Mancano i fondi per salvare tutti i PIGS

Scritto il alle 09:05 da Danilo DT

Link finanziari e rapido flash sui mercati

Una giornata di gloria per Wall Street, come se si volesse preparare il terreno ad un’allegro Giorno del Ringraziamento. Sui dati macro usciti ieri, beh, trovate su questo blog analisi e commenti. Non sto a ripetermi.

E sui periferici PIGS continua la bufera. E si iniziano a fare i conti. Infatti, se per la Grecia si sono scuciti dei denari che comunque non basteranno, se per l’Irlanda (declassata da AA- ad A) si sono mosse anche le montagne per salvare un paese che non voleva essere salvato, se per il Portogallo già è scontato un intervento, per la Spagna…beh…apriti cielo. Non ci sono materialmente finanze a sufficienza. Si avvicina il giorno del giudizio, dove la dama di ferro auspicata una equa e corretta distribuzione delle perdite sui contribuenti tramite una sana ristrutturazione del debito?

Link Finanziari e News (25-11-2010)

Mercati finanziari, macroeconomia e crisi Irlanda e PIGS

Mercati finanziari

  • Perché le banche nell’ultimo trimestre hanno risultati peggiori? (F.Norris)
  • Il sentiment è ancora fortissimamente bullish (BEspoke)
  • Continua imperterrita l’uscita di denaro dai fondi azionari! (ZH)
  • Rimbalzo borse ma Piazzaffari resta al palo (Rep)

Macroeconomia e News

  • Le aspettative della FED per il 2011 (WaPo)
  • QEII come negli anni ’30? (project S)
  • Continua a non esserci ombra di inflazione (PC)
  • La FED Ha sbagliato tutto (WSJ)
  • PIL USA III trim (PC)
  • Crescita economica: USA vs Europa (Economix)
  • Gli attacchi che potrebbero significare un implosione di Pyongyang (FT)
  • SCIENZA: abbiamo trovato l’universo che esisteva prima del BIG BANG? (IO9)

Debito pubblico e crisi

  • L’Europa ha bisogno di un New Deal prima che sia troppo tardi (NewDeal)
  • Cosa hanno a che fare la Merkel e Britney Spears (BM)
  • Spagna e Portogallo ai massimi rendimenti (PC)
  • Ma per salvare eventualmente la Spagna non ci sarebbero soldi a sufficienza… (ZH)
  • Martin Wolf: L’Irlanda si oppone alla Germania (FT)
  • Irlanda: tagliare le spese ed aumetnare le tasse (Corsera)

Colgo l’occasione di ricordare a tutti il libro dell’amico Andrea Mazzalai, buttate un occhio cliccando QUI, ne vale la pena.

E voi, invece, cosa avete letto di interessante? Scrivetelo nei commenti!

Problemi con gli articoli in inglese? Inserite il link in questo traduttore!

Ovviamente siete tutti invitati non solo a commentare le notizie ma anche a inserire voi stessi link finanziari che possano essere utili alla comunità.


Clicca qui e Vota questo articolo su Wikio!

STAY TUNED!

DT

Tutti I diritti riservati ©

NB: Attenzione! Leggi il disclaimer (a scanso di equivoci!)

Sostieni I&M! Clicca sul bottone ”DONAZIONE” qui sotto o a fianco nella
colonna di destra!

Image Hosted by ImageShack.us

Seguici anche su Twitter! CLICCA QUI!

Vuoi provare il Vero Trading professionale? PROVALO GRATIS!

16 commenti Commenta
ottofranz
Scritto il 25 Novembre 2010 at 10:06

sembrerebbe OT… ma più pigs dei Commercianti …

Commercio: Isae, Cresce a Novembre Fiducia Commercianti Italiani

Ha aha ha hah !!!!! 😈

lucianom
Scritto il 25 Novembre 2010 at 10:17

Ultimamente la borsa Italiana sta scendendo anche quando le altre salgono.La cosa non mi piace per niente, ho la sesazione che stia succedendo qualcosa.Probabilmente è solo perchè il governo sta traballando, ma questo motivo non mi convince del tutto.Alziamo le antenne.COSA NE PENSATE? 🙄 😥 😥 😥

daino
Scritto il 25 Novembre 2010 at 10:42

lucianom,

io penso che è inutile tenere in portafoglio azioni dei paesi PIIGS: perchè non convertirle in azioni di economie migliori o di settori promettenti? L’assenza di una risposta è la risposta sulle divergenze di questi giorni

mattacchiuz
Scritto il 25 Novembre 2010 at 10:56

daino,

si ma dai, se Atene piange, Sparta di sicuro non ride…

vorrei proprio vedere se i problemi europei diventassero seri ( o meglio, lo sono… ma quando ammetteranno l’ingestibilità le cose saranno differenti ), cosa succedere negli States…. e in altri paesi emergenti…

hironibiki
Scritto il 25 Novembre 2010 at 11:16

mattacchiuz,

Se tutti facessero come la Merkel ha fatto l’altro giorno, beh finalmente ci sarebbe una presa di coscienza uniforme. Invece a volte lancia piccoli allarmi tipo “L’Euro è a rischio” e poi per riparare al danno, si diffondono dati mielosi con segni positivi in ripresa.
Mah, o si dice le cose come stanno oppure si continua a far finta di nulla sino all’inevitabile. Però lanciare il sasso nello stagno e poi ritrarre la mano fingendo innocenza mi sembra stupido

caposci
Scritto il 25 Novembre 2010 at 11:39

ragazzi , ma l’america oggi è chiusa? o è solo un giorno di festività?

mattacchiuz
Scritto il 25 Novembre 2010 at 12:26

hironibiki@finanza,

lasciamo perdere il terrorismo istitituzionale: “o popolino, l’euro è in pericolo, l’europa è in pericolo, il VOSTRO ( non il NOSTRO ) futuro è in pericolo! Ci servono altri 2^9 miliardi di euro che VI presteranno quelli del FMI o della BCE o della FED, per stimolare l’economia ( salvare i LORO E i NOSTRI amici delle banche private)!”

e il popolo:”ah Beh, se l’euro è in pericolo, l’europa è in pericolo, il nostro futuro è in pericolo, cosa vuoi che siano due alla quanto? ( 2 4 8 16 32 66 calcio veline gnocca aperitivo vaccanze… ) miliardi di euro di nuovo debito per stimolare l’economia ( ma stimolare l’economia vorrà mica dire che si guadagna sempre meno? )”

caposci@finanza,

è solo il giorno del ringraziamento 🙂

lucianom
Scritto il 25 Novembre 2010 at 12:39

daino,

Oppure mettersi short come lo sono da 15 giorni,poi vedrò, perchè penso che la “manina” intervenga almeno sino fine anno..Se le borse andranno giù non si salverà nessuno, nemmeno la Germania,al massimo si limteranno solo minimamente le perdite.Meglio mettersi liquidi, anche le obbligazioni saranno pericolose.Contrariamente al passato anche Carmignac non è in grado per il momento di distinguersi e sta seguendo l’onda.Ciao

paolo41
Scritto il 25 Novembre 2010 at 12:56

….. lo spread bund/btp è tornato sopra 1,7…. se non sbaglio….

luciano60
Scritto il 25 Novembre 2010 at 15:36

QUESTA HA BEVUTO.,…E PARECCHIO….

Zona euro in condizioni migliori oggi che prima di crisi- Merkel
Reuters – 25/11/2010 14:29:46

hironibiki
Scritto il 25 Novembre 2010 at 16:19

luciano60@finanza,

Infatti la stavo leggendo anche io. Tutti pronti a salvare, bene c’è sempre spazio per le banche così che possano speculare a nostre spese. Poi tanto faremo tutti una manovra “lacrime e sangue” che aggiusterà i conti.
Bah si vede che è passato il “pippa test” in Unione Europea…

giandino
Scritto il 25 Novembre 2010 at 18:35

fraulein Merkel sta semplicemente aiutando le banche tedesche a non fallire: 150 miliardi, ovvero il 25% dei 596 di debiti irlandesi, sono verso banche tedesche; e la stessa situazione (quasi esattamente nelle stesse percentuali) si ritrova con la Grecia …
Se Grecia e Irlanda fossero falliti, le banche tedesche avrebbero subito circa 300 miliardi di euro di perdite, e la signora Merkel avrebbe dovuto staccare lo stesso assegno per evitare una crisi finanziaria “tutta tedesca” …
Il sistema finanziario tedesco è quello più coinvolto nella crisi debitoria della UE … e lo sapete perché?
Semplice … anzi semplicissimo: ha prestato denari a cani e porci SAPENDO che poi “qualcuno” avrebbe provveduto …
E chi è ‘sto qualcuno?
La UE che ha stanziato una montagna di miliardi di euro per salvare i debitori insolventi.
Noi italiani ci abbiamo messo oltre 100 miliardi … e la nostra esposizione è meno di 50 miliardi.
I tedeschi ci hanno messo meno di 200 miliardi ed hanno un’esposizione pari ad almeno il doppio (sono esposti anche con altri paesi oltre la Grecia e l’Irlanda).
E che dire degli inglesi?
Sono esposti per 160 miliardi con la sola Irlanda, ed hanno fatto un “obolo” (al fondo suddetto) di qualche decina di miliardi.
Qui da noi siamo costretti a “tagliare” la carta igienica alle scuole … non abbiamo neanche i denari per mettere la benzina nelle auto della Polizia, e siamo costretti a stanziare oltre 100 miliardi per finanziare il fondo che consente ai paesi “barcollanti” di ripagare i debiti contratti con la banche tedesche ed inglesi.

A me ricorda lo “schema Parmalat” … obbligazioni vendute al pubblico per far rientrare le banche e, a rientro ultimato … default …

smsj
Scritto il 25 Novembre 2010 at 23:34

hironibiki@finanza,

Hiron, non pensare che tutti gli esponenti politici siano stupidi.
Anzi, cercano in tutti i modi di fare gli interessi dei propri paesi.
Da che mondo è mondo, le informazioni economiche, sopratutto nei periodi di crisi, sono manipolate, e non necessariamente per fare danni o gli inetressi particolari di questo o quell’altro.
Semplicemente perchè le informazioni gestite bene sono una leva potentissima in mano a chi governa la finanza mondiale. Davvero preferiresti che si dicesse esattamente in che condizioni sono gli equilibri mondiali? cosa succederebbe subito dopo?
Quando per bocca della Merkel si semina panico, è abbastanza evidente che si cerca di tenere (riuscendoci anche piuttosto bene) l’euro il più basso possibile per non far travolgere l’europa (la Germania) dalle valute artificialmenmte tenute basse nei suoi confronti.
O forse l’Europa deve pagare le svalutazioni competitive di Usa e Cina?
Oppure si deve spargere il pessimismo totale, facendo avvitare la crisi su se stessa?

mattacchiuz
Scritto il 26 Novembre 2010 at 09:19

giandino@finanzaonline,
eccccezionale!

ottofranz
Scritto il 26 Novembre 2010 at 10:25

Saldi “to be or not to be”

Ieri commentavo questa notizia.
Isae, Cresce a Novembre Fiducia Commercianti Italiani

Ieri sera Barisoni su Radio 24 diceva che i dati di ottobre e novembre sono disastrosi.

Io confermo.

Ieri parlando con un importante operatore mi parlava di una grossa catena che si sta inventando “Eventi” con stilisti a basso costo nella speranza di creare interesse in un mercato ormai fallimentare con operazioni ad effetto solo ed esclusivamente di facciata.

A Milano il tam tam mediatico parla dell’ultimo sbarco di una grossa catena americana delegando al dimenticatoio identico sbarco (estremamente dispendioso) di solo un anno fa.

Bene signori, il modus operandi del finanziario si sta traghettando all’economia “da strada” in men che non si dica con una velocità esponenziale .

L’orchestra è arrivata, il ballo sta per iniziare.

giandino
Scritto il 26 Novembre 2010 at 16:38

mattacchiuz: giandino@finanzaonline,
eccccezionale!  

Eccezionali i tuoi post ;-))

I sondaggi di I&M

TASSO BCE a fine 2024 in %

View Results

Loading ... Loading ...