DEBITO GLOBALE: e come lo gestiamo?

Scritto il alle 07:46 da Danilo DT

E’ giunta l’ora di tornare a parlare di un argomento che ha accompagnato questo blog nel corso degli anni. Siamo arrivati a 12.000 post scritti. Ve lo ripeto, 12.000, una quantità di informazioni indipendenti che ho pubblicato nel corso degli anni e che ha accompagnato la mia vita dal 2005.

Chi mi conosce, ricorda sicuramente i discorsi fatti sulla sostenibilità del debito. Poi è arrivato il Covid e la situazione è addirittura peggiorata ma grazie a tassi di interesse a livello ZERO (ZIRP) il problema non si poneva. Peccato che poi le cose sono cambiate, i tassi sono decollati e quindi… come siamo messi?

Ho trovato un grafico molto interessante che riassume in modo ideale la complessità della situazione. Prendiamo il debito aggregato dei principali paesi e rapportiamolo al tasso medio pagato sul debito.
Ecco, cari amici, qualcosa inizia a preoccuparmi.

 

Nel 2023, il debito globale ha raggiunto la cifra record di 300 trilioni di dollari, pari a circa il 350% del PIL globale. L’Italia, con un debito pubblico che supera il 150% del PIL, si trova in una posizione particolarmente critica. Ma è ancora sostenibile? Ragioniamo un attimo…

Bassi tassi d’interesse: Le politiche monetarie accomodanti delle banche centrali hanno reso il debito più facile da contrarre, ma hanno anche alimentato la sua crescita incontrollata dello stesso. E poi molto debito contratto a ZERO ora deve essere rinnovato… ad un tasso drammaticamente superiore.

L’invecchiamento della popolazione: L’aumento del numero di pensionati e la diminuzione della forza lavoro riducono le entrate fiscali e aumentano la spesa pubblica per la previdenza sociale. Quindi chi pagherà il debito che non può che salire anche a causa dell’aumento del costo dello stesso?

Scarsa crescita economica: La crescita economica stagnante rende più difficile per i governi ripagare il debito. Ricordate? Rapporto Debito/PIL che per essere virtuoso deve per forza essere guidato da un PIL virtuoso. Altrimenti come si può fare? Rinegoziare? Chissà…

Intanto però oggi il rischio insolvenza secondo me è molto cresciuto ma il mercato non lo sconta minimamente. Guardate i titoli High Yield. Il premio al rischio è ai minimi. Ha senso in un mondo dove addirittura il premio al rischio è diventato quasi insignificante?
Una conseguenza ulteriore è l’impegno che i governi dovranno prendersi per cercare di “gestire” l’immane debito partendo da una gestione più oculata del deficit.

Quindi meno sostegno fiscale. Teniamone conto, cari amici e questo non potrà che essere un problema. E per un paese come l’Italia dove la coperta è cortissima, non possiamo certo sperare in miracoli. E quindi ipotizzare meno tasse lo vedo sempre più utopico.

E che si può fare? Riforme strutturali? Si certo, per aumentare la crescita economica e la produttività, i governi dovrebbero attuare riforme strutturali del mercato del lavoro e del sistema fiscale. Puntiamo ad un consolidamento del debito? I governi potrebbero cercare di ridurre il debito attraverso un processo di consolidamento, che include la ristrutturazione del debito e la vendita di asset pubblici.

Ma l’impatto sul mercato e sul sistema? Unica cosa “gratis” che potrebbe curare limitatamente il super debito è l’inflazione che può erodere il debito nel tempo. Ma deve essere un’inflazione moderata, 3-4% altrimenti si scatenano altri problemi. E ovviamente la crescita non deve essere troppo latitante.

Non posso dire dove andremo a parare, intanto però assumiamo consapevolezza del problema. E per l’Italia… come è che si chiamavano? CACs?

STAY TUNED!

Danilo DT

(Clicca qui per ulteriori dettagli)

Questo post non è da considerare come un’offerta o una sollecitazione all’acquisto. Informati presso il tuo consulente di fiducia. Se sei interessato agli argomenti qui espressi e vorresti approfondirli, contattami!
NB: Attenzione! Leggi il disclaimer (a scanso di equivoci!)
(Se trovi interessante i contenuti di questo articolo, condividilo ai tuoi amici, clicca sulle icone sottostanti, sosterrai lo sviluppo di I&M!).

ℕ𝕦𝕠𝕧𝕠 𝕔𝕒𝕟𝕒𝕝𝕖 𝕀ℕ𝕊𝕋𝔸𝔾ℝ𝔸𝕄 𝕔𝕠𝕟 𝕔𝕠𝕟𝕥𝕖𝕟𝕦𝕥𝕚 𝕖𝕤𝕔𝕝𝕦𝕤𝕚𝕧𝕚
𝕋𝕒𝕜𝕖 𝕒 𝕝𝕠𝕠𝕜!

Nessun commento Commenta

Sostieni IntermarketAndMore!

ATTENZIONE Sostieni la finanza indipendente di qualità con una donazione. Abbiamo bisogno del tuo aiuto per poter continuare il progetto e ripagare le spese di gestione!

TRANSLATE THIS BLOG !

I sondaggi di I&M

Come vorresti I&M?

View Results

Loading ... Loading ...
View dei mercati

Google+