Ted Spread e liquidità: mercati senza il sostegno delle banche centrali?

Scritto il alle 11:25 da Danilo DT

Se il 2012 è stato l’anno dello “spread” contro il Bund, l’anno prima il grande tormentone (nel mondo della finanza) è stato invece il Ted Spread. Ma cosa è il Ted Spread?

All’origine, il Ted Spread è il differenziale di rendimento tra il rendimento del governativo USA a 3 mesi e il tasso interbancario sempre a 3 mesi (Libor).
Ovviamente per creare il Ted Spread Europeo basta cambiare i fattori. Idem per la Cina. E visto che proprio le banche cinesi sono in subbuglio, diventa interessante andare a crearsi il Ted Spread cinese ed analizzarlo.

Chinese Ted Spread

Questo grafico mette ovviamente in evidenza le tensioni sul sistema bancario cinese. Ma a conti fatti, notiamo che questo grafico non è poi così anomalo, visto che già nel 2011 il ted spread cinese era a questi livelli.
Preoccupa sicuramente la velocità con cui si è arrivati a certi livelli, e il fatto che l’overnight, ovvero il tasso più a breve che ci sia, abbia raggiunto il drammatico picco del 25% come detto in un post dedicato.
Le banche non si fanno più credito tra loro, specialmente per il brevissimo termine. Si teme che la banca centrale cinese (BPOC) non faccia come ha fatto altre volte, la “salvatrice della patria”. Ben 300 miliardi di yuan sono il conto dei debiti locali incagliati. Le aziende statali vedono chiudersi il canale bancario per speculazioni valutarie. Le piccole e medie imprese a breve rischiano di trovarsi a corto di finanziamenti. La storia è solo all’inizio e il rischio di ritrovarsi con la “crisi subprime” made in China diventa una possibilità concreta.

E se ci pensate bene, anche la FED è stata protagonista in negativo. E anche in questo caso il mercato ha paura che la “droga” monetaria venga meno.

Se poi parliamo di Giappone, ola la BoJ continua nella sula Bolla di Liquidità, fino a quanto il mercato non li si ritorcerà contro.

Insomma, è chiarissimo il fatto che i mercati si sono resi conto di una cosa: senza la liquidità prodotta, prestata, girata, creata dalle banche centrali, il palazzo di carta crolla, anche se io ritengo che (soprattutto per il caso FED) la reazione del mercato nel breve sia stata fin troppo esagerata). In merito invece alla Cina, vorrei dire altrettanto ma a causa della poca trasparenza del sistema bancario cinese, non mi resta che analizzarne i dati. E sperare che tutto si normalizzi in un secondo tempo. E sul Giappone, rinnoviamo i migliori auguri del titolare del Blog.

STAY TUNED!

DT

Buttate un occhio al nuovo network di

Meteo Economy: tutto quello che gli altri non dicono

| Tutti i diritti riservati © | Grafici e dati elaborati da Intermarket&more su databases professionali e news tratte dalla rete | NB: Attenzione! Leggi il disclaimer (a scanso di equivoci!)

VN:R_U [1.9.20_1166]
Rating: 10.0/10 (1 vote cast)
Ted Spread e liquidità: mercati senza il sostegno delle banche centrali?, 10.0 out of 10 based on 1 rating
Tags: ,   |
Nessun commento Commenta

I commenti sono chiusi.

Sostieni IntermarketAndMore!

ATTENZIONE Sostieni la finanza indipendente di qualità con una donazione. Abbiamo bisogno del tuo aiuto per poter continuare il progetto e ripagare le spese di gestione!

TRANSLATE THIS BLOG !

I sondaggi di I&M

Euro o non Euro....questo è il problema?

View Results

Loading ... Loading ...
View dei mercati

Google+