Borse e buy opportunity targata 1957

Scritto il alle 15:40 da Danilo DT

Mercato azionario a sconto, azioni con multipli interessanti, listini a quotazioni non consone, banche regalate con price earning molto bassi… Ma sarà vero?

Questo post suona molto come “provocazione” in quanto sui giornali e sui media in generale si legge, in ogni dove, che le borse sono praticamente regalate. Multipli venduti come imbattibili, praticamente azioni da comprare di corsa (o come si suol dire, al prezzo delle patate) e quindi borse viste come opportunità imbattibile per fare soldi al fine di sfruttare la ripresa dei listini.
Impossibile dare torto a queste voci, i multipli sono veramente impareggiabili, ma sono multipli che ancora oggi sono legati a scenari societari vecchi e quindi, secondo me, poco realistici.
Facendo un ragionamento di tipo puramente matematico, si viene a scoprire che, udite udite, il benchmark mondiale, lo SP 500, ha raggiunto un livello di Price Earning previsto per il 2011 pari a 10.5, vale a dire una valutazione che si è vista l’ultima volta la bellezza di 54 anni fa, nel 1957.

Oct. 3 (Bloomberg) — The rout that erased $2.9 trillion from U.S. equities has pushed valuations in the Standard & Poor’s 500 Index 25 percent below the average level from the last nine recessions, even as profit estimates fall. Companies in the benchmark gauge for American equities trade at 10.5 times 2012 forecast earnings, compared with the average in economic contractions since 1957 of 13.7, according to data compiled by Bloomberg. At the same time, analysts have cut projections for profits next year by 2.6 percent to $110.78 a share, the biggest eight-week drop since 2009, the data show.

Cavoli, ma allora ste borse sono veramente da comprare! Forse si, e chi ha la sfera di cristallo magari ce lo può confermare.

In realtà sui mercati finanziari, nelle fasi di forte difficoltà come quella attuale, chi fa la differenza è un fattore, il TIMING. Infatti nulla vieta che questo P/E a 10.5 possa passare magari a 9 (con conseguente svaccamento delle borse di un ulteriore 20%), oppure, chi lo sa, sarà un livello di minimi che non potrà essere rivisto in futuro, presentandoci una clamorosa “buy opportunity” che tra qualche anno rimpiangeremo amaramente.
Che posso dirvi cari lettori, magari sarà anche una “buy opportunity” ma con lo scenario macro di oggi ritengo troppo aggressivo il semplice atteggiamento “long only”, ovvero compra, dimenticati dell’investimento e spera che prima o poi salga. Meglio prima aspettare il segnale dell’analisi tecnica e poi anche quello macroeconomico.
E per la cronaca, su entrambe queste sponde, al momento il segnale è chiaro: farsi una bella vacanza…. Però sia ben chiaro, non posso assolutamente certificare che oggi NON sia realmente una buy opportunity colossale. Solo il futuro ce lo potrà dire…

Stay Tuned!

DT

Sostieni I&M! Il tuo contributo è fondamentale per la continuazione di questo progetto!

Ti è piaciuto questo post? Clicca su Mi Piace” qui in basso a sinistra!

Tutti i diritti riservati © | Grafici e dati elaborati da Intermarket&more su database Bloomberg | NB: Attenzione! Leggi il disclaimer (a scanso di equivoci!) | Vuoi provare il Vero Trading professionale? PROVALO GRATIS! |
Seguici anche su Twitter! CLICCA QUI! |

10 commenti Commenta
vichingo
Scritto il 5 Ottobre 2011 at 16:15

Se si ha liquidità che non serve per sopravvivere, per me il timing giusto di entrata è ora. Dico questo perchè credo ci sarà un’azione concertata tra fed, fmi, bce e g20 che darà un po’ di fiducia ai mercati, e con questo l’appagamento di tanti investitori, che sono pronti a schiacciare il bottone buy. Razionalmente concordo con la tua analisi, ma irrazionalmente penso che il rally di fine anno ci sarà comunque, così ho scommesso, perché in questo mondo conta solo quello per vincere. Se così sarà canterò la Turandot del mio conterraneo Giacomo Puccini. 8)

bergasim
Scritto il 5 Ottobre 2011 at 17:05

vichingo,

Si ma attenzione perchè nei rally ogni tanto ci possono essere i fuori pista, ed i plioti di oggi mi sembrano molto scarsi.

rulloclash
Scritto il 5 Ottobre 2011 at 17:13

E’ un mondo difficile
e vita intensa
felicità a momenti
e futuro incerto

ob1KnoB
Scritto il 5 Ottobre 2011 at 17:33

Puo’ darsi che sia un minimo fantastico. Puo’ darsi che no. La cosa che lascia esterefatti e’ che bisogna accettare la volatilita’ del mercato quasi passivamente o meglio rassegnandosi al fatto che sia che si salga sia che si scenda non esiste un dato che possa chiamarsi ‘oggettivo’ nel senso pieno del termine. Mi spiego. Due mesi fa’ un ‘meticoloso ed accurato’ stress test certificava in pompa magna che su novanta banche analizzate solo otto avevano bisogno di ricapitalizzare: oibho! Dexia non era tra quelle e neanche nelle sedici ‘rimandate’. Credibilta’ degli enucianti= 0
Per proprieta’ transitiva dati gli enucianti quali dichiarazioni meritano lo status di oggettivita’?
ESFS 15 luglio: Si fa’, oops pero’ prima e’ da approvare, oops pero’ prima devo valutare i collaterali, oops ma se devo capitalizzare lo strumento significa che gli stati che sono oggetto di acquisti di titoli devono metterci i quattrini (quali?) aaah pero’ partecipano anche i privati (ovvero? banche che poi devono essere assistite?) si, si poi facciamo anche la leva (magari con credit swaps! ma e’ assurdo!!! no basta che diamo un segnale di coesione….)
Usa: tassiamoci! (si ma non troppo..), io abbasso i tassi via swing (che fig.ata senza tirare fuori un centesimo abbasso i tassi a lunga di 50bp…tanto i titoli a breve me li comprano allo -0,20%), tu mitragliere! spara un po’ di dati alla c.zzo che tanto a furia di darli la gente si stanca di cercare di capire….
Sono esausto, per fortuna mi spengono internet (per il mio bene..) cosi’ riposandomi un po’ saro’ meglio predisposto ad aiutare il mio vicino di casa che ha appena perso il lavoro…

a.brachetti
Scritto il 5 Ottobre 2011 at 17:51

Secondo me la botta seria ai mercati deve ancora arrivare.. Quindi la vera buy opportunity non è questa..

jt_livingstone
Scritto il 5 Ottobre 2011 at 20:07

mi sa che la E prevista e’ stata decisamente rivista al ribasso se non dagli analisti di sicuro dal mercato

secondo il calcolo al momento la E attesa e’ uguale a 100 circa ma cosa succederebbe se passase a 90 o addirittura a 70? In caso di recessione violenta non e’ cosi assurdo ricordiamoci che gli analisti sono tendenzialmente ottimisti quindi ocio a dire che il mercato e’ cheap

mantenedo sempre lo stesso P/E ratio di 10.5 si arriva facilmente al conto su SPX
ovvero

E=90 P/E = 10.5 SPX= 945
E=70 P/E = 10.5 SPX = 735

facile fare il conto che risparmio con P/E a 9 come dice DT

i numeri fanno paura ma del tutto possibili

quindi concordo pienamente con DT meglio stare alla finestra ed eventualmente puntare su singoli nomi dalle uova d’oro ovvero dividendi alti e molto probabili e cash flow costante nel tempo anche in fasi di recessione

diversificare con tutto non solo azionario e obbligazioni ma anche managed futures (faccio pubblicita’ alla mia industria)

questa e’ la parte del sito del CME group (la borsa di futures e opzioni piu’ importante del mondo) che descrive cosa sono e perche’ possono essere un utile strumento da inserire nel proprio portafoglio

http://www.cmegroup.com/education/managed-futures-video-resources.html

vichingo
Scritto il 5 Ottobre 2011 at 20:23

Ah, un’altra buy opportunity sono proprio i nostri Btp venduti da tutto il mondo, io ho quello che scade nel 2015 che paga oltre il 4% netto su base annua, non mi sogno minimamente di venderlo, lo farei solo per comprare Eni a 10 euro. La prudenza non è mai troppa ed è probabile succeda quello che dice Brachetti, W lo scambio di opinioni, la tolleranza e il rispetto verso chi la pensa diversamente come me. Non credo in Elliot, né in Gann, né nei dati taroccati delle aziende, degli stati, credo solo nel colpo di xulo, parlando dei mercati finanziari con la consapevolezza che il nostro cervello è intasato da tante negatività di questo mondo che da un lato presenta tante nefandezze e dall’altro la sua bellezza, stando a contatto con gli elementi della natura e con gli animali…………………………..quindi fino a che il tempo regge, dopo il lavoro nuotate in mare, camminate in montagna, coltivate l’orto e altre situazioni simili che arricchiscono l’anima. A parte l’orto le altre cose le sto facendo…………….. 😀

vale77
Scritto il 5 Ottobre 2011 at 22:40

beh DT
considerando che esattamente un’anno fa, il pe atteso era a 12
il fatto di essere sotto, implica di essere in una buy opportunity
certo non super top buy 🙂 ma sempre buy

http://intermarketandmore.finanza.com/price-earning-realta-e-stime-difendibili-sul-mercato-18686.html

ivegotaces
Scritto il 6 Ottobre 2011 at 09:26

a.brachetti@finanza: Secondo me la botta seria ai mercati deve ancora arrivare.. Quindi la vera buy opportunity non è questa..

Sono della stessa opinione.
Nello specifico poi bisognerebbe valutare una buy opportunity in relazione all’ottica d’investimento: 1 giorno, 1 mese, 1 anno o 10 anni? E poi come investo? Compro tutto in una volta, o spezzetto periodicamente le entrate?

I sondaggi di I&M

QUATTRO SCENARI PER IL 2024

View Results

Loading ... Loading ...