Mercato ai MASSIMI, percezione di rischio MINIMA. Ma questa incongruenza non è da sottovalutare

Scritto il alle 10:11 da Danilo DT

CESI ancora protagonista con VIX e grafico SP500

Le trimestrali USA hanno sicuramente contribuito a far salire il mercato verso i massimi storici. La volatilità non ha fatto altro che confermare il tutto. Il grafico del VIX vi illustra come sia bassa la percezione del rischio sui mercati. E ancora meglio fa questo indicatore di BofA. Un misuratore della volatilità generale sui mercati. Azionario, credito, debito sovrano, forex ecc. La cosa curiosa che siamo tornati a dei minimi mica da ridere di questa bassa percezione di rischio. Siamo ai livelli di 2014 e 2007. Lascio a voi eventuali confronti col passato.

Il grafico significa nulla? Vero. La statistica non è preveggente? Altrettanto vero. Ma certi estremi in certi contesto di mercato (mercati ai massimi con quadro macro non brillantissimo). Fanno quanto meno pensare.
Un esempio concreto? Eccovi
Parliamo di CESI e SP500.

Confronto tra CESI e SP500

Sul CESI vi ho già detto moltissimo. E diventa quindi normale avere una correlazione diretta MOLTO forte tra CESI e SP500. Ecco cosa sta capitando oggi. Curioso, no?

STAY TUNED!

Danilo DT

(Clicca qui per ulteriori dettagli)

Questo post non è da considerare come un’offerta o una sollecitazione all’acquisto. Informati presso il tuo consulente di fiducia.
NB: Attenzione! Leggi il disclaimer (a scanso di equivoci!)

VN:F [1.9.20_1166]
Rating: 10.0/10 (3 votes cast)
Mercato ai MASSIMI, percezione di rischio MINIMA. Ma questa incongruenza non è da sottovalutare, 10.0 out of 10 based on 3 ratings
Nessun commento Commenta

Sostieni IntermarketAndMore!

ATTENZIONE Sostieni la finanza indipendente di qualità con una donazione. Abbiamo bisogno del tuo aiuto per poter continuare il progetto e ripagare le spese di gestione!

TRANSLATE THIS BLOG !

I sondaggi di I&M

Come vorresti I&M?

View Results

Loading ... Loading ...
View dei mercati

Google+