Il “FOMC minutes” indica la direzione dei tassi USA

Scritto il alle 09:34 da Danilo DT

SAGET/AFP/Getty ImagesI mercati attendono sempre con interesse l’esito del Minutes FOMC, il documento che “racconta” il dibattito all’interno dell’ultimo FOMC. Per carità, non è stato detto nulla di rivoluzionario. Però iniziano ad esserci delle spaccature e delle interessanti sfaccettature.
Se avete tempo e voglia, cliccate qui  e vedetevi il FOMC minutes pubblicato ieri sera. Ma credetemi, sopravviverete anche senza averlo fatto.
Ci sono però alcuni elementi interessanti che emergono. Il primo. La presa di coscienza di uno scenario economico globale più debole.

«L’outloook economico sembra in qualche modo piu’ debole e ci sono rischi al ribasso in Europa, Cina e Giappone». (…) «si e’ notato che se le condizioni economiche e finanziarie estere peggiorano ulteriormente, la crescita economica degli Usa nel medio termine potrebbe essere piu’ lenta di quanto attualmente atteso. Tuttavia, molti membri hanno visto come potenzialmente limitati gli effetti degli sviluppi recenti sull’economia domestica».

Queste frasi significano una cosa: che gli USA sono preoccupati del rallentamento globale in quanto potrebbe frenare l’economia americana. E quindi il messaggio che ne deriva è chiaro: si è anche disposti a “rallentare” il treno economico USA per ridare ossigeno al resto del mondo, proprio per evitare una recessione globale. E come può succedere questo? Usando la leva dei cambi. Ma di questo parlerò nel prossimo post.

Intanto però, come detto, molti membri del FOMC voglio sapere quando arriveranno i primi rialzi dei tassi. Come vedete dal grafico sottostante, la curva future del tasso FED Funds continua a muoversi leggermente in rialzo, segno che il mercato si “aspetta” qualcosa nei prossimi mesi.

Curva Fed Funds Future

curva-tasso-fed-future-yield-fundsIo lo ammetto, come già detto nei precedenti articoli, vedo invece allontanarsi questo potenziale rialzo dei tassi, perché l’elemento più importante da valutare proprio per l’inizio di una campagna restrittiva di politica monetaria, resta sempre l’inflazione. Guardate questo grafico. Le previsioni inflattive su USA e Germania (quest’ultima è arcinota) sono di certo Non positive. Segno che quindi si prevede un rallentamento del tasso di inflazione.

inflation-ue-germany-breakeven-inflazione-10yr
Domanda: allora PERCHE’ la FED dovrebbe alzare i tassi frenando la giostra dei mercati?

E difatti, nel comunicato FED la famosa frase in cui si dice che i tassi resteranno bassi per un periodo di tempo “considerevole” NON è stato rimosso. Leggere tra le righe, a volte, può essere MOLTO importante.

Riproduzione riservata

STAY TUNED!

Danilo DT

(Clicca qui per ulteriori dettagli)

(Se trovi interessante i contenuti di questo articolo, condividilo ai tuoi amici, clicca sulle icone sottostanti, sosterrai lo sviluppo di I&M!). E se lo sostieni con una donazione, di certo non mi offendo…

InvestimentoMigliore LOGO

La nuova guida per i tuoi investimenti. Take a look!

Questo post non è da considerare come un’offerta o una sollecitazione all’acquisto. Informati presso il tuo consulente di fiducia. Se non ce l’hai o se non ti fidi più di lui,contattami via email ([email protected]).
NB: Attenzione! Leggi il disclaimer (a scanso di equivoci!)

Tags: ,   |
3 commenti Commenta
reragno
Scritto il 20 Novembre 2014 at 12:31

Credo che, come hai detto già tu, il problema esploderà quando gli investitori, belle statuine, si renderanno conto dei bluff della banche centrali e andranno a vedere le carte che hanno realmente in mano.
Quel giorno probabilmente segnerà l’inizio della fine.
Amen.

Scritto il 20 Novembre 2014 at 14:52

Però quel giorno potrebbe ancora tardare un po’. Le banche centrali hanno dato segnali chiarissimi VEDI QUI –> intermarketandmore.finanza.com/accordo-sul-dollaro-usa-per-evitare-la-recessione-in-europa-69861.html di un intesa globale. Se sono tutti d’accordo e non si fanno la guerra, si può ancora andare avanti per un po’…

Lukas
Scritto il 20 Novembre 2014 at 14:57

Danilo DT,

Caro Danilo esatto….la rivalutazione del dollaro Usa…è l’ultimo disperato strumento per inflazionare un po’ il resto del mondo…..Giappone ed Europa in primis…..per scongiurare che ricadano nella spirale deflazione-recessione.

Sostieni IntermarketAndMore!

ATTENZIONE Sostieni la finanza indipendente di qualità con una donazione. Abbiamo bisogno del tuo aiuto per poter continuare il progetto e ripagare le spese di gestione!

TRANSLATE THIS BLOG !

I sondaggi di I&M

#10-21: FAANG, la più performance del 2021 sarà...

View Results

Loading ... Loading ...
View dei mercati

Google+