Grecia: ci vogliono fatti e non parole

Scritto il alle 14:00 da Danilo DT

sp-rating-grecia

Un po’ ovunque si legge della vicenda ellenica, per alcuni una “tragedia greca” e per altri una ricca opportunità. Come sempre non è  possibile sapere a priori cosa accadrà in futuro. Certo è che il governo greco deve per forza di cose darsi una mossa. Concreta ed efficace, Non occorrono parole, ma fatti. Già solo il fatto che hanno taroccato i dati, già solo per questo, meriterebbero l’esclusione senza appello. Ma come detto in passato, l’uscita della Grecia dall’Euro è tecnicamente improbabile e comunque molto complessa. 

Il governo Papandreu ha presentato il piano di riduzione del disavanzo pubblico. Delusione piena.

Accollo ai manager bancari una tassa del 90% sul bonus, riduzione dei membri dei consigli di amministrazione pubblici.

Stop.

Una vera farsa che non cambia in modo determinante la situazione di un paese col deficit/PIL che va verso al 130% ed un deficit di bilancio che sfiorerà il 13%.

  

Credit default Swap ancora in salita

 cds-grecia-italia-irlanda

A testimoniare la tensione è il solito CDS, alias Credit default Swap, in forte tensione. Qui sopra vedere il grafico sovrapposto del Credit default Swap di:

 

1) Grecia

2) Irlanda

3) Italia

 

Vedete che la Grecia ha staccato in modo deciso l’Irlanda ed ora viaggia verso nuovi massimi periodali.

E questo dato dovrebbe (sulla carta) preoccupare. Ma c’è anche chi invece non si preoccupa affatto e che, anzi, vede la Grecia come un’opportunità.

 

 

Grecia: paura di cosa?

 

L’ufficio di Fixed Income di Schroders vede nella Grecia un’ottima occasione per investire, in quanto , secondo loro, è sbagliato credere che un paese dell’area Euro possa essere dichiarato insolvente solo per un peggioramento dei conti pubblici. A quel punto bisognerebbe vedere insolvente anche la Gran Bretagna e la Spagna.

Questi sono punti di vista, ovviamente, ed è giusto che ci siano view divergenti.

 

Intanto per S&P abbassa il rating

 

E mentre si discute su come vedere la Grecia (rischio o opportunità?) l’agenzia di rating S&P dà un taglio al Rating Greco:

 

 Greece‘s credit rating was cut by Standard & Poor’s and the company threatened to take further action unless Prime Minister George Papandreou tackles the European Union’s largest budget deficit.   The rating was lowered by one level to BBB+ from A-, S&P said in a statement late yesterday. Fitch Ratings on Dec. 8 cut Greek debt to BBB+. Moody’s Investors Service has an A1 rating on Greek government debt, three levels higher than the Fitch and S&P grades.

 

 

 Certo, molto probabilmente tutto tornerà nella normalità, e male che vada ci sarà un’intervento dell’UE a sostegno della Grecia ma anche volto a disciplinare la sistemazione dei conti.

Però è corretto sottolineare il fatto che, al momento, la Grecia resta una questione irrisolta. E per risolvere la questione occorrerà un intervento drastico e doloroso. Con conseguenze sul tessuto sociale greco non indifferenti. Mi sa che siamo solo alll’inizio della questione…

STAY TUNED!

ATTENZIONE: nota importante. Sostieni questo BLOG con una donazione, cliccando sul bottone nella colonna di destra. Così facendo, sosterrai questa iniziativa e permetterai al blog di sopravvivere.

Grafici by Bloomberg. Per ingrandirli basta cliccarci sopra.

Segui il blog con gli RSS feed gratuitamente!

Image Hosted by ImageShack.us

Cercami su facebook come Drim Tiater!

VN:F [1.9.20_1166]
Rating: 0.0/10 (0 votes cast)
Tags: ,   |
Nessun commento Commenta

I commenti sono chiusi.

Sostieni IntermarketAndMore!

ATTENZIONE Sostieni la finanza indipendente di qualità con una donazione. Abbiamo bisogno del tuo aiuto per poter continuare il progetto e ripagare le spese di gestione!

TRANSLATE THIS BLOG !

I sondaggi di I&M

Come vorresti I&M?

View Results

Loading ... Loading ...
View dei mercati

Google+