USA: Fiducia Consumatori, chiacchiere e distintivo

Scritto il alle 09:25 da Danilo DT

chiacchiere-distintivo

Sembra di vedere quei film di pugilato (uno a caso, Rocky I, II, III & Co) dove il pugile protagonista barcolla…ma non molla.

L’atleta (Mr. Smith alias il consumatore americano) e il suo allenatore (la situazione macroeconomica) sembra stiano per abbandonare il campo e di cedere alla sconfitta. Ed invece….due buone parole del coach fanno si che, quasi per magia, il pugile riprende miracolosamente forza e coraggio e, finita la pausa tra un Round e l’altro, si alza e addirittura va all’attacco. Un attacco guidato dall’orgoglio (americano), dall’emotività, dal sentiment e dalla speranza che qualcosa di buono in fondo in fondo c’è ancora.

Il paragone tra l’economia USA e Rocky Balboa è ovviamente una forzatura che farà storcere il naso ad alcuni lettori. Ma secondo me rende bene l’idea della situazione.

Ieri abbiamo avuto una giornata quasi clamorosa.
L’indice di fiducia dei consumatoriè stato protagonista di un rally tanto potente quanto importante.

 

Fiducia Consumatori, NAPM e indicatori

spx_ccmp_consconf  

In questo grafico, potete notare l’indice di fiducia dei consumatoriinsieme ad altri importanti indicatori macro. E potete vedere che clamorosamente l’indice di fiducia è tornato in un batter d’occhio sopra l’area dei 50 punti. Ed è proprio questa la cosa clamorosa. I 50 punti sono un livello psicologicamente molto importante. Siamo passati dai 40.8 ai 54.9.
Tutto questo è coerente con la realtà?
Visto che fino a prova contraria questo è un blog, ovvero un diario dove il sottoscritto scrive anche delle considerazioni personali che possono poi essere (anzi, devono!) essere discusse e contestate, sempre a fini costruttivi, voglio dire cosa penso di questo dato.
Secondo me è un dato fuorviante.
La fiducia dei consumatori è eccellente proprio perché c’è qualcuno (l’allenatore) che ha fatto il possibile per far tornare sul mercato questa sensazione di positività, di ritorno al rischio, di maggiore distensione e serenità.

Il peggio è alle spalle. Costruiamo insieme la ripresa.

Quante volte abbiamo sentito queste parole nelle ultime 5 settimane? Secondo me tutto questo fa parte di un giochino psicologico mirato a convincere tutti i consumatori (e non solo quelli USA) che la situazione è in miglioramento. Il consumatore,a questo punto, sarà incentivato a riprendere a fare una vita “ordinaria “ e non solo di sacrifici e…ricomincerà a spendere. Elemento assolutamente fondamentale, in quanto se ripartono i consumi l’economia regge. Se invece i consumi continuano a scendere, la macchina economica si blocca. Potremmo inoltre discutere per ore su come e quanto possano esser manipolati questi dati ottenuti da “interviste”. Ma come tutti i dati sono relativi e passibili di contestazione.
Non preoccupiamoci troppo ed andiamo oltre.
Anche perché questa situazione di fiducia, così assurda quanto alta, potrebbe sgonfiarsi rapidamente. Io non mi illudo. E mantengo i piedi per terra. Ormai, come diceva il grande Robert De Niro, il mondo funziona così…. Chiacchiere, chiacchiere e distintivo(visto che l’elemento militare sta iniziando ad assumere un peso determinante).
Come sempre, prendiamo atto e seguiamo gli eventi.

STAY TUNED!

 

-Avviso per i lettori-
Se ritieni interessante e utile questo post o altri articoli fai una DONAZIONE e contribuisci alla continuazione di questo progetto. Anche un piccolo contributo può essere importante!

VN:R_U [1.9.20_1166]
Rating: 0.0/10 (0 votes cast)
Tags:   |
Nessun commento Commenta

I commenti sono chiusi.

Sostieni IntermarketAndMore!

ATTENZIONE Sostieni la finanza indipendente di qualità con una donazione. Abbiamo bisogno del tuo aiuto per poter continuare il progetto e ripagare le spese di gestione!

TRANSLATE THIS BLOG !

I sondaggi di I&M

Euro o non Euro....questo è il problema?

View Results

Loading ... Loading ...
View dei mercati

Google+