Il mondo a sostegno all’area Euro

Scritto il alle 09:47 da Danilo DT

In parole povere potremmo sintetizzare la giornata di ieri con una frase che racchiude in sé tutto quanto detto nelle scorse settimane: non sottovalutiamo la forza delle banche centrali.

Ci sono stati una serie di fatti concomitanti che hanno contribuito in modo decisivo a dare il “LA” al rally delle borse e non solo.
L’asta dei governativi Portoghesi ha poi dato ulteriore fiducia al mercato, fiducia che però già prima era molto presente (E notate bene, parliamo soprattutto di Area EURO),
Infatti c’è stato un connubbio tra le varie banche centrali ed i vari stati che, in concerto, hanno dato sostegno morale ed economico ai cosiddetti “bond periferici”. Morale, perché anche dall’estremo Oriente (Cina e Giappone) si sono avuti forti messaggi di sostegno (volontà di acquistare altri bond periferici) ed economici in quanto la BCE non ha mai smesso di sostenere il mercato e di comprare obbligazioni.

Rendimento bond Portogallo

La stessa Angelona Merkel, da sempre un osso duro per i sostenitori degli E-Bonds e dell’EFSF, in concerto con l’altro big europeo, Nick The Quick Sarkozy, intervengono con dichiarazioni rassicuranti in ambito di sostegno che diventa praticamente “incondizionato”.
Ovvio che questo è solo fumo. Ma cosa oggi sui mercati non lo è? E’ un sostegno psicologico che è più che sufficiente per dare tranquillità e sicurezza.
In parole povere quindi è nuovamente RISK ON.
E nel frattempo, la rinnovata sicurezza sui periferici dà ossigeno all’Euro che torna a crescere, anche se il cross EUR/USD si ritrova “pizzicato” tra carry trades, Spread sui titoli e mille altri fattori che ne condizioneranno in modo determinante l’andamento nelle prossime settimane.

I CDS dell’area dei periferici



Conclusioni: un gran polverone si è alzato, un forte entusiasmo è stato generato artificiosamente. Si è fatto il possibile per gonfiare il mercato e l’entusiasmo. E quindi è la classica euforia psicologica. Questo però deve mettere in guardia tutti.

 

I longhisti innanzitutto perché è un rally che si basa su requisiti non solidi (a meno che ci siano novità che oggi ignoro) e a comprova di tutto ciò basta guardare le banche che cosa hanno fatto ieri in borsa (Vedi il post dedicato).

Ma anche gli shortisti, in quanto la forza generata ieri non ci può lasciare indifferenti e i tori, rigenerati dalla bibita energizzante delle Banche Centrali che sostengono generosamente il mercato a 360 gradi, tornano a scalpitare (anche se non per molto).
Manteniamo un profilo di prudenza (e The Trender ne è la comprova) e restiamo in attesa degli eventi.

Ti è piaciuto questo articolo? Clicca qui a fianco e Votalo su Wikio!

STAY TUNED!

DT

Tutti I diritti riservati ©
Grafici e dati elaborati da Intermarket&more sulla database Bloomberg

NB: Attenzione! Leggi il disclaimer (a scanso di equivoci!)

Sostieni I&M!
Clicca sul bottone ”DONAZIONE” qui sotto o a fianco nella colonna di destra!

Image Hosted by ImageShack.us

Seguici anche su Twitter! CLICCA QUI!

Vuoi provare il Vero Trading professionale? PROVALO GRATIS!

35 commenti Commenta
mattacchiuz
Scritto il 13 Gennaio 2011 at 10:02

me li immagino già i baschi, o catalani quando dovranno insegnare giapponese nelle loro scuole… oppure il nuovo nome del trattato di lisbona-pechino…

mamma mia che roba!! :mrgreen:

bergasim
Scritto il 13 Gennaio 2011 at 10:05

dopo la piovra godman sachs arriva il polipo bergasim

Scritto il 13 Gennaio 2011 at 10:08

bergasim,

:mrgreen:

idleproc
Scritto il 13 Gennaio 2011 at 10:09

Dream, ho letto questa mattina su un giornale di un Euro B per “periferici” in modo che possano svalutare: ti sembra un’ipotesi praticabile? In quella direzione vedrei uno sconquasso finanziario, forse peggio che tornare alle vecchie monete nazionali. O sono le solite c. che girano per preparare il terreno ad una patrimoniale?

mattacchiuz
Scritto il 13 Gennaio 2011 at 10:19

idleproc@finanza,

e per fare cosa?
stanno facendo tutto sto casino mica per salvare qualche stato, ma per salvare le banche che hanno in pancia i debiti degli stati.
se permetti agli stati di svalutare, allora cosa potranno pretendere? che continuino a pagare gli interessi sui debiti con una moneta che vale magari il 50% di meno? pura follia e sarebbero punto e a capo.
oppure prima dovrebbero costringere gli stati incriminati a scambiare i loro debiti detenuti all’estero con una porzione, eventualemente tutta, dei beni dei loro cittadini: “ripigliati i tuoi debiti e ridammi i miei! 🙂 e poi fate quel che volete…” 🙂

idleproc
Scritto il 13 Gennaio 2011 at 10:35

mattacchiuz,

“La seconda che hai detto” 😀

bergasim
Scritto il 13 Gennaio 2011 at 10:50

i saldi sono iniziati anche in cina, vado a fare un pò di shopping spero solo di non trovare un gran ressa.

http://pragcap.com/is-there-a-property-bubble-in-china

mattacchiuz
Scritto il 13 Gennaio 2011 at 11:08

bergasim,

si dai però questo non è che voglia dire molto…

bergasim
Scritto il 13 Gennaio 2011 at 11:18

certo però unito alle possibili 64 milioni di case vacanti, ai prezzi alle stelle, agli areoporti fantasma, agli oltre 500 centri commerciali costruiti negli ultimi 5 anni ( i quali aspettano una classe media, che in cina ancora non esiste), all’inflazione ben oltre il 5,1% ufficiale, ai prezzi delle materie prime alle stelle, ai problemi per i prestiti facili, il rallentamento dell’export, ma forse visto così un minimo mi farebbe pensare.

mattacchiuz
Scritto il 13 Gennaio 2011 at 11:41

si ma il problema è che non gliene frega a nessuno di queste cose.

tutto il crollo del 2008 è stato causato dalle banche e dalla finanza. l’economia non centra nulla, ma proprio nulla. forse un giorno, ma non ne sarei neanche troppo sicuro. lo schema è quello dell’economista Charles, Ponzi Charles :-). Finchè da dietro banche centrali e governi assecondano, il castello non crolla. e potranno anche esserci 3 case vuote a testa, che non importa. :mrgreen: :mrgreen:

pecunia
Scritto il 13 Gennaio 2011 at 11:54

mattacchiuz: si ma il problema è che non gliene frega a nessuno di queste cose. tutto il crollo del 2008 è stato causato dalle banche e dalla finanza. l’economia non centra nulla, ma proprio nulla. forse un giorno, ma non ne sarei neanche troppo sicuro. lo schema è quello dell’economista Charles, Ponzi Charles :-). Finchè da dietro banche centrali e governi assecondano, il castello non crolla. e potranno anche esserci 3 case vuote a testa, che non importa.   

buongiorno!
tornato dal paese di Ataturk? (ho letto qua e là i 3ad..)
storia, popolazione giovane, risorse. Grande paese, secondo me. 😉

bergasim
Scritto il 13 Gennaio 2011 at 11:54

vedremo

amensa
Scritto il 13 Gennaio 2011 at 12:06

mattacchiuz,

“…tutto il crollo del 2008 è stato causato dalle banche e dalla finanza. l’economia non centra nulla….”
beh… Matta… non ne sarei così sicuro… il credito troppo facile ha anche indotto una super capacità produttiva, che, ora, con possibilità ridotte, sarà ben difficile ch evenga usata e soprattutto non disincentivi ricerca e nuovi sbocchi produttivi. e questa èeconomia reale, realissima.
quando si parla di immobiliare, poi, come ho già fatto presente altre volte, il suo sviluppo è sempre da vedere in funzione dallo sviluppo demografico, e non solo come numero di figli per coppia ma come densità demografica.
un conto è se una coppia fà due figli a 20 anni ed un altro se li fa a 40, dal punto di vista della densità, perchè nel primo caso potremo avere presenti in ogni momento storico x anche 3 o addirittura 4 generazioni, nel secondo quando ce ne sono 2 va già bene.
e questo fattore da la ragione per la produzione abitativa.

amensa
Scritto il 13 Gennaio 2011 at 12:12

….. mentre per il discorso banche centrali, io ho la bruttissima sensazione che esse agiscano come un lente di ingrandimento. creano una illusione ottica, una falsa immagine in cui il topolino appare un elefante.
non riesco a immaginarmi a cosa possa servire se non spostare nel tempo la presa di coscienza della realtà, fatta anche a costo di pagare tutto più caro, molto più caro.
non so …. sembra che si aspetti un nuovo messia con la bacchetta magica, che dica “andate in pace, tutti i vostri debiti vi sono condonati!”….. è questa mancanza di logica, o almeno della logica secondo quanto si può conoscere, che mi sconcerta ed a volte mi fà pensare di essere un visionario io, ch eguarda la realtà con un canocchiale girato al contrario.

amensa
Scritto il 13 Gennaio 2011 at 12:16

amensa@finanza,

ps. riguardo allo sviluppo demografico, ed alla densità della popolazione, sembra che l’unica cosa che non si riesca a fare sono due semplici conti.
non ci vorrebbe un genio per sapere ad esempio che il numero di bambini che potrebbero cominciare l’asilo è una perrcentuale dei nati 3 anni prima, che la necessità di scuole elementari è semplicemente data dal numero dei nati 6 anni prima, ch eil numero di case lo sui potrebbe dedurre, se non al millimetro , ma sull’aspettativa di vita dei vivi attuali e del numero dei nati 25-30 anni prima, ecc…

mattacchiuz
Scritto il 13 Gennaio 2011 at 12:17

pecunia@finanza,

no no, sono ancora qui, anzi… quasi quasi mi fermo per i prossimi 720 giorni 🙂

si effettivamente, con le dovute cautele e i necessari distinguo, è un paese molto dinamico, e se non ci saranno futuri grossi scossoni, sicuramente presenta delle opportunità di crescita immense.
poi onestamente ha anche la fortuna di avere istanbul in una posizione geografica straordinaria. pensate, la turkish airlines ( eccezionale, si mangia pure benissimo, peccato le statistiche degli anni passati oscurino l’attuale lucentezza ) praticamente con la sua nuova flotta riesce a raggiungere quasi tutte le principali città del mondo con voli diretti. infatti metà delle multinazionali stanno spostando qui i centri di comando…
si si, grandi occasioni, sempre che non impazziscano prima, anzi se volete, ci investiamo pure! 🙂

bergasim,

capisco perfettamente berga, ma rimane il fatto che è inutile: finchè il sostegno è incondizionato, si farà finta di nulla, si crederà ai dati e si continuerà ad andare avanti come sempre, anzi… più di sempre!

mattacchiuz
Scritto il 13 Gennaio 2011 at 12:22

amensa@finanza: il credito troppo facile ha anche indotto una super capacità produttiva, che, ora, con possibilità ridotte, sarà ben difficile ch evenga usata e soprattutto non disincentivi ricerca e nuovi sbocchi produttivi. e questa èeconomia reale, realissima.

si ma non è questa la ragione che ha portato le borse al collasso. le borse collassavano perchè venivano liquidati interi patrimoni, per paura, speculazione e altro ancora.
un mio “amico” mi diceva che agli inizi del 2009, la banca per cui lavorava ha dovuto in un giorno solo vendere azioni per 7 miliardi di euro, per far fronte alle richieste dei “grossi” clienti che chiedevano “dove sono i miei soldi!!” .
questo fa crollare le borse, tutto il resto penso sia gestibile

pecunia
Scritto il 13 Gennaio 2011 at 12:32

avendo degli amici di Istambul (che però vivono anche in usa), abbiamo avuto modo di vederla bene, nonchè vederla crescere di molto negli ultimi 10 anni.
è vero anche che la locazione è invidiabile, ma tutto il paese merita. (condivido in ogni modo i “distinguo”!)

se riesco a recuperareun paio di indirizzi di ristoranti, li posto.

Scritto il 13 Gennaio 2011 at 12:38

Flash asta titoli di stato ITALIA
Nel complesso direi bene… Book coperto a condizioni non proibitive… E’ andata… 😉 Direi che il connubbio può considerare la Missione Compiuta!

bergasim
Scritto il 13 Gennaio 2011 at 12:41

ma i grossi clienti chiedevano dove erano i loro soldi per qulache ragione concreta, non per fare shopping, dando poi magari il via a rimborsi generalizzati, come ho ribadito decine di volte l’unico indice che oggi abbia una certa rilevanza è l’INDICE DI FIDUCIA, oltre questo non c’è nulla, finche si vorrà ignorare la realta tutto potrà salire, ma abbiamo visto cosa vuol dire solo qulache incrinazione in questo indicatore cosa è in grado di generare, figuriamoci una volta che la nebbia si sarà diradata restiuendoci uno scenario molto diverso da quello virtuale pompato ad arte dai media e accettato dalla maggior parte della gente, preoccupata più della spalla di rossi o del naso di amauri. 🙄

Scritto il 13 Gennaio 2011 at 12:45

idleproc@finanza: Dream, ho letto questa mattina su un giornale di un Euro B per “periferici” in modo che possano svalutare: ti sembra un’ipotesi praticabile? In quella direzione vedrei uno sconquasso finanziario, forse peggio che tornare alle vecchie monete nazionali. O sono le solite c. che girano per preparare il terreno ad una patrimoniale?  

In questo momento escluderei un Euro di serie B perchè farebbe danni immani proprio all’Euro di serie A. Immaginati gli effetti su export e banche (cariche di bonds con Euro di serie B). Un disastro.
Sulla patrimoniale, non so… Io continuo a ritenere molto più semplice e congruo portare la ritenuta fiscale da 12.5% a 20%, tanto per cominciare….
Poi…si vedrà. Si vive alla giornata!

bergasim, capisco perfettamente berga, ma rimane il fatto che è inutile: finchè il sostegno è incondizionato, si farà finta di nulla, si crederà ai dati e si continuerà ad andare avanti come sempre, anzi… più di sempre!  

Purtroppo su questo punto sono d’accordo. finchè pompano il sistema e il sistema regge…

mattacchiuz
Scritto il 13 Gennaio 2011 at 12:45

pecunia@finanza,

🙂

credo di averli girati già tutti… i ristoranti.

anche la turchia in realtà l’ho già girata qualche anno fa. dai confini est fino alla punta sud ovest, mi manca solo il mar nero e poi posso dire di averla vista tutta, comprese le città sotterranee e le bianche cascate di pamukkale 🙂

mattacchiuz
Scritto il 13 Gennaio 2011 at 12:53

bergasim,

si ma quando telefonano adesso, ai clienti rispondono:
banca “Scusi , ma potrei sapere la ragione per cui intende ritirare tutti i suoi soldi e trasferirli in oro?”
cliente ” perchè ho pauraaaaaaaaaaa di perdere tutto!!”
banca “le passo il direttore, attenda in linea”
telefono “ta ta ta ta ta ttaaa ta ta taaaaaa ta ta ta, ta ta ta, ta ta ta ta ta tatatatata …”
direttore “guardi caro cliente non si allarmi, giusto ieri abbiamo istallato la linea verde, color dollaro e la linea variopinta, color euro, e quando abbiamo bisogno di 100 triliarmilaiiardi di soldi, alziamo la cornetta e eccoci serviti. i suoi risparmi con noi non solo sono sicuri, ma li faremo fruttare. anzi, se vuole può acquistare buoni municipali a 0.1 dollaro poi quando il municipio sta per fallire, alziamo la cornetta, e la FED ce li compra a 1 dollaro. che ne dice, quandi milioni vuole investire in municipi?
cliente “facciamo 2o milioni dai, ma siamo sicuri?”
direttore “sicuri come la morte e le tasse”

questa secondo me è più o meno la normale conversazione tra banchieri e clienti :mrgreen: :mrgreen:

pecunia
Scritto il 13 Gennaio 2011 at 13:09

Dream Theater: Flash asta titoli di stato ITALIANel complesso direi bene… Book coperto a condizioni non proibitive… E’ andata… Direi che il connubbio può considerare la Missione Compiuta!  

Vuoi dire scampato pericolo (per cassettisti tipo sottoscritta :mrgreen: ), sino al prrossimo …..giro di walzer?

l.b.chase
Scritto il 13 Gennaio 2011 at 15:46

scusate ma la parola FIDUCIA è anche sinonimo di IGNORANZA allora???

Perchè a me queste teorie che sono 4 persone su 10.000 si rendano conto che si tratta solo di fumo e niente arrosto comincio ad avercela sugli zebedei.

Un giorno la grecia fallisce e allora è giusto far scendere l’euro, il giorno dopo arrivano i musi gialli e salvano tutto, poi la Merdel ci ripensa e non vuole fare niente ma arriva Sarkazzì che dice bisogna salvare tutti e allora l’euro torna a 1,5…. MA CHE STORIA E’ QUESTA???

Ma la matematica è diventata un’opinione?
I numeri stanno a zero e le parole giustificano tutto????

Va bene allora andiamo avanti così! Tanto paga Markionna

mattacchiuz
Scritto il 13 Gennaio 2011 at 15:54

beh, evidentemente si, altrimenti non si spiegherebbe come mai abbiano ad esempio cambiato le regole contabili per cui le banche possono non contabilizzare le perdite ( ad esempio sui mutui ) , oppure non si dovrebbe ricorrere ad una legge del senato per farsi dire da bernanke, dopo due anni, a chi ha prestato 9000 miliardii di dollari ( munibond come contoparte, metà dei quali neanche dotati di rating… ) e a chi ha regalato 1250 miliardi di dollari, o con chi swappa 500 miliardi al colpo.

certo, la fiducia è ignoranza. pensa solo ai 600 mila miliardi di dollari in derivati che hanno le banche, o semplicemente ai 85 mila miliardi di derivati di JPM. basta che l’1% di essi sia in perdita, e JPM non esisterebbe più. e davvero tu pensi che te lo vengano a dire, o pensi invece che cercheranno di tamponare il più possibile il tutto, sparando i prezzi la dove servono, a forza di QEn? oppure davvero crediamo che i 3000, 4000 miliardi spesi in 3 anni dal gov statunitense, e i 10 mila miliardi prestati o regalati dalla fed a un gruppetto di banche sia servito “per l’economia”?

mattacchiuz
Scritto il 13 Gennaio 2011 at 16:02

PHILADELPHIA FED REVISES DECEMBER BUSINESS CONDITIONS INDEX TO 20.8 FROM 24.3

non male, non male… basta avere fiducia…

mattacchiuz
Scritto il 13 Gennaio 2011 at 16:05

PHILADELPHIA FED REVISES DECEMBER EMPLOYMENT INDEX TO 4.3 FROM 5.1
PHILADELPHIA FED REVISES DECEMBER NEW ORDERS INDEX TO 10.6 FROM 14.6

ma il futuro sarà certamente migliore:
PHILADELPHIA FED REVISES DECEMBER SIX-MONTH BUSINESS CONDITIONS INDEX TO 55.4 FROM 50.5
:mrgreen: :mrgreen:

l.b.chase
Scritto il 13 Gennaio 2011 at 16:18

mattacchiuz,

ma ci credi che io non riesco a credere che tutte le sale operative del mondo, tutti i fondi d’investimento, tutti i trader delle varie banche del mondo, non si rendano conto che l’euro non può esistere che sia a 1,33, perchè l’europa è STRAFALLITA???

Altra cosa, dopo tutto quello che hai appena elencato tu, mi domando: ma chi è quel trader C.glione che continua a pensare che il $ abbia ancora un pò di valore?

Qui c’è gente che evidentemente si sta STRARRICCHENDO alla faccia del popolo, con l’aiuto di chi comanda la stampante e gli REGALA direttamente la carta stampata, in nome dell’URGENZA e della STABILITA’.
Ma quale minkia di stabilità se non c’è regola???
Può essere stabile un mercato dove a qualcuno è concesso di stampare denaro e regalarlo a qualche eletto e tutti gli altri giù a fare la fame???

Allora dovremmo regalare un pò di quella carta anche al popolo… AH! No! Questo non si può fare perchè se si regala al popolo allora qualcuno si accorge che è solo carta, se si regala zitti zitti alle banche allora va bene.

Ma ci avete mai pensato quanto avrebbe risparmiato lo stato americano, se quelle case invece di lasciargliele prendere col mutuo a quei poveri sfigati, gliele avesse regalate direttamente???

Eh ma allora quelle 4 bancacce mafiose che comandano i politici, non avrebbero potuto sguazzare nei super bouns…

mattacchiuz
Scritto il 13 Gennaio 2011 at 16:24

e io che ci posso fare… lo stiamo dicendo da 2 anni che tutto quello che succede serve solo ad arricchire i soliti noti, mentre tutti noi, compresi quei trader che si mettono in mezzo e capiscono il trend, si arricchiscono solo per “danno collaterale”. poi quando i paesi e se i paesi falliranno, vedremo cosa faremo tutti noi e cosa faranno tutti quei trader. io ho vissuto un paio di anni in paesi dove alle 22 saltava la corrente elettrica, con -4°C fuori e senza il gas in casa… ti assicuro che i denti li battevo anche io, come l’ultimo degli sfigati che ci abitavano li! 🙂 oppure quando ti tocca mangiare il cibo conservato in frigo, con il frigo che funziona 6 o 8 ore al giorno… si si, patatine in sacchetto e pasta aglio olio e peperoncino!

in ogni caso, qui non si tratta di capire quali siano le possibilità. le possibilità ci sono sempre. qui si tratta di capire dove vogliono andare parare! poi sai, se ti lasciano nascondere che ne so…100 miliardi di dollari di perdite, ci sarà pure una ragione! 🙂

vichingo
Scritto il 13 Gennaio 2011 at 16:31

mattacchiuz,

Ti chiameremo “Mattacchiuz il turco con il fez”; io, coerente con il mio nickname comprerò la cuffia con la bandiera norvegese, che metterò nelle prossime gare di nuoto master. 😀

mattacchiuz
Scritto il 13 Gennaio 2011 at 16:37

:mrgreen: :mrgreen:

recarpe
Scritto il 13 Gennaio 2011 at 16:54

“Che spettacolo” diceva Valentino… Ho letto con piacere i vs. post e dico che se la gente comune sapesse solo un pò di quello che noi ci riserviamo di sapere ,… impazzirebbe!! Avete sentito cosa sta succedendo in Tunisia? Ah,… ma di quel paesino, regno senza regole di qualche “industrialotto” nostrano, non frega niente a nessuno. Io penso di no! Penso che questa situazione sia un tassello che, per chi ha letto ” Icebergfinanza, la tempesta perfetta”, “Il lato oscuro del Nuovo Ordine Mondiale” trova una risposta. “La cospirazione dei Ricchi” e altri libri sull?educazione Finanziaria, spiegano tutto questo già da unpo di tempo. Cosa ne pensate?
Ad Maiora

Scritto il 13 Gennaio 2011 at 17:02

Ciao,

anche qui ne parliamo da tempo sul rischio di una vilenta ripercussione sul piano sociale.

http://intermarketandmore.finanza.com/lo-scheletro-della-ripresa-economica-22483.html

http://intermarketandmore.finanza.com/crisi-economica-una-questione-di-tempo-22159.html

http://intermarketandmore.finanza.com/distribuzione-ricchezza-sperequazione-economica-22097.html

Se non lo hai ancora fatto, vai a leggere questi post e poi facci sapere.

CIAO!

Sostieni IntermarketAndMore!

ATTENZIONE Sostieni la finanza indipendente di qualità con una donazione. Abbiamo bisogno del tuo aiuto per poter continuare il progetto e ripagare le spese di gestione!

TRANSLATE THIS BLOG !

I sondaggi di I&M

#9-21: PIL Globale, nel 2021 registrerà un...

View Results

Loading ... Loading ...
View dei mercati

Google+