Il vero indice sulla fiducia dei consumatori

Scritto il alle 10:13 da Danilo DT

I famosi sondaggi fatti dalle fonti governative e filogovernative sono ormai noti a tutti. E non posso negarvi un essere assalito da forti dubbi quando mi ritrovo con i vari indici di fiducia che ultimamente non fanno altro che correre, correre, correre…
Oggi vi presento l’ennesima chicca di IntermarketAndMore.
Ho scovato su Bloomberg un indice “fresco fresco di giornata” che si propone di essere la vera e realistica alternativa allo stato di fiducia del consumatore USA. Ovvero un indice che si propone di diventare il VERO indice di fiducia USA.


Prerogativa base: l’assoluta indipendenza. Un indice “random sample” su mille teste in merito a finanze personali, propensione agli acquisti e su un parere dello stato economico in corso. Insomma, l’economia vista e vissuta da Mr Smith.
Non posso negarvi che questo indicatore mi affascina non poco, vista l’indipendenza e la potenziale utilità.
L’indice BCCI (Bloomberg consumer comfort index) è appena partito ma ha già un database storico di tutto rispetto, tanto che è già possibile trarre delle interessantissime conclusioni.
Bando alle ciance e la parola ai fatti. Ho sovrapposto il BCCI con altri dati molto importanti: Tasso disoccupazione, tasso sottooccupazione, e la percentuale di occupazione sul totale della popolazione.

Tanto per cominciare risulta fortissima (e logica) la correlazione tra Employment/Population Ratio e BCCI. Come è ovvia la de correlazione totale con tasso occupazione e sottooccupazione.
Morale: il BCCI (che esce settimanalmente) sta lateralizzando. Alla faccia dell’euforia che ci stanno propinando. E praticamente… è sceso e non è più salito. Guardate il grafico bianco, e giudicate voi…

Ti è piaciuto questo articolo? Votalo su Wikio!

E CLICCA QUI per poter votare gli ultimi 3 post di I&M! DAI VISIBILITA’ ALL’INFORMAZIONE INDIPENDENTE!

STAY TUNED!

DT

Tutti I diritti riservati ©
Grafici e dati elaborati da Intermarket&more sulla database Bloomberg

NB: Attenzione! Leggi il disclaimer (a scanso di equivoci!)

Sostieni I&M!
Clicca sul bottone ”DONAZIONE” qui sotto o a fianco nella colonna di destra!

Image Hosted by ImageShack.us

Seguici anche su Twitter! CLICCA QUI!

Vuoi provare il Vero Trading professionale? PROVALO GRATIS!

VN:F [1.9.20_1166]
Rating: 10.0/10 (6 votes cast)
Il vero indice sulla fiducia dei consumatori, 10.0 out of 10 based on 6 ratings
15 commenti Commenta
bergasim
Scritto il 18 febbraio 2011 at 10:26

mi dispiace dream ma hai toppato, l’indice non è altro che il proseguimento naturale dell’abc consumer confidence del washington post, che ora ha fatto un accordo con bloomberg, ad ulteriore riprova il fatto che l’indice quoti -46 uguale all’ultima rilevazione dell’abc consumer confidence dell’8 febbraio del 2011.
:lol:

VN:F [1.9.20_1166]
Rating: 0 (from 0 votes)

Scritto il 18 febbraio 2011 at 10:29

Beh, che sia quel che vuole, a me l’hanno venduto come un nuov oindice, ma poco importa. Resta credo evidente il fatto che la fiducia non è certo alle stelle, o sbaglio?

VN:F [1.9.20_1166]
Rating: 0 (from 0 votes)

daino
Scritto il 18 febbraio 2011 at 10:40

Oh Berga, che sei?Un’enciclopedia tascabile?
Tho, meglio così. A proposito: quanto pesi?

VN:F [1.9.20_1166]
Rating: 0 (from 0 votes)

bergasim
Scritto il 18 febbraio 2011 at 10:47

daino,

in che senso

VN:F [1.9.20_1166]
Rating: 0 (from 0 votes)

daino
Scritto il 18 febbraio 2011 at 10:53

bergasim,

mah, così, non ti preoccupare, pensavo alla tua caratteristica di tascabilità

VN:F [1.9.20_1166]
Rating: 0 (from 0 votes)

bergasim
Scritto il 18 febbraio 2011 at 11:06

se hai l’ipad mi puoi scaricare come applicativo

VN:F [1.9.20_1166]
Rating: 0 (from 0 votes)

gits
Scritto il 18 febbraio 2011 at 15:04

esatto DT…. la verità è questa.

ma le “mascelle” sono destinate a chiudersi…. ALLORA, solo allora, quando si avrà una VERA fiducia ad alti livelli, i buoi entreranno in borsa che nel frattempo sarà salita e rimarranno incastrati per l’ennesima volta!

Che nel mezzo del cammin ci sarà ancora un ribasso a due cifre o no, non importa.

Io accumulerò.

ciao DT!!!!

VN:F [1.9.20_1166]
Rating: 0 (from 0 votes)

Scritto il 18 febbraio 2011 at 15:16

ciao a te!

VN:F [1.9.20_1166]
Rating: 0 (from 0 votes)

mattacchiuz
Scritto il 18 febbraio 2011 at 16:45

oggi ho incontrato un amico…

abbiamo scherzato un pò…
1) problama della liquidità delle banche europee… nessuno nemmeno credeva che quei 15 milairdi fossero “veri” ma il frutto di un errore. poi oggi 16 miliardi… MA VA TUTTO BENE, NON FA PAURA
2) egitto algeria marocco bahrein ( ora stanno sparando sulla folla ) tunisia yemen libano iran iraq quasi un potenziale di un miliardo e mezzo di persone ridotte alla fame da dittatori AMICI NOSTRI A CUI COSTUDIAMO I BENI, NELLE NOSTRE BANCHE, che ora cominciano a incazzarsi: NON FA PAURA
3) isreale iran e i battelli da guerra: NON FA PAURA
4) oro e argento parabolici: NON FA PAURA
5) cibo parabolico: NON FA PUARA ( secondo bernanke lui non centra… )
6) shok petrolifero causa inflazione NON FA PUARA
7) stress test, scenari con disoccupazione all’11%: NON FA PAURA
8) ministri delle finanze che minacciano di tutto senza sapere esattamente cosa fare NON FA PAURA
9) mario draghi alla BCE: NON FA PAURA

10) NEVICA: NOOOOOOOOOOOOOOOOOOO è la fineeeeeeeee è la fine della ripresa la nevvve noooooo!! :mrgreen: :mrgreen: :mrgreen:

VN:F [1.9.20_1166]
Rating: 0 (from 0 votes)

lampo
Scritto il 18 febbraio 2011 at 17:22

mattacchiuz,

E’ inutile… preoccuparsi, scoraggiarsi ed essere pessimisti.
Tanto sono sempre loro che decidono.. per noi, come più o meno è sempre stato a livello storico.

L’unico potere che ci è rimasto… è quello di fare il consumatore attento: scegliere bene quando si compra qualcosa ed informarsi, per quanto si può, chi lo produce, le politiche etiche del lavoro, ecc.!
Tutto il resto… purtroppo, è solo fuffa.

D’altronde arrendersi non serve niente: aggraverebbe la situazione attorno a noi, dei nostri cari e quindi anche la nostra.

Per cui possiamo solo continuare a partecipare al gioco della vita, con i nostri obiettivi (ideali, raggiungibili o fasulli che siano) e goderci, assaporandoli lentamente, quei pochi momenti di felicità che capitano e che appagano la nostra anima e sensibilità, facendoci stare meglio.
Magari dedicare un po’ di tempo alla cultura e all’arte… può anche aiutare.

Pensi che questa gente… responsabile della crisi (che abbia il tempo di pensare e di rendersene conto o meno), sia felice? Credo che siano più condannati di noi… specie quando si guardano allo specchio ogni mattina per lavarsi il viso o farsi la barba… e poi indossare la maschera adatta al resto della giornata.

VN:F [1.9.20_1166]
Rating: 0 (from 0 votes)

mattacchiuz
Scritto il 18 febbraio 2011 at 17:23

quale notizia migliore di questa per rompere a rialzo il massimo di ieri:
EGYPT APPROVES PASSING OF TWO IRANIAN WARSHIPS THROUGH SUEZ CANAL – SECURITY SOURCE

dai… è tutto uno scherzo… a meno che uno non stia shortando l’argento…

VN:F [1.9.20_1166]
Rating: 0 (from 0 votes)

Scritto il 18 febbraio 2011 at 17:46

bergasim: mi dispiace dream ma hai toppato, l’indice non è altro che il proseguimento naturaledell’abc consumer confidence del washington post, che ora ha fatto un accordo con bloomberg, ad ulteriore riprova il fatto che l’indice quoti -46 uguale all’ultima rilevazione dell’abc consumer confidence dell’8 febbraio del 2011.   

MI ero dimenticato di risponderti. Quanto dici è correttissimo, complimenti. C’è un però. Tu saprai sicuramente come funziona l’indice ABC. Lo teneva il WaPo e ora lo terrà Bloomberg. Perchè abbia una valenza ha bisogno di un requisito fondamentale: l’indipendenza. Ora, secondo te, come indipendenza, meglio WaPo o Bloomberg?

VN:F [1.9.20_1166]
Rating: 0 (from 0 votes)

Scritto il 18 febbraio 2011 at 18:12

:mrgreen:

VN:F [1.9.20_1166]
Rating: 0 (from 0 votes)

paolo41
Scritto il 18 febbraio 2011 at 18:35

mattacchiuz,

… l’avevo supposto ieri: con tutto il casino che c’è in giro chi se la sentiva di bloccare il passaggio… stai tranquillo che, prima di dare l’autorizzazione, c’è stato uno stretto conciliabolo fra alleati e hanno preferito questa soluzione come il male minore (almeno per il momento). Ora il carbone ardente l’ha in mano l’Iran, perchè sono lì tutti pronti ad aspettare che sbagli la prossima mossa… e allora son dolori….

VN:F [1.9.20_1166]
Rating: 0 (from 0 votes)

Sostieni IntermarketAndMore!

ATTENZIONE Sostieni la finanza indipendente di qualità con una donazione. Abbiamo bisogno del tuo aiuto per poter continuare il progetto e ripagare le spese di gestione!

TRANSLATE THIS BLOG !

I sondaggi di I&M

VEDO PREVEDO STRAVEDO tra 10 anni!

View Results

Loading ... Loading ...
View dei mercati

Google+