Banche Italiane: aggiornamento CDS

Scritto il alle 15:55 da Danilo DT

 

Uno sguardo ai Credit Default Swap degli istituti di credito italiani

A seguito di diverse richieste di amici lettori che mi invitavano a fare un aggiornamento sui CDS, i contratti Credit Default Swap che vanno ad assicurare il debito emesso, ho deciso di postarvi questi grafici che sintetizzano ottimamente la situazione italiana. Tanto per cominciare eccovi l’elenco delle banche che troverete nei grafici.

CDS Banche italiane

a) BANCO POPOLARE
b) BANCA POPOLARE MIlLANO
c) MONTE  DEI PASCHI SIENA
d) UBI BANCA
e) MEDIOBANCA
f) UNICREDIT
g) INTESA SANPAOLO
h) GENERALI ASSICURAZIONI

E come vedete, per fare le cose bene, vi presento due grafici. Il primo per i CDS sul debito SENIOR…

Il secondo per il debito SUBORDINATO….

E’ evidente la diminuzione di prezzo dei relativi CDS anche se, specialmente quelli in relazione ai bonds subordinati, sono ancora a livelli elevati.
La dichiarazione dell’Eurosummit sicuramente ha giovato sui bond bancari. Come visto oggi, molto meno sui bond statali.

PS: Banco Popolare… tutto bene?

PPS: nei commenti viene spiegata la differenza tra debito SENIOR e debito SUBORDINATO. (Commento nr. 2)

Stay Tuned!

DT

Sostieni I&M! Il tuo contributo è fondamentale per la continuazione di questo progetto!

Ti è piaciuto questo post? Clicca su Mi Piace” qui in basso a sinistra!

Tutti i diritti riservati © | Grafici e dati elaborati da Intermarket&more su database Bloomberg | NB: Attenzione! Leggi il disclaimer (a scanso di equivoci!) | Vuoi provare il Vero Trading professionale? PROVALO GRATIS! |
Seguici anche su Twitter! CLICCA QUI! |

VN:F [1.9.20_1166]
Rating: 0.0/10 (0 votes cast)
12 commenti Commenta
gremlin
Scritto il 28 ottobre 2011 at 16:23

se veramente ci AMI perchè non ci spieghi cos’è un
DEBITO SENIOR
DEBITO SUBORDINATO
così forse riusciamo ANCHE NOI a capire perchè il banco popolare sta inguaiato più degli altri?

:twisted: :mrgreen:

VN:F [1.9.20_1166]
Rating: 0 (from 0 votes)

Scritto il 28 ottobre 2011 at 16:35

Ehhhh…non so nemmeno cosa amo e cosa non amo… vabbè….

UPDATE: DEBITO SENIOR VS SUBORDINATO

DEBITO SENIOR: Si tratta di bonds che sono privilegiati, rispetto ad altre forme di finanziamento. Un debito di questo tipo è per esempio, un mutuo ipotecario la cui garanzia per il rimborso privilegiato è rappresentata dall’ipoteca sull’immobile. Oppure un prestito obbligazionario tradizionale. Il debito privilegiato ha diritto al rimborso, prima di altre fonti esterne di finanziamento, come le azioni ordinarie o i crediti a breve termine non garantiti.

DEBITO SUBORDINATO: è un tipo particolare di debito, che in caso di insolvenza dell’emittente, deve essere rimborsato in via subordinata (e quindi in un secondo tempo) rispetto ai debiti senior che sono privilegiati.

In caso di fallimento della società, quindi, le obbligazioni emesse in forma di debito senior hanno la priorità rispetto alle obbligazioni che costituiscono il debito subordinato, altrimenti detto junior.

Se poi vogliamo esagerare, occorre dire che ci sono diversi tipi di clausole di subordinazione. La migliore, la meno rischiosa, la più nota e comune è la Lower Tier II. Poi ci sono altri gradi di subordinazione alcuni dei quali MOLTO pericolosi.

Accontetato? :D

VN:F [1.9.20_1166]
Rating: +1 (from 1 vote)

caposci
Scritto il 28 ottobre 2011 at 16:40

DICO LA VERITà, NN MI ASPETTAVO UN EURO DOLLARO COSì FORTE.

ANZI FIN TROPPO SE VOGLIAMO RISOLLEVARCI DOVREMMO FARE IL CONTRARIO

VN:F [1.9.20_1166]
Rating: 0 (from 0 votes)

gremlin
Scritto il 28 ottobre 2011 at 17:01

Dream Theater,

guarda che io quelle cose lì le sapevo tutte, sì sì, proprio tutte…

te le ho chieste mica per me, ma per quelli non hanno studiato…. :mrgreen:

VN:F [1.9.20_1166]
Rating: 0 (from 0 votes)

bergasim
Scritto il 28 ottobre 2011 at 17:53

coso sono:

1 obbligazioni tier 3
2 obbligazioni upper tier 2
3 obbligazioni lower tier 2
4 obbligazioni tier 1

Grado di rischio di ognuna please

Delle senior si è già detto

VN:F [1.9.20_1166]
Rating: 0 (from 0 votes)

tigre90
Scritto il 28 ottobre 2011 at 20:43

ciao dream, proprio circa le obbligazioni subordinate avevo scritto un commento sul post dei link finanziari oggi, non so se qualcuno ha letto.
Comunque c’è da dire che questo tipo di obbligazioni erano state recepite dal legislatore come assimilabili al capitale perchè teoricamente perpetue (e anche per altri fattori legate alle cedole); infatti la loro principale caratteristica è di avere una clausola di call option, grazie alla quale l’emittente si riserva il diritto di richiamare l’obbligazione dopo un tot di anni(di solito 10) nonostante la scadenza “infinita”; il non richiamo di un obbligazione comporta invece il passaggio ad un tasso di interesse molto elevato, solitamente variabile + uno spread. Di fatto però non esercitare la clausola di richiamo comporta anche un certo danno di immagine per un emittente oltre ad essere antieconomico. Sarebbe interessate vedere invece oggi quali banche, nell’attuale difficile situzione di reperire soldi, hanno deciso di non richiamare le loro azioni subordinate. Ho scritto abbastanza velocemente ma spero di essere stato abbastanza chiaro! ciao a tutti

VN:F [1.9.20_1166]
Rating: 0 (from 0 votes)

shanti
Scritto il 28 ottobre 2011 at 22:17

Pensate possa essere interessante:
http://it.finance.yahoo.com/notizie/Il-diagramma-del-piano-yfin-1041056834.html?x=0
o è solo una bufala?

VN:F [1.9.20_1166]
Rating: 0 (from 0 votes)

candlestick
Scritto il 28 ottobre 2011 at 22:52

http://www.youtube.com/watch?v=2Y4UYKmQ_EA&feature=player_embedded

vi lascio questa canzone… canticchiatela nel vostro week end… e riflettete :wink:

VN:F [1.9.20_1166]
Rating: 0 (from 0 votes)

Scritto il 29 ottobre 2011 at 01:36

tigre90@finanza,

Ocio che non tutte le subordinate sono così!

VN:F [1.9.20_1166]
Rating: 0 (from 0 votes)

Scritto il 30 ottobre 2011 at 11:59

Mi scappa da ridere se il mercato immobiliare Italiano fa’ la fne di quello Americano… hai voglia che il debito senior sia collegato alle ipoteche , con i valori che scendono del 90% ci ritroviamo in subprime in un secondo…

VN:F [1.9.20_1166]
Rating: 0 (from 0 votes)

nervifrank
Scritto il 30 ottobre 2011 at 23:09

mariothegreat@finanza,

Sembra quasi che ti faccia piacere un’eventualità del genere

VN:F [1.9.20_1166]
Rating: 0 (from 0 votes)

Lukas
Scritto il 30 ottobre 2011 at 23:36

nervifrank,

Eventualità impossibile…..Sai io per professione mi occupo in qualità di delegato del GIUDICE DELLE ESECUZIONI delle vendite di immobili pignorati…..ad opera degli istituti di credito…….In Italia le vendite all’asta avvengono mediamente dopo molti anni (10 – 20 ) dalla data del pignoramento…… ossia allorchè il valore degli immobili ha assunto un valor ben maggiore di quello che lo stesso aveva al momento della concessione del mutuo……..Pertanto pure se l’immobile si vende dopo 3 o 4 aste deserte……..ossia dopo 3 o 4 ribassi….rispetto al valore iniziale di perizia…….il ricavato è sempre maggiore rispetto all’ammontare del mutuo concesso….per cui le banche non perdono nulla !!!

VN:F [1.9.20_1166]
Rating: 0 (from 0 votes)

Sostieni IntermarketAndMore!

ATTENZIONE Sostieni la finanza indipendente di qualità con una donazione. Abbiamo bisogno del tuo aiuto per poter continuare il progetto e ripagare le spese di gestione!

TRANSLATE THIS BLOG !

I sondaggi di I&M

Come vorresti I&M?

View Results

Loading ... Loading ...
View dei mercati

Google+