Il giardinetto del vicino è sempre MENO verde

Scritto il alle 14:28 da Danilo DT

erba-crescereIl prato del vicino è sempre più verde. Ma quando si parla di investimenti, il proprio “giardinetto” di titoli è sempre il più performante ed ogni risparmiatore si disegna come avveduto, aggressivo quando serve, difensivo quando aumentano i rischi. Difficilmente ci lasciamo imbrigliare dalle crisi e dai crolli di borsa, ma siamo pronti a colpire nel segno quando il mercato completa una inversione rialzista.

Questo, ovviamente a parole.

Poi i fatti sono nel segreto di ogni investitori. Si può raccontare in giro quello che si vuole, ma alla fine chi più chi meno, si porta dietro ancora delle vecchie piaghe dovute alle epidemie di Tiscali o Set PG (due nomi a caso).

Ma attenzione, a “banfare” non sono solo gli investitori. Ho recentemente letto un pezzo di Scott Adams  che parla invece dei consulenti finanziari. Vero, verissimo ahimè, spesso il consulente può essere più distruttivo dell’investitore inesperto.
E’ per questo che, oggi come non mai, è necessario potersi avvalere di una consulenza il più possibile di qualità. E quando parlo di qualità, significa avere a che fare con persone preparate, che hanno una visione lungimirante. Che sanno leggere correttamente le esigenze del cliente e costruiscono portafogli dove venga rispettata la volatilità che l’investitore si aspetta di avere.

Cosa? L’investitore non conosce il concetto di volatilità? Il consulente DEVE spiegare ed erudire quanto basta.
Ma non voglio torturarvi oltre con questi discorsi.

Quello che volevo portare alla vostra attenzione è questo grafico. A parole i risparmiatori sono anche eccellenti investitori, ma poi nei fatti le cose vanno molto diversamente.
Questa analisi di RBA ci illustra il rendimento delle varie asset class (percentuale annua) ed i ritorni medi degli investitori (in rosso). Forse così capite perché è sempre più importante la strategia di investimento, la conoscenza di quello che si sta comprando e, ripeto, la presenza di un consulente che possa fornirvi soprattutto una cosa. La qualità.

asset class return 25 anni

STAY TUNED!

Danilo DT

(Se trovi interessante i contenuti di questo articolo, condividilo ai tuoi amici, clicca sulle icone sottostanti, sosterrai lo sviluppo di I&M!). E se lo sostieni con una donazione, di certo non mi offendo…

logo-mia13

Questo post non è da considerare come un’offerta o una sollecitazione all’acquisto.
Informati presso il tuo consulente di fiducia. Se non ce l’hai o se non ti fidi più di lui,contattami via email ([email protected]).
NB: Attenzione! Leggi il disclaimer (a scanso di equivoci!)

Tags:   |
4 commenti Commenta
marcodp
Scritto il 19 Agosto 2014 at 00:28

Colgo l’occasione per segnalare questo interessante articolo sul Telegraph, nel quale si segnala che la crisi mondiale sta mettendo in ginocchio le maggiori compagnie petrolifere (non ricordo dove, ma avevo già letto mesi fa, qualcuno che segnalava il rischio “nazionalizzazione”).

http://www.telegraph.co.uk/finance/newsbysector/energy/oilandgas/11024845/Oil-and-gas-company-debt-soars-to-danger-levels-to-cover-shortfall-in-cash.html

Scritto il 19 Agosto 2014 at 13:58

… “è necessario potersi avvalere di una consulenza il più possibile di qualità” …

Per capire, come è messa, in Italia il pianeta ed il sottobosco della “finanza” – Mi limito, ora a questi -, consiglio la lettura attenta

-[ memorizzate bene tutto, con i Nomi ed i Cognomi, soprattutto: non dimenticateLo/DIMENTICATELI MAI! MAI. ]-

… ❝Non era vero niente.

Oggi, agli arresti domiciliari, ripensandoci sorride:

“I miei comunicati, titolo, notizia in breve e otto-dieci righe di virgolettati, venivano ripresi parola per parola.

Eppure si trattava di giornalisti economici.

Bastava una calcolatrice per capire che lo 0,8 per cento di Unicredit faceva qualcosa come 150 milioni di euro.

E dove li prendeva un signor nessuno come me?

Ma non controllavano”.❞ …

Riccardo Staglianò (Il Venerdì, de La Repubblica), “Il lupo di corso Buenos Aires”, n°1378: Agosto 15, 2014 – Pp. 42-49

http://data.kataweb.it/storage/periodici/venerdi/pdf/1378/VEN_42_43.pdf

http://data.kataweb.it/storage/periodici/venerdi/pdf/1378/VEN_44_45.pdf

http://data.kataweb.it/storage/periodici/venerdi/pdf/1378/VEN_46_47.pdf

http://data.kataweb.it/storage/periodici/venerdi/pdf/1378/VEN_48_49.pdf

Modestamente, Andrea Boda (alias, Bimbo Alieno) ed il Sottoscritto (Surfer) erano/sono stati ►GLI UNICI◄ che avevano avvertito – segnalando tempestivamente che “NON ERA VERO NIENTE” – che personaggio fosse.

►GLI UNICI!◄

►GLI UNICI!◄

►GLI UNICI!◄

サーファー © Surfer

idleproc
Scritto il 19 Agosto 2014 at 23:05

Il futuro sarà di chi progetta bene, costruisce bene, costruisce durevole e conseguentemente si è fatta e farà una storia di affidabilità e serietà.
Non mi risulta che quanto sopra appartenga al main stream dell’informazione attuale e del sistema bancario-finanziario ove i truffatori si dividono in due categorie, quelli di “successo” che hanno anche un giornale e sono diventati intoccabili e quelli che sono ancora nella fase iniziale di accumulazione primitiva e si arrangiano usando i giornali dei primi che fanno le stesse cose.

marcodp,

http://peakoilbarrel.com/global-financial-system-life-support/

idleproc
Scritto il 20 Agosto 2014 at 08:41

Una bella sintesi “macro”.

Penso che ne siano consapevoli ai piani alti ove non sono affatto stupidi da cui l’incremento costante dell’aggresività geopolitica, per sistemare la faccenda non bastano i capitali reali accumulati che puoi rapinare in casa globalmente parlando, esistono i vecchi metodi della rapina sul campo.

http://www.zerohedge.com/news/2014-08-19/your-recovery-and-your-recovery-without-drugs

Vedremo come andrà a finire.
Speriamo bene.

Sostieni IntermarketAndMore!

ATTENZIONE Sostieni la finanza indipendente di qualità con una donazione. Abbiamo bisogno del tuo aiuto per poter continuare il progetto e ripagare le spese di gestione!

TRANSLATE THIS BLOG !

I sondaggi di I&M

Sondaggio #3-21: ORO a fine anno sarà... (base 1950 $/oz)

View Results

Loading ... Loading ...
View dei mercati

Google+