INCERTEZZA SUL DA FARSI

Scritto il alle 18:17 da Danilo DT

paulson bush henry george<<Ho deciso. Il TARP lo utilizzerò per acquistare gli assets illiquidi, i cosiddetti “titoli tossici”, anzi ….no>>.

 

Henry Paulson fa dietrofront lasciando attonito (in modo non giustificabile, però)  il mercato. Il motivo dell’ennesimo ribasso di Wall Street è dovuto, per la maggior parte degli operatori, a questa “inversione di tendenza” del Ministro del Tesoro, il qual ha fatto una cosa che, secondo me, non sarebbe nemmeno da bocciare, ma sicuramente i modi ed i tempi sono stati non ideali.

 

Andiamo un attimo a fondo della questione. Il TARP (Troubled Asset Relief Program) , lo dice il termine stesso, era proprio nato per poter sollevare le banche dalla grana dei titoli illiquidi. Già fina dalla nascita del piano, però l’amico Paulson ha subito le critiche e le obiezioni di economisti ed analisti.

Perché andare a sostenere le banche in questo modo? Non sarebbe meglio, ad esempio, diventarne azionista?

Ed è proprio quello che Paulson ha deciso di fare. Ma il mercato ha bocciato il suo cambiamento di rotta. Il motivo fondamentale, dice Paulson, di questa sua inversione di tendenza è legato al fatto che gli era impossibile valutare correttamente proprio questi assets e quindi stabilire un prezzo a cui venire “prelevati” dalle banche. Risposta secondo me valida.
Quindi, non si prenderanno più gli assets tossici ma si interverrà in modo diverso. Innanzitutto capitalizzando le banche.

Ma non finisce qui.

Il credito al consumo la prossima vittima della crisi

Non mi dice nulla di nuovo, caro Dott. Paulson, quando mi viene a dire che ha paura di un’esplosione di una bolla sul credito al consumo. Ne abbiamo parlato già infinite volte sui rischi che si corrono sulle carte di credito , e sul credito al consumo , effettivamente fondate. Ed è sintomatico il comportamento di American Express, costretta a correre ai ripari e chiedere di diventare, proprio come avevano fatto Morgan Stanley e Goldman Sachs, banca commerciale.

Quindi:  sostegno dei prestiti dei privati, prestiti al consumo e credit cards. E…il settore auto? E qui viene una nuova grana.

 

Auto? No grazie…

Almeno per il momento Paulson è sembrato abbastanza chiaro. Per il settore automobilistico non sono previsti nel breve interventi. Quantomeno all’interno del TARP stesso. Quindi, se ci saranno interventi, verranno fatti al di fuori del TARP: La cosa il mercato non l’ha presa molto bene. I timori sul settore sono sempre più forti, anche se forse i numeri ed i danni che ci troveremo nel caso di un default del settore auto negli USA, li ho presentati qualche giorno fa sarebbero semplicemente devastanti.

 

Conclusioni

Da quanto detto sopra cosa possiamo dedurre?

In primo luogo, vista la straordinarietà della crisi, lo stesso Paulson non ha assolutamente le idee chiare sul da farsi. Il che significa che si sta gestendo la crisi vivendo “alla giornata”.

Se il VIX fa paura, altrettanto si può dire dell’indice della volatilità dele decisioni prese dal Governo USA. E state pur certi che se c’è incertezza proprio nella cabina di comando, non possiamo ipotizzare un miglioramento dell’indice di serenità sui mercati finanziari.

In secondo luogo è apparso più che evidente il fatto che i 700/850 miliardi di dollari promessi per rimettere in piedi l’economia non saranno assolutamente sufficienti.

 

Quindi, cari lettori, la partita resta tutta da giocare. Ma non pensiamo che la strada sia in discesa, anzi…. Ed i mercati, in uno scenario già di per sé difficile, si trovano coi book scarichi, con un ambiente di totale sfiducia sui consumi, sul Governo, sulle previsioni macro, e con dati puntuali drammatici.

 

La borsa già sconta molta di questa negatività? Può darsi, ma nessuno può ponderare con certezza quando e quanto scenderemo ancora. (A proposito, avete visto il sondaggio qui a destra?)

 

Nella baraonda generale resta una certezza. Continua il sell off di assets (i più liquidi) di fondi hedge e istituzioni in crisi.


Vi lascio con un malinconico “buona serata”…

 

PS: questo post volevo scriverlo stamattina, ma causa di forza maggiore mi ha impedito di farlo…. Spero possa comunque esservi utile.

 

STAY TUNED!

VN:F [1.9.20_1166]
Rating: 0.0/10 (0 votes cast)
Nessun commento Commenta

I commenti sono chiusi.

Sostieni IntermarketAndMore!

ATTENZIONE Sostieni la finanza indipendente di qualità con una donazione. Abbiamo bisogno del tuo aiuto per poter continuare il progetto e ripagare le spese di gestione!

TRANSLATE THIS BLOG !

I sondaggi di I&M

Euro o non Euro....questo è il problema?

View Results

Loading ... Loading ...
View dei mercati

Google+