Gli scenari del collasso: aggiornamento 2020

Scritto il alle 07:39 da Marco Dal Prà

Ci avviciniamo alla catastrofe assoluta? Ormai il vaso sembra colmo e il sistema si sta rendendo conto che non se ne verrà fuori. Cosa dobbiamo aspettarci? [Guest post]

Nel dicembre 2018 abbiamo pubblicato per la prima volta gli scenari che descrivevano come si sarebbe probabilmente evoluta la crisi economica globale. Mentre abbiamo dettagliato i percorsi probabili, abbiamo anche avvertito che erano ancora disponibili i mezzi per rimandare l’inizio della crisi.

E abbiamo avuto ragione: le banche centrali globali e le autorità cinesi sono state molto innovative ed energiche in sforzi senza precedenti per posticipare la crisi.

Nel rapporto del dicembre 2018, abbiamo previsto che l’economia mondiale avrebbe intrapreso una delle tre strade nei prossimi anni: depressione globale, collasso sistemico o socialismo finanziario globale. Siamo attualmente sulla strada che porta al socialismo finanziario globale, ma la domanda rimane: ci finiremo davvero?

Nella nostra Q-Review di settembre , abbiamo aggiornato i nostri scenari; adesso si chiamano: Crash , Reset e Great Inflation . In questo articolo li riassumeremo brevemente.

 

Lo scenario di Crash

Lo scenario Crash prevede un crollo dei mercati finanziari.

Attualmente riteniamo che i punti di origine più probabili del collasso economico globale siano i mercati azionari e creditizi statunitensi ed il settore bancario europeo.

Livelli di valutazione “schiumosi” nel mercato delle obbligazioni spazzatura degli Stati Uniti (vedere la figura) ed il fatto che i rendimenti siano diminuiti nonostante un ritmo record di fallimenti aziendali e di recessione, li rende inclini a un crollo.

Il livello record di fallimenti aziendali significa che è improbabile che la disoccupazione diminuisca in modo significativo e potrebbe persino tornare a una tendenza al rialzo (vedi, ad esempio, questo ). Ciò ridurrà i consumi, il che danneggerà la redditività delle società e porterà a crescenti insolvenze sui prestiti. Ciò a sua volta aumenterà lo stress nel settore bancario. Il credito diminuirà, i consumi diminuiranno ulteriormente portando a ulteriori fallimenti ed il ciclo deflazionistico si ripeterà.

Le perdite derivanti da insolvenze e bancarotte di aziende e famiglie aumenteranno fino a raggiungere un punto in cui si perde la fiducia tra gli investitori over-levered. Quindi un tentativo di esodo di massa da tutti i debiti rischiosi e le attività finanziarie inizierà attraverso uscite che apparentemente dall’oggi al domani diventeranno molto piccole. Gli Algoritmi si ritireranno dal mercato, gli ETF ei fondi di investimento passivi saranno costretti a liquidare meccanicamente, il mercato del CLO cadrà allo sbando e le banche ombra e gli hedge fund inizieranno istantaneamente e in modo aggressivo strategie difensive.

La liquidità evaporerà ed i mercati dei capitali dovranno affrontare un crollo guidato dal panico degli investitori e da una crisi bancaria emergente, che probabilmente proviene dall’Europa, come abbiamo avvertito per oltre un anno (vedi, ad esempio, questo e questo).

 

Il Reset

Dopo il Crash, tutto dipenderà dal sistema bancario. Se crolla, non ci sarà nulla che impedirà all’intero sistema finanziario di crollare, portandoci nello scenario del Reset .

Il Reset comporta un collasso completo del sistema finanziario, o un crollo sistemico , e sarà composto da due parti. Il primo sarebbe il crollo del sistema bancario e il secondo il crollo dei mercati finanziari.

Non molti si rendono conto che a metà ottobre 2008 ci siamo avvicinati molto a un simile scenario. La sfiducia nel settore bancario era così alta che c’era il vero timore che un giorno le banche semplicemente non aprissero le porte. Tuttavia, i massicci pacchetti di salvataggio delle banche concordati dai leader del G-7 in un fine settimana a metà ottobre 2008 hanno salvato la situazione. Un crollo sistemico è stato evitato .

Una crisi bancaria diffonderà sfiducia in tutti i mercati finanziari, oltre a limitare la liquidità, poiché le banche ritireranno linee di credito sia dalle società che dai partecipanti al mercato, portando a margin call diffuse.

Quando il credito si blocca, tutte le posizioni con effetto leva devono essere liquidate in massa , portando prevedibilmente a caotiche vendite a fuoco sui mercati dei capitali e tassi di interesse alle stelle causati da forti tensioni nel settore bancario, quindi la volatilità esplode e le valutazioni del mercato dei capitali collassano.

Ne risulta una cessazione di praticamente tutte attività dei mercati finanziari. Il trading semplicemente si ferma in molte parti dei mercati dei capitali. Poiché le attività diventeranno illiquide, è probabile che uno tsunami di insolvenze da parte di investitori e mutuatari possa travolgere sia il settore commerciale che quello bancario ombra. L’architettura finanziaria globale collassa.

In realtà è piuttosto difficile immaginare una situazione in cui la maggior parte delle attività finanziarie perderà improvvisamente la maggior parte, se non tutto il valore, ma questo è in realtà ciò che implica il reset. Quest è, una ri-denominazione, un reset di praticamente tutte le attività finanziarie.

 

La grande inflazione

Come fanno i governi contemporanei, terrorizzati dalla crisi e dalla prospettiva di instabilità politica, fermare sia il collasso dei mercati finanziari che l’economia reale?

Attraverso una massiccia intrusione nel mercato e socializzazione, naturalmente.

Ciò che sarebbe richiesto è un’azione mai vista prima da una banca centrale. La Federal Reserve e altre banche centrali dovrebbero acquistare non solo titoli di stato (come hanno già fatto nel QE), ma la maggior parte dell’universo delle attività di rischio finanziario, che si stima raggiunga i 400 trilioni di dollari USA. Inoltre, le banche centrali dovrebbero fornire un sostegno fiscale praticamente illimitato ai governi per sostenere o addirittura aumentare le loro attività di consumo e investimento.

In questo scenario, i bilanci delle principali banche centrali si trasformerebbero in veicoli di investimento con confini illimitati. I banchieri centrali deciderebbero quali società – persino paesi ! – possano sopravvivere. Si sarebbero effettivamente metastatizzati nelle Gosbanks* del mondo.

*(la banca centrale dell’ormai defunta Unione Sovietica).

È probabile che l’economia socializzata si comporti in modo molto diverso da quella attuale (parzialmente socializzata). Entreremmo effettivamente in una sorta di fascismo (l’unione del potere aziendale e del governo). Ciò sarebbe naturalmente una distopia economica globale e irriconoscibile.

Con l’infinito denaro stampato dalla banca centrale che si riversa nelle società e nei governi, ed i governi in competizione per evitare valute forti, le aspettative di inflazione aumenterebbero sicuramente e in modo drammatico. In combinazione con alti livelli di fallimenti aziendali, ciò creerebbe una configurazione perfetta per accelerare l’inflazione o persino l’iperinflazione.

Quest’ultimo è chiaramente lo scenario peggiore che possiamo immaginare.

 

Gli scenari e le banche centrali

Gli ultimi 11 anni hanno segnato una lotta disperata da parte delle autorità centrali per mantenere viva la fragile espansione economica. La grande lezione da tutte le ingerenze della banca centrale è che genera “azzardo morale” e zombifica l’economia .

Le banche centrali non sono mai state progettate, e probabilmente non hanno mai inteso imporre tassi permanenti, estremamente bassi o addirittura negativi, o rovinare il meccanismo dei prezzi nei mercati dei capitali.

Ma questo è esattamente ciò che hanno realizzato negli ultimi 25 anni.

Il limitato ed originario scopo della banca centrale era fornire supporto alle istituzioni finanziarie durante i periodi di stress fornendo liquidità a tassi elevati contro buone garanzie per banche altrimenti solvibili . Ma questa purezza di intenti non durò a lungo ed i banchieri della Fed “dirottarono” l’economia all’inizio degli anni ’20, quando la Fed iniziò a sperimentare la manipolazione dei tassi di interesse, le riserve e gli acquisti di obbligazioni.

Cento anni dopo, la Fed è di nuovo la ragione per cui ci troviamo nella situazione attuale.

Mentre alcuni possono considerare il “salvataggio Coronavirus” da parte delle banche centrali e dei governi come un male necessario, esso ha spinto i mercati finanziari e l’economia in uno stato di supporto vitale perpetuo. Provate a immaginare cosa succederebbe se non ci fossero più stimoli fiscali e se la Fed ritirasse il suo supporto eccessivo dai mercati dei capitali?

Se la parola “collasso” non vi viene in mente, dedicate qualche minuto a pensarci un po’ di più!

 

Nell’ignoto

Siamo al bivio.

L’economia non può riprendersi organicamente senza prima subire un grave crollo del credito e una profonda contrazione economica. Gli attuali mercati finanziari sono uno “schema Ponzi” perpetuato dalla liquidità artificiale della banca centrale e dagli insidiosi fenomeni di doppio investimento di “FOMO” e “TINA”.

Il settore bancario europeo non è altro che un fragile zombie, vivo solo grazie alle continue iniezioni finanziarie ed alla tolleranza normativa. E la seconda ondata della pandemia di coronavirus sembra essere in arrivo (vedi il nostro rapporto speciale di maggio).

Esistono solo inquietanti scenari a breve termine. O lasciamo implodere l’economia, o la manteniamo in rianimazione artificiale, un’entità moribonda priva della forza e del vigore per sostenere le nostre società e l’umanità in generale.

Le persone (e gli economisti) non dovrebbero vivere nella paura di un collasso economico, dal quale possiamo riprenderci. Dovrebbero, tuttavia, avere una paura mortale del socialismo e delle nazionalizzazioni, perché imporranno una perdita di libertà, una perdita di sovranità e, alla fine, un rischio reale di totalitarismo. Alla fine una tale costruzione dovrebbe affrontare un crollo catastrofico.

Il sentiero non è scolpito nella pietra. Possiamo ancora scegliere. Ma dobbiamo farlo con saggezza, poiché questo è un momento decisivo. O affrontiamo coraggiosamente ciò che abbiamo creato (un mostro economico), o soccombiamo per percorrere un sentiero che distruggerà gli standard di vita e le libertà che i nostri antenati hanno lavorato così duramente per costruire.

Dobbiamo affrontare la realtà e velocemente: il tempo non è dalla nostra parte.

[Guest Post – Traduzione dell’articolo “The scenarios of the collapse: 2020 update” di Tuomas Malinen* – Università di Helsinki – link ]

*Tuomas Malinen, professore di economia all’università di Helsinki;  è CEO di GnS Economics, dove pubblica le sua analisi su sviluppo economico, cirsi economiche, unioni monetarie e banche centrali – https://gnseconomics.com/  – Twitter @mtmalinen

 

Link Utili

Link articolo originale – “The scenarios of the collapse: 2020 update

Link all’articolo 2018 – Q-Review 4/2018: The path to the Global Depression

 

Gli scenari del collasso: aggiornamento 2020, 8.3 out of 10 based on 13 ratings
3 commenti Commenta
Scritto il 6 Ottobre 2020 at 14:50

Ci tengo a sottolineare che questo GUEST POST non è ovviamente frutto delle menti perverse del sottoscritto ma di un Prof. Finlandese che molto probabilmente ha una mente ancora più perversa della mia!
Cmq un punto di vista catastrofista ma allo stesso tempo interessante perchè è un pò estremo nelle conclusioni, ma su certe logiche e dinamiche è difendibile.

VN:F [1.9.20_1166]
Rating: +5 (from 5 votes)

pistarr
Scritto il 6 Ottobre 2020 at 15:25

Su questo Guest Post mi piacerebbe leggere un commento di Lukas

VN:F [1.9.20_1166]
Rating: +2 (from 2 votes)

Lukas
Scritto il 6 Ottobre 2020 at 19:08

pistarr@finanza,

Vedo che col tempo Ti sei affezionato ai miei commenti……..quanto al resto,che dirti ……l’ennesimo grido d’allarme di quest’ultimo decennio.
Pistarr ormai ne ho letti così tanti di articoli come questo che potrei formarci una vera e propria enciclopedia……….nel frattempo però……come ben sai….i mercati hanno continuato imperterriti a salire.

VN:F [1.9.20_1166]
Rating: +2 (from 8 votes)

Sostieni IntermarketAndMore!

ATTENZIONE Sostieni la finanza indipendente di qualità con una donazione. Abbiamo bisogno del tuo aiuto per poter continuare il progetto e ripagare le spese di gestione!

TRANSLATE THIS BLOG !

I sondaggi di I&M

#11-21: la criptovaluta più performante del 2021 sarà...

View Results

Loading ... Loading ...
View dei mercati

Google+