CROLLO BANCHE: in Italia è giusto generalizzare?

Scritto il alle 11:08 da Danilo DT

banche-italiane-sicure-a-rischio-logo

Negli ultimi giorni, abbiamo discusso sulle problematiche delle banche italiane a seguito degli stress test che, sicuramente, non hanno dato quella sicurezza che qualcuno sperava.
Il settore bancario continua ad essere in profonda difficoltà, quantomeno a Piazza Affari dove ieri abbiamo vissuto l’ennesima giornata campale.
Ma non solo in Italia. A smuovere di brutto le acque è stata Commerzbank.

(…) Le vendite, infatti, hanno interessato sia i titoli degli istituti italiani che quelli dei principali istituti continentali, a partire dalla tedesca Commerzbank dopo la pubblicazione dei risultati del primo semestre ma soprattutto dopo il taglio delle stime per l’intero anno: il gruppo si aspetta un utile netto e un utile operativo più bassi rispetto a quelli del 2015. (…) La banca tedesca è stata una di quelle uscite peggio dagli stress test pubblicati venerdì scorso dall’Autorità bancaria europea. (…) (IS24H)

Attenzione però, perchè QUI stanno le vere motivazioni del crollo generalizzato del settore bancario…

(…) Ma c’è ne uno su tutto di cui il mercato e gli investitori sono ben consapevoli ed è quello che il settore bancario, in tutta Europa, è alle prese con la mission quasi impossible della redditività. Una sfida che, nell’epoca prolungata dei tassi d’interesse a zero e della volatilità borsistica,mentre il Fintech minaccia ed erode una delle principali fonti del ritorno ai profitti nel 2015 (le commissioni nette, come spiega bene l’ultimo report sul settore di Kpmg), difficilmente le banche del Vecchio Continente, ancora appesantite da elevati costi di gestione generati da strutture classiche di distribuzione, riusciranno a vincere. A meno di riuscire a mandare a casa un po’ di dipendenti o accelerare il cambio di pelle epocale dell’operatività dai canali classici a quelli digitali. (…) (AI) 

Ecco fatto, gentili amici, ne parliamo da settimane ed ora finalmente tutti sono d’accordo: redditività problema numero uno.
E allora, scusatemi, occorre iniziare a fare delle distinzioni molto chiare. Generalizzare ci può stare, ma occorre poi anche capire CHI riuscirà a vincere la sfida e CHI si muove controtendenza, con trimestrali che, invece , continuano a fornire segnali positivi.
Più fonti scrivono commenti che sembra vogliano sottolineare il rischio fallimento di tutto il settore bancario. Non è così. Il settore verrà rivoluzionato, questo è sicuro, perchè la struttura classica e tradizionale delle banche commerciali non regge più, ma pensare ad un default generale lo vedo un po’ aggressivo (sempre che non accada qualcosa di sistemico ed imprevedibile, ovviamente).

Ma nella confusione, c’è anche chi invece ha la forza di andare controtendenza.
Non voglio fare nomi, ma una banca che ieri ha comunicato i dati bilancio, “rischia” di pagare ad alcuni azionisti un dividendo, che alle quotazioni attuali, è pari all’8.50%. E scusate se è poco.

Riproduzione riservata

STAY TUNED!

Danilo DT

(Clicca qui per ulteriori dettagli)

Questo post non è da considerare come un’offerta o una sollecitazione all’acquisto. Informati presso il tuo consulente di fiducia. Se non ce l’hai o se non ti fidi più di lui,contattami via email (intermarketandmore@gmail.com). NB: Attenzione! Leggi il disclaimer (a scanso di equivoci!)

VN:F [1.9.20_1166]
Rating: 8.0/10 (4 votes cast)
CROLLO BANCHE: in Italia è giusto generalizzare?, 8.0 out of 10 based on 4 ratings
6 commenti Commenta
gualma
Scritto il 3 agosto 2016 at 13:06

quale banca rischia di pagare 8%?

VN:F [1.9.20_1166]
Rating: +1 (from 1 vote)

Scritto il 3 agosto 2016 at 23:28

beh, è su tutti i giornali stamattina…

VN:F [1.9.20_1166]
Rating: 0 (from 0 votes)

元サーファー
Scritto il 4 agosto 2016 at 00:30

Vorrei scrivere molte, tantissime o diverse cose – su questo topic od argomento: che ne interseca sia verticalmente che orizzontalmente -, ma leggendo questo passo …

“Più fonti scrivono commenti che sembra vogliano sottolineare il rischio fallimento di tutto il settore bancario”

… del DT, Mi sono ricordato – grazie alla Mia memoria di acciaio – quest’altro passo

All’epoca ero giovane – ed ancora oggi, ho mantenuto, con i cari insegnamenti ricevuti, quegli ideali di serietà e di probità.

サーファー © Surfer [Una Persona a Me assai Cara – e quindi prossima – ha avuto, ebbe, modo di conoscerLo e frequentarLo. Purtroppo, entrambi non Ci sono più!]

VN:F [1.9.20_1166]
Rating: 0 (from 0 votes)

albertopletti@gmail.com
Scritto il 4 agosto 2016 at 10:21

E’ vero che non mi pare vi sia rischio sistemico e che la redditività di qualche banca dimostri che alla fine anche le banche, se gestite bene, danno quattrini, tutto vero, ma ora nel mercato c’è l’idea diffusa che le banche italiane ed europee sono un problema. Le azioni hanno iniziato a calare a dicembre, e ci vuole del tempo perchè il mercato metta nel cassetto il problema. Come dicono i giornali, tra l’altro, se confrontiamo le banche europee con quelle americane non si vedono chissà che migliori situazioni per quelle USA, anzi. Alla fine tutte le turbolenze borsistiche credo che siano nelle prospettive di crescita del pil (o di decrescita).

VN:F [1.9.20_1166]
Rating: 0 (from 0 votes)

paolo41
Scritto il 4 agosto 2016 at 14:31

元サーファー,

sfatiamo certe “leggende”; ho avuto varie occasioni di conoscerlo per motivi di lavoro ma mentre non posso esprimere commenti sulla sua etica personale posso invece affermare che faceva parte, in ambito businnes, di quella schiera di pirati che ha caratterizzato gli anni ’80 fortemente legati alla politica e concentrati sui loro interessi personali e non aziendali.
Ci potrei scrivere un libro sugli “abbordaggi” che sono avvenuti in quei tempi molti dei quali solo ogni tanto ripresi da una stampa timorosa e asservita…..

VN:F [1.9.20_1166]
Rating: 0 (from 0 votes)

元サーファー
Scritto il 4 agosto 2016 at 14:44

Paolo41

pro e contro: non guardava in faccia a Nessuno – ma aveva una mente sopraffina; l’unico della schiera e del sistema.

“Si sono spartiti tutto” – come le iene.

O i cani – perchè tali sono.

Dopo; in-fatti.

Ciao.

サーファー © Surfer

VN:F [1.9.20_1166]
Rating: 0 (from 0 votes)

Sostieni IntermarketAndMore!

ATTENZIONE Sostieni la finanza indipendente di qualità con una donazione. Abbiamo bisogno del tuo aiuto per poter continuare il progetto e ripagare le spese di gestione!

TRANSLATE THIS BLOG !

I sondaggi di I&M

Come vorresti I&M?

View Results

Loading ... Loading ...
View dei mercati

Google+