La guerra dei depositi bancari: capitali in fuga da Italia e Spagna

Scritto il alle 11:40 da Danilo DT

E’ palese il fatto che ci sia una diversa percezione di rischio a seconda della collocazione geografica di un istituto di credito. Se la banca è a Madrid, automaticamente diventa per la psiche della gente a rischio default. Se invece la banca si trova a Berlino, automaticamente diventa solida e sicura.

Non importa se la banca poi sia turca, russa o polacca. L’importante è che abbia una sede in un paese virtuoso. In realtà, questo non è nient’altro che un escamotage per “addescare” risparmi, farli fuggire dai paesi a rischio (banche in Italia ad esempio) per farli portare in paesi che sono solidi, ma quelle banche lo sono altretanto?

Il Sole 24 Ore citava giorni fa il caso di banche come OaO Bank Vtb o Denizbank. Hanno aperto filiali in Germania, offrono tassi un po’ superiori del mercato, e per il solo fatto che sono con una filiale in Germania fanno incetta di denaro. Ma a quale rischio?
In realtà la banca poi è turca o russa…

Guardate questa slide che illustra in modo ideale la “fuga di capitali” .
Dal 2007 a marzo 2012 (ultimo dato disponibile della Bri) le banche europee dei paesi più deboli hanno perso oltre 2mila miliardi di depositi internazionali. In primis i capitali sono stati spostati proprio dall’Italia. Pensate che dal 2007 le banche della Penisola hanno perso il 48% dei depositi internazionali, pari a circa 450 miliardi di dollari. E nell’ultimo anno il collasso di denaro è stato pari al 18.7%. Certo, i depositi degli italiani (domestici) hanno compensato questa falla ma resta il fatto che c’è stata una vera fuga di capitali dalle banche italiane.
E dove sono andati questi soldi? Per la maggior parte proprio in Germania. Motivo fondamentale: se ci fosse l’Eurocrash, almeno il denaro in Germania verrebbe convertito in Marchi e non in Lire.
Una vera manna dal cielo per le banche dei paesi più solidi (gli piove denaro dal cielo che quindi viene remunerato a tasso ZERO), ma tutto questo crea dei disequilibri che diventeranno insostenibili. I paesi in crisi sempre più indebolitie i paesi solidi sempre..più forti. Complimenti! Se l’Unione Europea serviva a questo, allora abbiamo fatto un affarone! In realtà tutto questo è frutto di una politica e di una coesione europea che è sempre mancata. Con questi presupposti, miei cari, non si va da nessuna parte.
Guardate la slide, ed inorridite…

STAY TUNED!

DT

Non sai come comportarti coi tuoi investimenti? BUTTA UN OCCHIO QUI| e seguici su TWITTER per non perdere nemmeno un flash real time! Tutti i diritti riservati © | Grafici e dati elaborati da Intermarket&more su databases professionali e news tratte dalla rete | NB: Attenzione! Leggi il disclaimer (a scanso di equivoci!)

Tags:   |
7 commenti Commenta
Scritto il 21 Agosto 2012 at 12:11

Ehila!
Siete ancora tutti in ferie?

🙂

Oggi pomeriggio in programma anche un post di Gaolin e nei prox giorni tante altre cosine molto interessanti…. per prepararci per benino al caldo settembre che ci aspetta!

😉

Scritto il 21 Agosto 2012 at 12:13

…piccola nota…
dalla slide capite benissimo che la Francia è molto più vicina a noi di quanto lo sia con la Germania. E il flusso dei depositi lo testimonia…

pecunia
Scritto il 21 Agosto 2012 at 12:30

Buongiorno DT.

cosa ne dici del nuovo “comunicato” di G.S. ?????…… c’è da crederle ?…

io i soldi ai teutoni non li porto proprio. ma io sono un puntino :mrgreen: :mrgreen:

paolo41
Scritto il 21 Agosto 2012 at 18:47

..chissà perchè quando parli di trasferimento di denaro dall’Italia all’estero mi viene un naturale abbinamento con gli evasori fiscali e, naturalmente, con quelli che eludono il fisco…
Forse è una “deformazione professionale”!!!!!

Scritto il 21 Agosto 2012 at 19:09

pecunia@finanza,

Parli dello SHORT sulla Francia e sul LONG sull’Italia?

lampo
Scritto il 21 Agosto 2012 at 21:22

DT il post è molto interessante, anche se purtroppo conoscevo già la situazione.

Oggi mi è però venuto in mente di appaiarlo ad un report che avevo letto un po’ di tempo fa (non lo trovo più purtroppo… tra le tante fonti che leggo, sigh!), in cui venivano mostrati, con grafici analoghi, i disinvestimenti dall’Asia (escluso Giappone) da parte delle banche europee (tedesche incluse… giusto per puntualizzare!).

Adesso mettendo insieme i due tasselli, si comprende come la situazione del sistema bancario europeo (ma non solo) sia per nulla tranquilla e forse, ancora non scontata dai mercati finanziari.

pecunia
Scritto il 22 Agosto 2012 at 16:34

Dream Theater,

Alludevo a “Italia Long” .

….. ma il ripiegamento di oggi mi dice di stare all’erta.

Sostieni IntermarketAndMore!

ATTENZIONE Sostieni la finanza indipendente di qualità con una donazione. Abbiamo bisogno del tuo aiuto per poter continuare il progetto e ripagare le spese di gestione!

TRANSLATE THIS BLOG !

I sondaggi di I&M

Sondaggio #3-21: ORO a fine anno sarà... (base 1950 $/oz)

View Results

Loading ... Loading ...
View dei mercati

Google+