Salvate il soldato Euro Ryan!

Scritto il alle 08:17 da Danilo DT

Piano Salva Euro da 3000 miliardi per EFSF. Ma il FMI è senza soldi e si teme l’effetto domino

La notizia del week end è sicuramente quella uscita dal G-20, un incontro dove di solito si fanno tanti bei ragionamenti ovvi ma poi non si conclude niente. Bene, anche stavolta il G-20 ha regalato tante belle parole. E tra le tante parole sono degne di nota queste affermazioni:

Tremila miliardi per salvare l’euro: secondo il Sunday Times è uno dei punti di un “ambizioso” piano su cui stanno lavorando i ministri delle finanze dei paesi del G20 per espandere il fondo di bailout europeo in vista di un default della Grecia ai primi di novembre.

Fonti vicine al vertice tra ministri e Fondo Monetario Internazionale hanno detto al Times che il piano avrebbe tre aspetti: la ricapitalizzazione delle banche europee vulnerabili, il fondo di bailout da 440 miliardi alzato fino a tremila miliardi e il default pilotato della Grecia facendo rimanere il paese all’interno della Eurozona. “La questione non è più se la Grecia andrà in default quanto assicurare che ci sia la potenza di fuoco finanziaria per far fronte a un default e assicurare che il contagio non si diffonda attraverso l’Eurozona quando succedera”, ha detto, parlando da Washington, Gerard Lyons, chief economist della banca Standard Chartered.

Di un piano lungo le stesse linee e che potrebbe essere annunciato nei prossimi giorni parla anche il Sunday Telegraph: mirerebbe a circoscrivere la crisi a Grecia, Portogallo e Irlanda evitando il contagio a Italia e Spagna. (Source

Mmmh… bruttino come discorso! E va nella direzione che ahimè il sottoscritto ha preventivato da tempo, ovvero quello di un TARP europeo. So che la cosa piace a pochi ma si sta prendendo la strada dell’operazione “salva tutto”. Costi quel che costi. E i costi come vedete, sono ben superiori a quanto si pensava mesi fa. Quindi i costi lievitano sempre di più… Pensate, siamo a 3000 miliardi per il fondo ora EFSF e futuro ESM! Una volta e ½ il debito pubblico italiano, uno sproposito!!!
Ma non solo, perché oltre al fondo da 3000 miliardi, ci sarebbero anche dei denari a disposizione delle banche per poter sottoscrivere quegli aumenti di capitale che oggi, 2011 mese di settembre, neanche un ubriaco sottoscriverebbe causa condizioni disastrose del mercato e del sistema. Quindi, possiamo dirlo con certezza, soldi che farebbero comodo anche alla nostra Unicredit che oggi DEVE ricapitalizzare ma non può (chi aderirebbe?).
E poi ancora soldi per poter far fallire la Grecia ma tutelando, pilotando e gestendo l’effetto domino. L’ombra di una Lehman Brothers BIS è alle porte. Ma sarebbe una Lehman Brothers MOLTO peggiore. E vedrete ben presto in un post dedicato ai derivati il perché…

Quindi il messaggio che ci arriva del G-20 è molto semplice.
Come diceva tanti anni fa Zucchero in una canzone, mi verrebbe da dire:

“lo sai fratello, siamo nella m***a” (VIDEO

E per uscire dalla m***a, occorre riempirsi ancora di più di m***a. Si, perché non è che il denaro si crei dal nulla. E difatti, dopo la denuncia di grande difficoltà del sistema finanziario, arriva la nota dello stesso Fondo Monetario Internazionale, l’FMI che dovrebbe essere protagonista in questa operazione di “bailout”.

Christine Lagarde said the money available to the organisation “pales in comparison to the potential financing needs of vulnerable countries”.
In the wake of the global credit crisis, the funding of the IMF tripled and Britain’s exposure to it rose to £20 billion. This figure is poised to rise again if financial troubles engulf bigger economies such as Italy and Spain.
Yesterday, Alistair Darling, the former Labour chancellor who was in office during the previous crisis in 2008, warned that the problems facing the global economy were worse than three years ago.
“There are lessons to be learnt, and they are not being learnt by those responsible at the moment,” he said. “Lehmans [the investment bank that collapsed in September 2008] taught us one thing which is if you know there is a problem, take action, sort it out [in a way] that is more decisive than people expect if you are going to stop it.
“The problem with the Greek crisis is that it has been allowed to run on and on and on.” (Telegraph

Quindi il FMI deve essere ricapitalizzato. E si potrebbe chiedere pegno ai cittadini inglesi che proprio qualche giorno fa hanno letto sul Telegraph, sempre lui, che probabilmente subiranno un bell’aumento di imposte, proprio perché la Gran Bretagna dovrà sborsare una cifra pari a £ 1.75 trillion…

British taxpayers risk being caught up in a £1.75 trillion deal aimed at saving the euro by allowing Greece to default on its massive debts.
The three-pronged deal would set up a massive fund to create a “firewall” around the most indebted eurozone countries, allow for an “orderly” Greek default on at least some of its liabilities, and bail out European banks most at risk from debt.
German and French officials came up with the strategy which aims to end the eurozone’s sovereign debt crisis before it spirals completely out of control, plunging the world back into recession.
The likely deal came ahead of a major new setback for the British economy – with BAe Systems, Britain’s biggest manufacturer, poised to cut 3,000 jobs.
Whitehall officials believe the job losses could be announced as early as this week and are likely to affect the company’s military aircraft division in Warton, Lancashire, and Brough, Yorkshire.
The eurozone deal, being brokered by the G20 group of nations, would seek to “ring fence” the crisis around Greece, Portugal and Ireland – preventing it from spreading to major EU economies such as Italy and Spain. (SOURCE)

£ 1.75 trillion = € 2.000.000.000.000, due mila miliardi di Euro. Credo che ormai si sia accettata qualsiasi opzione col solo fine di cercare di salvare tutto e tutti. Perché l’effetto domino è temutissimo, perché non si sa che disastro potrebbe generare oggi un default e soprattutto perché si sa che, una volta fatta la frittata e scoperto che sta per capitare la catastrofe, non si potrebbe più riparare.

Quindi si correrà il rischio di non guardarsi più avanti di una spanna dal naso. E il futuro….sarà quel che sarà. E se ci sarà inflazione? Si vedrà e la si gestirà in qualche modo. Tanto, vien quasi da dire, mal comune mezzo gaudio, visto che tutto il mondo sta subendo un momento epocale di crisi finanziaria. Ricordate? L’ho detto diverse volte: signori, questo momento è storia, storia vera. E tra tanti anni ce ne renderemo conto. Il problema però è che rischia di diventare un episodio di cronaca nera, visto che non si sa più che pesci pigliare. Però ormai i “grandi” del mondo sono d’accordo. Occorre salvare il sistema finanziario, un “soldato Ryan” che deve essere a tutti i costi recuperato. Anche se saremo sempre più carichi di debito nel sistema, anche se saremo sempre più poveri. Anche se arriveranno downgrading su banche stati e organizzazioni oggi considerati il “non plus ultra” della solidità (vedasi EFSF, Francia, Germania e BEI tanto per fare qualche nome). 

WASHINGTON (Reuters) – Europe’s efforts to ramp up its fight against the euro zone debt crisis could potentially trigger credit rating downgrades in the region, a top Standard & Poor’s official warned.

David Beers, the head of S&P’s sovereign rating group, said it is still too soon to know how European policymakers will boost the European Financial Stability Facility, how effective that will be and its possible credit implications.

But he said the various alternatives could have “potential credit implications in different ways,” including for leading euro zone countries such as France and Germany.

Ovvio, questo è un blog e questo è solo il mio modesto parere e la verità assoluta viaggia altrove. Intanto andiamo a caccia del Soldato Ryan…

Auguri a tutti…

STAY TUNED!

DT

Ti è piaciuto questo post? Clicca su Mi Piace” qui in basso a sinistra!

Tutti i diritti riservati © | Grafici e dati elaborati da Intermarket&more su database Bloomberg | NB: Attenzione! Leggi il disclaimer (a scanso di equivoci!) | Vuoi provare il Vero Trading professionale? PROVALO GRATIS! |
Seguici anche su Twitter! CLICCA QUI! |

VN:F [1.9.20_1166]
Rating: 0.0/10 (0 votes cast)
9 commenti Commenta
Scritto il 26 settembre 2011 at 08:49

intanto, come detto nel post, in mattinata uscirà un articolo proprio sulle banche e sui derivati, scritto sabato, che testimonia in modo inequivocabile come stanno le cose…
intanto i mercati iniziano a dare dei segnali….

VN:F [1.9.20_1166]
Rating: 0 (from 0 votes)

rulloclash
Scritto il 26 settembre 2011 at 09:23

Riformulo la domanda, quante possibilità ci sono che il banco salti?

VN:F [1.9.20_1166]
Rating: 0 (from 0 votes)

paolo41
Scritto il 26 settembre 2011 at 11:16

Dream Theater,

….comunque qualcuno deve aver avuto informazioni sottobanco, altrimenti non si spiegherebbe il salto positivo che hanno fatto oggi le borse, specialmente i bancari…..
(ftse mib da -225 punti a +480 …sono 700 punti!!!)

VN:F [1.9.20_1166]
Rating: 0 (from 0 votes)

ob1KnoB
Scritto il 26 settembre 2011 at 11:54

Ora ho capito!!! La vera ragione del viaggio del Papa in Germania era per abbozzare la possibilità di ottenere una ‘super’garanzia per il Tarp europeo….

VN:F [1.9.20_1166]
Rating: 0 (from 0 votes)

Scritto il 26 settembre 2011 at 13:01

Borsa a +4% Direi che lo schema “salva tutto” e soprattutto salva banche sta dando i suoi effetti….

VN:F [1.9.20_1166]
Rating: 0 (from 0 votes)

l.b.chase
Scritto il 26 settembre 2011 at 14:05

Ti pare che una rondine faccia primavera? Riparliamone a fine settimana…

VN:F [1.9.20_1166]
Rating: 0 (from 0 votes)

Scritto il 26 settembre 2011 at 15:05

l.b.chase@finanzaonline,

E ci mancherebbe anche perchè, NOTATE BENE, le indiscrezioni di quintuplicare l’EFSF da 440 a 3000 mld restano al momento “voci da bar”… ma signori, in Germania non hanno ancora votato se accettare l’aumento dell’EFSF e qui si parla di portarlo a 3000 mld? Mi sembra che si fa il passo più lungo non della gamba… ma di più!!! Dai, oggi ci sta, un bel rimbalzone e poi si vedrà.

VN:F [1.9.20_1166]
Rating: 0 (from 0 votes)

lampo
Scritto il 27 settembre 2011 at 00:20

Dream Theater,

Infatti la mia opinione è che resteranno voci da bar… e che in realtà sia solo una manovra per generare la voluta inflazione che annullerà gran parte dei debiti, almeno a livello europeo.
E’ evidente che il TARP europeo non sarà la soluzione… visto che negli USA, con un mercato finanziario meno ingessato del nostro, non ha risolto il problema (anzi l’ha peggiorato per certi versi). Poi è evidente dai vari indicatori economici e dai prezzi di alcune materie prime (rame ad esempio) che gli USA sono già in recessione assieme a gran parte dei paesi UE: manca solo il dato ufficiale di due trimestri negativi: fra poco più di sei mesi lo avremo e anche se saranno nove mesi… non farà nessuna differenza sostanziale!
Chissà che scusa inventeranno questa volta per giustificarsi politicamente: situazione sfuggita di mano… oppure decisione troppo lenta dei “eurocrati” nell’allargamento del fondo.
Ieri sera leggevo che l’agenzia di rating S&P sarebbe già pronta, in caso di allargamento dell’EFSF a 3.000 miliardi a declassare il rating dei due elefanti: francia e germania (li scrivo in minuscolo perché oramai stanno diventando delle “macchiette” anche loro…).
Quindi alla fine quali vantaggi otterremo? Solo aver dato altri soldi (nostri) in mano alla speculazione… e quindi all’ingrasso dei soliti noti (le banche d’affari principalmente).
Perché i 3.000 miliardi non li investono direttamente nell’economia reale? Probabilmente non riuscirebbero ad ottenere aziende a prezzi scontati da comprare nella futura campagnia dei saldi che avverrà quando la crisi raggiungerà il picco massimo e avremo la svalutazione massima raggiungendo i minimi assoluti. Quando ciò succederà (ne sono convinto), la globalizzazione per come la intendiamo oggi… a confronto sarà un mercato rionale rispetto alla vera globalizzazione che avremo in futuro, dopo tale campagna. Sono sempre più convinto che sia già stato tutto progettato. Troppi pezzi del puzzle collimano.
L’immediata conseguenza è che la politica avrà ancora minori poteri di quelli odierni e sarà quasi interamente succube dell’economia “privata”. Nel frattempo i mass-media avranno reso incitrullita la maggior parte della popolazione… controllandola. E anche se non ci riescono… non è che cambierebbe molto: ci sono i debiti contratti dalla gente, al fine di mantenere lo stesso tenore di vita, che la renderanno succube allo stesso modo. Non vado avanti… altrimenti qualcuno pensa che parlo di fantascienza economica… :lol:
Oramai a pensare che non faranno quello che affermano ma esattamente l’opposto… non si sbaglia più di tanto.
Allacciamoci le cinture!

VN:F [1.9.20_1166]
Rating: 0 (from 0 votes)

lampo
Scritto il 27 settembre 2011 at 00:22

Preciso cosa intendo per economia “privata”: avete presente un’azienda (una banca ad esempio o anche una multinazionale) che abbia una capitalizzazione pari a qualche decina di volte il PIL della nazione in cui ha la sede legale?

VN:F [1.9.20_1166]
Rating: 0 (from 0 votes)

Sostieni IntermarketAndMore!

ATTENZIONE Sostieni la finanza indipendente di qualità con una donazione. Abbiamo bisogno del tuo aiuto per poter continuare il progetto e ripagare le spese di gestione!

TRANSLATE THIS BLOG !

I sondaggi di I&M

BCE: che ne sarà dei bond acquistati con il QE?

View Results

Loading ... Loading ...
View dei mercati

Google+