Crollo banche: non per short selling ma per vendite

Scritto il alle 13:55 da Danilo DT

Borsa: correzione marcata dei titoli bancari. Ma la responsabilità e proprio di qualcuno che liquida le posizioni e non dello short selling

Borse nuovamente in downtrend dopo il rally della settimana scorsa, e tutti nuovamente a vedere nero. Come detto, il rimbalzo era di natura tecnica e quindi lo scenario bearish resta intatto. Ho ricevuto molte email di lettori preoccupati per la forte debacle in borsa del settore bancario. Ma poi dovuta a che cosa? Ormai le banche “valgono come le patate”!
In effetti i prezzi sono molto bassi e molti pensano che a fare la differenza sia lo “short”, ovvero la vendita di titoli senza però averli in portafoglio.
E’ giusto però dare delle delucidazioni.

Scoperto su azioni finanziarie su scala globale

Analizzando questa slide, potete notare che il settore finanziario resta i più “shortato” globalmente a livello volumetrico ed è anche uno che ha il maggiore numero di posizioni medie scoperte. Però come vedete, siamo MOLTO lontani dai picchi di Maggio 2011 (non parlo di 2008 ma di maggio!) in quanto, non dimentichiamolo, negli ultimi mesi molti listini hanno deciso la “chiusura” all’operatività short.

Scoperto su azioni finanziarie in USA

…ma attenzione, la maggior parte dello short è fatto ancora negli USA

Scoperto su azioni finanziarie in Europa

…mentre sui listini europei i vari divieti allo short hanno limitato l’impatto.

Considerazioni

E quindi? Quindi le banche europee scendono grazie ad eventuali short su listini non europei e soprattutto grazie all’operatività di  “qualcuno” che vende. Infatti, notate bene, sono secondo me proprio le vendite eseguite Oltreoceano che stanno facendo la differenza, vendite legate sia a chi “shorta” ma anche da parte di istituzionali che liquidano posizioni.
Domanda: e se un bel giorno permettessero di nuovo gli short sui listini europei?
Fatevi due conti e capirete che ritrovarsi con Unicredit ed Intesa San Paolo a 0.50 € non sarebbe poi così impossibile… Ovviamente parliamo di ipotesi perchè, come ho già ricordato, il mercato MAI COME OGGI è in balia degli eventi e tutto, ma proprio tutto può succedere. Compreso il famoso fallimento della Grecia che alcuni pronosticano per oggi.

Stay Tuned!

DT

Sostieni I&M!

Ti è piaciuto questo post? Clicca su Mi Piace” qui in basso a sinistra!

Tutti i diritti riservati © | Grafici e dati elaborati da Intermarket&more su database Bloomberg | NB: Attenzione! Leggi il disclaimer (a scanso di equivoci!) | Vuoi provare il Vero Trading professionale? PROVALO GRATIS! |
Seguici anche su Twitter! CLICCA QUI! |

VN:F [1.9.20_1166]
Rating: 0.0/10 (0 votes cast)
Tags:   |
3 commenti Commenta
the learner
Scritto il 20 settembre 2011 at 16:23

Oddio addirittura per oggi? Ma scusa Dream, la riunione del FOMC di questa settimana che temi tratterà?

VN:F [1.9.20_1166]
Rating: 0 (from 0 votes)

Scritto il 20 settembre 2011 at 17:31

Certo se poi compagnie come la Siemens iniziano a ritirare i soldi dalle banche non e’ proprio un buon segno….

VN:F [1.9.20_1166]
Rating: 0 (from 0 votes)

Sostieni IntermarketAndMore!

ATTENZIONE Sostieni la finanza indipendente di qualità con una donazione. Abbiamo bisogno del tuo aiuto per poter continuare il progetto e ripagare le spese di gestione!

TRANSLATE THIS BLOG !

I sondaggi di I&M

BCE: che ne sarà dei bond acquistati con il QE?

View Results

Loading ... Loading ...
View dei mercati

Google+