EURO Confusione: la crisi si avvita su se stessa

Scritto il alle 02:17 da Danilo DT

The Day After il downgrading massivo: effetto domino limitato (ma non è così), crisi Portogallo (abbandonato e ormai junk bond), default Grecia alle porte… E non basterà un nuovo LTRO…

I downgrading hanno generato un silenzioso effetto domino che, come detto nelle passate ore, ha solo sfiorato il mercato azionario. E di questo non non ce ne siamo preoccupati, in quanto i problemi stanno ben altrove.
Infatti, puntualmente, sono avvenute tante piccole cose, senza fare il botto ma che messe tutte assieme hanno generato un vero e proprio peggioramento sistemico del mercato europeo del credito.


Tanto per cominciare come detto il Portogallo. Portato a Junk Bond, ormai deve essere trattato come tale e quindi i titoli di stato, ahimè, evitati come la peste. Le società di gestione che avevano investito su Lisbona sperando in una ripresa, hanno dovuto liquidate le posizioni. E, notate bene, la Bce poco ha fatto per farne tenere il prezzo.
Guardate il famoso spread tra il titolo portoghese a 10yr ed il Bund che cosa ci ha combinato.

E poi la Grecia con il suo temuto default. Interrotti i negoziati per la ritrutturazione, ora la situazione sta peggiorando drasticamente.
Sempre la nostra beneamata S&P ci dice che il default Grecia è imminente…

Time for the dominos to fall where they may: head of sovereign ratings at S&P Kraemer spoke on Bloomberg TV, and said the following:
• KRAEMER: GREECE, CREDITORS `RUNNING OUT OF TIME’ IN DEBT TALKS -BBG
• KRAEMER: EURO LEADERS HAVEN’T TACKLED CORE UNDERLYING PROBLEMS -BBG
• KRAEMER SAYS EUROPE MUST DEAL WITH IMBALANCES, COMPETITIVENESS -BBG
And the punchline:
• KRAEMER SAYS HE BELIEVES GREECE WILL DEFAULT SHORTLY – RTRS (source

Ormai la situazione sembra drammaticamente compromessa…

Greece and the IMF appear to be pushing for as much as a 75% loss on NPV basis, while the banks, many of whom have written down 50% of their Greek holdings, appear willing to accept a 60-65% hit on the NPV basis. (Source)

Quindi possibile haircut del 75%. Ecco fatto, l’Argentina è servita!!!

E poi… l’ultimo dei downgrading, forse il meno sentito ma non per questo meno importante… Parlo dell’EFSF e della bocciatura da AAA a AA+ a seguito del downgrading della Francia. Era atteso, certo, ma ora che è stato fatto ci ha costretti a rituffarci nella realtà. Signori, le cose si complicano decisamente…

S&P strips eurozone bail-out fund of AAA crown, saying it is “no longer fully supported by guarantees from EFSF members rated AAA”, as Greece to send officials to US for talks with IMF over bond swap impasse. (Source)

Facciamo la somma delle parti:

a) Una Grecia fallita,

b) un Portogallo che è immondizia e rischia di finire abbandonato a se stesso,

c) l’Italia che potrebbe subire ulteriori revisioni di rating al ribasso (uscirà nelle prossime ore un interessante analisi del sottoscritto con un incrocio di rating e CDS), e che deve sperare nell’incondizionato appoggio della BCE, con i suoi acquisti sul secondario.

d) una Francia che per ora perde una A (da AAA a AA+) ma che in futuro potrebbe anche peggiorare,

e) un’ Ungheria che fa acqua e si affida all’FMI,

f) un sistema bancario dell’Eurozona schiavizzato dalle regole dell’EBA che costringe a repentine ricapitalizzazioni che NON risolvono il problema e che, in questo momento, generano solo ulteriore speculazione, senza dimenticare le difficoltà presenti a racimolare denaro,

g) e poi la crescita economica che manca,

h) la crisi di liquidità, con il denaro che continua a viaggiare verso i forzieri di Bruxelles (per la cronaca, ennesimo nuovo record dei depositi in Bce al tasso dello 0.50%, pochi ma almeno sicuri e senza rischi…)

Bene, ho fatto terrorismo? Ahimè mi sa proprio di no… Ho dimenticato qualcosa? Sicuramente si, non me ne vogliate, a quest’ora capita… Credo però di essere stato concreto e di aver tracciato un disegno di puro realismo. E diffidate da chi vi dice che la giornata di ieri in borsa è stata positiva ed i mercati hanno reagito bene al downgrading massivo. In realtà, i danni sono stati devastanti. Ma non era quello che forse le agenzie di rating volevano?

E ora… nuovo LTRO…

La situazione si sta autoalimentando e si sta perdendo il controllo della situazione. A febbraio sarà di nuovo LTRO. C’è chi parla di possibili 600 miliardi chiesti alla BCE, e chi invece addirittura di 1.000-1.200 miliardi di Euro.
Euro confusione totale. Cifre colossali che rappresentano innazitutto la paura del sistema e delle banche, che ricorrono in Bce anche se non c’è impellente necessità. Del doman non v’è certezza. E di oggi si sa solo che, sommando le carte, è già di per se un gran casino…

Intanto girano voci… Euro 2, Euro di serie B, fine dell’Euro…

Rincuoriamoci un po’ con le parole del gran capo della BCE Mario Draghi:

«La situazione di crisi nella quale ci troviamo è peggiorata». (…) Trichet, predecessore dell’italiano sulla poltrona di numero uno della Banca centrale europea, aveva già parlato di dimensioni sistemiche per la crisi in atto. Ma «da allora la situazione è peggiorata», ha sottolineato appunto Draghi. È «vitale», ha spiegato, che le decisioni prese dai leader europei sui fondi salva-Stati siano attuate «tempestivamente e completamente». L’ex presidente della Banca d’Italia ha poi commentato le ultime notizie sui downgrade disposti da Standard & Poor’s: «Dobbiamo imparare farne a meno. Bisogna vivere non senza di loro, ma con loro, dando un potere molto più limitato di quello che hanno attualmente». (Source)

Preferisco riposarmi qualche ora. Domani sarà nuovamente una lunga giornata…

Sostieni I&M. il tuo contributo è fondamentale per la continuazione di questo progetto!

STAY TUNED!

DT

Ti è piaciuto questo post? Clicca su Mi Piace, sul +1 e su Twitter” qui in basso a sinistra!

Tutti i diritti riservati © | Grafici e dati elaborati da Intermarket&more su database Bloomberg | NB: Attenzione! Leggi il disclaimer (a scanso di equivoci!)
Seguici anche su Twitter! CLICCA QUI! |

VN:F [1.9.20_1166]
Rating: 0.0/10 (0 votes cast)
8 commenti Commenta
flavio_5
Scritto il 17 gennaio 2012 at 08:38

Uhm… e questa è la realtà sotto il profilo finanziario. Nell’economia reale le cose vanno pure peggio!
PMI che chiudono, inflazione che cresce e crescerà ancora… aspettiamo che i prezzi dei beni vengano adattati all’incremento del costo dei trasporti (in Italia l’86 % del trasporto merci avviene su gomma), Cassa integrazione, tutti a scioperare, disoccupazione giovanile in aumento ecc. ecc.
:D ancora Buon 2012 a tutti !

VN:F [1.9.20_1166]
Rating: 0 (from 0 votes)

paolo41
Scritto il 17 gennaio 2012 at 09:30

….un aspetto positivo (che non so che effetto possa avere) è la “dura” posizione che Monti ha preso nei confronti della Germania, invitandola chiaramente a prendere il pallino in mano se vuole evitare un sempre più probabile default dell’euro…..

VN:F [1.9.20_1166]
Rating: 0 (from 0 votes)

lexmumble
Scritto il 17 gennaio 2012 at 09:56

la protesta si fa strada

sicilia in versione cilena?

http://www.ilfattoquotidiano.it/2012/01/15/crisi-dalla-sicilia-parte-protestadel-movimento-forconi/184027/

VN:F [1.9.20_1166]
Rating: 0 (from 0 votes)

lexmumble
Scritto il 17 gennaio 2012 at 10:48

http://www.linkiesta.it/movimento-forconi

VN:F [1.9.20_1166]
Rating: 0 (from 0 votes)

alfio200
Scritto il 17 gennaio 2012 at 10:59

Quanto a Draghi, l’uscita mi è sembrata inopportuna. Sembra quasi che abbia detto così, vista l’inefficacia dei dowgrading sui mercati. E’ comunque un uomo della Goldman Sachs e quindi filo americano, giusto?

Quando Fabio Fazio (il presentatore di RAI 3) ha chiesto in diretta a Monti se Unicredit rischiava il default, gli hanno tutti (giustamente) dato del cretino. Francamente, l’uscita di Draghi in un momento come questo non mi sembra da meno. Il mercato regge i downograde e lui fa la sparata.

VN:F [1.9.20_1166]
Rating: 0 (from 0 votes)

schwefelwolf
Scritto il 17 gennaio 2012 at 12:48

paolo41,

Mi chiedo con che “faccia” Monti possa andare a chiedere qualcosa alla Germania (Olanda, Finlandia etc.): la recente, ulteriore drastica “spremuta” imposta alla solita metà della popolazione italiana (con le conseguenze recessive cui accenna Flavio-5) risolve forse i problemi italiani? Da almeno 20 anni l’Italia continua a indebitarsi – senza crescere – e a sperperare dissennatamente le proprie risorse, senza investire una lira (o un centesimo) in infrastrutture o innovazione. Si spendono miliardi – presi a prestito – per mantenere eserciti di nulla- o pocofacenti (ivi compresi milioni di clandestini, con costi che la politica continua a non quantificare). Monti ha cambiato qualcosa? Vuole cambiarlo? Vuole tagliare i falsi invalidi, le decine di migliaia di “amministratori” di municipalizzate varie, i carrozzoni, le “guardie forestali” etc.? Vuole finalmente buttar fuori i milioni di clandestini che sfruttano il nostro costosissimo sistema assistenziale, ricambiandoci con un buon giro di criminalità spicciola (furti, droga etc.)? Mi sembra proprio di no – anzi! Cosa vogliamo chiedere alla cattiva, egoistica “Germania”: di far pagare ai suoi contribuenti il nostro assistenzialismo? Noi – al posto suo – lo faremmo?

VN:F [1.9.20_1166]
Rating: 0 (from 0 votes)

gainhunter
Scritto il 17 gennaio 2012 at 13:43

schwefelwolf@finanza:
paolo41,

Da almeno 20 anni l’Italia continua a indebitarsi – senza crescere –

Da 20 anni l’Italia cresce più di quanto si indebita, nonostante continui a mantenere un esercito di nullafacenti. Invece da 50 anni la Germania si indebita più di quanto riesca a crescere.
Questo lo dicono i numeri. Attendo di essere smentito.

VN:F [1.9.20_1166]
Rating: 0 (from 0 votes)

gainhunter
Scritto il 17 gennaio 2012 at 13:46

schwefelwolf@finanza,

Concordo sul resto, in particolare sul fatto che Monti non ha risolto niente (e forse ha peggiorato le prospettive economiche) e che la prima cosa che l’Italia deve fare è tagliare gli sprechi.

VN:F [1.9.20_1166]
Rating: 0 (from 0 votes)

Sostieni IntermarketAndMore!

ATTENZIONE Sostieni la finanza indipendente di qualità con una donazione. Abbiamo bisogno del tuo aiuto per poter continuare il progetto e ripagare le spese di gestione!

TRANSLATE THIS BLOG !

I sondaggi di I&M

EURO: quale futuro ci attende?

View Results

Loading ... Loading ...
View dei mercati

Google+