Prima EUFORIA e poi PANICO: mercato sugli estremi

Scritto il alle 13:57 da Danilo DT

Sono ormai giorni che parlavamo delle condizioni estreme in cui si trovava il mercato. Un rally importante che sembrava non lasciare spazio a correzioni, anche perché un drawdown faceva comodo a nessuno. Siamo a fine anno, i gestori hanno bisogno di presentare risultati incoraggianti e soddisfacenti. Quindi per muovere i mercati bisognava avere un detonatore, un fattore magari esogeno che andare a cambiare le carte non tanto dello scenario economico, ma di quello che è l’elemento più importante in questo contesto: il sentiment.

Già nel weekend mi erano passati tra le mani un paio di grafici quantomento “curiosi”. Il primo è l’andamento straordinariamente divergente (il che è anomalo) tra il CESI USA e lo SP500. Una divergenza che è in passato c’è già stata ma che poi ha portato a degli importanti riallineamenti. La domanda quindi era: quando ci sarà un riavvicinamento e quali saranno le dinamiche?

Allo stesso tempo alcuni indicatori stavano “urlando” alla necessità di una correzione. Prendiamo ad esempio il Panic-Euphoria model di Citigroup. Mai visto a questi livelli.

Per chi non lo conoscesse, è un indicatore di sentiment redatto da Citigroup secondo il quale, al raggiungimenti degli attuali livelli, comporterebbe una probabilità storica del 100% di ritrovarsi su livelli inferiori di mercato azionario fra dodici mesi.
Ora, i tempi e le dinamiche sono evidentemente cambiate, ma credo sia un chiaro e fortissimo segnale che testimonia il raggiungimento di un livello tecnicamente insostenibile.

STAY TUNED!

Danilo DT

(Clicca qui per ulteriori dettagli)

Tags: , ,   |
Nessun commento Commenta

I commenti sono chiusi.

Sostieni IntermarketAndMore!

ATTENZIONE Sostieni la finanza indipendente di qualità con una donazione. Abbiamo bisogno del tuo aiuto per poter continuare il progetto e ripagare le spese di gestione!

TRANSLATE THIS BLOG !

I sondaggi di I&M

Sondaggio #2-21: SP500 a fine anno sarà... (base 3700)

View Results

Loading ... Loading ...
View dei mercati

Google+