Municipal Bonds (Munis): i PIGS d’America

Scritto il alle 09:25 da Danilo DT

Muni bonds, cosa sono e che sta succedendo? Link Finanziari & News ( 09/12/2010)

Ricorderete sicuramente quando più volte sono andato dicendo negli ultimi mesi. Se il mercato si definiva in bolla speculativa, c’era un settore che era più in bolla di tutti, ovvero il mercato obbligazionario. Pian piano i nodi vengono al pettine, i governativi (e non solo per colpa della crisi dei PIGS) salgono di rendimento (e scendono quindi di prezzo) e le cose iniziano a normalizzarsi. Ma c’è un settore negli Usa che sta andando letteralmente in crisi: è quello di Muni bonds, ovvero le obbligazioni municipali. Queste obbligazioni sono sempre risultate molto interessanti in quanto esenti dell’imposta Federale, rendimenti superiori agli altri governativi e in alcuni casi anche esenti di altre imposte e tassi. Sono obbligazioni che andavano a finanziare anche opere pubbliche, come l’istruzione, gli ospedali e le strade, finanziamenti che venivano dati agli enti locali i quali, quindi, emettevano come contropartita questi bonds, i Municipal Bonds detti Muni bonds.

Voi tutti sapete che molti stati USA, oggi, sarebbero già falliti da tempo se non ci fosse il sostegno federale (FED) e in certi casi si inizia a temere il rischio ristrutturazione. Sul sito Municipalbonds viene comunicato il valore dei vari bonds, valore che però sta scemando.

Guardate questo grafico preso da StocksCharts, e capirete che se in Europa ci sono i PIGS, in USA ci sono i Munis Bonds e…i foreclosure fraud che sono sempre una potenziale mannaia sul futuro delle banche USA.

Grafico tratto da StocksCharts

QUI sopra l’ETF Muni Bonds

Link Finanziari

Mercati finanziari

  • Goldman Sachs: il top per il 2011 sarà l’Asia (MoneyG)
  • Commodity: la speculazione domina il mercato long (WSJ)
  • Sentiment continua ad essere esageratamente rialzista (IP)

Macroeconomia e News

  • Correlazioni e volatilità. Tutto resta a livelli molto elevati (vedi anche TRENDS) (FT)
  • Elicottero Bernanke alla riscossa!!! (CWD)
  • FED & money printing (CWD)
  • Gli americano abbandonano il consumismo delle carte di credito? (Economicpic)
  • Ecco perché l’Eurozona non crollerà ma cambierà (FS)
  • Foreclosure fraud: continua la vicenda (newD) (NYT)

Obbligazioni e debito pubblico

  • Muni Bonds: la nuova frontiera della crisi del debito USA (SelfEv)
  • Continuano a perdere valore i T Bonds (FT)
  • High Yield: per i junk bond il tasso di default cala sensibilmente nel 2010 (Grannis)
  • Sta in piedi il paragone California-Italia? (selfEv)

Colgo l’occasione di ricordare a tutti il libro dell’amico Andrea Mazzalai, buttate un occhio cliccando QUI, ne vale la pena.

E voi, invece, cosa avete letto di interessante? Scrivetelo nei commenti!

Problemi con gli articoli in inglese? Inserite il link in questo traduttore!

Ovviamente siete tutti invitati non solo a commentare le notizie ma anche a inserire voi stessi link finanziari che possano essere utili alla comunità.


Clicca qui e Vota questo articolo su Wikio!

STAY TUNED!

DT

Tutti I diritti riservati ©
NB: Attenzione! Leggi il disclaimer (a scanso di equivoci!)

Sostieni I&M!
Clicca sul bottone ”DONAZIONE” qui sotto o a fianco nella colonna di destra!

Image Hosted by ImageShack.us

Seguici anche su Twitter! CLICCA QUI!

Vuoi provare il Vero Trading professionale? PROVALO GRATIS!

VN:F [1.9.20_1166]
Rating: 10.0/10 (1 vote cast)
Municipal Bonds (Munis): i PIGS d’America, 10.0 out of 10 based on 1 rating
8 commenti Commenta
daino
Scritto il 9 dicembre 2010 at 11:40

Ripropongo il grafico del petrolio che presenta vari elementi a favore di un ritracciamento:

a) tentativo fallito di rottura della linea di trend il 7 dicembre
b) la candela formatasi è molto interessante in quanto accompagnata da volumi elevati
c) rsi in divergenza con i prezzi

Per il punto di uscita per lo short, visto che io non credo che al momento l’eurusd vada sotto 1,2969, mi sento di tirare in causa la media mobile a 50 che transita poco sotto gli 84$

VN:F [1.9.20_1166]
Rating: 0 (from 0 votes)

mattia06
Scritto il 9 dicembre 2010 at 12:40

Grafico €/$ : movimento perfetto all’interno del canale discendente, dopo aver toccato 1,2950 è risalito fino a 1,3420 (bravo Daino) e da li è cominciata la discesa verso i miei target 1,29 prima e 1,2640 poi….

VN:F [1.9.20_1166]
Rating: 0 (from 0 votes)

paolo41
Scritto il 9 dicembre 2010 at 13:12

Mi è… piaciuto il post “Ecco perchè l’Eurozona non crollerà ma cambierà”…. sembra tradotto dai commenti più volte espressi su questo blog… soltanto che noi abbiamo cominciato a dirlo circa due anni fa.

VN:F [1.9.20_1166]
Rating: 0 (from 0 votes)

Scritto il 9 dicembre 2010 at 13:14

…siamo troppo avanti… ;-)

VN:F [1.9.20_1166]
Rating: 0 (from 0 votes)

paolo41
Scritto il 9 dicembre 2010 at 13:59

Dream Theater,

Mi butto…. Grande indecisione oggi sui mercati: dopo essere stati respinti dal DAX 7021 e dal FtseMib a 20646 oscillano intorno a 6968 e 20500 rispettivamente.
Per non sapere leggere nè scrivere sono con un arbitrato long su DAX e short su FtseMib…
E’ tutto bloccato, anche i bund: il tasso del decennale comunque è calato….

VN:F [1.9.20_1166]
Rating: 0 (from 0 votes)

daino
Scritto il 9 dicembre 2010 at 14:28

mattia06,

i target erano semplicemente i ritracciamenti di fibonacci. Sempre secondo quella analisi elliottiana prima di assistere allo sfondamento dei 1,296 dovremmo avere un nuovo massimo relativo sopra 1,34 e rotti fatti qualche giorno fa. Cmq per me, per l’euro si prospetta un 2011 bruttino bruttino al di là di quello che farà a breve termine 8O

VN:F [1.9.20_1166]
Rating: 0 (from 0 votes)

daino
Scritto il 9 dicembre 2010 at 16:22

mattia06,

bhè sai una cosa?mi stai iniziando a convincere….sempre secondo un’analisi elliottiana ci starebbe ancora meglio un ulteriore minimo, purchè sia sopra i 1,2605 (così verrebbe fuori una bella onda strutturata in 5 subonde)…va bhè, vedremo, certo è che l’euro anche oggi si sta dimostrando l’asset più debole di tutto, pure della borsa italiana

VN:F [1.9.20_1166]
Rating: 0 (from 0 votes)

gremlin
Scritto il 9 dicembre 2010 at 17:05

daino,

EURUSD tre scenari di medio/lungo principali dal 4 novembre scorso:
1. è la A (5 onde) di un potente zigzag di lungo periodo che ci porta verso/sotto la parità con primo tg area 126 dove dovrebbe organizzarsi una correttiva significativa (onda B) = INVERSIONE
2. stiamo correggendo l’abc giugno/novembre con un altro abc per poi ripartire verso nuovi massimi
3. trading range di lungo periodo 1,26/1,44 che ci tira scemi tutti

VN:F [1.9.20_1166]
Rating: 0 (from 0 votes)

Sostieni IntermarketAndMore!

ATTENZIONE Sostieni la finanza indipendente di qualità con una donazione. Abbiamo bisogno del tuo aiuto per poter continuare il progetto e ripagare le spese di gestione!

TRANSLATE THIS BLOG !

I sondaggi di I&M

BCE: che ne sarà dei bond acquistati con il QE?

View Results

Loading ... Loading ...
View dei mercati

Google+