Ora si rischia la RECESSIONE globale. Parola di Citigroup.

Scritto il alle 16:28 da Danilo DT

global-economy-recession

Pian pianino la realtà sta venendo fuori, anche se a fatica. Forse sarebbe meglio dire che non si tratta di realtà ma di supposizioni, visto che l’oggetto è sempre la Cina, un paese che resta misterioso sotto tanti punti di vista.
Il problema è che non è solo la Cina ma è un quadro globale che sta cambiando e che subirà anche le conseguenze della frenata cinese.
Sono gli analisti di Citigroup che iniziano a storcere il naso e vedono un quadro decisamente più complessi di quanto si possa immaginare.
Un quadro che su I&M abbiamo, in realtà, già illustrato. Quindi ora anche in colosso come Citigroup inizia a vederla come noi.
Ecco in sintesi le frasi clou del loro report.

Willem Buiter, former member of the Bank of England’s monetary policy committee (e ora in Citigroup, ndr) said that global recession is the most likely outcome with a 55% probability. (…e sulla Cina dice…) Buiter then said that GDP growth at market exchange rates will decline from its likely current rate of 4% to 2.%% or less by the middle of 2016 and will stay at or below 2.5% for a year or more. (Source

Noi qui su I&M abbiamo ipotizzato una crescita che arrivava ad un 4%. Addirittura qui Citigroup carica di brutto la mano e pronostica un 2,5% circa nel 2016. Quali sarebbero gli effetti di un tale scenario? Ce lo dice lo stesso Buiter che ha un passato alla BoE e non è proprio uno sprovveduto. Un rischio recessione globale che è pari al 55%. Ovviamente siamo su percentuali molto lontane da una ragionevole certezza matematica, ma chi avrebbe potuto ipotizzare un tale scenario qualche mese fa?
Si, ok, noi ne abbiamo già parlato come scenario estremo, ma pian piano i nuvoloni stanno tornando… Non vorrei che gli ultimi rialzi dei mercati siano come un richiamo per i piccoli pesci. E poi passa la rete a strascico…

crescita-PIl-prevista-cina-citigroup

We use the only definition of a recession we know that makes sense when it is used consistently. As stated earlier, we define a recession as a period during which the actual unemployment rate is above the natural unemployment rate or Nairu, or during which there is a negative output gap: the level of actual real GDP is below the level of potential real GDP.

To avoid excessive attention to mini-recessions, the period of excess capacity should have a duration of a year or longer. (FT)

Riproduzione riservata

STAY TUNED!

Danilo DT

(Clicca qui per ulteriori dettagli)

(Se trovi interessante i contenuti di questo articolo, condividilo ai tuoi amici, clicca sulle icone sottostanti, sosterrai lo sviluppo di I&M!). E se lo sostieni con una donazione, di certo non mi offendo…

InvestimentoMigliore LOGO

La nuova guida per i tuoi investimenti. Take a look!

Questo post non è da considerare come un’offerta o una sollecitazione all’acquisto. Informati presso il tuo consulente di fiducia. Se non ce l’hai o se non ti fidi più di lui,contattami via email ([email protected]). NB: Attenzione! Leggi il disclaimer (a scanso di equivoci!)

Tags: , ,   |
1 commento Commenta
Eolo
Scritto il 11 Settembre 2015 at 05:47

In attesa del vecchio Dow, vedo l’S&P prossimo a una capatina verso 2030-2040, per poi andare verso 1350 e poi ancora verso 1120. Se ne riparlerà la primavera prossima?

Sostieni IntermarketAndMore!

ATTENZIONE Sostieni la finanza indipendente di qualità con una donazione. Abbiamo bisogno del tuo aiuto per poter continuare il progetto e ripagare le spese di gestione!

TRANSLATE THIS BLOG !

I sondaggi di I&M

#10-21: FAANG, la più performance del 2021 sarà...

View Results

Loading ... Loading ...
View dei mercati

Google+