Fiducia dei consumatori USA: ancora in rialzo

Scritto il alle 16:00 da Danilo DT

Oggi pomeriggio uno dei dati più attesi era quello sulla fiducia dei consumatori. Un dato drammaticamente importante che potrebbe subire anche delle pesanti conseguenze dalle scadenze fiscali di fine anno (Fiscal Cliff).

Dato precedente: 60.6
Dato previsto: 63.20
Dato effettivo: 70.30

Come è possibile? Abbiamo una fase recessiva alle porte negli Usa e la fiducia dei consumatori resta così alta? C’è gente che probabilmente tra qualche mese perderà i cosiddetto “Food Stamps” e la fiducia è così elevata?

Beh, credo che sia abbastanza semplice spiegarne il motivo citando un detto molto noto tra gli operatori di borsa: don’t fight the FED.

Bernanke con il QE3 ha fatto quello che la politica vuole rimandare. Sostiene con lo sputo un’economia che ormai è in preda ad uan crisi di stimoli, rimandando quindi il problema.

Morale: ora la fiducia è vista in aumento, oltre 70 punti. Ma fate ben attenzione: il QE3 alla lunga potrebbe avere evveffti decisamente negativi. E per la cronaca, a farcelo capire è stato lo stesso fautore del qe3: Ben Bernanke.

Fiducia dei consumatori USA

 

STAY TUNED!

DT

Non sai come comportarti coi tuoi investimenti? BUTTA UN OCCHIO QUI | Tutti i diritti riservati © | Grafici e dati elaborati da Intermarket&more su databases professionali e news tratte dalla rete | NB: Attenzione! Leggi il disclaimer (a scanso di equivoci!)

Fiducia dei consumatori USA: ancora in rialzo, 10.0 out of 10 based on 3 ratings
3 commenti Commenta
paolo41
Scritto il 25 Settembre 2012 at 18:31

…e siamo sotto elezioni…

VN:F [1.9.20_1166]
Rating: 0 (from 0 votes)

lampo
Scritto il 25 Settembre 2012 at 22:01

Considerando i livelli precrisi immobiliare USA, 70 non è un dato alto… anzi. Indica che appunto non siamo ancora ai livelli di “normalità” (se così si può chiamare l’eccessiva propensione ai consumi precrisi) che c’era prima del crollo della Lehman Brothers.
Invece il dato è effettivamente alto considerando la situazione macroeconomica odierna.

Quindi considerando la relatività di un dato del genere, rispetto al contesto in cui si vuole confrontarlo, prima di festeggiare, visto anche il periodo elettorale (dove una certa “spinta” alla fuoriuscita di certi dati ci può anche stare), attenderei il prossimo dato.

Se non è in linea con l’attuale, ma di nuovo sui 60… evidentemente il dato odierno era fuorviante nella serie storica.

In quest’ultimo caso… forse a zio Ben… sarà caduto qualche altro capello. 😉

VN:F [1.9.20_1166]
Rating: 0 (from 0 votes)

idleproc
Scritto il 26 Settembre 2012 at 20:36

Basta aver pazienza… Come diceva Calindri nella pubblicità? “nò dura, nò dura miga”.
Non me la sono sentita di commentare il post sulla Siria… è noioso ripetersi ed ormai se non prendo una cantonata “storica”, la strada globale socio-economico-finanziaria in discesa senza freni e con gli autisti imbriachi che si considerano strateghi è presa… Si faranno male. Speriamo di non farci male noi.

VN:F [1.9.20_1166]
Rating: 0 (from 0 votes)

Sostieni IntermarketAndMore!

ATTENZIONE Sostieni la finanza indipendente di qualità con una donazione. Abbiamo bisogno del tuo aiuto per poter continuare il progetto e ripagare le spese di gestione!

TRANSLATE THIS BLOG !

I sondaggi di I&M

TAPERING: quando parte la FOMC con la exit strategy?

View Results

Loading ... Loading ...
View dei mercati

Google+