ITALIA: Fine della crisi dopo il decennio perduto?

  • email
  • Facebook
  • Google Bookmarks
  • LinkedIn
  • PDF
  • Print
  • Twitter
  • Technorati
  • del.icio.us
  • Wikio IT

(AGI)  - Roma, 6 ago. – La recessione e’ finita? “credo di si’, credo che tra questo trimestre e il quarto l’economia entrera’ in ripresa, siamo nel punto di svolta del ciclo”. Lo ha detto il ministro dell’Economia, Fabrizio Saccomanni, rispondendo alle domande di SkyTg Economia. “Ci sono dati che vanno tutti nella stessa direzione”, ha aggiunto citando ad esempio quelli sulla fiducia dei consumatori e la ripresa della produzione industriale .

Quanto vorrei crederLe Dott. Saccomanni ma…proprio non ce la faccio… capisco pure che ci sia la volontà delle istituzioni di cercare di creare un po’ di clima positivo e di ottimismo. Però un po’ di realismo ci vuole!

La crisi del ’29 fu dovuta anche ad un atteggiamento eccessivamente pessimistico dei consumatori che, in preda alla paura, aveva totalmente bloccato i consumi.
Questo, in un paese già in difficoltà come l’Italia, non deve accadere. Però arrivare a dire che “stiamo per uscire dal tunnel”, mi sembra un pochino esagerato.
Come in molti altri paesi dell’Eurozona, e questo è innegabile, i dati macroeconomici stanno migliorando. Molto probabilmente, se la tendenza continua, nella più ottimistica  delle ipotesi ci si potrebbe ritrovare a fine anno, come detto dal Prof. Francesco Daveri, economista all’Università di Parma , con una contrazione del Pil dell’-1,5% anziché del 2% come inizialmente previsto. Certo, non c’è da festeggiare ma dopo il -2,4% dell’anno scorso….
Io sono un po’ più pessimista, in quanto mancano i requisiti per poter godere di questo “mini rally”. Anche l’export sta migliorando ma la congiuntura interna è veramente difficile. E per ripartire veramente occorrono riforme serie ed immediate. Intanto però, il PIL è in seria difficoltà.
E questo grafico non necessita di commenti da parte del sottoscritto. Dico solo che siamo al livello del 2000-2001.
Altro che decennio perduto…

ITALIA: PIL REALE a livello del 2000

STAY TUNED!

DT

Il blog è in versione “estiva”… Sostenete l’iniziativa. Abbiamo bisogno del Vostro aiuto per continuare questo progetto!

Buttate un occhio al nuovo network di

Meteo Economy: tutto quello che gli altri non dicono

| Tutti i diritti riservati © | Grafici e dati elaborati da Intermarket&more su databases professionali e news tratte dalla rete | NB: Attenzione! Leggi il disclaimer (a scanso di equivoci!)


VN:F [1.9.20_1166]
Rating: 10.0/10 (2 votes cast)
ITALIA: Fine della crisi dopo il decennio perduto?, 10.0 out of 10 based on 2 ratings

Info su Danilo DT

La corsa è lunga e...alla fine è solo con te stesso (by Big Kahuna) Per sapere CHI SONO, clicca QUI !

Commenti (n° 9)Commenta

  1. Infatti il rischio enorme per noi tutti è che, confortati da una crescita da terzo mondo e con un aumento delle entrate fiscali derivanti da esproprio di Stato attuato ai danni di contribuenti ed aziende, si dica “ehhh, dai, scampato pericolo” e tutto continui come prima.
    Riforme? E chi ce lo fa fare se tutto procede per il meglio?
    La struttura è solida e gli schiavi lavorano a dovere.
    Vai che si continua “a pappare” come prima!
    Intanto una belle legge elettorale così che non ci siano alternative partitiche e di governo (inciucio) per i prossimi 40 anni…
    Si continua a prendere per scemi anche quelli che ci credono per amor di patria…
    A proposito: a quando qualche bella tassa nuova grazie al Fiscal Compact ed alla fiaba “è l’Europa che ce lo chiede” ?

  2. La coperta è sempre corta…e i soldi da qualche parte occorre tirarli fuori. Tolgono l’IMU? Non aumentano l’IVA? Molto bene! Ma i mancati introiti dovranno essere presi da altre parti. Possibilmente NON svendendo il patrimonio.

  3. bergasim scrive:

    Il mondo guarda al futuro, il futuro non riguarderà più l’attuale mondo

    http://advisorperspectives.com/dshort/guest/Shedlock-130806-Self-Driving-Trucks.php

    Business for ever senza pietà

    A breve si saranno anche le gnocche robot ( non rimangono incinta ) io sto costruendo grazie ai miei amici di google e microsoft, la gnocca robot di belen, per gli amanti del passato a breve la gnocca robot di marilyn monroe.
    Per i prezzi ci possiamo accordare, l’unico neo che verrà presto risolto i super dotati ad oggi non potranno usarle, ma presto ci sarà loro dedicato un prodotto ad hoc la gnocca extra-large.

  4. bergasim,

    Abbonamenti settimanali o mensili?
    Previsti sconti famiglia (ho 2 figli maschi…) ?
    Deducibili dal reddito in qualità di spese per cure psico-fisiche? :mrgreen: :mrgreen: :mrgreen:

  5. bergasim scrive:

    Ad oggi previsti forti incentivi come per i pannelli fotovoltaici, le gnocche robot saranno in grado di generare nuova fonte di energia pulita che prenderà il nome dal suo scopritore la bunga-bunga energy avrà una resa 10 volte superiore al nucleare, grazie alla rotazione delle bolas ( energia eolica) combinata con l’energia testo- steronica ( energia geotermica ), il tutto convogliato dalla gnocca robot sempre collegata in rete.
    La deducibilità sara inversamente proporzionale a quella dei fondi pensione e premierà sopratutto i più giovani in grado di utilizzare meglio le nuove tecnologie, in questa maniera grazie anche al coordinatore nazionale DOTT. EGR. ING. Cetto la Qualunque, l’Italia sarà presto indipendente dal petrolio è ci sarà chi pilu per tutti, o pardon PIl per tutti.

  6. bergasim scrive:

    La borsa italiana in contro tendenza sembrerebbe avvalorare la tesi

  7. idleproc scrive:

    Dinamica greca. Il test lo hanno fatto lì. Il livello di classe dirigente è identico.
    Nessuna difesa, “generali” che giocano per l’altra parte per garantirsi la loro tasca.
    Propaganda eterodiretta, politica estera che è un aspetto di politica economica, nulla o teleguidata.
    Così la vedo io, dall’inizio, spero di sbagliarmi.

  8. idleproc@finanza,

    Anch’io la vedo così… in effetti l’Europa ha bisogno che in Italia ci sia un governo teleguidato, per portare avanti quelle che loro (Troika) chiamano “riforme”.
    Adesso sperano di essersi tolti dalla piazza la persona che, a causa del proprio estro e della indiscutibile capacità comunicativa, non era gestibile per far avvenire tale processo. In un certo senso… hanno sempre più carta bianca. L’Europa ordina… e loro eseguono…

    C’è però un nuovo evento che bisogna valutare:
    http://www.presseurop.eu/it/content/article/4038491-possiamo-farcela-senza-l-fmi

    “La decisione del Brasile e di un certo numero di altri paesi di non sostenere più il programma dell’Fmi in Grecia arriva al momento giusto per ridiscutere del sostegno dell’Fmi agli Stati membri della zona euro.”

    Evento a mio giudizio ancora difficile da comprendere… in termini di effetti. Io però, anche se sono ottimista, non sono così convinto delle deduzioni riportate nell’articolo.
    Sono più bianco o nero: o la BCE diventa come la FED oppure ci becchiamo come i capponi del Manzoni facendo la stessa fine…

    P.S. per Bergasim
    A giudicare dai commenti, mi sa che ultimamente ne vedi molto poco di pilu… prova a chiamare Cetto :lol:

  9. rogerfed scrive:

    lampo:
    idleproc@finanza,

    Anch’io la vedo così… in effetti l’Europa ha bisogno che in Italia ci sia un governo teleguidato, per portare avanti quelle che loro (Troika) chiamano “riforme”.
    Adesso sperano di essersi tolti dalla piazza la persona che, a causa del proprio estro e della indiscutibile capacità comunicativa, non era gestibile per far avvenire tale processo. In un certo senso… hanno sempre più carta bianca. L’Europa ordina… e loro eseguono…

    C’è però un nuovo evento che bisogna valutare:
    http://www.presseurop.eu/it/content/article/4038491-possiamo-farcela-senza-l-fmi

    “La decisione del Brasile e di un certo numero di altri paesi di non sostenere più il programma dell’Fmi in Grecia arriva al momento giusto per ridiscutere del sostegno dell’Fmi agli Stati membri della zona euro.”

    Evento a mio giudizio ancora difficile da comprendere… in termini di effetti. Io però, anche se sono ottimista, non sono così convinto delle deduzioni riportate nell’articolo.
    Sono più bianco o nero: o la BCE diventa come la FED oppure ci becchiamo come i capponi del Manzoni facendo la stessa fine…

    P.S. per Bergasim
    A giudicare dai commenti, mi sa che ultimamente ne vedi molto poco di pilu… prova a chiamare Cetto

    Condivido tesi di Lampo: beh chiunque non sia un po’ tontarello o in malafede, ha visto da tempo che questo è un governo (come anche quello di Monti) che lavora (questo è un parolone, diciamo che non lavora) per conto terzi.

    http://www.ilmoralista.it/2013/08/10/limu-e-solo-uno-dei-tanti-strumenti-di-tortura-pensati-per-piegare-gli-italiani-non-a-caso-piace-al-pd/