Rally dei mercati: importante la lettura del TIMING

Scritto il alle 10:15 da Danilo DT

Il mercato è bullish. E questo non si discute. Vedendo le performance dei mercati, tutti sono incentivati a non “perdere il treno”. Cavolo! Sale sempre ed ormai siamo fuori dalla crisi!
In realtà dal punto di vista psicologico è normale voler seguire la tendenza soprattutto PROPRIO quando ormai il trend è maturo e si prepara alla correzione. Quindi vendere tutto? No, perché può ancora salire…

Ma dove sta il problema? Il problema è molto semplice: si chiama TIMING.

Chi segue il blog sa benissimo che io sono sempre stato molto prudente su questo rally guidato ed alimentato soprattutto con la benzina prodotta dalle banche centrali. Però è indiscutibile un fatto, anzi due.

1 – Il primo, se il mercato sale è perché “ha ragione lui” e metterci contro in modo testardo può solo portarci a delle perdite.

2 – La seconda invece è una delle “regole auree” che più volte ho illustrato sul blog. In origine era un detto dedicato alla banca centrale USA. Oggi però deve essere allargato a tutte le banche centrali, vista anche la guerra valutaria che ormai imperversa sui mercati finanziari. Il detto è “don’t fight the FED”. Mai sottovalutare la potenza delle banche centrali. Però questa forza non può durare all’infinito. E proprio come ho detto in un post di ieri, anche nel 2007 eravamo drogati dalla politica monetaria di Greenspan.

Ma ora che tutti comprano…

Un’altra vecchia logica è che occorrerebbe comprare quando tutti vendono e viceversa. Ma stavolta è poi così diverso? In questo post voglio illustrarvi qualche curiosità importante ed interessante che potrebbe aiutarvi a meglio comprendere il momento storico di mercato che stiamo vivendo.
Tanto per cominciare alcuni numeri che riprendono la frase prima detta. Forse in pochi sanno che il più grande afflusso di denaro in fondi azionari, ETF e quant’altro ci fu proprio in concomitanza della bolta del Nasdaq. Era l’anno 2000 e ci fu uno spostamento di denaro enorme in queste asset class pari a 54 miliardi di USD e nel mese di gennaio 2013 siamo arrivati ad una cifra “monstre” pari a 55 miliardi di USD (dati Goldman Sachs). Questo grafico vi illustra la grande progressione e lo spostamento verso l’equity. Ricordate? Ne ho parlato in passato, si tratta della “Big Rotation” (CLICCATE QUI). 

Il denaro si sposta sull’azionario…

Una Grande Rotazione che ha portato il mercato in una fase di euforia e di forte ipercomprato. Eccovi qui sotto le fasi di un mercato bullish con un grafico che vi mette in mostra DOVE oggi ci troviamo.

Le fasi del Bull Market

Ma le stranezze iniziano ad affiorare proprio anche guardando i fondamentali. Sembra che il “cavallo non beva più”, ovvero l’economia non riesca più a digerire la carta stampata dalle banche centrali e quindi inizi una frenata. Ma non ve lo dico io, è il mercato stesso che ce lo ricorda.

Nel secondo trimestre arriva sempre la frenata

Tanto per cominciare riprendiamo un secondo il discorso statistico e analizziamo la stagionalità del mercato. Tanto per cominciare, a casa dell’evoluzione del mercato, dobbiamo abituarci a cicli molto più brevi rispetto ad una volta, ed anche più rapidi. Ed in questi cicli, è visibile un rallentamento delle condizioni economiche proprio a partire dal secondo trimestre. Qui sopra vi ho riportato il grafico delle “sorprese macro” USA. Come vedete, ci stiamo avvicinando nel momento del rallentamento. Ma non solo.

Se poi andiamo a paragonare il nostro CESI Index, ovvero il Citigroup Economic Surprise Index, notiamo ovviamente che c’è una conferma di quanto sopra detto, ma notiamo anche che il mercato sta stranamente divergendo da questo indice. Cosa molto molto strana, in quanto i mercati DEVONO rispecchiare le aspettative economiche e se queste sono riviste in negativo, come mai le borse continuano a salire?

Grafico CESI Index vs SP 500

Probabilmente è tutta cola della “grande rotazione” di cui dicevamo prima. Ma facciamo attenzione, che anche questa volta, a prendere posizione in questa parte finale di trend sono i piccoli risparmiatori, come nel 2000. E poi…chi si ricorda come andò a finire? E nel 2007?

Bene, credo che i numeri per farvi ragionare ci siano tutti. Non credo sia saggio vendere tutto e subito. Credo invece sia corretta sapere come stanno le cose e SOPRATTUTTO essere pronti.
Se so che piove, mi prendo l’ombrello, male che vada non lo uso. Ma se non so che potrebbe diluviare, il rischio che poi mi inzuppo di acqua, è decisamente elevato.
Ora avete capito che l’ombrello è quantomeno consigliato.

STAY TUNED!

DT

Non sai come comportarti coi tuoi investimenti? BUTTA UN OCCHIO QUI| e seguici su TWITTER per non perdere nemmeno un flash real time! Tutti i diritti riservati © | Grafici e dati elaborati da Intermarket&more su databases professionali e news tratte dalla rete | NB: Attenzione! Leggi il disclaimer (a scanso di equivoci!)

VN:R_U [1.9.20_1166]
Rating: 10.0/10 (1 vote cast)
Rally dei mercati: importante la lettura del TIMING, 10.0 out of 10 based on 1 rating
Tags: ,   |
13 commenti Commenta
pecunia
Scritto il 29 gennaio 2013 at 10:47

l’avviso ai naviganti arriva forte e chiaro!

thumb up :!: :mrgreen:

VN:F [1.9.20_1166]
Rating: 0 (from 0 votes)

Lukas
Scritto il 29 gennaio 2013 at 10:55

beh il TIMING è tutto o quasi………..e per il momento non sembra ci siano segnali di un imminente smottamento……..tuttavia è saggio controllare…..monitare……..ed eventualmente uscire a gambe levate !!!

VN:F [1.9.20_1166]
Rating: 0 (from 0 votes)

bergasim
Scritto il 29 gennaio 2013 at 12:14

Non scommettere contro il mercato?

Perché il mercato esiste o al contrario è fallito da tempo? Dove una volta c’era una parvenza di mercati oggi ci sono sono solo le banche centrali e sulla scorta del loro interventismo le varie banche hedge mondiali si divertono a fare trading a destra e sinistra su qualsiasi cosa, tanto la strategia è sempre win win win, altro che mercati, questa è una BISCA, nulla a che vedere con i mercati.
Se un mercato VERO E TRASPARENTE esistesse al giorno d’oggi, lo stesso avrebbe fatto piazza pulita di tutti questi cilatroni che affollano il Tempio/Borsa della finanza.

VN:F [1.9.20_1166]
Rating: 0 (from 0 votes)

paolo41
Scritto il 29 gennaio 2013 at 12:35

Dream, molto apprezzato!!!!!grazie

VN:F [1.9.20_1166]
Rating: 0 (from 0 votes)

bergasim
Scritto il 29 gennaio 2013 at 12:39

Certo che il prosciutto negli occhi va proprio di moda

VN:F [1.9.20_1166]
Rating: 0 (from 0 votes)

andy77mi
Scritto il 29 gennaio 2013 at 12:56

Grazie per l’articolo, didattico e chiarissimo.
Una domanda però mi sorge: se questa salita dei mercati è “dovuta” al fatto che le Bance Centrali hanno innaffiato di liquidità in misure enormi, non è che la salita continuerà più a lungo dei casi precedenti, in barba ai fondamentali, proprio per l’enorme massa di liquidità in circolo ? Voglio dire, questa volta non c’è un serbatoio molto più capiente e pieno del solito ad alimentare l’euforia ?

VN:F [1.9.20_1166]
Rating: 0 (from 0 votes)

lampo
Scritto il 29 gennaio 2013 at 12:58

A supporto della tesi di DT, per chi conosce l’inglese (o meglio l’americano) consiglio questo video:
http://www.youtube.com/watch?feature=player_embedded&v=fnFdz1hIMfk
In particolare dal minuto 02:10 al 07:00, dove spiega in situazioni simili come si sia comportato.

Se poi volete andare oltre, nel seguito trovate il confronto tra vari grafici che aiutano a capire in quale fase delicata siamo.

Con ciò non voglio affermare che né scenderà né salirà: solamente fare attenzione…

VN:F [1.9.20_1166]
Rating: 0 (from 0 votes)

pecunia
Scritto il 29 gennaio 2013 at 17:46

bergasim,

prosciutto o mortadella???? :)))

la tua è una posizione estrema, ma rispettabilissima.
Per fortuna non abbiamo ancora raggiunto ” l’omologazione dei punti di vista”

VN:F [1.9.20_1166]
Rating: 0 (from 0 votes)

ddb
Scritto il 29 gennaio 2013 at 18:02

A volte, anch’io, d’estate mi siedo ad osservare il sole che scende dietro l’orizzonte e, fumando erba in compagnia della mia bella, mi domando: “quanto è grande l’infinito?”, “perché esisto?”, “esiste il mercato?”.
Ma durante tutto il resto dell’anno lotto affinché i miei miseri risparmi (sacrifici e rinunce) detratti dalle spese, commissioni, costi, inflazione e patrimoniali varie non diminuiscano.
Allora prosciutto sugli occhi o anello al naso, tutto va bene, basta che le “banche”, gli “hedge” o “cialtroni” vari non mi fottino.
Anch’io ho apprezzato.

VN:F [1.9.20_1166]
Rating: 0 (from 0 votes)

    Scritto il 29 gennaio 2013 at 18:44

    Questo era lo spirito per cui ho scritto il post… ;-)

    VN:F [1.9.20_1166]
    Rating: 0 (from 0 votes)

Lukas
Scritto il 29 gennaio 2013 at 18:17

ddb@finanza,

bravo, il problema è non farsi ” fottere ” da loro !!!

VN:F [1.9.20_1166]
Rating: 0 (from 0 votes)

vichingo
Scritto il 29 gennaio 2013 at 18:28

Il mio timing:
AT&T lancia l’opa sull’olandese Kpn;
France Telecom aumenta notevolmente i suoi flussi di cassa;
MPS, spunta qualcuno fortemente interessato alla banca senese.
Timing, misto a scommessa………… 8)

VN:F [1.9.20_1166]
Rating: 0 (from 0 votes)

gainhunter
Scritto il 29 gennaio 2013 at 21:40

Ottimo! Grazie.

VN:F [1.9.20_1166]
Rating: 0 (from 0 votes)

Sostieni IntermarketAndMore!

ATTENZIONE Sostieni la finanza indipendente di qualità con una donazione. Abbiamo bisogno del tuo aiuto per poter continuare il progetto e ripagare le spese di gestione!

TRANSLATE THIS BLOG !

I sondaggi di I&M

BCE: che ne sarà dei bond acquistati con il QE?

View Results

Loading ... Loading ...
View dei mercati

Google+