Macroeconomia e ORO: il punto di non ritorno

Scritto il alle 22:53 da Roy Reale

GUEST POST: analisi della politica monetaria USA,  intermarket e il comportamento delle banche centrali. Il solito barometro settimanale dell’oro e gli avvenimenti più importanti della settimana e il ruolo dell’oro nei portafogli di investimento e degli investitori istituzionali.

Il lingotto venerdì ha rotto al rialzo l’importante resistenza posta a $1.350,00. Questa violazione al rialzo suggerisce un possibile ulteriore balzo, a breve termine, verso il prossimo target posto a $1.400,00.

L’oro ha stabilito una base solida attorno all’area posta ai $1.300,00. Abbiamo osservato lievi cedimenti intorno ai $1.330,00. Vicino a quell’area, la forza ribassista sembra non avere piu’ spinta a causa della domanda proveniente da grandi acquirenti e dai cosiddetti “cacciatori d’affari a sconto” (bargain hunters – grandi fondi che acquistano nelle fasi di ribasso).

A livello di analisi tecnica, pertanto, la dinamica posta in essere dal metallo giallo, nelle ultime due settimane, appare estremamente rialzista.

L’oro e’ stato sostenuto anche dalle quotazioni del dollaro, particolarmente deboli questa settimana.  Il dollar index e’ scivolato sotto la soglia psicologica posta a $80, terminando la settimana a $79,210.   A supportare le quotazioni del mercato dell’oro, due fattori: la prossima riunione della FED (prevista per settimana prossima) e il continuo deterioramento dei conti pubblici degli Stati Uniti. Durante la prossima riunione della FED, il suo braccio operativo (il FOMC), optera’ per lasciare inalterato il piano d’acquisti di assets mensili (pari a 85 miliardi di dollari).

Il cosiddetto “tapering” (piano di ridimensionamento dell’espansione monetaria), pare quindi destinato a rinviarsi a data da destinarsi (a nostro avviso, il ritmo d’acquisto di assets potra’ solo aumentare in futuro, e in modalita’ altamente esponenziale).

Il punto di non ritorno

Il debito pubblico degli Stati Uniti (altro fattore rialzista per il metallo giallo), sembra ormai aver raggiunto il “punto di non ritorno, con un aumento dello stesso che non conosce piu’ alcun freno.  Il debito pubblico americano, con l’innalzamento del tetto del debito (debt ceiling), ha superato la soglia psicologica dei 17 trilioni di dollari.  Tale debito, nei giorni scorsi ha toccato un nuovo record: un aumento giornaliero di $328 miliardi di dollari, surclassando il record precedente pari a $238 miliardi in un giorno.

Sotto la Presidenza di George W. Bush, il debito pubblico tocco’ i 10 trilioni di dollari americani: durante gli 8 anni di Obama, il debito pubblico potrebbe (ed e’ avviato) a toccare i 20 trilioni di dollari (un aumento di 10 trilioni in soli 8 anni!).  Ci sono voluti ben 224 anni e 43 Presidenti (dal 1789 al 2008) affinche’ il debito pubblico USA, raggiungesse i 9 trilioni di dollari. Barack Obama, in due mandati presidenziali, ha surclassato ogni record, piu’ che raddoppiando il debito pubblico in appena otto anni (pari a due mandati Presidenziali).

Le dinamiche del debito pubblico in atto, ci suggeriscono che entro la fine del secondo mandato (2016), il debito pubblico USA avra’ raggiunto i $20 trilioni di dollari.

La fine del dollaro non e’ questione di se, ma di quando. 

L’indebolimento della valuta USA sta spingendo la Cina (maggiore detentrice di titoli del debito a stelle e strisce) a un accumulo straordinario di oro al fine di compensare le perdite valutarie sugli assets detenuti in dollari e per rafforzare lo yuan, con la finalita’ di far divenire la valuta cinese moneta di riserva mondiale.

La Cina sta accumulando oro, al ritmo di 1700 tonnellate annue. Entro i prossimi 3 anni la Cina potrebbe accumulare ulteriori 5000 tonnellate di metallo giallo.  Con ogni probabilita’, nei prossimi anni avremo una valuta di riserva mondiale alternativa al dollaro. Lo Yuan cinese. Una volta che il dollaro avra’ perso lo status privilegiato di valuta di riserva primaria, gli USA non saranno piu’ in grado di stampare dollari in modo indiscriminato come fanno attualmente.

A quel punto, gli Stati Uniti saranno costretti, giocoforza, ad innalzare in modo spaventoso la pressione fiscale per rientrare dal debito e a portare in alto i tassi d’interesse. Se non saranno in grado di fare cio’ (e non lo saranno, perche’ il combinato disposto di queste due azioni farebbero cadere in depressione economica gli USA), l’impero americano potrebbe collassare a causa dell’iperinflazione.

Ritornando sul fattore Cina, nuova potenza globale economica e finanziaria, vi mostriamo un grafico per evidenziarvi le tendenze globali in atto. Esso evidenzia le uscite (output) di oro dai fondi ETF e gli acquisti (input) di oro da parte della Cina, da gennaio ad agosto di quest’anno.  Come potrai notare, l’output di oro degli ETF e’ piu’ che compensato dagli acquisti cinesi (il ritmo degli acquisti sono addirittura doppi rispetto ai deflussi degli ETF).

Di quante prove abbiamo ancora bisogno per comprendere l’enorme trasferimento di potere che sta avvenendo tra occidente e

oriente?

Riccardo G. – Deshgold

Non sai come comportarti coi tuoi investimenti? BUTTA UN OCCHIO QUI| e seguici su TWITTER per non perdere nemmeno un flash real time! Tutti i diritti riservati © | Grafici e dati elaborati da Intermarket&more su databases professionali e news tratte dalla rete | NB: Attenzione! Leggi il disclaimer (a scanso di equivoci!)

Tags:   |
13 commenti Commenta
signor pomata
Scritto il 28 Ottobre 2013 at 00:52

Ma di che iperinflazione parli??
Deflazione fratello, chiamala col suo nome.
Tassi a zero per un decennio, se non sai di che parlo guardati il grafico del giappone.
Stammi bene

luca
Scritto il 28 Ottobre 2013 at 08:03

Signor Pomata: “gli Stati Uniti SARANNO costretti ….” ….. ma possibile che ognuno abbia il verbo tra le mani e lo dispensi a destra e manca senza leggere? In italiano i tempi dei verbi hanno un significato ben preciso. Non possiamo escludere a priori una visione futura così come proposta nell’articolo anche proprio a partire dal Giappone se il piano di stampa senza ritegno dovesse miseramente fallire.

Scritto il 28 Ottobre 2013 at 08:34

signor pomata@finanzaonline,

Aspettiamo al risposta dell’autore in merito. Intanto raccomadno sempre rispetto per il pensiero altrui. Intanto benvenuto Dottore.

luca
Scritto il 28 Ottobre 2013 at 08:48

Il mio commento non vuole essere aggressivo od offensivo verso il diverso pensiero, vuole solo sottolineare come ognuno abbia una propria verità che non è assoluta e che ognuno possa pensarla diversamente e possa anche sbagliare, ma questo non ci dà il diritto di svilire e travisare quanto scritto solo perché la si pensa diversamente.

kry
Scritto il 28 Ottobre 2013 at 10:49

luca@finanza,

Mi permetto: il concetto d’iperinflazione non è legato “gli Stati Uniti SARANNO costretti ….” ma per quanto segue “l’impero americano potrebbe collassare a causa dell’iperinflazione.” Non è una questione d’italiano è un storico/finanziaria legata al giappone in cui il mondo si sta indirizzando.
Danilo DT,

Questa volta non teniamo conto della forza delle banche centrali ? Pensi che questa volta sia diverso, il giappone ha superato 250 come rapporto def/pil mentre gli usa hanno appena superato i 100 per cui di strada ne hanno ancora da fare.

luca
Scritto il 28 Ottobre 2013 at 11:27

E’ una serie di “SE” e come tale penso vada presa. Estrapolare una parte di un discorso “futuribile” e dire guarda i grafici di oggi lascia il tempo che trova. Il discorso parte dalla perdita del dollaro dello status di valuta di riserva e quindi il tutto vada visto solo in quest’ottica.

Scritto il 28 Ottobre 2013 at 14:31

luca@finanza,

infatti mica ce l’avevo con te 🙂

kry@finanza,

Ma se sono mesi che lo dico!

gennaroporcelli
Scritto il 28 Ottobre 2013 at 16:12

signor pomata@finanzaonline:
Ma di che iperinflazione parli??
Deflazione fratello, chiamala col suo nome.
Tassi a zero per un decennio, se non sai di che parlo guardati il grafico del giappone.
Stammi bene

Come fai ad essere cosi sicuro che la strada sia quella del Giappone?

kry
Scritto il 28 Ottobre 2013 at 18:41

Danilo DT,

Pensavo avessi cambiato idea.
gennaroporcelli@finanza,

Sono in molti che lo pensano. Siamo in una debt-deflation e si aspetta il moment-minsky. Personalmente io preferisco un inflazione 5/7% annua.

alfio200
Scritto il 28 Ottobre 2013 at 21:37

Manca però una previsione sull’andamento del prezzo dell’oro in futuro. Se il passaggio dal dollaro allo yuan o a un paniere di valute fosse indolore non si dovrebbe necessariamente avere l’iperbolico aumento del prezzo che molti prospettano (3000 dollari all’oncia e più).

luca
Scritto il 29 Ottobre 2013 at 07:42

Danilo DT,

L’avevo capito Danilo DT, infatti rispondevo al commento di Kry 🙂

Sostieni IntermarketAndMore!

ATTENZIONE Sostieni la finanza indipendente di qualità con una donazione. Abbiamo bisogno del tuo aiuto per poter continuare il progetto e ripagare le spese di gestione!

TRANSLATE THIS BLOG !

I sondaggi di I&M

Sondaggio #3-21: ORO a fine anno sarà... (base 1950 $/oz)

View Results

Loading ... Loading ...
View dei mercati

Google+