BREXIT: FUGA DA LONDRA (e occhio alla stagflazione)! [Atto II]

Scritto il alle 11:52 da Danilo DT

brexit-stagflazione-double-decker

Molti considerano tuttora la Brexit come una grande vittoria per la Gran Bretagna. Come è noto e come vi ho illustrato in QUESTI POST, occorre innanzitutto dire che la Brexit non è nemmeno partita perché mancano tuttora le basi dei negoziati con Bruxelles ed i conti si faranno solo alla fine. Ma è altrettanto vero che sui mercati finanziari, invece, qualcosa si è mosso, eccome se si è mosso. Ovviamente parliamo della sterlina. Ed è proprio dalla svalutazione della stessa che in molti vedono il successo della Brexit, in quanto una sterlina debole è una manna dal cielo per l’export. “Se anche l’Italia potesse svalutare…” Però la cosa che ho trovato sconvolgente sono i recenti commenti della May proprio in materia Brexit.

(…) Il Regno Unito potrebbe perdere circa 66 milioni di sterline, pari a 72,864 miliardi di euro, di gettito fiscale annuo se optasse per una “Brexit dura”. E’ la stima del governo britannico resa nota dal quotidiano The Times. Secondo i documenti di Downing Street, il prodotto interno lordo del Paese potrebbe calare del 9,5% se il Paese, a valle dei negoziati con Bruxelles, abbandonasse il mercato unico e scegliesse di dipendere dalle regole dell’Organizzazione mondiale del commercio per gli scambi con il continente. Il calo significativo delle entrate fiscali potrebbe costringere Londra a tagliare la spesa pubblica o aumentare le tasse. L’eventuale diminuzione delle entrate è prevista anche in un documento del governo e sarebbe parte importante del gettito di 716 miliardi di sterline (circa 790 miliardi euro) previsto per quest’anno. (IFQ) 

La Sterlina inglese negli ultimi giorni

sterlina-gbp

A parlare non sono i gufi e tantomeno gli europeisti, ma gli stessi sostenitori della Brexit che ammettono le conseguenze di una VERA Brexit che a questo punto, non è voluta nemmeno da loro. Mi pare ovvio.
Però giustamente l’Unione Europea non è poi così d’accordo per un’uscita più leggera.

(…) Venerdì scorso la valuta britannica è crollata del 6% in pochi minuti probabilmente per un errore umano o l’effetto amplificato di un algoritmo automatico, ma gli ordini di vendita sono partiti proprio a causa del timore di una “hard Brexit”, ventilata dal presidente francese François Hollande in un’intervista al Financial Times. (…)

Sterlina GBP vs USD da inizio anno: peggio del Peso Argentino!

sterlina-gbp-vs-usd-ytd

Quindi una guerra diplomatica che non sarà semplice ma che trova la Gran Bretagna in una condizione di debolezza in quanto è stata lei stessa a voler uscire. E ora che ne paghi le conseguenze. Ricordiamo inoltre che l’UK vive sui servizi, sul terziario, sul finanziario e non certo sull’industria. Ed ecco che già ci sono le prime defezioni. Fuga da Londra.

(…) La banca statale russa Vtb ha fatto sapere di essere pronta a lasciare Londra e trasferire la divisione investimenti a Francoforte, Parigi o Vienna a causa della Brexit. “Avevamo grandi piani per la nostra sede di Londra, ma con la Brexit stiamo ridimensionando le nostre operazioni” nella capitale britannica “e trasferendole altrove” (…) Secondo uno studio della società di consulenza Oliver Wyman, fino a 71mila posti di lavoro e circa 10 miliardi di sterline in entrate fiscali potrebbero essere persi dal settore finanziario d’Oltremanica se alla Gran Bretagna verranno imposte restrizioni pesanti sugli scambi con l’Ue. (…)

Ma la banca russa è solo la prima di una lunga serie.

(…) Alcune grandi banche, tra cui Goldman Sachs, Morgan Stanley e JPMorgan Chase, hanno preso in considerazione la possibilità di spostare un parte delle attività europee fuori da Londra, come conseguenza dell’uscita del Regno Unito dall’Unione europea, decretata dal referendum dello scorso giugno.
Secondo indiscrezioni riportate dall’emittente televisiva Cnbc, che ha ripreso quanto riportato dal britannico Sunday Times, ad approfittare dell’eventuale ricollocamento potrebbe essere Francoforte, che sta cercando di attirare le società del settore dei servizi finanziari. In particolare, Goldman Sachs starebbe pensando di trasferire circa 2.000 dipendenti in un’altra città europea. L’istituto per il momento non conferma, ma neppure smentisce l’intenzione di voltare le spalle alla City. (Source) 

Quindi il braccio di ferro ora sarà quanto mai interessante e, se raggiungeranno il compromesso (“soft Brexit”), semplicemente NON sarà Brexit come si pensava. Anche il Financial TImes non la vede molto bene. Leggete QUESTO interessante articolo:

Britain is facing a divorce bill from the EU for as much as €20bn, according to a Financial Times analysis that shows the bloc’s shared budget is emerging as one of the biggest political obstacles to a Brexit deal. (…) The €20bn upper estimate covers Britain’s share of continuing multiyear liabilities, including unpaid budget appropriations of €241bn, pensions liabilities of €63.8bn and future contractual and other spending commitments totalling about €32bn. (…) 

britain-brexit-bill

Domanda: qualcuno è ancora convinto che una soluzione del tipo “hard Italexit” possa essere una manna dal cielo per il Bel Paese?

INFLAZIONE: Occhio all’inversione!

5y5y-inflation-swap-uk-eu-us-jpn

Quindi, sembra chiaro che il rallentamento UK sia scontato ed ovvio. E’ ammesso persino dalla May in modo evidente. Ora, ragionate un attimo e pensate cosa potrebbe essere fatto per cercare di rilanciare l’economia. La risposta è quasi ovvia. Ma signori! Ovviamente la politica monetaria può fare molto! (ovvio, sto sdrammatizzando perchè noi tutti sappiamo che non è così). Senza andare su quella che è definita come politica monetaria NON convenzionale, quindi il QE, la BoE potrebbe fare una cosa molto semplice: tagliare i tassi per stimolare l’economia.

MA ecco il problema: qui sopra trovate il grafico dell’inflation swap forward 5y5y (quindi inflazione prospettica) dei principali poli economico “core”. Come potete notare.

a) il Giappone è in downtrend ed a rischio deflazione (ennesima!)

b) l’Eurozona ancora in discesa e sempre a rischio deflazione anche se la situazione sta un po’ migliorando

c) gli USA stanno timidamente invertendo

d) UK…è partita di brutto l’inflazione!

Domanda: come può operare una banca centrale con una fase recessiva e forte inflazione? Semplicemente si…attacca al “Double Decker”. Si chiama STAGFLAZIONE, la bestia peggiore per qualsiasi banca centrale. Auguri, cara UK…

inflazione-uk-target

STAY TUNED!

Danilo DT

(Clicca qui per ulteriori dettagli)

Questo post non è da considerare come un’offerta o una sollecitazione all’acquisto. Informati presso il tuo consulente di fiducia. Se non ce l’hai o se non ti fidi più di lui,contattami via email (intermarketandmore@gmail.com).
NB: Attenzione! Leggi il disclaimer (a scanso di equivoci!)

VN:F [1.9.20_1166]
Rating: 7.8/10 (12 votes cast)
BREXIT: FUGA DA LONDRA (e occhio alla stagflazione)! [Atto II], 7.8 out of 10 based on 12 ratings
22 commenti Commenta
gainhunter
Scritto il 13 ottobre 2016 at 14:01

italexit = euro-r.i.p.
hard-lombexit/venexit/padanexit è possibile, auspicabile, last chance to survive

VN:F [1.9.20_1166]
Rating: +2 (from 2 votes)

元サーファー
Scritto il 13 ottobre 2016 at 14:43

DT

è quello che si meritano – e non hanno ancora visto niente.

Son sempre più dei pezzenti (falliti – ormai da anni).

Moltissimi del/NEL “GIRO” non aspettavano altro (questo, da anni e/o da decenni – in particolare, precipuamente Alcuni).

In certi Ambienti, ormai ne fanno, soltanto e mera, carne da macello – anche dal punto di vista Umano (oltre che finanziario): Li schifano, (e) di brutto.

Appestati – è il termine appropriato.

Ho assistito, personalmente, a due incontri di alto livello – quasi per tutto il tempo, derisi – in modo davvero animalesco; non hanno battuto ciglio (“pecunia non olet” – ossia, senza possibilità di controbattere, visto che i dindini erano per Loro vitali).

La cosa che Mi fa più specie, e vedere o leggere i NO-EURO (noti NEURO) – localizzati ed al pascolo, e non solo – sul Suolo della Penisola Italica, che hanno fatto o fanno il tifo per questi pezzenti, bifolchi.

Prima che i Romani Li civilizzassero, dandogLi il Nome che tuttora Li contraddistingue nel Mondo (BRITANNIA), sapevano solo cagare e pisciare – a cielo aperto; solo.

Dimenticandosi, come sempre, delle Loro “gesta” passate.

E sono dei Nostri Connazionali – che seguono come delle PECORE i LORO GURU’ che all’Estero NESSUNO CONOSCE: visto che NON HANNO CREDENZIALI (REALI O CERTIFICATE; OSSIA, VERITIERE).

E che gesta.

It’s hard to forget someone who gave you a lot to remember – [J. Green, “Paper towns”, 2008]

Ma non Mi meraviglio – dato che l’ignoranza è diventata sempre più un must, mentre la “C”_ultura è/stata ghettizzata a/in poche Persone.

サーファー © Surfer [“È difficile dimenticare Qualcuno che Ti ha dato molto da ricordare”]

VN:F [1.9.20_1166]
Rating: -3 (from 5 votes)

emzag
Scritto il 13 ottobre 2016 at 16:11

Ma la sapete la notizia?…a proposito dei 20 miliardi per una hard Brexit che vorrebbe la UE…e allora pure la Spgna avanza pretese risarcitorie nei confronti dei britannici…e cosa pretende?
Che Gibilterra diventi spagnola…
Lol…

Immediata la risposta del sindaco di Gibilterra: Spain can attach herself to the trolley bus and pull strongly

http://www.abc.net.au/news/2016-10-13/gibraltar-between-a-rock-and-a-hard-place-after-brexit-vote/7926760

Nel frattempo Ambrose Evans Pritchard scrive che l’UK non si deve arrendere

http://www.telegraph.co.uk/business/2016/10/12/if-europe-insists-on-a-hard-brexit-so-be-it/

Scusate ma a me l’idea che un’Europa che si sta per sfaldare pretenda di costringere gli inglesi (gli inglesi…) a chinare il capo per questioni economiche fa abbastanza ridere.

VN:F [1.9.20_1166]
Rating: +2 (from 2 votes)

gainhunter
Scritto il 13 ottobre 2016 at 19:02

Aggiungo: Brexit significa uscire dall’UE, ma non significa autarchia, significa che dove nell’UE la maggioranza vince e imponeva all’UK le decisioni della maggioranza, oggi l’UK dovendo fare accordi bilaterali UK-UE ha come un “diritto di veto” sul proprio coinvolgimento.
Quindi se per “hard Brexit” si intende uscire dall’UE senza fare altri accordi, quindi rinunciando al commercio con l’UE, è naturale che nessuno l’ha mai voluta, e se non fosse stato nel diritto dell’UK attivare l'”exit” con il famigerato “art. 50” probabilmente nessuno avrebbe proposto un referendum del genere; avendo questo diritto l’UK può attendere di avviare la procedura di uscita fin quando non sarà riuscita a firmare tutti quegli accordi “sostitutivi” che vuole (se ho capito bene). Se è così, l’UK non è in posizione di debolezza, anzi, a meno che nel frattempo banche e multinazionali non decidano di spostarsi prima senza attendere l’avvio ufficiale dell’uscita.

元サーファー,

Fammi capire: i Britannici meritano danni perchè hanno votato Brexit e DB non merita di fallire visto quello che ha combinato?

Guarda che come ci sono dei “no euro” pappagalli che sparano boiate ci sono anche tanti “pro euro” pappagalli che sparano panzane. Classificare, raggruppare e giudicare tutti insieme non è corretto.
Non c’è bisogno di nessun guru per vedere un’evidenza empirica scritta in dati e grafici (anche di fonte tedesca o francese) su come funziona l’UEM, su chi ha guadagnato e chi ha perso dall’UE/UEM. E quello che non funziona si corregge (se possibile) o si butta via. Dato che l’UEM non è correggibile e non può funzionare (già spiegato in innumerevoli commenti il perchè) va buttata via. Ovviamente nessuno vorrebbe una “deflagrazione”, ma se si accetta la realtà si dovrebbe cercare un modo di tornare indietro insieme e ordinatamente. Peccato che qualsiasi decisione importante e complessa in UE non viene presa perchè gli interessi sono sempre troppo contrapposti, e quindi probabilmente neanche il divorzio consensuale e pacifico ha una probabilità decente di realizzarsi.
Si tratta quindi di scegliere tra:
– attendere la deflagrazione
– uscire da soli rischiando di tirarsi addosso tutta la speculazione e tutti i danni
– sperare nell’impossibile
La quarta possibilità su cui batto continuamente è la secessione del Nord Italia. Credo che sia probabile oppure semplice? Assolutamente no. Ma tra sperare nell’impossibile funzionamento dell’UEM e sperare nell’altamente improbabile secessione (sì, ha più probabilità di realizzarsi la secessione del Nord Italia piuttosto che l’UEM funzioni in forma democratica e non coloniale) io scelgo la seconda, che ha molte meno controindicazioni dell'”Italexit”.

VN:F [1.9.20_1166]
Rating: 0 (from 0 votes)

kry
Scritto il 13 ottobre 2016 at 19:15

Penso che un bel Capo-danno a Londra sia del tutto scontato , magari in affitto da chi ha acquistato un bel appartamento negli scorsi anni.
Poveri inglesi.
Mi spiace proprio … ( opss mi è cresciuto il naso ) … d’altronde chi semina vento raccoglie tempesta.

VN:F [1.9.20_1166]
Rating: 0 (from 6 votes)

元サーファー
Scritto il 13 ottobre 2016 at 23:27

K-r-y

bentornato; finalmente: Mi ero preoccupato, davvero (pensaVo che staVi/stessi male e non in salute).

BENE – fai il bravo (MANZONIANO, SEMPRE).

Lascia stare: meglio Parigi – in tutti i sensi.

Al volo – capirai, di seguito.

gainhunter

DB (e non solo!) e gl’Inglesi (“Brexit” – premessa e convinzione, da dentro per quello che vedo e “LETTO”: non La faranno mai! Troveranno o s’inventeranno qualcosa; Inglesi, in primis) sono due cose (“partite”) distinte e separate – anche se hanno – o possono avere – dei “tratti” in comune (Deutsche Börse in London Stock Exchange, tieniLo a mente – su “vari tavoli”).

Per quanto Mi riguarda, possono tranquillamente fallire Tutti, se non si hanno i conti in ordine e soprattutto con i “dovuti crismi” Internazionali (dei principi – quelli veri) – essendo da sempre un fervido, un attento, un cultore, un amante del Fallimentare [tra l’altro, (che) è come ST. TOMMASO: pratico e freddo, senza giri di parole e non guarda in faccia a Nessuno; ossia, se non sei a posto, devi chiudere – e così fai/r lavorare-produrre-sviluppare chi è davvero in ordine, serio e perbene].

SENZA GUARDARE IN FACCIA A NESSUNO.

A NESSUNO,

RIPETUTO – BELLO IN STAMPATELLO.

COME HO SEMPRE FATTO.

CON T-U-T-T-I.

Perciò, Mi vogliono bene.

ESSENDO P-U-R-O e P-E-R-B-E-N-E.

Te l’ho già scritto: DB non può fallire (si scaverebbero la fossa in TANTI; ASSISI e “Pellegrini” assortiti e danarosi, in primis! SENZA BANDIERA, DIVISA E NAZIONALITA’) – e nel caso, SE saltasse, tra i primi a perdere, e rifonderCi, dei dindini sarebbero ANCHE i Sudditi di Sua Maestà (i terzi in grado, per la precisione).

TANTISSIMI.

DINDINI,

(INCLUSI) E chi Li ha governati – od amministra (in senso stretto e lato, del termine – “nella testa e nelle mani”).

(A) GLI INGLESI, Mi riferisco.

Te l’ho scritto, non so quante volte, QUA; sei duro di comprendorio.

1- Io vedo, leggo, sento ed interagisco DIRETTAMENTE – con Persone che Tu/Voi vedi/eTe/re sempre come figurine e per Tutta la Tua/Vostra Vita (anche se rinasci/ete altre N-VOLTE: per Voi sempre figurine sono-saranno).

ANCHE AD ORARI ASSURDI (per via dei fusi) – ED ANCHE SE SONO IN FERIE, ZIO CANE (SOPRATTUTTO).

DA ANNI, questo.

Trecentosessantacinque-sei (365-366) giorni ogni anno (“santo”).

All’inizio è stata DURISSIMA – Mi chiedeVo se era vero: PRIMI CINQUE (5) mesi, in particolare, da brividi -, ma dopo quei mesi è divenuto tutto “normale” (come se Mi bevessi un bicchiere di acqua, per farMi capire).

Ora Li tratto Tutti, come dei Pirloni-COGLIONI – ossia, Me ne fotto (senza guardare la Nazionalità);

2- in certi Ambienti, a differenza di altri (dove c’è il Popolino o le Persone normali-comuni), hanno (una) MEMORIA – ossia, NON SI DIMENTICANO N-U-L-L-A; si legano TUTTO al dito (de/gli “incroci non passati”, in particolare, per colpe altrui: si leccano le ferite, come i Cani = SONO INGUARIBILI, se non gLi metti il collarino e Li tieni al “guinzaglio”!) e non aspettano altro che il “tempo-momento” opportuno per rendere (“scambiare”) il relativo “incrocio” (torto subito);

3- c’è stata, c’è – sicuramente, Ci sarà, SOPRATTUTTO su “altri tavoli” – una GUERRA IN ATTO: dove ogni tavolo, vede comporsi e ricomporsi nelle/le Alleanze (“relative” – da una parte Amici e dall’altra Nemici; e viceversa).

Pensa al Qatar – per capirne un paio [ma anche TRE (3)].

Noto che non hai davanti quello che Ti ho scritto, nei precedenti topic del DT – o post Miei.

CAZZO, ZIO CANE – SVEGLIA (sono-erano a date: cadenzati/e – come faccio sempre)!

“Fotografia 2007-2008” – ricordi?!

1- SVIZZERA
2- QATAR
3- SINGAPORE

Identica-“vale” ancora oggi (PARI-PARI).

Chi c’è in DB?

Cosa vogliono fare, ORA?

Da chi sono “coperti” – politicamente, oltre che bang.bang?

Peccato che Noi (ITALIANI), siamo infognatissimi – come sempre. Non possiamo fare nulla – a prescindere dal pallonaro a Roma.

Non abbiamo buscato nulla.

I Francesi, ne hanno e ne stanno approfittando (CIAO “kry”, sempliice!) – oltre che i Cinesi, i Japaneses e solo in parte gli Yankees (per Loro briciole – pensano ad altro, a dire il vero: ossia, hanno lasciato campo ad Amici a cui dovevano dei FAVORI – avuti a febbraio di quest’anno).

Alla fine, vedi che Crucchi ed Inglesi, sono dalla stessa parte – INCHIODATI.

ORA!

UNA PILLOLA – CHE NON TROVERAI E LEGGERAI MAI.

FIDATI.

Nel 2010-2011, e parte anche nel 2012 – ne/i primi tre mesi, precisamente -, quando erano tempi di magra (carestia, per capirCi bene) per TUTTI, furono/sono state fatte delle Initial Public Offering (IPO, “note”): tra le prime VENTI (20) a LIVELLO MONDIALE, OTTO (8) avevano come Financial/Equity-Advisors nel Core gli Inglesi ed i Tedeschi; a CORE&CORE APPASSIONATAMENTE.

Nel 2011, precisamente, nelle prime CINQUE (5), TRE (3) avevano il Loro Core.

Su Shanghai, QUESTE ULTIME – “raccolta” di capitali Asiatici e non solo (all’epoca era un BENGODI ALLUCINANTE).

PULITI ED ANCHE DA RICICLO/ARE.

Nel 2013 e 2014 (fino ad aprile), da Lì-Là, si sono trasferiti T-U-T-T-I e T-U-T-T-E su Francoforte – ossia, bagagli e quattrini.

LEGALI-LEGALMENTE.

CON TUTTI I CRISMI.

Nel 2013, a settembre-ottobre erano stati “avvisati”: “fulmini e saette, in arrivo”.

Avendo poi come sbocco – operatività – proprio la City.

Per poi ripartire – E RIMETTERLI A CHI LI AVEVA MESSI.

Facendo queste “operazioni” (IPO e “successive”) hanno “UCCISO” (escluso – dal giro) determinate Banche e Fondi – e quindi, Aziende (ANCHE).

Let’s go on to swing … https://www.youtube.com/watch?v=aGSKrC7dGcY

SALUTI A TUTTI.

サーファー © Surfer [Enjoy the silence – is mood, mode! l Ps: E CHE NON AVRESTI MAI SAPUTO!]

VN:F [1.9.20_1166]
Rating: +1 (from 1 vote)

Scritto il 14 ottobre 2016 at 00:11

Grande Surfer!

元サーファー,

VN:F [1.9.20_1166]
Rating: 0 (from 0 votes)

kry
Scritto il 14 ottobre 2016 at 00:49

元サーファー,
” bentornato; finalmente: Mi ero preoccupato, davvero (pensaVo che staVi/stessi male e non in salute).”
Grazie Mitico 169210468.
So che l’hai capito ( altrimenti un piccolo aiuto 1/2-1/2-2/3-2/2 ). La salute è di 26.( ulteriore aiuto )
Non sei stato l’unico.
anche

gai­n­hun­ter,

quando volete

c’è posta
http://intermarketandmore.finanza.com/sofferenze-nuovo-record-a-198-miliardi-e-scusate-se-e-poco-74391.html
Ciao ad entrambi.
VVB
Kry
Ps Sono d’accordo Parigi è migliore.

VN:F [1.9.20_1166]
Rating: 0 (from 0 votes)

gainhunter
Scritto il 14 ottobre 2016 at 19:16

元サーファー,

1. “Brexit” o “Hard Brexit” intesa come autarchia / senza accordi bilaterali non la faranno mai e non è mai stata né proposta né votata, perchè l’obiettivo della Brexit è sempre stato “uscire dall’UE per fare accordi più convenienti”. Chiamarla “soft Brexit” vuol dire volersi dare ragione sul fatto che chi voleva la Brexit non potrà farla, ma in realtà quello che è stato votato è stato propagandato proprio come quella che ora viene chiamata “soft Brexit” (anche se sulla scheda elettorale non era scritto). Anzi, se non fosse possibile raggiungere accordi alternativi l’UK potrebbe rimandare sempre l’art. 50 finendo per non uscire mai.

2. Se tutte queste operazioni di cui parli si muovono tra continenti velocemente e senza problemi, perchè l’uscita dall’UE di Londra sarebbe così catastrofica? Zurigo è un centro finanziario importantissimo ma non è nell’UE, chi si piazza a Zurigo che problemi ha rispetto a Londra oggi e che vantaggi ha rispetto a Londra domani?

3. Dal punto di vista della finanza, ok. Dal punto di vista industriale può essere l’opposto, anzi, essendo l’UK ormai molto sbilanciato verso i servizi e avendo deindustrializzato molto in passato, potrebbe essere l’occasione (se sapranno sfruttarla) di riequilibrare un po’ i settori portando in UK l’industria grazie alla svalutazione della sterlina (sempre facendo finta che industria e finanza abbiano un futuro e che l’UK non sia un paese già strafallito da anni, finanza o non finanza, CIty o non CIty, Brexit o non Brexit)

4. Mi ricordo (Svizzera, Qatar, Singapore) ma a parte ricordarmi che l’hai scritto se fossi più esplicito lo capirei anche. Cosa hanno fatto in Qatar? Chi c’è in DB?

5. Le multinazionali finanziarie (chiamiamole pure banche, ma non lo sono) hanno raggiunto dimensioni e libertà inaccettabili. Se la CIty dovesse perdere il suo status di centro finanziario per me è un bene (tanto non ci lavoro :-P ) Voglio dire che quelle guerre a cui ti riferisci, quegli spostamenti di capitali, ecc. sono un livello di “alta finanza” che non dovrebbe esserci o che dovrebbe essere regolato e limitato in modo da non creare danni, cioè sono andati troppo oltre il limite della ragionevolezza, e quindi tutto quello che può cambiare questo status quo io lo vedo come positivo.

6. Prima della Brexit alcuni dicevano che ci sarebbero stati danni per tutti, io sostenevo che nessuno poteva dirlo e che di solito se uno perde un altro guadagna; ora sembra che alcune multinazionali finanziarie vogliono spostarsi a Francoforte, ovvero ci guadagnerebbe l’UE. Vedremo, sarà interessante. Però tu dici che Tedeschi e Inglesi sono insieme, ma insieme in cosa? Cosa vuol dire “ne stanno approfittando”? Di cosa? Di che tipo di attività parli?

7. La “pillola” non so quanti l’abbiano capita (mancano elementi), comunque grazie per il tentativo.

VN:F [1.9.20_1166]
Rating: 0 (from 0 votes)

doge
Scritto il 15 ottobre 2016 at 21:04

元サーファー,

Scusami 元サーファー visto che mi sembri preparato, una domanda: quanto potrebbe valere oggi giorno la BCE? Grazie (o anche a chiunque voglia darmi una risposta).

VN:F [1.9.20_1166]
Rating: 0 (from 0 votes)

元サーファー
Scritto il 16 ottobre 2016 at 01:50

doge

Benvenuto, innanzitutto – (e) Ti ringrazio per la considerazione o fiducia che riponi in Me (ed/oltre in/che a questa gabbia di matti).

Discorso assai complesso – per tanti motivi (anche “leciti e non”).

Se depurato da fedi, passioni e teatrini assortiti (ossia, “ignoti” a/i Molti – e che non sono Pubblici -: QUINDI NON LI CONOSCERETE MAI!), attualmente, al 15 ottobre 2016, dal punto di vista reputazionale – sia in senso stretto di capitale che in senso lato di rischio -, la classifica è questa:

1- Bank of Canada

2- European Central Bank

3- Reserve Bank of Australia

4- Reserve Bank of New Zealand

5- Federal Reserve

6- Bank of Japan

7- Bank of England

8- People’s Bank of China

9- Reserve Bank of India

10- Central Bank of Russia

Più si scende in basso, da 1 a 10, più il rischio aumenta.

Devi considerare, che alcune di queste Banche Centrali, vivono o devono con-vivere in modelli (finanziari) ben determinati – a volte, neppure determinati (“polvere e sabbia”). E non solo per la struttura (industriale ed aziendale) dei/delle-nei/nelle Paesi/Nazioni.

Le prime in alto della classifica, hanno “visione” o il “controllo” su Stati/Nazioni od Aree in prossimità che sono “ibridi/e”: ossia, dove Ci sono diversi sistemi (industriali ed aziendali) o modelli (finanziari) – al Loro interno, precipuamente poi per la ECB, IL TUTTO SI ACCENTUA/AMPLIFICA.

Se ciò – ASPETTO/DINAMICA – era stato/a limitante negli anni (acuti) delle crisi finanziarie (2007, 2008-2009, 2010, 2011-2012, 2013, 2014-parte 2015 – Occhio che il domino è partito nel 2007, non nel 2008, e gli effetti sono stati diversi “globalmente, per Paesi, per Nazioni e per Aeree” :=: “ad onde concentriche e sfasate”, sia nelle strutture che nei relativi modelli), questo/a aspetto-dinamica, ora invece non lo è affatto.

Anzi, è o può essere una vera fortuna. E quindi un punto a favore. NOTEVOLE – per quelli in alto.

Tieni sempre a mente, per quanto riguarda l’Europa (Continente tutto, in generale) che è stata, è e rimarrà – ancora per 20/30 anni circa -, la principale Piazza economica nel/del Mondo (con buona pace di Tutti – che siano Inglesi, Cinesi, Giapponesi, Indiani, Russi, Sud-Africani od Americani: dietro sono e saranno, ancora. E questo gLi fa prudere il DERETANO).

NON SAPETE QUANTO GLI PRUDE.

Anche se prendi – od isoli – la sola Area-Euro (nota Euro-zona), il risultato è lo stesso (anzi pure meglio, in certi settori della/e struttura/e): PRINCIPALE PIAZZA ECONOMICA NEL/DEL MONDO.

Ciao – se hai ancora qualche dubbio, chiedi: passa a trovarCi e scriVi qualcosa.

gainhunter

solo questo – ho da fare; sei diventato peggio di Lampo (chiedi sempre troppe cose).

1- CHI C’E’ IN DB?

2- COSA VOGLIONO FARE, ORA?

3- DA CHI SONO “COPERTI” – POLITICAMENTE, OLTRE CHE BANG.BANG?

In questa settimana, passata, si sono mossi – sia direttamente che indirettamente (soprattutto).

In quest’ultimo caso – ossia, indirettamente (per terze Persone, gergalmente) -, più del previsto.

E PROFICUAMENTE – a quanto pare (per Loro).

[TUTTO] A conferma di ciò che vado scrivendo da settimane: (che) DB non può saltare.

Buon week-end a Tutti.

サーファー © Surfer
b-

b- al suo interno

VN:F [1.9.20_1166]
Rating: 0 (from 0 votes)

paolo41
Scritto il 16 ottobre 2016 at 09:34

gainhunter,

Credo (meglio…. PENSO) di aver capito a quale PILLOLA si riferisce Surfer (non è certo quella di MARY POPPINS !!!!!), ma senz’altro anche questa ….. VOLA IN ALTO ed ha anch’essa come la nostra MARY l’ombrello di PEZZI DA NOVANTA del mondo FINANZIARIO ( uno, NO….. TUTTI pensano a BILDERBERG che per nascondersi/IMBORGHESIRSI hanno invitato vari personaggi di poco peso anche italiani (che ci fa LILI GRUBER???).
Certo non sono i CASAMONICA che si sposano con l’ELICOPTER MONEY e poi troppo estroversi ( OCCORRE STARE NASCOSTI). Escluderei la mafia di SINALOA, l’Ndrangheta, quella russa e quella Japan, etc etc, tutta robetta e ad altre cose interessate. Se uno pensa a quella USA si ricordi che per il COLUMBUS DAY le borse erano aperte !!!!!

Il nocciolo è SVIZZERA/QATAR/SINGAPORE
sempre identica “vale” ancora oggi (PARI-PARI).
La congregazione EBRAICA ( con una mafia potentissima) è la più forte al mondo ed ha TENTACOLI in ogni continente anche fuori dalla terra, e quella CINESE (con le varie TRIADI) vola sempre più in alto e tra poco raggiunge MARY POPPINS.
Spero di essere stato CHIARO……..

VN:F [1.9.20_1166]
Rating: +1 (from 1 vote)

元サーファー
Scritto il 16 ottobre 2016 at 14:55

Paolo

m-“ç”-ò Ti metti pure Tu! Mmh.

A- gli Amici erano e sono i JapaneSeS.

S-E-M-P-R-E.

CHIUSO ARGOMENTO – PER SEMPRE!

B- Il Trio delle meraviglie sono CITTA’-NAZIONI-STATI “particolari” – “ibridi”: in tutti i sensi.

IN TUTTI I SENSI.

Di quei/sti TRE (3) occhio ed antenne – per davvero – su SINGAPORE: è messo da panico, ora.

Per determinati motivi – non solo “tecnici”.

Ne stanno combinando di tutti i colori.

C- sulla pillola, NON POSSO FARE NOMI, né scrivere altro – di pubblico NULLA, ancora ad oggi: troppi interessi (da più parti – Amici o Nemici che siano, poi) e soprattutto Ve ne sono ancora altre in giro (nelle “scatole”; oltre che pronte per altri giiri) -; siamo in pochissimi che Le conosciamo (come quando, Voi recitaTe l’AVE MARIA).

Su DB.

Iniziano ad uscire i “piSi-piSi informali” – ossia, noti ad Alcuni già da alcune settimane (o mesi PASSATI).

MEGLIO – per il comprendorio di TUTTI (almeno spero).

J. Strasburg (Wall Street Journal, com, THE), “Deutsche Bank’s top investor, Qatar, is getting worried about the lender’s outlook – Qatari investors support management but seek assurances that lender is doing everything possible to resolve looming settlements” – October 14, 2016
http://www.wsj.com/articles/deutsche-banks-top-shareholders-tell-struggling-lender-they-are-concerned-1476448133

Basta solo il titolo e il breve riassunto/”catenaccio” (del WSJ) – per capire, al volo e senza giri di parole.

Ma SOPRATTUTTO questo/i.

§- S. Ramakrishnan, W. Caiger-Smith, A. Chambers, N. Harrison, (Reuters, com, THE), “Deutsche Bank gets access to bond market, but at a price” – NEW YORK/LONDON: October 14, 2016
http://uk.reuters.com/article/deutsche-bank-bonds-investors-idUKL1N1CJ0YY?rpc=401

°l°

_… The first deal was sold after those enquiries, and many buyers just came back for more, prompting Deutsche to tap the initial issue.

Pimco was a major investor in both deals after approaching Deutsche first, Reuters reported, citing a source familiar with the matter. …_

°l°

?Perchè proprio PIMCO e non ALLIANZ?

Così Vi faccio passare una bella Domenica – a spremere le Meningi: tengo al Vostro Cervello; così Vi allenaTe!

gainhunter

come vedi, Tutto torna – o ri_TOrna.

“Col tempo e la pazienza si fa tutto e tutto bene”.

Ti do un paio di consigli – davvero spassionati.

Impara BENISSIMAMENTE:

1- le OPZIONI in/di FINANZA;
2- la struttura Societaria, oltre che Industriale ed Aziendale – in genere di Tutti, se Vuoi scrivere – oltre che investire (soprattutto, in quest’ultimo caso: ne valgono dei Tuoi dindini).

ALTRIMENTI LASCIA STARE – CHE E’ MEGLIO.

サーファー © Surfer

VN:F [1.9.20_1166]
Rating: 0 (from 0 votes)

kry
Scritto il 16 ottobre 2016 at 15:19

元サーファー,

1- Bank of Canada

2- European Central Bank

3- Reserve Bank of Australia

4- Reserve Bank of New Zealand

5- Federal Reserve

6- Bank of Japan

7- Bank of England

8- People’s Bank of China

9- Reserve Bank of India

10- Central Bank of Russia
??? NORGE ( non pervenuto. Perchè troppo piccola? )
169 – CH
Ciao Mitico.

VN:F [1.9.20_1166]
Rating: 0 (from 0 votes)

gainhunter
Scritto il 16 ottobre 2016 at 20:51

@paolo41
Spunto interessante, che mi fa ricordare quanto di me..a è questo mondo…

@Surfer
B-Ok, stiamo parlando di paradisi fiscali
C-Aspettiamo pazientemente
PIMCO-Perchè ha sede in USA e non in Germania? O perchè è l’aspirapolvere della spazzatura finanziaria mondiale (mi riferisco a Fannie Mae e Freddie Mac nei portafogli dei suoi fondi)? O perchè ha un business diverso da Allianz (regole diverse)?

Io scrivo qui per confrontarmi e imparare, non per pontificare, per egocentrismo o per ottenere consensi, non saprei cosa farmene. Per lavoro produco e intendo continuare a farlo, non mi interessa entrare nel mondo della finanza, e dei miei investimenti attualmente sono soddisfatto (ma sempre in ricerca/studio e ho in programma di usare i risparmi per altro – “investimenti” più concreti). Non sono “dentro” in questo business (per fortuna), i dettagli magari non arriverò mai a conoscerli, ma credo di averla capita una cosa: che la finanza oggi non è più un servizio all’economia e alle imprese (come poteva essere forse un bel po’ di anni fa), è un ostacolo, un rischio, un parassita, un buco nero che distrugge aziende, stati, vite. Non è più investment-friendly, non è più business-friendly. Serve alla grande industria, alla criminalità, alla finanza stessa in un circolo vizioso che coinvolge grandissime “banche” private con innumerevoli funzioni e mega-conflitti di interesse, banche centrali, governi composti da finanzieri, paradisi fiscali.
Back to the basics!

La domanda più importante, quella che mi interessa più di tutte, è questa: se ne può uscire? Si può far fare all’industria finanziaria le “riforme strutturali” (lì sì che servono!), per tornare a far sì che sia un servizio all’economia?
Grazie
Ciao

VN:F [1.9.20_1166]
Rating: 0 (from 0 votes)

gainhunter
Scritto il 16 ottobre 2016 at 21:01

Esempio:
https://snbchf.com/2016/10/snb-takeover/
MA STIAMO SCHERZANDO???
(Kry, questa è per il 169° posto)

VN:F [1.9.20_1166]
Rating: 0 (from 0 votes)

kry
Scritto il 16 ottobre 2016 at 23:58

gai­n­hun­ter,

Non sono in possesso del grafico nel citato articolo , sapevo dell’esposizione della banca in apple per questo ho attribuito il 169° posto , tra l’altro non sapevo che SBN fosse pure quotata tanto da ESSERE una bolla , FARE da bolla per il listino svizzero e CREARE una bolla per WS.
Invece della FED abbiamo la FECbol… che in italiano le fec sono quelle cose marroni … si appunto come le banche.
Ciao.

VN:F [1.9.20_1166]
Rating: 0 (from 0 votes)

kry
Scritto il 17 ottobre 2016 at 00:22

gai­n­hun­ter,

” PIMCO-Perchè ha sede in USA e non in Germania? O perchè è l’aspirapolvere della spazzatura finanziaria mondiale (mi riferisco a Fannie Mae e Freddie Mac nei portafogli dei suoi fondi)? O perchè ha un business diverso da Allianz (regole diverse)? ”

Vuoi vedere che per pagare i 14 mld$ della multa DB vende il pallino TAUNUS a PINCO.

VN:F [1.9.20_1166]
Rating: 0 (from 0 votes)

doge
Scritto il 21 ottobre 2016 at 11:47

Grazie per la risposta, sei stato gentile, e perdonami se la risposta è alquanto tardiva

però la mia domanda era come quantificare il valore in denari (sinceramente non ho idea come funzioni la questione), perché se è vero che la brexit possa creare un buco alle finanze UK (a proposito 66 milioni di sterline sono circa 73 milioni di Euro, ovvero un nulla, meno di un inutile F35 da 100 e più milioni cadauno) è vero anche che può sempre contabilizzare la quota del 14,5% della BCE (fare cassa per semplificare), che penso farà visto che si è tolta dal progetto “europa” e penso che è questa la vera paura dell’establishment finanziario mondiale (o meglio angloamericanosionista, ma che oramai è sempre meno anglo).

Ora la mia domanda era quella di cercare di capire se il valore della BCE possa essere valutato in base agli Euro creati dal nulla per acquisire Bond governativi LTRO I/II e operazioni di liquidità varie.

Perché se così fosse il valore della BCE da liquidare sarebbe altissimo e destabilizzante per gli altri paesi della BCE e garantirebbe alla UK un extra reddito impiegabile nella loro politica monetaria.
Se invece il valore si basa sul reale (ma cosa è reale in questa finanza?) allora il collasso del capitalismo e bello che pronto.

Dico capitalismo perché inserendo in Brexit in un contesto Geopolitico e di cambiamento del paradigma, si evince che gli UK hanno anticipato il cambio in atto, cercando di calcare, e quindi sopravvivere alla decadenze del capitalismo e degli altri grandi ideali che sinora sono stai il motore della civiltà.
In questo, faccio riferimento anche alla teoria del dominio della tecnica di Emanuele Severino.

Ci si lamenta del fatto che l’abbandono della finanza da Londra creerà un buco nelle finanze, senza considerare il costo della/e banca/e centrali per tenere in piedi il sistema finanziario, senza contare la comunque naturale ristrutturazione bancaria/finanziaria che eliminerà 80% del personale umano esistente oggi. Mai come la finanza odierna è l’elemento più predisposto alla sostituzione del capitale umano con nuovi sistemi algoritmici/computerizzati (anche se oramai il termine computer è altamente superato). La “finanza” che sopravviverà nei prossimi mesi, non sarà più in grado di garantire una base occupazionale odierna, e pertanto tornerà nello spazio che le aspetta di subordinarietà della tecnica

Tant’è che Uk sta lavorando, da pochi anni, ad un nuovo piano industriale (cosa che in Italia non si fa da almeno 20 anni), nel frattempo il pendolo del potere si sta trasferendo verso l’Asia, per quanto non lo so.
Intanto la decadenza dell’impero Usa/nato inizia ad essere sempre più evidente, è la loro capacità di riorganizzarsi ne valuterà la possibilità di tornare il centro del mondo, ad oggi più che riorganizzarsi sembrano più orientati ad una veloce dissolvenza.

Riassumendo in una frase è che si cerca di valutare il sistema emergente con i parametri del vecchio sistema morente, un po’ come quantificare i cavalli vapore di un’astronave aliena, fondamentalmente inutile.

元サーファー,

VN:F [1.9.20_1166]
Rating: +1 (from 1 vote)

元サーファー
Scritto il 21 ottobre 2016 at 18:20

doge

Tranquillo – per fortuna, non viviamo sul/o di virtuale: quando si ha tempo e possibilità, sempre.

[Ora, a differenza del Tuo primo commento] Hai messo nel piatto, o sul tavolo, (davvero) tantissime cose/opinioni-pensieri – (che) in vari Topic del DT e/o in Miei antecedenti/successivi interventi-commenti-posts, molte volte, ed/od a più riprese -; ne abbiamo/ho trattato (abbondantemente).

Ma non Ci seguiVi – e quindi, Mi rendo conto delle Tue “domande” o “supposizioni”.

In breve, per risponderTi un pò a Tutto – almeno spero, riavvolgendo il nastro (a/di mesi ed anni).

1- ECB! In termini “quantistici”, ma volendo anche “qualitativi”, andiamo sul consolidato – quindi, sempre annuale (più appropriato, nelle valutazioni relative):

§- European Central Bank (ECB, Research & Publications, Eurosystem balance sheet, THE), “Annual consolidated balance sheet of the Eurosystem, 1999-2015 – as at 31 December 2015” – Frankfurt: December 31, 2015
https://www.ecb.europa.eu/pub/annual/balance/html/index.en.html

– [dove, trovi/erai altri collegamenti-riferimenti con cui/per approfondire – per esempio, gli aggiornamenti settimanali (anche se lasciano il tempo che trovano, già se non sei un’Investitore (Gestore anche di Fondi o meno, poi)].

2- La cd. “Brexit” al momento non c’è stata.

“Non hanno visto ancora niente” – per davvero (cosa Li aspetta), anche se ha “perculato-trapanato” moltissime Persone; Britanniche. E non solo (BRI-ts).

Ahora mismo, si “viaggia” a spizzichi e bocconi: ossia, a vista ed a labbro/a, di ciò che ri-dicono e ri-pensano – ormai anche quotidianamente, più volte: “teatrino” – i politicanti di Sua Maestà (che è sempre la più furba di Tutti: in-fatti, non ha proferito alcuna parola sul tema, in essere).

“Che Dio salvi la Regina” – da Costoro (e sempre, dicitur).

Sul punto, ho visto e letto tante di quelle analisi (e/o reports) – pubbliche, riservate o selezionate che Esse siano.

Tutto però è su carta – e non su carne, come dico/ripeto sempre.

“Tra il dire ed il fare c’è di mezzo il mare” – per il famoso intercalare.

Nel caso della “Brexit”, anche gli Oceani; soprattutto.

Oltre che la psiche – psicosi – del Popolino: (sempre/assai) cangiante a seconda delle convenienze, Personali (su di ciò, battono anche i politici-politicanti che criticano ogni santo giorno).

“Il Popolino è amante delle supposte” – nel Regno di Sua Maestà, nei secoli, imperituro è il detto.

Come scritto diverse volte, e non solo qua, secondo (un) Mio parere Personale, troveranno o s’inventeranno qualcosa; in primis, gl’Inglesi (che fanno parte dei Brits).

Questo perchè, andrebbe ad impattare soprattutto su di Loro – la cd. “onda d’urto” [d’altra parte, e per (Nostra) fortuna, Ti rammento che il Regno Unito non fa parte dell’ECB, tanto per capirCi – basta anche osservare le (“relative”) liabilities (passività) che trovi nel link testé postato in alto – già bastano quelle; senza postare quelle della Bank of England].

Ci vuole tempo, denaro e competenze.

Non hanno tempo, non hanno denaro e soprattutto non hanno competenze tecniche qualificate – per gestire diversissimi problemi (“accordi e non”) contemporaneamente.

Già solo con l’Irlanda – che fa parte della Euro-zona e della ECB -, avranno tantissime di quelle rogne (“lecite-legali e non”); ad “occhi-o”, non basterebbero neppure VENTI (20) ANNI (solo con l’Irlanda, Lo riscrivo).

Per non parlare, della (Sua/Loro) spina nel fianco perenne – che si ri-trovano: ossia, la Scozia.

3- Il Regno Unito vive attualmente – da almeno VENTI (20) anni – principalmente del/sul terziario – che vive/campa (sempre!) sulla “fiducia” e sulla finanza (non solo quella “cattiva”).

Se si sgonfia il plum-cake – della City (e non solo quello) -, che fanno?

Vanno subito di cacarella – come sempre è accaduto.

Poi – diventano (domanda): ?facchini, pittori od idraulici!

Lavori che hanno abbandonato – e lasciato agli “Immigrati”, da anni.

Russi, Slavi (etnia allargata), Cinesi, Giapponesi, Asiatici (coloriti-colorati, ossia gialli mandorlati e non), Orientali (medi ed alti, a seconda della Loro posizione del/sul/rispetto al Nilo) si sono comprati – o si comprono – la “materia” [quello che si tocca con le mani e che quindi (Ti) rimane (al Popolino, quando va di cacarella, se la tengono ben stretta): ossia, dopo esser passati da/per il tramite di una filiera industriale – e non aziendale (per i “servizi” basta solo quella, in periodi di vacche grasse – “snelli ma scopertissimi, se parte il domino”, quindi)].

4- Su Asia (Continente e non), potrei scrivere/Ti (dei) tomi – ed anche in diverse Lingue.

Tutti ne parlano o ne scrivono – spesso a sproposito (discorso lungo – che non voglio affrontare qua: faremmo le calende greche).

Prendiamo i (gemelli) pianeti (monozigoti): Cina e Giappone – su cui ruotano i vari (TUTTI gli Altri) satelliti Asiatici (a forza o a ragione – da secoli, questo è e sarà; nel bene o nel male).

Mi soffermo su Loro.

La Cina che fa o produce è/si trova al Sud (il resto è montagna, campagna-agricoltura, pastorizia, industria stra-pesantissima-vecchissima – scarsamente qualificata e ormai per nulla remunerativa; da decenni, questo); il Giappone che fa o produce è ad Est [nella “colonna vertebrale” del nucleare – ad Ovest, la linea va/è a petrolio o a combustibili fossili (dalla fine della Seconda Guerra Mondiale, grazie agli YankeeS); ciò però gLi ha consentito di non uscire con le ossa rotta dopo l’incidente di Fukushima (11 marzo 2011)].

Entrambi, hanno in comune una cosa, per “natura” (morfologicamente o geologica-mente): l’Oceano Pacifico.

T’invito a ri-leggere questo

http://intermarketandmore.finanza.com/crollo-borse-causa-crisi-cinese-grecia-economia-usa-fed-73605.html/comment-page-1#comment-140887

– del 22 agosto 2015 – [(tratto, da) DT (intermarketandmore, com), “Godot passa a portare il conto” – 21 agosto 2015]

Credo di non aver lasciato fuori nulla.

Keep in touch.

Ps: in UK vige il sistema capitalista/ico “liberale”: ossia, (dove) le cd. “burocrazie pubbliche” “svolgono” (ie, hanno in mano) solo il processo di regolazione/regolamentazione (del Sistema economico – che include tutto e tutti; anche la finanza).

In-somma: il (Suo/Loro) grado di azione, quando “piove”, è davvero assai limitato (per non scrivere, del tutto nullo!) – perché il tempo gioca/cherebbe a (Suo/Loro) sfavore (sempre).

kry

fuochino: sei ai margini dei targets.

Il fuoco è altro.

Su PIMCO (come dovresTi già sapere, è di “proprietà- controllata” di-da Allianz).

Norvegia e Svizzera: sono o no nel Continente Europeo?

[E] Come si rapportano – tramite le Loro Banche Centrali -, all’Euro-zona e quindi alla ECB?

Saluti a Tutti.

サーファー © Surfer

VN:F [1.9.20_1166]
Rating: 0 (from 0 votes)

元サーファー
Scritto il 23 ottobre 2016 at 15:42

1- British Bankers’ Association (BBA, Press release, THE), “Record rise in bank lending to farmers – Commenting on the figures, BBA CEO Anthony Browne” – October 10, 2016
https://www.bba.org.uk/news/press-releases/record-rise-in-bank-lending-to-farmers/#.WAy8APmLTIU

2- D. Boffey (Guardian, Observer, com, THE), “Brexit: leading banks set to pull out of UK early next year” – October 23, 2016
https://www.theguardian.com/politics/2016/oct/22/leading-banks-set-to-pull-out-of-brexit-uk

Nota, ATTENZIONE: il corrispondente (ENRICO FRANCESCHINI), presso UK/Londra, del giornale/quotidiano “LA REPUBBLICA” ha tradotto – ossia, copiato – di sana pianta quest'”ultimo” articolo.

Più o meno, come hanno fatto tutti – gl’it-ALICI.

Basta saperLo, sempre.

サーファー © Surfer

VN:F [1.9.20_1166]
Rating: 0 (from 0 votes)

doge
Scritto il 23 ottobre 2016 at 20:06

Grazie Surfer, sei stato gentile per l’ennesima volta.
Ora devo prendermi qualche giorno di studio :-D, ma penso che ne valga veramente la pena, i cambiamenti geopolitici e finanziari di questi tempi, creeranno nuove opportunità che bisogna essere veloci a prendere, e di conseguenza ci saranno invece altre strade che ad un certo punto si bloccheranno. Ecco l’ideale e trovare le prime ed evitare le seconde.

Grazie, Doge

VN:F [1.9.20_1166]
Rating: 0 (from 0 votes)

Sostieni IntermarketAndMore!

ATTENZIONE Sostieni la finanza indipendente di qualità con una donazione. Abbiamo bisogno del tuo aiuto per poter continuare il progetto e ripagare le spese di gestione!

TRANSLATE THIS BLOG !

I sondaggi di I&M

Euro o non Euro....questo è il problema?

View Results

Loading ... Loading ...
View dei mercati

Google+