RUSSIA: oggi è il D-Day (Default Day)

Scritto il alle 07:35 da Danilo DT

L’attenzione degli operatori è tutta per la guerra in Ucraina, ci mancherebbe, e subito dopo al meeting FOMC che dovrebbe decretare un aumento dei tassi di 25bp. Ma non solo. Infatti proprio oggi potremmo assistere al default della Russia in modo ufficiale.
Infatti è il giorno in cui andranno a scadere oltre 100 milioni di dollari di cedole di due bond russi. Cosa farà Mosca?

Il rimborso in valuta forte è dato per molto improbabile. Quello che sembra nell’intenzione di Mosca è il pagamento sempre di 100 milioni, ma non in USD. Bensì in rubli svalutati.
E’ ovvio che è una scelta non gradita dagli investitori che comporterebbe per Mosca il default.

Quali sono questi due bond?

  • Russia 4,875% 16/09/2023
  • Russia 5,875% 16/09/2043

E questa non è che la prima puntata. Infatti a seguire ci sono altre due scadenze importanti: il 31 marzo ( 359 milioni di USD su un bond al 2030) e il 4 aprile quando invece avremo il test della scadenza. Un bond da nominali da 2 miliardi di dollari.
Tra alti e bassi il Rublo, contro Dollaro, ha subito causa guerra una svalutazione di un 30%. Il che significa per i bondholder subire uno sconto sul valore della cedola pari appunto alla percentuale sopra esposta, se consideriamo le quotazioni a inizio 2022.

Se poi guardiamo il comportamento del Rublo, rispetto al suo valore storico, lo sconto aumenta sensibilmente. Immaginate il danno se i rimborsi dei bond venissero fatti in valuta locale. Dal 2020 è a -50%.

Chart USDRUB by Tradingview

Ricordo che il governo russo avrà a disposizione 30 giorni di tempo per provvedere a sanare i suoi obblighi. Passati tali termini, sarebbe default. Tutti speriamo che tra 30 giorni sia arrivato un compromesso, un accordo, quello che volete che possa fermare il conflitto. Intanto se domani il pagamento sarà congelato o pagato in Rubli, sarà un primo passo verso il concreto default.

E cosa comporterebbe il default per Mosca? Beh, oltre alle limitazioni e alle sanzioni ben note, il default comporterebbe una dichiarazione irreversibile di “paria” finanziario per Mosca, il sequestro di ulteriori asset finanziari, un’impennata ulteriore del costo del debito, la liquidazione obbligatoria di bond russi dai portafogli di centinaia di fondi, in una parola un quasi-collasso finanziario con inevitabili ripercussioni globali, dall’export ai fondi esteri esposti verso la Russia costretti a liquidare anche con gravi perdite. Non scordatevi che con il default, tutto il debito diventa (teoricamente) immediatamente esigibile.

RUSSIA: CDS alle stelle

STAY TUNED!

Danilo DT

(Clicca qui per ulteriori dettagli)

Questo post non è da considerare come un’offerta o una sollecitazione all’acquisto. Informati presso il tuo consulente di fiducia. Se sei interessato agli argomenti qui espressi e vorresti approfondirli, contattami!
NB: Attenzione! Leggi il disclaimer (a scanso di equivoci!)
(Se trovi interessante i contenuti di questo articolo, condividilo ai tuoi amici, clicca sulle icone sottostanti, sosterrai lo sviluppo di I&M!).

Nessun commento Commenta

Sostieni IntermarketAndMore!

ATTENZIONE Sostieni la finanza indipendente di qualità con una donazione. Abbiamo bisogno del tuo aiuto per poter continuare il progetto e ripagare le spese di gestione!

TRANSLATE THIS BLOG !

I sondaggi di I&M

Sondaggio #6-21: BITCOIN (BTC) a fine 2021 sarà... (base 30.000 $)

View Results

Loading ... Loading ...
View dei mercati

Google+