Italia Germania Spread: Titoli di Stato e CDS

Se guardiamo lo spread tra Germania e Italia, o ancor meglio il contratto assicurativo anti default (CDS), notiamo che il nostro titolo di stato addirittura ha migliorato considerevolmente il suo livello di sicurezza.

Grafico 2: BTP benchmark, i rendimenti

Se andiamo a vedere i rendimenti dei titoli BTP benchmark, notiamo che i titoli a uno e due anni restano a rendimenti negativi, mentre a 5 anni siamo a +0.3%. In altri termini, vincolo il mio denaro fidandomi ciecamente dell’Italia per 5 anni, accontentandomi di uno 0.3% lordo. Morale: azzeramento TOTALE del premio al rischio.

Grafico 3: possibilità di default e ItalExit? Minime.

E di conseguenza, le possibilità scontate dal mercato sia di default del nostro debito, che di uscita dell’Italia dall’Euro, sono ridotte al lumicino.
Una mano l’ha data probabilmente il risultato elettorale che scongiora a breve il rischio elezioni. Sicuramente continua ad aiutare l’immane massa di liquidità presente sul mercato. Sicuramente influisce in modo determinante la “mano” della BCE e le prospettive di miglioramento (…) post utilizzo Recovery Fund. M a detto tutto questo, l’Italia merita tanta grazia?

(…) Tra giugno e luglio gli investitori esteri hanno sottoscritto titoli italiani per 14 miliardi di euro compensando solo in parte la fuga di marzo e aprile quando, in coincidenza con lo scoppio della pandemia, si registrarono 66 miliardi di riscatti netti. Questi numeri secondo Unicredit segnalano che il mercato è ancora piuttosto riluttante ad esporsi sul rischio Italia alla luce del peggioramento dei fondamentali (il netto aumento del debito per fronteggiare la pandemia) e dell’ipotesi di declassamento del rating che non è ancora del tutto scongiurata. (…) [Source] 

Vedendo quanto scritto sopra, sembra invece che sia esattamente l’opposto. Anche perché mancano teoricamente quelle basi su cui poggiare le speranze di una ripresa e di una maggiore solvibilità. Quelle basi sono date da una solida ripresa. E quindi puntiamo tranquillamente il dito contro la BCE, che in questo contesto di mercato, resta in ogni caso molto “supportive” per il debito italiano, essendo in modalità ultra-accomodante. E siccome tutti sanno bene che non conviene “sfidare le banche centrali” possiamo anche dire che nemmeno l’arrivo di nuova carta dovrebbe appesantire in modo significativo i prezzi dei nostri BTP. Anzi, lo spread è un plus che tenderà a restringersi proprio grazie alla BCE. Area 100? Chi lo sa, anche meno, ma tanto non sarà un nostro merito, ma una conseguenza legata all’operato di un buyer unico e fortissimo che tiene in piedi la baracca. Un buyer che però ha firmato la sua condanna, perché sarà estremamente difficile per tutte le banche centrali organizzare delle “” nei prossimi anni che siano indolori. Non possiamo che assistere da spettatori.

Clicca QUI per vedere l’elenco dei post della saga #TheBigCrisis

STAY TUNED!

Danilo DT

(Clicca qui per ulteriori dettagli)

Questo post non è da considerare come un’offerta o una sollecitazione all’acquisto. Informati presso il tuo consulente di fiducia.
NB: Attenzione! Leggi il disclaimer (a scanso di equivoci!)

VN:F [1.9.20_1166]
Rating: 9.1/10 (7 votes cast)
ITALIA, troppa grazia! Dove è finito il premio al rischio?, 9.1 out of 10 based on 7 ratings
2 commenti Commenta
draziz
Scritto il 25 settembre 2020 at 10:02

Caro DT,

scusa ma ancora una volta i conti non tornano o, meglio, sappiamo sì dove puntare il dito:

“…il nostro debito PIL decollerà oltre area 160%, che la nostra produzione è ancora a marcia super ridotta, che abbiamo problemi di sostenibilità in tutti i settori, oltre che problemi di natura demografica”

Come pretenderesti che non possa decollare il debito data l’incessante politica vessatoria (IL RIGORE A TUTTI I COSTI!) da parte dell’Europa (con Germania e Francia in testa per conquistare spazi di mercato a danno nostro…) e da parte di “illuminati” che volutamente hanno fiaccato la domanda interna?

Pensi che l’arrivo indiscriminato di masse di poveretti e delinquenti possa produrre un impulso del PIL solo per la necessità di vestirli e alloggiarli sine die?
Se l’argomentazione che vuoi usare mette come esempio l’Australia (volutamente popolata all’inizio della sua storia e per decenni da galeotti ed emarginati), penso che dovrai aspettare qualche lustro per vedere dei minimi risultati.

Aggiungi anche la rinnovata intenzione di agire sulla leva fiscale, in aumento, da parte dell’Europa (nonostante le moine di facciata si ripete l’eterna presa per il…) ed avrai la dimostrazione del perchè il comune cittadino, sempre meno appartenente al ceto medio e sempre più schiacciato verso il basso, abbia deciso di tenere i pochi averi sul conto corrente e magari anche occultarli il più possibile a chiccessìa.

Il risveglio dal sonno della “comune casa europea con vantaggi per tutti” è già iniziato per molti e le limitazioni all’espressione democratica, con gli evidenti commissariamenti e privazione delle elezioni per eleggere diversi Governi, già hanno fornito una prova dell’apertura delle porte del lager che ci aspetta.

Come pensi che possa avvenire una ripresa se chiudi le aziende, che siano di qualunque dimensione?
Done pensi che possa essere riassorbita la forza lavoro e le competenze così eliminate?
Telelavoro? Smart working ed economia del web per tutti?
Spiacente ma siete ancora lontani anni luce dalla possibilità di una effettiva realizzazione, o quanto meno di una realizzazione equilibrata che dia risultati di crescita per tutta la società.

La realtà è che questa Europa assomiglia sempre più ad un soggetto tratto da un film o da un libro e non certamente dai contenuti edificanti.

A presto

VN:F [1.9.20_1166]
Rating: +2 (from 6 votes)

Scritto il 25 settembre 2020 at 11:45

Il prossimo post infatti…. ;)

VN:F [1.9.20_1166]
Rating: 0 (from 0 votes)

Sostieni IntermarketAndMore!

ATTENZIONE Sostieni la finanza indipendente di qualità con una donazione. Abbiamo bisogno del tuo aiuto per poter continuare il progetto e ripagare le spese di gestione!

TRANSLATE THIS BLOG !

I sondaggi di I&M

Euro o non Euro....questo è il problema?

View Results

Loading ... Loading ...
View dei mercati

Google+