Vertice UE: esiti limitati ma propedeutico al summit di fine giugno

Scritto il alle 00:11 da Danilo DT


Su un blog “alternativo” è stata definita la “cena dei cretini”, rievocando un famoso film francese di qualche anno fa. In realtà molto ci sarebbe da dire sui personaggi che hanno partecipato a questo summit che ha portato ad un tavolo i 27 membri dei paesi aderenti all’Eurozona.

Come ho già “twittato” in prima serata, già da subito si era capito che questa cena a base di pesce, restava pur sempre un qualcosa di non così formale. Insomma, stasera non si sottoscriveva un nuovo trattato Europeo, per farla breve. Ma è stato pur sempre un importante momento di incontro.

Alcune fonti mi hanno riportato che è stato una sorta di “cena dei progetti” dove sono stati discussi in modo serio alcune tematiche delicatissime. Innanzitutto di tipo politico. E non dimentichiamo che questo è il primissimo problema di uUnione Europea che NON esiste nella realtà. E poi anche di Eurobond, tanto cari a Francia ed Italia, ma così irritanti per la Germania. Ecco qui di seguito di cosa si è parlato:

A) maggiore coesione politica
B) Eurobonds
C) BCE e capacità di prestito oltre che di prestatore in ultima istanza
D) Project bond (dato già per certo)
E) Golden Rule (proposta da Monti, che prevede lo scorporo della spesa per gli investimenti pubblici dal calcolo del deficit
F) Grecia: estensione del piano di rientro 

Il tutto con una funzione propedeutica: l’obiettivo è il summit di fine giugno, che avverrà dopo le nuove elezioni della Grecia.
In quella sede verranno discusse le proposte intavolate stasera, con una supervisione preventiva di Barroso e Van Rompuy.
Sembra però che sul tema Eurobond ci siano state accese discussioni, ovviamente tra Francia e Germania, tanto che a fare da mediatore sembra essere stata proprio l’Italia del premier Monti.
Altri rumors ci dicono che mai come stasera c’è stata solidarietà nei confronti della Grecia (ammorbidimento in vista?) e finalmente, da parte di tutti, una certa volontà a trovare dei compromessi anche politici.
La paura, è il caso di dirlo, fa novanta. E questa volta tutti hanno capito che il rischio di saltare in aria è concreto.

Nelle prossime ore, probabilmente, ne sapremo di più. Intanto il cross EUR USD resta in area 1.2579.

For FX strategists at Citi, the over stretched short euro positions across the market makes the pair vulnerable to short covering in the near term on any slightly positive news out of Europe. In the meantime, they expect the pair to hit 1.23 over the next 3 months and 1.25 by year end.

On the other hand, BNPP is looking for the pair to break the 1.25 support level and continue its downtrend. The bank already booked 4.4% on its short EUR/USD position from 1.3210 on Wednesday.

A more cautious approach is expressed by FX strategists at SocGen who prefer to wait and see if the pair will stay below the 1.2624 level on Thursday. If it does, that will signal a real breakout which will lead to more sell-off in the near term. (EFx)

Sostieni I&M. il tuo contributo è fondamentale per la continuazione di questo progetto!

STAY TUNED!

DT

Non sai come comportarti coi tuoi investimenti? BUTTA UN OCCHIO QUI

 

Tutti i diritti riservati © | Grafici e dati elaborati da Intermarket&more su databases professionali e news tratte dalla rete | NB: Attenzione! Leggi il disclaimer (a scanso di equivoci!)

Tags:   |
4 commenti Commenta
idleproc
Scritto il 24 Maggio 2012 at 00:39

L’andamento della discussione sembrerebbe descritto da SP500 con sospiro di sollievo finale per esecuzione rimandata ma con qualche ripresa di dubbio se è proprio vero.

maurobs
Scritto il 24 Maggio 2012 at 08:41

Ciao Dream, scusa l’OT ma non riesco più a collegarmi su Compass….mi dice che non mi riconosce..che devo fare?

maurobs
Scritto il 24 Maggio 2012 at 09:16

scusa a collegarmi per scrivere commenti il resto lo vedo…..

atomictonto
Scritto il 24 Maggio 2012 at 09:23

Nella lingua della signora Merkel la parola che indica il debito, SCHULDEN, vuol dire anche “colpa”.
siamo prigionieri di un problema semantico.
Nella testa dei pampini teteschi (non c’è errore di battitura) i cattivoni del “club med” hanno un sacco di debito/colpa mentre loro, i pampini cosi brafi e buoni di cermania, hanno meno deito/colpa…quindi piuttosto schiattiamo tutti insiema ma non zia mai che pravi pampini teteschi prendano colpe anche di cattifoni teroni.
Le cose, ahimè, stanno piu o meno cosi.

Sostieni IntermarketAndMore!

ATTENZIONE Sostieni la finanza indipendente di qualità con una donazione. Abbiamo bisogno del tuo aiuto per poter continuare il progetto e ripagare le spese di gestione!

TRANSLATE THIS BLOG !

I sondaggi di I&M

TAPERING: quando parte la FOMC con la exit strategy?

View Results

Loading ... Loading ...
View dei mercati

Google+